Pagine bianche.

Mi piace scrivere. Mi piace soprattutto scrivere sulla carta con la penna. Scrivo qualsiasi cosa: dai banali elenchi delle cose da fare, alla lista della spesa, fino ad appunti vari raccolti qua e là. Da informatico dovrei avere più dimestichezza con i programmi e le app, ma proprio non mi ci ritrovo. In ufficio la mia “to do list” è cartacea, bella scarabocchiata e in vista sulla scrivania: spesso scritta su fogli e foglietti di recupero. E anche a casa la situazione è simile. Per gli appunti da prendere al volo basta una qualsiasi pagina bianca: spesso il retro dei volantini delle corse podistiche o delle pubblicità, etc… Insomma, riciclo a gogo… anche col rischio di presentarsi al banco della gastronomia con la lista della spesa scritta sul retro dell’estratto conto della banca…

Quando poi devo memorizzare qualcosa  (in questo periodo le lezioni di teoria del corso di istruttore di daoyin), devo assolutamente scrivere a mano:  studiare, fare riassunti e mettere su carta. Sarà che io sono tardo, ma per fissare le idee in quei due neuroni che mi sono rimasti, devo prima fissarle su un quaderno: a righe o a quadretti non importa, basta che sia cartaceo. Insomma, digitare su Libreoffice o WordPress non aiuta il mio cervello… magari forse come ripasso o come copia finale da conservare, ma solo dopo essere passato dalla carta.

Se fino a qualche mese fa mi andava bene qualsiasi quaderno, anche recuperato da vecchi residuati di quando mia figlia faceva le elementari, da un po’ di tempo mi sono convertito alla carta di lusso… Nella primavera del 2015  mi arrivò una busta da TV5, emittente francofona che seguo sia via satellite che su web. Scoprii di aver vinto un concorso e come premio ricevetti la mia prima Moleskine. Proprio in quei giorni la mia amica Cri organizzava alcune conferenze su naturopatia e dietetica e così ne approfittai per inaugurarla, prendendo appunti a quelle serate…

Fu un colpo di fulmine! Da allora ho sempre con me una Moleskine che uso per prendere tutti quegli appunti che devo conservare e che condivide lo spazio nel mio zainetto con una pennetta USB piena di Gb di materiali audio e video, che per forza di cose non possono stare nella Moleskine. In alcune settimane non scrivo proprio niente, in altre qualche riga, a volte paginate come se piovesse… Sarà la carta, sarà la maneggevolezza, sarà la copertina, ma scrivere sulla Moleskine è un vero piacere, come lo è sfogliarla e rileggerla. Sono io il primo a stupirmi di questo fatto: a volte mi sento troppo fighetto e allora cerco di riempire tutti gli spazi… perchè lasciare un rigo vuoto sulla Moleskine è un peccato! E’ come avere davanti il proprio piatto preferito, cucinato alla perfezione, non finirlo  e non fare la scarpetta…

A casa mia hanno notato la cosa e così fra i regali di Natale mi è arrivata una bellissima agenda Moleskine 2017 dei Peanuts che è stata apprezzatissima ma che mi ha già mandato in crisi… Siamo solo al 4 di Gennaio e ho già lasciato indietro delle pagine bianche che chiedono di essere riempite, magari con qualcosa di più intelligente degli orari delle riunioni in ufficio….. Aiuto!

◊◊◊◊◊◊◊◊◊◊◊◊◊

P.s. Scusandomi del ritardo, auguro un Buon Anno a tutti!!!!

La mia Moleskine 2017 - Foto tratta dal sito ufficiale della Moleskine

La mia Moleskine 2017 – Foto tratta dal sito ufficiale della Moleskine

Buon Natale a tutti!

Foto

Foto ” Buon Natale!” by Paolo Trabattoni – flickr

Buon Natale a tutti gli amici del blog e alle loro famiglie!

Mi scuso per non essere passato a farvi gli auguri su tutti i vostri blog ma, oltre ai consueti impegni pre-natalizi,  è da Giovedì che sto lottando con l’influenza! Praticamente ho fatto di  tutto per resistere e non passare a letto almeno il giorno di Natale. Giuro che ho attinto a tutti i possibili rimedi naturali inventati dall’antico Egitto fino ad oggi (oltre a un paio di aspirine)! Spero di passare nei vostri blog nei prossimi giorni… nel frattempo tanti cari auguri a tutti!

Grazie a Caduta fuori dal tempo per il Christmas Tag!

Ringrazio “Caduta fuori dal tempo” per avermi nominato nel Christmas Tag! ideato da Il mondo di Shioren.

Le regole del tag sono molto semplici e sono le seguenti:

1- Rispondere alla domanda “Quali sono le 3 cose che non possono mancare nel tuo Natale?
2- Citare, taggare e ringraziare l’ideatore del tag (cioè Il mondo di Shioren – Tante Grazie e Buone Feste!)
3- Citare, taggare e ringraziare chi vi ha taggati (nel mio caso Caduta fuori dal tempo – Grazie mille! E Buon Natale!)
4- Taggare a vostra volta almeno 15 blogger

RISPOSTE

  1. Tutti i preparativi, in particolare l’allestimento dell’albero (rigorosamente vero), del presepe, della corona dell’Avvento e delle varie luminarie. Tutta la famiglia è coinvolta: io sono il presepista e l’addetto alle luci, mia moglie l’alberista e l’addetta alle decorazioni ….mentre la figlia, che quando era piccola aiutava, adesso fa il direttore dei lavori… più o meno con lo stesso impegno e la stessa utilità dei pensionati davanti ai cantieri edili!
  2. La giornata di Natale col pranzo con i parenti. Sempre uguale, anno dopo anno e sempre con lo stesso menù, perchè guai a provare qualcosa di etnico o vegetariano! Si rischia la scomunica dal tortellino sul brodo di cappone! Però per una volta all’anno è bello anche essere tradizionalisti, ascoltare sempre i soliti discorsi dei soliti parenti e nonostante ciò scoprire di volersi ancora bene… e ringraziando il Cielo,  di esserci ancora tutti!
  3. La sera, quando tutti sono andati via, stravaccarsi esausti sul divano con mia moglie, guardare un bel film e dirsi: «Ovvia su… e anche questo Natale è andato!», nella speranza di potersi riposare… Speranza mal riposta perchè incombono Capodanno e la Befana…

Logicamente ci sarebbero decine di altre cose: la Messa di Notte, “Una poltrona per due” su Italia Uno tutti gli anni, il panforte, i regali da scartare fingendo la sorpresa che tanto quel regalo lo aspettavi da mesi… ma la regola è 3 cose e perciò tutto il resto ve lo rimando al prossimo anno…

Ecco adesso l’elenco dei fortunati 15 che sotto l’albero trovano anche la nomination a questo tag… Decidete voi se è arrivata perchè siete stati buoni oppure per il contrario. In ogni caso nessuno è obbligato a proseguirla… E’ solo un gioco!!!! E non è necessario rispondere entro Natale… va bene anche a Pasqua.

Un altro oggetto misterioso.

Ribloggo questo articolo dall’altro mio blog… penso che possa interessare anche i lettori di queste pagine…. Grazie

lascimmiabianca

Foto "La mia Neti lota" by lascimmiabiaca.wordpress.com Foto “La mia Neti lota” by lascimmiabiaca.wordpress.com

Oggi vi presento un altro oggetto misterioso. La prima volta che l’ho fatta vedere a casa mi è stato detto che poteva essere una lampada di Aladino oppure una piccola teiera (ma giusto da mezza tazza di the…). In realtà è un oggetto usato nella medicina ayurvedica che si chiama neti lota (neti pot in inglese) e serve per la pratica dello jala neti, ovvero per il lavaggio delle cavità nasali.

In pratica si riempie la lota di acqua tiepida (più o meno alla temperatura del corpo umano) nella quale si è sciolto del sale marino integrale. Le indicazioni sono di un cucchiaino raso di sale ogni 500 ml, per cui per una lota come quella nella foto si usa mezzo cucchiaino scarso. Il sale integrale può essere marino oppure anche di miniera (tipo sale rosa dell’Himalaya) con l’avvertenza di…

View original post 342 altre parole

Safety Pins… for Safety people.

Foto

Foto “Put a Pin In It” by Mike Licht – flickr

C’è un piccolo oggetto, semplice e umile che in queste settimane sta diventando un simbolo di solidarietà verso le minoranze. E’ la spilla da balia che in inglese si chiama “Safety pin” ovvero “Spilla di sicurezza“. La prima volta è stata adottata dagli inglesi dopo il referendum che ha sancito la Brexit, per indicare alle minoranze che quando incontrano delle persone che indossano la spilla  possono sentirsi sicure, insomma… che si possono fidare. Questa forma silenziosa di solidarietà e allo stesso tempo di protesta, è stata ripresa negli Stati Uniti dopo la vittoria di Trump e grazie ai social network,  si sta diffondendo in tutto il mondo.

Indossare una spilla di sicurezza sui propri abiti è un biglietto da visita per indicare che siamo gentili, affidabili e disponibili al dialogo verso tutte le persone di qualsiasi minoranza: immigrati, persone di colore, di altre religioni, disabili, gay, donne in difficoltà, etc… Per queste persone è un piccolo gesto di vicinanza e sostegno mentre a noi serve per ricordarci che siamo tutti esseri umani e che dobbiamo aiutarci l’un l’altro. Logicamente, nel caso in cui ci fosse richiesto un aiuto, dobbiamo dimostrare con i fatti che la spilla non è lì per caso e nemmeno per moda.

Lebron James, sportivo dell'anno 2016 con una safety pin. - Foto tratta da internet.

Lebron James, sportivo dell’anno 2016 con una safety pin. – Foto tratta da internet.

AGGIORNAMENTO DEL 15/12/2016
Viste le discussioni nate tra i commenti aggiungo questa foto. Forse spiega meglio il senso dell’iniziativa di come potrei fare io a parole…

Foto "In a time when racism, bigotry, and hate crimes are on the rise; when millions of our fellow Americans are living in fear • Wearing a safety pin is a subtle way to indicate that you are a "safe place". It is a promise to stand up for and in solidarity wit" by Charlie DeLacey - Flickr

Foto “In a time when racism, bigotry, and hate crimes are on the rise; when millions of our fellow Americans are living in fear • Wearing a safety pin is a subtle way to indicate that you are a “safe place”. It is a promise to stand up for and in solidarity wit” by Charlie DeLacey – Flickr

Una guerra da 66.000 morti l’anno…

Quante sono 66.000 persone? Sono gli abitanti di una città intera: come Potenza o Viterbo o Carrara. Ora immaginate una guerra che ogni anno rade al suolo e uccide tutta una città italiana, come dire: 2013 sparita Viterbo, 2014 sparita Imola, 2015 Cosenza, 2016 Castellammare di Stabbia e così via. Immaginate ora che la stessa guerra non sia solo italiana ma europea  e ogni anno venga rasa al suolo un’intera città come Dresda o Tolosa o Anversa o Lione: puff… oltre 470.000 vittime europee uccise ogni anno.

Questa guerra e questi morti esistono veramente e nelle settimane scorse sono stati certificati in modo drammatico dall’Agenzia europea dell’ambiente (Aea). Sono tutte le vittime premature dell’inquinamento atmosferico che, in 41 paesi europei, ogni anno uccide quasi mezzo milione di persone. E’ un problema che non percepiamo come tale, per due motivi principali:

  1. Non pensiamo mai a quante volte respiriamo. Leggevo che un adulto ogni volta che respira immette nei polmoni una quantità di aria che varia dai 300 ai 500 ml. Tenuto conto che facciamo dai 16 ai 20 respiri al minuto viene fuori che respiriamo dai 7.000 ai 14.000 litri di aria ogni giorno. In confronto a quanto respiriamo, gli sforzi per mangiare biologico o a km zero sembrano quasi sciocchezze.
  2. Queste notizie spesso non sono riportate dai tg e dalla stampa oppure sono minimizzate, relegate in trafiletti o servizi molto brevi. Il motivo è semplice: guardate gli spot che passano in tv all’ora di cena o le pagine di pubblicità sui giornali. La stragrande maggioranza sono di auto o di produttori di energia elettrica, benzina e simili. Purtroppo viviamo in un mondo in cui tutta l’economia e i relativi profitti girano su fattori altamente inquinanti: da tutto il trasporto su gomma all’Ilva di Taranto, dai pesticidi e diserbanti in agricoltura fino agli oggetti più insignificanti (di cui potremo anche fare a meno) che arrivano sulle nostre bancarelle dalla Cina o dall’India.

Purtroppo vanno cambiati i nostri modi di muoverci e consumare perchè se non ci salviamo da soli non ci salverà nessuno. Dobbiamo ricordarci che quando schiacciamo l’acceleratore siamo dei cecchini che sparano tumori e allo stesso tempo siamo le vittime quando ce li respiriamo. Sforziamoci qualche volta di andare a piedi o almeno di coltivare qualche piantina che purifichi l’ambiente…

Per approfondire:

Foto

Foto “Early morning mist/smog in Canary Wharf (London)” by Mattbuck – Wikimedia Commons

Grazie fratelli e concittadini italiani!

Lascio le analisi sul risultato del referendum ai giornaloni e ai “soliti” commentatori televisivi. Quest’armata Brancaleone di Renzi e di tutti coloro che sono saliti sul suo carro, non si meritano nemmeno la pressione delle dita sulla tastiera del computer. Dita che invece schiacciano per dire e dirci grazie a vicenda per una giornata di resistenza che ha salvato la Costituzione e la democrazia! Grazie fratelli e concittadini italiani!

Ogni altro commento è superfluo… oggi si deve festeggiare! E allora musica!!!

 

…E da domani si ripartirà a lottare per lasciare un mondo migliore ai nostri figli!