Un augurio dalla Spagna per un Buon 2012…

Foto "sevilla's night" by -Dreamflow- - flickr
Foto "sevilla's night" by -Dreamflow- - flickr

Prima di aprire questo blog e di fare il podista, dedicavo una discreta parte del mio tempo libero allo studio delle lingue e al collezionismo di pins. L’unione di questi due hobbies mi ha portato a conoscere diversi amici in tutto il mondo. Uno di questi, Jorge Antonio,  mi ha inviato da Sevilla un bel messaggio di Auguri per l’Anno Nuovo che vorrei condividere con tutti voi…

BUON 2012 A TUTTI !!!

Sonríe. Si las cosas vienen mal, sonríe. Si la tormenta aprieta, sonríe. Si no me encuentras, sonríe y apareceré. La amistad es un tesoro que resiste a cualquier prima de riesgo y que los amigos nunca recortan. No olvides para 2012 que el truco es convivir y respetar ideas diferentes a las tuyas. No seamos hooligans de la razón y enriquécete de las opiniones de los demás. La solidaridad entre nosotros hará magia en un tiempo que han querido recortar nuestros hechizos. Imagina, comparte, crea, vive y sobre todo sonríe, recuerda que es nuestra contraseña. Yo estaré ahí, devolviéndote la sonrisa y levantando por ti mi copa.

Por un 2012 juntos.

SALUD!!!!

messaggio ricevuto via Facebook da Jorge Antonio – Sevilla – España

p.s. Se nel prossimo anno noterete una diminuzione di post nel blog… almeno sapete a quali altri passatempi mi sto dedicando…

Annunci

Informazioni e relazioni… quasi un augurio per l’anno nuovo!

Foto "bxl // chaîne humaine contre la pauvreté" by  cncd - flickr.com
Foto "bxl // chaîne humaine contre la pauvreté" by cncd - flickr.com

Premessa.

Il fatto che sto per raccontarvi è successo un paio settimane  fa ma prima di scriverlo vorrei fare una piccola premessa a cui tengo moltissimo. Quello che leggerete non l’ho scritto ne’ per farmi bello e neppure per vantarmi, ma semplicemente per testimoniare che condividendo informazioni e facendo rete con tante persone, si possono risolvere, anche in pochi minuti,  problemi che a prima vista sembrano insormontabili…

Se la crisi l’affrontiamo tutti insieme, dandoci una mano a vicenda, forse potremo uscirne tutti meno doloranti, più saggi e più solidali. Che questo fatto vero sia un augurio per un 2012 migliore dell’anno che sta per finire…

Il fatto.

Lo ammetto:  sono curioso e sono anche un gran lettore. Leggo tutto quello che mi capita sottomano: libri, giornali, riviste di qualsiasi tipo e perfino volantini e depliant, tranne quelli meramente pubblicitari. Parto dal presupposto che non si sa mai che da qualche parte ci sia qualche informazione che possa tornarci utile in futuro…

Quando entro e esco dal lavoro, nel nostro atrio abbiamo un espositore di depliant e volantini dove viene lasciato di tutto: dalla sagra della salsiccia, alle mostre d’arte, da iniziative di beneficenza a corsi di lingue, programmi dei teatri e così via… Io i volantini li prendo quasi tutti e me li porto a casa dove li leggo con calma… Qualcuno, palesemente inutile, magari lo butto via dopo aver letto solo due righe.

L’altro giorno vengo attratto da un volantino giallo con delle belle foto e scopro leggendolo che la sezione fiorentina dell’Ail (Associazione Italiana Contro le  Leucemie)  ha inaugurato a Careggi una casa di Accoglienza gratuita per le persone che vengono a Firenze a curarsi e per i loro familiari… (qui la notizia). Tra l’altro nelle foto si vedono delle belle stanzette nuove, ordinate e accoglienti.

Una volta letto il volantino lo appoggio da una parte nel mio studio e me ne dimentico. Un paio di giorni dopo, nella mailing list dei gas fiorentini leggo un appello disperato che arriva attraverso un passaparola… Una signora siciliana, operata di tumore, deve venire a Firenze a fare 45 giorni di chemioterapia e sta cercando un posto dove essere ospitata col marito e con due figlie piccole. Purtroppo il marito è disoccupato e le condizioni economiche della famiglia non consentono loro di alloggiare a pagamento ne’ in alberghi ne’ in pensioni. La persona che lancia l’appello è un fiorentino che ha conosciuto questa famiglia in ospedale, proprio a Careggi, dove la signora siciliana era ricoverata nella stessa stanza di una sua parente…

Mi torna in mente il volantino dell’Ail che ancora non avevo buttato via…  Lo recupero e scrivo alla persona di Firenze che aveva lanciato l’SOS passando tutti i numeri di telefono e le e-mail che c’erano sul depliant….  Chissà se fosse potrà tornare utile? Dopo un paio di giorni mi arriva una mail di ringraziamento: l’Ail a Gennaio accoglierà e ospiterà la famiglia siciliana per il periodo di chemioterapia della signora…

Ecco che, quasi per caso,  grazie ad un volantino e allo scambio di alcune e-mail,  alcune persone e una associazione che non si conoscevano e che  forse non si conosceranno mai, hanno risolto un problema che a prima vista sembrava insormontabile.

Gli auguri che faccio a tutti per il prossimo anno sono quelli della condivisione e della capacità di fare rete! Condivisione gratuita delle proprie esperienze, conoscenze e  informazioni unita alla capacità di fare rete e costruire relazioni in modo che possiamo  aiutarci a tutti insieme  a superare la crisi!

Buon Natale 2011!

Foto "Black Baby Jesus" by Peter Blapps - flickr
Foto "Black Baby Jesus" by Peter Blapps - flickr

Se oggi nascesse Gesù Bambino, nascerebbe un’altra volta ultimo fra gli ultimi…

… nascerebbe dopo un lungo viaggio per sfuggire alla carestia, fatto a piedi  o su un barcone della speranza.

… nascerebbe in una tenda di quelle che  raccolgono i profughi che fuggono dalla fame o dalla guerra o in una di quelle prigioni nostrane che vanno sotto il nome di Centro di Identificazione ed Espulsione oppure in una delle roulotte sporche e  sgangherate che, nelle nostre periferie, cerchiamo di nascondere dietro i cartelloni pubblicitari 6 metri per 3.

… nascerebbe di nuovo bisognoso: di un pugno di riso per sfamare i suoi genitori, di una coperta o anche solo di un cartone per coprirsi, ma soprattutto bisognoso di rispetto e di calore umano.

… nascerebbe indifeso, preda degli Erode dei nostri giorni: sfruttatori del lavoro minorile, pedofili, mercanti di armi, seminatori di mine anti-uomo, fanatici razzisti.

… nascerebbe indio, di colore, rom o di una qualche etnia fra quelle più disgraziate: in questo caso potrebbe anche rinascere palestinese, magari in un luogo infernale come Gaza.

Ma soprattutto, se nascesse oggi, noi saremmo sicuri di riconoscerlo come a suo tempo fecero i  pastori?

Buon Natale a tutti!

Marco

Il più bel regalo di Natale… (lo stesso, splendido regalo, tutti gli anni dal 2006 ad oggi).

Quest’anno il regalo di Natale che a casa mia troverà posto sotto l’albero sarà un iper-mega-super tv a Led da piazzare in sala, al posto del vecchio Panasonic che, dopo 21 anni di onorata carriera, ha deciso di tirare le cuoia… Insomma un auto-regalo obiettivamente molto gradito a tutta la famiglia ma, da un certo punto di vista, anche “imposto” dagli eventi.

Però, ad esser sinceri a casa mia, ormai dal lontano 2006, il regalo di Natale che più di tutti ci scalda il cuore e che aspettiamo sempre con maggiore trepidazione è sempre lo stesso: la letterina con gli auguri e le foto che ci arriva dall’India, dalla bimba che abbiamo adottato a distanza e che nel tempo è diventata una bravissima ragazza. Come ho scritto in altri post si tratta di una dei tre figli di una famiglia di pescatori del Kerala che vive sulla costa  e che frequenta una scuola nell’isoletta di Vypin. Da quando, grazie al Movimento Shalom, abbiamo fatto questa adozione a distanza ed abbiamo conosciuto la scuola e la comunità in cui vive Angel, la nostra vita è cambiata e sinceramente abbiamo ricevuto molto di più di quello che noi abbiamo dato a lei: abbiamo ricevuto tanto affetto, simpatia e amicizia da tante persone! Ci si apre  il cuore vedere le foto con i  sorrisi di Angel, sapere che lei sta bene e che a scuola ha ottimi voti. Ma lo sapete che in India, nelle scuole corrispondenti alle nostre medie, devono fare dure sessioni di esame tutti gli anni? (come un esame di terza media tutti gli anni e in più sessioni)…

Se vi manca questa bellissima esperienza, fate un’adozione a distanza, anche se siamo in tempi di crisi… Con un’inezia (nel caso di Shalom 0,55€ al giorno) farete felice un bimbo, lo aiuterete a nutrirsi, a vestirsi, a frequentare la  scuola e ad essere curato ma soprattutto vi farete nuovi amici e stabilirete un impagabile legame d’affetto e di amore con una famiglia, una scuola, una comunità…

Nella mia famiglia oltre ad Angel in India, mia suocera ha un’altra adozione a distanza (Laurentine in Burkina Faso) e anche lei è emozionatissima quando riceve le letterine i disegni e le foto della sua “piccina”. Ecco, se avete in famiglia un nonno/a, invece di regalargli le solite pantofole… regalategli un nuovo  nipotino/a che vive nel Sud del Mondo.

La nostra Angel, nella prima foto che abbiamo ricevuto e in una di oggi…

Due articoli su Runforlife.

E’ da quasi un paio di mesi che devo pubblicare sul blog questi due articoli dedicati a Runforlife. All’inizio non li ho pubblicati perchè prima di metterli su internet volevo inviarli a Max, il fondatore di Runforlife, in modo da non sciupargli la sorpresa, poi fra una cosa e l’altra mi sono dimenticato… Oggi colmo la lacuna e li posto entrambi… Se cliccate sulle foto vi si aprono in una versione più grande, così potete leggere agevolmente, senza rovinarvi la vista….

Articolo pubblicato sul numero di Novembre  2011  di

“PODISMO E ATLETICA LA RIVISTA DEI RUNNERS”

Si ringrazia il nostro amico Cristiano per aver messo a disposizione il suo fisico prestante per la  foto di corredo all’articolo!

********

Pagina pubblicata all’interno della BROCHURE UFFICIALE DELLA MEZZAMARATONA DI SIGNA, gara tenutasi il 2/10/2011 a Signa (Fi)

Qui invece va ringraziato Adriano per la foto della sua canottiera!

Natale solidale: col Movimento Shalom… a Natale regala un SorRISO!

Banner "Regala un sorRISO"dal sito del Movimento Shalom
Banner "Regala un sorRISO" dal sito del Movimento Shalom

Il Natale 2011 del Movimento Shalom ha il sapore del riso e del miglio ed è a favore del Progetto del Granaio della Solidarietà. Negli scorsi mesi il Movimento Shalom, in collaborazione con Unicoop Firenze, Fondazione il cuore si scioglie e CFT, ha costruito in Burkina Faso un granaio dove stoccare 100 tonnellate di riso e miglio a favore delle popolazioni più povere della capitale Ouagadougou. Nei mesi di carestia, quando le speculazioni fanno schizzare verso l’alto i prezzi dei cereali, molte persone non possono acquistare il cibo quotidiano. In questi periodi dell’anno il Granaio della Solidarietà venderà i cereali ad prezzo equo e stabile in modo da calmierare i prezzi in tutta la città. (maggiori info qui).

Natale solidale
Natale solidale

In questo momento c’è da riempire il Granaio e quindi il Movimento Shalom ha lanciato l’iniziativa “A Natale regala un SorRISO” che potete vedere in questa pagina… Con soli 10€ si acquistano 15 kg di riso, con 15€  se ne comprano 25 kg e con 30€ 50 kg. Al momento dell’acquisto potete “regalare” la donazione ad un vostro amico o parente che riceverà una cartolina che certifica la donazione del riso con i vostri dati ed una dedica o un augurio!

Un’affascinante cinquantenne…

Oggi, al contrario delle altre volte, faccio un post più frivolo che definirei  quasi musical-gossipparo e che necessita di una piccola premessa. Da un paio di anni mia figlia studia canto e da alcune settimane è diventata la frontwoman di un gruppo che fa cover di brani degli anni ’80… di conseguenza mi sono ritrovato ad ascoltare e ricercare i gruppi della mia giovinezza per vedere chi è ancora in attività e che cosa fa…

Sono saltato sulla sedia quando ho visto gli attuali video live di una cantante che all’epoca mi piaceva particolarmente per la sua voce potentissima… Quella che tanti anni fa era una ragazzona in carne, oggi, madre di tre figli, è diventata un’affascinante cinquantenne che trovo molto bella e che ha mantenuto una voce meravigliosa…  Non saprei dire se il merito di tanto dimagrimento è  di una dieta, dello sport,  della chirurgia plastica o di un mix dei tre, ma  il risultato è  stato veramente notevole…  e la voce è rimasta favolosa…  Ascoltate e ammirate da soli… Alison Moyet!

E se amate la musica degli anni ’80 indovinate chi è il musicista  che suona il basso nell’ultimo pezzo…