# I posti che… TAG

i-luoghi-che-tag

Ringrazio sia Aspirante Runner  che The fitty bee per avermi nominato nel “I posti che…Tag” ideato da Neogrigio. Mi piace molto viaggiare e lo faccio appena posso anche se sono limitato dal fatto che mia moglie ha il terrore dell’aereo e quindi mi muovo spesso in auto e/o treno.

Le regole sono:

  • Ringraziare il blogger che vi ha nominato: quindi grazie Aspirante Runner  e The fitty bee !!!
  • Rispondere alle domande.
  • Nominare 10 blog amici, soprattutto chi ama viaggiare, e avvisarli sulla loro bacheca, o comunque sincerarsi che abbiano ricevuto la nomination.
  • Aggiungere tra i TAG “I posti che TAG”
  • Inoltrare le vostre risposte al creatore del TAG (Neogrigio), nominandolo come undicesimo o inoltrandoglielo per altra via.

Ecco le dieci domande a cui rispondere.

È importante specificare che per posto non si intende esclusivamente una città, è infatti possibile anche menzionare un monumento, una piazza, una vista, qualsiasi cosa che abbia suscitato un’emozione, e se si è indecisi anche più soggetti per risposta.

Le domande sono:

Il posto …

1 … che porti nel cuore

Sarebbe scontato dire le zone dove sono nato (Mugello) e dove vivo (Firenze). Allora opto per la Valle del But in Carnia. Ci sono andato per la prima volta nel 1995 quando mia figlia aveva un anno e mezzo e ci siamo tornati per dieci anni di fila… in pratica è stata la montagna delle vacanze d’infanzia di mia figlia. Dopo ci siamo tornati più raramente: tutte quelle volte in cui volevamo una vacanza in montagna in santa pace, fuori dai luoghi più turistici e affollati…

2 … più divertente

Mi piacciono le rievocazioni storiche, le visite teatrali e multimediali, quelle che in Francia chiamano “Son et lumière”. Quelli che mi vengono in mente sul momento:  tutte le rievocazioni medievali e i festival di artisti di strada, il Summer Jamboree di Senigallia, i percorsi segreti di Palazzo Vecchio con gli attori che intepretano il Vasari e altri personaggi, le Domus Romane di Palazzo Valentini a Roma. E poi Disneyland Paris e gli altri parchi…

3 … più commovente

Difficile perchè alcuni luoghi potrebbero rientrare contemporaneamente sia tra i commoventi che i romantici o i sorprendenti. Tra quelli naturalistici la Ciudad encantada di Cuenca, il tramonto sul Massiccio di Montserrat, i Pirenei Aragonesi, il panorama dal castello di Les Baux-de-Provence. Per altri significati la Risiera di San Sabba a Trieste (purtroppo non sono ancora stato ad Auschwitz), la vista della Sindone (fosse anche un falso, rimane suggestiva) e perfino la grotta di Lourdes, nonostante tutta  la vergognosa paccottiglia che ci gira intorno…

4 … più deludente

Škofja Loka. E’ una cittadina a nord di Lubiana che le guide consigliano per le sue case e per le sue architetture. Sarà che noi ci siamo andati una domenica d’estate ma abbiamo trovato il deserto e… altri turisti spersi come noi che, con la guida in mano, cercavano dov’erano queste tanto decantate bellezze. A parte il castello/museo (comunque grazioso e interessante) la cosa più divertente fu vedere la gente che faceva il bagno nel fiume. Se la nostra guida spendeva due pagine per  Škofja Loka ci chiedemmo come sarebbero state le altre località a cui era dedicata solo mezza pagina.  Nonostante questo la Slovenia è una delle nazioni che ci piacciono di più e Lubiana è fantastica.

5 … più sorprendente

Qui l’elenco si fa lungo e comprende un sacco di luoghi: dalla spada nella roccia di San Galgano al convento di San Juan de la Peña, dall’orologio astronomico comunista di Olomuc alla gita  in barca sul fiume sotterraneo nelle grotte di Labouiche, dal Parco geominerario delle Biancane ai Castelli catari e alle Bastides nei Pirenei francesi E poi… il castello di Predjama, la chiesa Blu di Bratislava, le cicogne sui tetti di Salamanca, tutte le architetture di Antoni Gaudì, il panorama dell’Adriatico dall’alto del Gran Sasso, il lago Königssee e tutti i luoghi panoramici dove arrivi dopo una bella scarpinata in montagna…

Come avete capito mi sorprendo facile…

6 … più gustoso

Mi piace da matti la cucina spagnola per l’arditezza degli abbinamenti. Ricordo che in viaggio di nozze, nel Parador di Aiguablava ordinai una zarzuela (zuppa di pesce simile al cacciucco): tra lo stupore degli altri clienti mi arrivò un cameriere con un carrello e una megapadella, solo per me, che sarebbe avanzata a 6 persone. Mi vergognai un po’ …ma spolverai tutto! E poi Vienna per le torte: tutte quante, senza distinzione!

Dal lato opposto ricordo un trekking in Carnia con Fabiana, una guida escursionistica, che ci faceva mangiare cose assurde che raccoglieva sotto i nostri occhi nel bosco. Ci fece mangiare le più strane bacche, foglie e radici. …Tutto sommato erano buone e sono ancora qui a raccontarlo!

7 … che ti ha lasciato un ricordo particolare

Ostrava e Bratislava dove mia figlia partecipò nel 2009 rispettivamente ai Campionati mondiali ed europei di ballo. Fu una bellissima esperienza e anche le città furono carine da vedere, perfino Ostrava che i cechi stessi considerano come una delle città più brutte della loro nazione.

8 … più romantico

Dato che Parigi, Venezia, Firenze e Roma possono sembrare scontate, come luoghi romantici scelgo il Lago di Bled e Barcellona. E perchè no… anche dormire in viaggio di nozze in un castello arabo/visigoto del 1.100 ha un suo fascino (per la cronaca era il Parador de Sigüenza).

9 … che vorresti rivedere

Vorrei rivedere tutti i luoghi in cui sono stato… in alcuni ho lasciato alcune cose da vedere, per mancanza di tempo ma anche per avere la scusa di tornarci. Un luogo dove vorrei tornare è Londra.

10 … dove ti piacerebbe andare

I luoghi dove mi piacerebbe andare sono tanti: in Europa l’Irlanda, la Polonia e la Grecia. Nel resto del mondo l’India, la Cina, il Canada, solo se qualcuno convincesse mia moglie a salire sull’aereo…

Nomino i 10 blog. Se vi fa piacere continuate il Tag altrimenti siete liberi di ignorarlo. Il post vale come notifica così non vi importuno con e-mail e messaggi…

#TAG l’auto che vorrei.

Foto "Village 2CV à Tours" by Claude37 - flickr

Foto “Village 2CV à Tours” by Claude37 – flickr

Ringrazio Aspiranterunner per avermi nominato in questo tag.

Uso pochissimo la macchina e quelle poche volte farei volentieri a meno… In città vado a piedi, in bicicletta e con i mezzi pubblici… Le uniche volte in cui uso l’auto sono:

  • Una volta a settimana per fare la spesa, ma giuro che riesco a caricare le borse della spesa anche in bici (lo facevo quando andavo al Gruppo d’Acquisto Solidale)
  • Alcune volte per andare alle corse podistiche quando, per distanze e tempi, non posso andare in bici o con i mezzi (la domenica mattina alle 7.00 non sempre ci sono i mezzi pubblici per spostarsi nei vari paesi della provincia di Firenze).
  • Per andare in ferie. Io andrei volentieri in aereo ma la moglie ha il terrore di volare e non sempre i treni sono comodi come l’auto.

Le regole del tag sono le seguenti:
1- Citare il blog che lo ha ideato che è Opinionista per caso 2
2- Ringraziare il blog che vi ha taggato
3- Rispondere a 10 domande e se volete potete illustrare foto di automobili
4- Avvisare con un commento il blog che avete taggato
5- Nominare da un minimo di 5 al massimo di  dieci blog.

Domande.

1 – A che età sei diventato proprietario/a di una auto ?

Penso di aver avuto circa 20-21 anni. Prima guidavo la Fiat 126 di famiglia.

2- Hai mai ricevuto in regalo un automobile?

A circa venti anni ho ricevuto in regalo una Uno Bianca, comprata da un dipendente Fiat di seconda mano. Avrei voluto tanto una Citroen 2 cavalli ma mio babbo mi disse: «…o questa o a piedi»

3- Ti è capitato di dormire in automobile oppure fare anche l’amore ?

Entrambi. Fare l’amore nel 126 era proprio da contorsionisti, nella Uno andava meglio. Il periodo in cui facevamo l’amore in macchina era quello del mostro di Firenze e avevamo una paura bestia (una mia cara amica purtroppo fu una delle vittime). Allora ci organizzavamo in parcheggi e strade di periferia: tipo un parcheggio con una ventina o trentina di auto dove tutti dentro facevano l’amore… La mattina dopo il piazzale era un prato di preservativi!!! Fortunatamente, vista la grave situazione, la gente e le istituzioni erano comprensivi…

4- Quale è stata la destinazione più lontana che hai fatto in auto ?

Madrid, poi Ostrava (Rep. Ceca), Bratislava, i Pirenei…

5- Di che modello era oppure è  la tua prima auto ?

La prima guidata una Fiat 126, la prima posseduta una Fiat Uno.

6- Qual è la tua radio preferita che ascolti quando sei alla guida ?

Quando sono con mia moglie lei mi fa ascoltare Radio Dimensione Suono. Le poche volte che sono da solo ascolto Controradio (network di Radio Popolare) oppure dei cd o, come ultima spiaggia, Radio 2.

7- Puoi dirci di quale casa automobilistica è l’auto dei tuoi sogni ?

Non ho auto dei sogni. L’auto per me non è uno status symbol ma solo un mezzo da usare quando non posso proprio farne a meno. Spero presto di non averne una a mio nome… e magari  di fare l’abbonamento al car sharing.

8- Quando vuoi acquistare o cambiare l’auto per te è più importante il prezzo , il colore o la marca ?

Il prezzo, la sicurezza e la possibilità di avere un motore ecologico (adesso abbiamo un’auto a metano).

9- Hai più  paura di metterti alla guida quando nevica e c’è il maltempo oppure quando c’è tanto traffico e sei in coda ?

Il traffico cittadino lo odio, mi piace invece girare per strade secondarie ammirando il paesaggio: con la macchina preferisco andare una volta l’anno in ferie, piuttosto che girare in città tutti i giorni… Insomma meglio una bella tirata fino al Polo Nord piuttosto che i viali di Firenze tutti i dì!

10- Ti è mai capitato di trovarsi in strada con una gomma bucata oppure un altro imprevisto ? Se la risposta è si ci racconti come hai fatto a risolvere questo imprevisto.

E’ successo circa 20 anni fa quando ci si ruppe la cinghia di trasmissione e si fuse tutto il motore della Clio… Ci successe in Svizzera e restammo, per forza di cose, confinati in una pensioncina in un paesino a Nord di Lugano per una settimana, in attesa che ci rifacessero tutto il motore. Alla fine spendemmo il doppio di quanto avremmo speso se il guasto fosse avvenuto in Italia. Ma la beffa fu un’altra: quando si fuse la macchina stavamo andando a Wilderswil, nello Jungfrau, per un fine settimana vinto ad un concorso a premi dell’Ente del Turismo Svizzero… Soggiorno che andò perso definitivamente…

Foto "2CV Charleston" by Gintaras Rumšas - Flickr

Foto “2CV Charleston” by Gintaras Rumšas – Flickr

A questo punto dovrei nominare 5 o 10 blog per continuare il Tag ma, visto che come avete capito non mi entusiasmano molto le auto e che siamo anche nella settimana del referendum sulle trivelle petrolifere, preferisco non nominare nessuno e concludere con la frase dell’ex sindaco di Bogotà che fino a qualche settimana fa campeggiava nella prima pagina del blog “Dove gira il sole” di Cristiana.

Un paese è sviluppato non quando i poveri posseggono automobili ma quando i ricchi usano mezzi pubblici e biciclette.

Gustavo Petro Urrego, sindaco di Bogotà dal 2012 al 2015.

p.s. la scelta dell’auto col ritratto di Coluche non è casuale.

Grazie a Dora e Rebecca per il Tag perchè è nato il blog.

tagContinuo nella rincorsa per mettermi in pari con i tag ricevuti negli ultimi mesi. Ringrazio quindi Dora e Rebecca che in questi due post (qui Dora, qui Rebecca) mi hanno nominato per questo tag…

Regole:

  • Nominare l’ideatrice del Tag Carla
  • Ringraziare chi nomina ed utilizzare il logo
  • Nominare 15 blog (non se stessi o chi vi ha nominati, lasciando spazio agli altri) ed avvertirli.
  • Scrivere un post per mostrare il premio.
  • Raccontare, brevemente, com’è nato il proprio blog e dare dei consigli a chi si cimenta da poco.

Nomine:

  1. Lamine sovrapposte.
  2. Windows Live Space di Tiziana
  3. Passo in India
  4. Ines’ blog
  5. Nel giardino segreto
  6. Dolce e salto senza glutine
  7. Tuttolandia
  8. Marisa Cossu
  9. Amore Platonico
  10. Giusymar
  11. Lucia 250
  12. Libero di fare il futuro
  13. Pigra aspirante Runner
  14. Toxnetlab’s blog
  15. Dove gira il sole.

Come per tutti gli altri premi non vorrei disturbare nessuno con le notifiche… Visto che siamo tutti follower a vicenda  il post stesso vale come notifica.

Perchè è nato il blog…

Il blog è nato ad Aprile del 2008 dopo un periodo tra i più sconvolgenti della mia vita familiare… In pochi mesi un improvviso fatto tragico, che ci aveva totalmente presi alla sprovvista, si è risolto positivamente …molto più di quanto immaginavamo! Una straordinaria e fortunata coincidenza di eventi che a raccontarla ancor oggi, per chi crede assomiglia molto ad un miracolo, mentre per gli altri è semplicemente una “gran botta di culo…” (magari qualche volta la racconterò in dettaglio ma non in un tag).

Al termine di questo periodo molto travagliato mi sentivo in dovere di usare il mio tempo libero per ricambiare quanto di bello avevo ricevuto. La prima idea era quella di fare del volontariato ma purtroppo le sedi delle associazioni a cui ero (e sono ancora) legato, Emergency e il Movimento Shalom, erano lontane da casa mia… Così mi venne l’idea di creare un blog per promuovere e  fare un po’ di solidarietà dalla scrivania di casa…

A molti anni di distanza non sono sicuro di esser riuscito nello scopo originario… magari da allora il blog ha preso tutta un’altra strada, ma sono contento che sia ancora qui.

Consiglio per i nuovi blogger…

Siamo pieni di tv, giornali e siti web che scrivono bugie per soldi o per secondi fini, quindi l’unico consiglio che posso dare ai blogger è uno solo: SIATE VOI STESSI. Se sarete voi stessi e sarete sinceri, i lettori se ne accorgeranno e vi seguiranno! Non andate a caccia di followers… quelli arriveranno col tempo e se siete sinceri, state sicuri che non andranno più via!

Grazie a Lamine sovrapposte e a Dora per il premio Dardos.

premiodardosConcludo le nomine ricevute ultimamente, ringraziando i rispettivi blogger,  per il Premio Dardos che ho ricevuto da Lamine sovrapposte e da Almeno Tu

Questo Premio  venne assegnato per la prima volta nel 2008 dallo scrittore spagnolo Alberto Zambade a 15 blog da lui selezionati. Da allora questo premio si sta diffondendo in tutto il mondo e rappresenta un riconoscimento ad ogni blogger per il suo impegno a trasmettere valori culturali, etici, letterari e personali.

Regole:

  • mostrare l’immagine del premio
  • ringraziare chi ti ha nominato
  • nominare 15 bloggers
  • avvisarli tramite messaggio

Blogger:

  1. Pupazzovi
  2. Territori del ‘900
  3. Enrico Garrou
  4. Con i libri in paradiso
  5. My life di Rebecca
  6. Desideri by Marcella
  7. Accanto al camino
  8. Giomag59
  9. Mosto selvatico
  10. Saldi mentali
  11. La dimora del pensiero di Carla
  12. Fotogrammi e Pentagrammi
  13. Mi piacerebbe aprire un blog
  14. Libera…mente
  15. Patrizia photo

Come per tutti gli altri premi non vorrei disturbare nessuno con le notifiche… Il post stesso vale come notifica… Grazie a tutti!

Grazie ad Andrea del Blog “Viaggio in direzione ostinata e contraria” per il Dragon’s Loyalty Award e per il Fm Tech Award.

Questo post giunge molto tardivo e un po’ triste in quanto il blog che lo scorso Novembre mi ha dato questi due premi nel frattempo è stato chiuso. Il blog si chiamava Viaggio in direzione ostinata e contraria ed era tenuto da Andrea. E’ stato un bel blog che mi ha fatto ricredere su Genova: una città che ho visitato più volte ma che in realtà non mi ha mai entusiasmato. Raccontata da Andrea, che a Genova ci vive, mi è sembrata molto più bella e umana di quel groviglio di viadotti autostradali con le case intorno che appare al turista occasionale che di solito arriva per visitare l’Acquario e il porto…

Andrea, se mi leggi e se ti va… per favore riapri il blog!

dragons-loyalty-awardThe Dragon’s Loyalty Award.

Il primo premio è il The Dragon’s Loyalty Award che Andrea mi ha lasciato fra i commenti all’interno di un post di un altro blog (qui il link). Se Andrea non me l’avesse a suo tempo comunicato per mail non lo avrei mai trovato…

Veniamo ai compiti del premio…

  1. Sono il padre orgoglioso di una ragazza di 22 anni (solo che a lei dovrei dirglielo più spesso) e il marito di una santa donna che mi sopporta da un bel po’ di anni…
  2. Da giovane sono stato un musicista amatoriale che ha avuto l’occasione di suonare con alcuni grandi della musica. Sono contento, dopo aver smesso del tutto, di aver passato questa passione alla figlia…
  3. Se potessi, mi piacerebbe andare a vivere in un paesetto di campagna… Possibilmente tra i Pirenei e il Mediterraneo, a metà strada tra mare e montagna…
  4. Per forza di cose non posso essere goloso: se mangio un po’ di più del necessario va tutto in grasso e per motivi di salute, non posso permettermelo… Però ogni tanto … stravizio!
  5. Prima o poi devo decidermi a fare seriamente del decluttering: ho iniziato, ma vado così a rilento che finiranno di farlo i miei pronipoti… Decluttering si, ma senza buttare niente nel cassonetto: regalare o riciclare tutto perchè l’ambiente va rispettato! E in ogni caso salverei tutta la mia collezione di pins… frutto di 25 anni di raccolte e scambi con un sacco di amici sparsi per il mondo….
  6. Come sapete cammino, corro e faccio daoyin e taijiquan. Mi piacerebbe diventare insegnante di Daoyin ma per ora mi accontento di migliorare un po’ per volta… E dopo aver corso tanto mi piacerebbe andare piano e magari …fare il cammino di Santiago.
  7. Odio le ingiustizie, soprattutto quelle economiche per cui ci sono persone e multinazionali ricchissime che privano milioni di esseri umani del minimo per vivere. Mi piacerebbe un mondo con più fratellanza e meno finanza…
  • Nominare 15 blog a cui dare il premio:
  1. Lamine sovrapposte
  2. Windows Live Space di Tiziana
  3. Cronache rosa
  4. Nel giardino Segreto di Silvia
  5. Giusymar di Giusy
  6. Almeno tu di Dora
  7. Suprasaturalanx di Gabericci
  8. Fotogrammi e Pentagrammi di Piero
  9. Pigra … aspirante runner
  10. Opinionista per caso 2 di Violeta
  11. Chi ha paura di Virginia Wolf?
  12. Ilperdilibri di Gianni.
  13. Ravanello rosa di Nonnatuttua
  14. La disoccupazione ingegna.
  15. Ginnastica naturale

Fmtech Award Very Nice Blog

fmtechavnbQuesto premio l’ho ricevuto direttamente sul blog di Andrea. Il link, che avevo salvato nella bozza del post, sarebbe questo ma essendo stato chiuso il blog non è più raggiungibile…

Per correttezza e gratitudine continuo comunque il premio che consiste, oltre al consueto logo e ai consueti ringraziamenti, nel nominare 10 blog che ci piacciono particolarmente dandone le motivazioni. Questi a loro volta potranno continuare la catena oppure no. Dal momento che ho già ricevuto questo premio da Dora metto altri 10 blog diversi da quelli a cui ho già girato  precedentemente il premio.

  1. Accanto al camino: Finalmente è tornato! Dopo averlo cancellato e averci lasciati tristi… la mitica Libera è tornata col suo bellissimo blog di ricette, con tante storie intorno! E’ cambiato l’indirizzo ma rimane la passione e la simpatia!
  2. Patrizia Mezzogori Photography: per le sue bellissime fotografie… soprattutto quelle degli animali!
  3. Libera…mente di Paolo Popof: per i racconti e le foto delle sue escursioni e soprattutto per i suoi post sull’attualità, sempre interessanti  e mai banali che spesso sono un bello stimolo alla riflessione.
  4. Aida Millecento: l’Italia vista dalla Calabria… con la colonna sonora e lo spirito di Rino Gaetano…
  5. Giomag59: Si può parlare di temi anche difficili con ironia e leggerezza? Si può sorridere dell’attualità con garbo ed educazione? Un blog da cui apprendere come scrivere bene e sorridere alla vita….
  6. Passo in India. Un bellissimo blog che racconta l’India, i suoi abitanti, le sue culture le sue religioni.
  7. Pinocchio non c’è più: per i suoi bellissimi racconti dalla costa labronica…
  8. My life di Rebecca Antolini: un bel blog che seguo da anni del quale mi piace l’attenzione ai nativi americani.
  9. Ammennicoli di pensiero: un blog seriamente divertente… oppure divertentemente serio. In ogni caso da leggere, anche nella sua appendice sui “discutibili”
  10. Praticare qi gong: tanti articoli sul qigong e medicina tradizionale cinese…

Come nei casi precedenti il post vale anche come notifica… non vorrei importunarvi tutti con messaggi o e-mail, magari non graditi. E se non volete  continuare l’award va benissimo lo stesso…

p.s. Ci tengo a ribardirlo che, almeno per me, questi tag non sono classifiche o premi, ma semplicemente un passaparola grazioso per segnalare dei blog che meritano di essere letti. E, visto che siete in tantissimi, chi non ho segnalato oggi verrà segnalato in futuro…

Saluti a tutti!

Vi devo un post di scuse!

Foto " My sorry face" by Jan Truter - Flickr

Foto ” My sorry face” by Jan Truter – Flickr

Prima di continuare con i prossimi articoli mi sento in dovere di fare un post di scuse perchè ho la sensazione che ultimamente il blog non mantenga per niente quello che promette… Quindi:

  • Mi scuso con Andrea, Dora, Rebecca per non aver continuato i tag award che mi avevano assegnato nel 2015.  Non ho dimenticato gli award, ho intenzione di continuarli, ma in effetti mi vergogno di questo ritardo di oltre due mesi. Triple scuse con Andrea che nel frattempo ha chiuso il suo bel blog… Mi prendo un briciolo di colpa per questa sua chiusura.
  • Mi scuso con quei lettori che, anche in questo caso dallo scorso Novembre, si aspettano i nuovi post su come ho sconfitto l’ipertensione senza farmaci… Giuro che arriveranno.
  • Mi scuso di non riuscire a contraccambiare tutte le vostre visite e i vostri commenti. Siete davvero in tanti e non ce la faccio a leggervi tutti i giorni… Per questo a volte sono assente per settimane e poi faccio delle scorpacciate dei vostri blog, leggendo e commentando mesi interi di post con estremo ritardo.
  • Mi scuso perchè ho un sacco di bozze incomplete che stanno prendendo la muffa e che invece per qualcuno potrebbero essere interessanti…
  • Mi scuso con Gaberricci al quale, da tempo dovrei spedire un manuale che giace inutilizzato nella mia libreria: mandami in privato il tuo indirizzo …
  • Infine mi scuso per queste scuse lamentose, che non sono le prime e temo che non saranno nemmeno le ultime. Purtroppo anche nel blog tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare e a volte mi sembra di essere su un guscio di noce in balia delle correnti…
  • Lo so che il blog è un passatempo e nessuno mi obbliga a scrivere\leggere tutto con puntualità, ma il vostro affetto di amici meriterebbe un maggiore rispetto da parte mia e di ciò un po’ me ne vergogno…

Analisi del 2015

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog.

Ecco un estratto:

Il Museo del Louvre riceve 8,5 milioni di visitatori ogni anno. Questo blog è stato visto circa 140.000 volte nel 2015. Se fosse un’esposizione al Louvre, ci vorrebbero circa 6 giorni perché lo vedessero altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

p.s. E’ solo un gioco… vi do appuntamento nei prossimi giorni per qualcosa di più interessante… (spero)