Una frase di Rudolf Steiner.

Foto

Foto “Rudolf Steiner circa 1905” by Stefano Lubiana – flickr

Una vita sociale sana si trova soltanto quando nello specchio di ogni anima la comunità intera trova il suo riflesso, e quando nella comunità intera le virtù di ognuno vivono.

Rudolf Steiner (1861-1925) filosofo e pedagogista austriaco. Fondatore dell’antroposofia e ispiratore dell’agricoltura biodinamica.

Una frase di Elvan Uysal

girls talk

foto "girls talk" by "whitecat singapore" - flickr

Non sopporto le parole accettare e tollerare, presuppongono che chi accetta e tollera sia migliore di chi è tollerato e accettato, contengono un giudizio. Noi siamo storicamente abituati a vivere nella moltitudine, non si tratta di tollerare né accettare, ma solo di rispettare e di avere la consapevolezza di costituire parti diverse della stessa società.

Elvan Uysal, giornalista e scrittrice turca (da un’intervista de “Il fatto quotidiano” del 19.12.2009)

Medioevo Futuro…

foto Ring-Wraiths by San Diego Shooter - flickr

foto "Ring-Wraiths" by San Diego Shooter - flickr

Nella newsletter del sito di Beppe Grillo di Mercoledì 21 Ottobre è stata  pubblicata una lettera scritta da una persona che si firma N.S. e della quale non è dato sapere altro. Leggetela anche voi… Fantascienza da film oppure uno sguardo inquietante su quello che ci dovremo attendere per il futuro nostro e per quello dei nostri figli?

UNO SGUARDO AL FUTURO di N. S.

Caro Beppe, come ben sai nel giro di pochi anni il nostro pianeta e l’intero sistema umano verranno stravolti da cambiamenti naturali e sociali, avremo: un ambiente naturale “ostile”, una moltitudine di persone divenute “profughi” e una cerchia di persone legate al potere ed all’economia che si imporrà con la violenza e l’ignoranza. Tutte le lotte politico-sociali che combattiamo forse potranno cambiare una parte del mondo, ma dobbiamo essere pronti al peggio; i problemi più gravi sono: la riduzione del fabbisogno energetico mondiale, la riduzione delle risorse di cibo e acqua, la diminuzione delle aree in cui si potrà vivere. (E stiamo escludendo il probabile cambiamento dell’attività solare e le relative conseguenze.)
Le città saranno gli elementi più fragili, essendo totalmente dipendenti (per il loro funzionamento e per il sostentamento dei cittadini) dall’attuale sistema (energetico, politico, di grande distribuzione, ecc.); le aree rurali sempre più inquinate e cementificate non saranno sufficienti per sostenere l’intera popolazione.
Se già oggi assistiamo alla guerra dei poveri, in un futuro potremo assistere a qualcosa di molto peggio.
La mia piccola opinione e che Loro vogliono sterminarci (riducendo l’intera popolazione mondiale e meno di un miliardo), intenzionalmente ci stanno riportando ad una specie di medioevo (da schiavi moderni .. a schiavi) ; ma questa forse è un’altra lettera.
Per ora quello che mi sento di dire che possiamo fare è: diventare vegetariani, andare in bici, vivere di poco e quel poco di autocrearlo (energia, cibo, ecc.), di vivere fuori dalle città e.. di aiutare il tuo prossimo, poiché bisogna cooperare non competere.
Grazie per la tua attenzione.

Pubblicato sulla Newsletter del sito di Beppe Grillo di Mercoledì 21 Ottobre 2009