Un applauso a tutte le librerie che non vendono il libro di Schettino.

.Foto "Cristiana Ricci, titolare insieme al padre della 'Libreria Marradi'" tratta dal sito de Il Tirreno.

Foto “Cristiana Ricci, titolare insieme al padre della ‘Libreria Marradi’” tratta dal sito de Il Tirreno.

In uno degli ormai consueti tristi giorni in cui la politica (anche quella “nuova” e “rottamatrice”) continua a dare il peggio di sé col salvataggio di Antonio Azzollini (qui un articolo) vorrei dedicare un post ad una bella notizia di alcune settimane fa… perchè, grazie a Dio, esiste anche un’altra Italia!

La notizia ha il volto solare e pulito di Cristiana Ricci, una giovane venticinquenne,  titolare col padre della “Libreria Marradi” di Livorno che ha deciso di non vendere il libro di Francesco Schettino per rispetto alle 32 vittime della strage della Concordia. Questo è quello che ha detto al quotidiano “Il Tirreno”

“La libraia anti Schettino non vende il libro del comandante: ‘Rispetto per le vittime della Concordia’ ” di Giulia Mancini tratto da “Il Tirreno”

[…]“Abbiamo semplicemente messo un cartello in vetrina, non un modo per farci pubblicità, semplicemente per informare la clientela che se cercano il libro di Schettino devono rivolgersi altrove –spiega Cristiana- noi non ci vogliamo rendere complici della giustificazione di un uomo che ha causato la morte di trentadue persone, di trentadue famiglie distrutte dal dolore, per un inchino, per una manovra azzardata”. […]

“C’è chi ha detto che è stato inutile mettere fuori un cartello dal momento che comunque nessuno avrebbe comprato il libro –racconta Cristiana Ricci- ma in realtà non è così, intorno a queste tragedie spesso nasce una curiosità morbosa, pensiamo a tutti coloro che si sono fatti le foto davanti alla nave affondata, di chi sostiene Schettino durante le presentazioni e chiede autografi, oppure anche a chi semplicemente è curioso di sapere ciò che dice, in fondo sono 19 euro, ecco noi diciamo no ad un guadagno fondato sulla morbosità nei confronti di una tragedia”.

[…] “Noi crediamo che i libri siano cibo per l’anima, essendo un’attività commerciale facciamo i conti anche con i trend del momento, ma per quanto riguarda il libro di Schettino preferiamo non avere nessun incasso”[…]

tratto dall’articolo “La libraia anti Schettino non vende il libro del comandante: ‘Rispetto per le vittime della Concordia’ ” di Giulia Mancini pubblicato su “Il Tirreno” del 4 Luglio 2015.

La notizia è stata così virale che, da allora, decine di piccole librerie indipendenti hanno seguito l’esempio di Cristiana e hanno rifiutato il libro di Schettino. Qui un elenco (molto incompleto) delle librerie che non vendono il libro. Oltre a non comprare il libro di Schettino l’invito è quello, se possibile, di frequentare e sostenere queste piccole e coraggiose librerie!

  • “Libreria Pagina 18” di Saronno e “Libreria Boragno” di Busto Arsizio (fonte varesenews.it)
  • “Loa Libri” di Loano e “Libreria Centofiori” di Finale Ligure (fonte IVG.it)
  • “Libreria Ferrata” di Brescia (fonte Bresciatoday.it)
  • “Caffè letterario di Via Garibaldi” e “Libreria Sapere” a Rieti (da Rietilife.it)
Annunci

Un paese civile si riconosce anche da queste piccole cose…

Foto "17/365" by DorteF - flickr

Foto “17/365” by DorteF – flickr

Nelle settimane scorse abbiamo discusso su vari blog dell’opportunità di tenere aperti i negozi la domenica e nelle giornate di festa, soprattutto nelle località turistiche. Non voglio tornare sull’argomento ma colgo l’occasione per farvi conoscere un’usanza che ho trovato in Austria.

La Domenica in Austria tutti i negozi sono chiusi, sia che vi troviate nei paesini di montagna sia che vi troviate nel centro storico di Vienna: uniche eccezioni qualche bar, qualche ristorante e qualche museo (ma non tutti). Sono chiuse perfino le edicole e quello che vedete nella foto è il modo per comprare il giornale la Domenica mattina: ai semafori, ai pali della luce e ai cartelli stradali sono appese delle buste con i quotidiani e un mini salvadanaio con un lucchetto dove mettere le monete per pagare il giornale. Si mette il soldino  e si prende la propria copia: l’anno scorso l’ho fatto anch’io quando ero a Vienna in occasione del concerto di Lady Gaga…

Immaginatevi una cosa del genere in Italia… qualcuno si porterebbe via tutti i giornali senza pagare, oppure sbarberebbe il salvadanaio e magari romperebbe anche il palo pur di arraffare quella decina di euro che ogni scatolina contiene. Qualcun altro lo farebbe solamente per danneggiare un quotidiano che ha una linea politica diversa dal proprio pensiero.

Secondo me, queste buste appese ai cartelli stradali, sono un segno di civiltà e di rispetto che purtroppo noi italiani non possiamo permetterci. Ogni palo esprime il rispetto del lavoro e del riposo altrui, la fiducia nel prossimo e indica che almeno la Domenica non è fatta per produrre e consumare senza sosta.

E tutto sommato, anche per i turisti, la Domenica austriaca diventa piacevolmente diversa: passeggiare con i negozi chiusi e le vetrine spente diventa l’occasione per concentrarsi sulle architetture, sui monumenti a cielo aperto e sulle persone del luogo. A volte si colgono dei dettagli che, attirati dal luccichio delle vetrine, magari ci sarebbero sfuggiti… E se poi un museo dovesse essere chiuso, rimane sempre qualche parco o qualche panchina dove sedersi e, con lentezza, ammirare un paesaggio nuovo e tutta la vita che scorre intorno…

Lavanda dei piedi.

Non ho ancora scritto niente sul nuovo papa Francesco. Ne hanno scritto così in tanti che ho avuto paura di dire cose già ripetute o non particolarmente interessanti. Eppure il gesto di ieri della Messa con la lavanda dei piedi nel carcere minorile di Casal di Marmo mi ha colpito profondamente. Un prete vero, davvero piegato in terra, in ginocchioni, che lava i piedi a 12 persone vere. Ragazzi con i jeans, le scarpe da ginnastica, i tatuaggi, tutti seduti su normalissime sedie: 12 persone con la pelle di colore differente, provenienti da paesi vicini e lontani, di religioni diverse (cattolici, ortodossi e musulmani) e perfino due donne, di cui una musulmana. Persone che mi immagino abbiano alle spalle delle storie drammatiche, scelte come simbolo di tutta l’umanità… E poi un’omelia fatta a braccio, semplice e breve ma allo stesso tempo incisiva. Visto che non è molto lunga ve la metto tutta.

Questo è commovente. Gesù che lava i piedi ai suoi discepoli. Pietro non capiva nulla e rifiutava, ma Gesù gli ha spiegato. Gesù, Dio ha fatto questo. E lui spesso spiega ai discepoli: “Capite quello che ho fatto per voi? Voi mi chiamate Maestro e Signore e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come ho fatto io”.
E’ l’esempio del Signore. Lui è più importante e lava i piedi perché tra noi quello che è più in alto deve essere al servizio degli altri. E questo è un simbolo, un segno. Lavare i piedi è: “Io sono al tuo servizio”. E anche noi, tra noi, non è che dobbiamo lavarci i piedi tutti i giorni l’uno all’altro. Ma cosa significa questo? Che dobbiamo aiutarci. L’uno con l’altro. Certe volte sono un po’ arrabbiato con qualcuno. Lascia perdere. E se ti chiede un favore, faglielo.
Aiutarci gli uni con gli altri. Questo è ciò che Gesù ci insegna e questo è ciò che io faccio. E lo faccio di cuore perché è mio dovere. Come prete e come vescovo devo essere al servizio vostro. Ma è un dovere che mi viene dal cuore e lo amo, amo farlo perché il Signore così me l’ha insegnato. E anche voi aiutatevi sempre uno con l’altro e così aiutandoci, ci faremo del bene. Adesso faremo questa cerimonia di lavarci i piedi e ciascuno di noi pensi: “Io davvero sono disposto a servire e aiutare l’altro?”. Pensi solo questo e pensi che questo segno è una carezza di Gesù che fa, perché Gesù è venuto proprio per questo, per servire, per aiutarci.
Foto tratta dal sito di

Foto tratta dal sito di “Rainews24”

Foto tratta dal sito di

Foto tratta dal sito di “Rainews24”

Giusto per ricordarlo, fino allo scorso anno, la lavanda dei piedi del papa era questa… Non aggiungo altro: solo che dobbiamo ringraziare tantissimo lo Spirito Santo….

Foto tratta dal sito internet  de

Foto tratta dal sito internet de “La Stampa”

Foto tratta dal sito di

Foto tratta dal sito di “Roma Locale”

Italiani e Ciprioti… chi sono i più pecoroni?

Foto

Foto “cipro” by daw_news – flickr

Ieri, sul sito del “Il fatto quotidianoFabio Scacciavillani ha pubblicato un interessantissimo articolo intitolato “Cipro si ribella, l’Italia si rassegna” confrontando la situazione delle famiglie italiane e con quella delle famiglie cipriote. La cosa che rende impressionante questo articolo è il fatto che offre un punto di vista diverso da quello degli altri media e che, dati alla mano, dimostra come in Italia abbiamo già avuto un prelievo forzoso come quello che la UE voleva imporre a Cipro e  soprattutto che noi italiani l’abbiamo sopportato senza nemmeno un briciolo di ribellione: così, pecoronamente rassegnati… In pratica, il prelievo forzoso che la UE voleva imporre a Cipro noi l’abbiamo già pagato e si chiama IMU

Con una serie di dati (che potete leggere nell’articolo) Scacciavillani ha dimostrato che, ad esempio, una famiglia milanese che ha una prima casa di proprietà e una seconda casa (magari ereditata o comprata col mutuo) ha pagato di Imu più o meno quanto avrebbe pagato una famiglia cipriota con un conto corrente bancario di 50.000€, se fosse stato approvato il prelievo forzoso del 6,75% che inizialmente la Unione Europea voleva applicare ai ciprioti.  La morale, che si impara alla fine della lettura dell’articolo, è che fra Italia e Cipro ci sono delle discrete differenze… e tutte a favore dei ciprioti…

  • A Cipro gli abitanti si sono incazzati e quindi l’Unione Europea ha dovuto fare marcia indietro, tanto che la famiglia con 50.000€ sul conto corrente non pagherà niente: infatti il prelievo verrà fatto su cifre superiori ai 100.000€. Invece la famiglia milanese ha pagato tutta la sua Imu, rimanendo zitta e buona…
  • A Cipro il prelievo sarebbe stato “una tantum”, per cui la famiglia cipriota avrebbe pagato una volta soltanto, nel 2013. L’Imu invece è una tassa annuale e di conseguenza la famiglia milanese pagherà, non una volta sola, ma tutti gli anni: da qui all’eternità…
  • Per il futuro, mentre a Cipro si guarderanno bene dal proporre nuovi prelievi, in Italia governo e comuni stanno già pensando di aumentare le rendite catastali e le aliquote IMU, per cui negli anni a venire è probabile che l’IMU venga inasprita ulteriormente.

Forse per il futuro ci converrebbe essere un po’ meno pecoroni e scendere un po’ di più in piazza…

Un telefonino, uno zainetto, un blocco notes e 38 schiavi, tutti per me…

Foto "This "one's for you" , Jonas" by Cecilia... - Flickr

Foto "This "one's for you" , Jonas" by Cecilia... - Flickr

Sono ormai 7 anni che uso lo  stesso telefonino. E’ un telefonino dismesso da mia figlia,  che fa due cose sole: telefona e manda SMS. Lo userò fino a quando non si romperà definitivamente. Uso lo stesso zainetto da 3 anni anche  se qualcuno mi prende in giro perchè è sponsorizzato da una multinazionale alimentare: me l’hanno regalato e lo userò fino a quando non diventerà inservibile. La mia potrebbe sembrare avarizia  ma in realtà è rispetto per ogni cosa che ci capita fra le mani e che spesso nasconde un carico di sofferenza e sfruttamento, sia dell’ambiente che delle condizioni dei lavoratori. L’altro giorno ero ad una riunione in cui si parlava di giustizia, ambiente e commercio equo-solidale e qualcuno mi ha fatto notare che stavo scrivendo fitto fitto su un blocco sponsorizzato dall’esercito italiano… A parte la soddisfazione di scrivere di pacifismo su un blocco pagato da Ignazio Benito Maria La Russa, Ministro della Difesa, ho fatto notare che è un blocco regalatomi in occasione di una corsa podistica e che mi sembrava più giusto usarlo per prendere appunti di pace piuttosto che buttarlo nella pattumiera da nuovo…

A riprova di queste mie tesi vi posto questo inquietante servizio apparso su “La Repubblica” del 1° di Novembre…

Cento schiavi per ogni consumatore. Dietro tutti gli oggetti c’è sfruttamento.

Il quadro fornito da un’indagine dell’organizzazione non profit Slavery Footprint. Attraverso un questionario è emerso che un esercito di 27 milioni di persone praticamente ridotte in schiavitù ha “contribuito a fabbricare ogni cosa che potete trovare”.

ROMA – Dietro praticamente ogni cosa che compriamo, dagli alimenti all’abbigliamento all’elettronica, si nasconde uno sfruttamento enorme: ogni cittadino medio che possegga un laptop, una bicicletta e un certo numero di paia di scarpe può calcolare di avere ‘sulla coscienza’ un centinaio di schiavi che hanno lavorato per lui. E’ quanto emerge da un’indagine condotta dall’organizzazione no profit Slavery Footprint, ripresa dal sito Huffington Post. Il questionario, in 11 pagine, contiene domande che spaziano dal cibo ai vestiti, dagli hobby alla casa, e studia le modalità di produzione di circa 400 articoli di consumo.

Finalità dell’indagine, effettuata in collaborazione con l’ufficio che si occupa della lotta al traffico di esseri umani del Dipartimento di Stato Usa, è informare i consumatori sul sistema di sfruttamento che si nasconde dietro praticamente tutti i prodotti che acquistano e al contempo esercitare pressione sulle grandi multinazionali affinché rendano note le loro pratiche del lavoro.

Un esercito di 27 milioni di schiavi – tanti quelli stimati oggi al mondo – hanno “contribuito a fabbricare ogni cosa che potete trovare, dall’armadietto medico in casa alla borsa di ginnastica”. “La schiavitù è ovunque”, ha dichiarato al sito il direttore esecutivo di Slavery Footprint, Justin Dillon. “E’ in ogni prodotto” che entra a far parte della vita quotidiana di tutti.

Prima di sviluppare l’organizzazione Slavery Footprint, Dillon si era già occupato del tema, con un documentario su Call + Response (associazione no profit impegnata nella lotta alla schiavitù) e fondando la Chain Store Reaction, una campagna che aiuta i consumatori a sollecitare le industrie a rivelare le loro procedure di produzione.

Ispirata dal modo in cui la Chain Store Reaction aveva motivato la gente a scrivere oltre 100.000 lettere alle industrie, il segretario di Stato Hillary Clinton aveva chiesto all’organizzazione di sviluppare un modello al fine di calcolare l’intreccio fra consumatori e traffico umano. Secondo Dillon, schiavo è “chiunque è costretto a lavorare senza remunerazione, a essere sfruttato economicamente e che non è nella possibilità di dire no”.

Sulla carta, la schiavitù è stata dichiarata illegale nel mondo con la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948, ma nella realtà è tutt’altro che estinta e riguarda anche molti minori e molte donne, sfruttate principalmente per la prostituzione.

Tratto dall’articolo “Cento schiavi per ogni consumatore” pubblicato su “La Repubblica” del 1 Novembre 2011

Se andate sul sito Slavery Footprint, troverete un’applicazione, graficamente molto graziosa, che rispondendo ad un questionario in inglese, calcolerà la vostra impronta “schiavistica”: io l’ho fatta ben due volte e in entrambe i casi mi ha calcolato che per mantenere il mio tenore di vita lavorano ben 38 schiavi. Dal confronto col dato medio degli altri intervistati ho scoperto che sono sotto la media per consumi di cibo, medicinali, profumeria, giocattoli e gioielli, sono uguale alla media nei consumi di elettronica, sport e abbigliamento e invece i miei consumi sono troppo alti per quanto riguarda la casa (arredamento, bollette, etc…). Ci sono rimasto un po’ male: pensavo di fare già tanto… e invece devo ridurre ancora i miei consumi per diminuire la mia impronta e insieme aderire alla campagna di pressione sulle multinazionali portata avanti da Slavery Footprint!

Ancora su Gardaland e le persone Down: due articoli da “Il Mattino di Padova” e “Affaritaliani.it”

Foto originale "Gardaland Magic Halloween 2009" by occhietto - flickr - rielaborazione grafica unpodimondo.wordpress.com

Foto originale "Gardaland Magic Halloween 2009" by occhietto - flickr - rielaborazione grafica unpodimondo.wordpress.com

Ritorno sulla situazione del trattamento delle persone con sindrome di Down a Gardaland per postare due estratti da “Il mattino di Padova” e da “Affariitaliani.it” (qui il mio primo post)

Gardaland, no ai down di Paolo Baron

“Parchi giochi, via libera ai ragazzi Down”. Accordo firmato con alcuni parchi, con un’eccezione: Gardaland. Disappunto del Cordinamento associazioni down, che risponde con un manifesto di protesta.

PADOVA. «Parchi giochi, via libera alle persone down». Lo esclamano con orgoglio i ragazzi dell’associazione padovana Down Dadi dopo la firma di un protocollo da parte del Cordinamento associazioni down e da gestori, costruttori e addetti alla sicurezza. Ma c’è una eccezione pesante: è Gardaland.

L’intesa, attraverso il consenso informato e la copertura assicurativa, consentirà alle persone down di utilizzare le attrazioni più divertenti dei vari parchi giochi italiani. In pratica i minori down dovranno essere accompagnati da un adulto che sarà informato su rischi e limitazioni, mentre ai maggiorenni verranno spiegate direttamente le regole.

Hanno aderito finora i gestori di Minitalia Leolandia di Bergamo, dello Zoomarine di Torvaianica e dell’Aqualandia di Jesolo. «Mai più umiliazioni e delusioni – ha sottolineato in una nota la presidente della onlus padovana Patrizia Tolot – che purtroppo sono ancora palpabili». Qualche anno fa, ricorda, infatti, la Tolot, durante una gita a Gardaland «ci fu attaccato il marchio di disabili e ci fu vietato l’accesso alle attrazioni più divertenti, anche le più semplici come il bruco mela dove si portano i bambini piccoli. Purtroppo Gardaland resta un osso duro».

I gestori del parco giochi veronese, infatti, non hanno firmato il protocollo, scatenando il disappunto del CoorDown. Disappunto che si è tramutato in un manifesto di protesta contro Gardaland. Il comitato di gestione di CoorDown – chiude la Tolot – appena due settimane fa ha deliberato di dare via libera alla procedura legale contro Gardaland che era da tempo nell’aria, avviando il coinvolgimento delle famiglie interessare e incaricando lo studio legale Viviani&Marson di Savona di predisporre la documentazione necessaria da sottoporre all’approvazione della prossima assemblea».

tratto dall’articolo “Gardaland, no ai down” di Paolo Baron pubblicato su “Il Mattino di Padova” il 02/10/2011

La stessa notizia su Affaritaliani.it

“Parchi giochi, via libera alle persone down. Ma non a Gardaland”

Niente più discriminazioni nei parchi divertimenti italiani per gli ospiti con sindrome di Down. O quanto meno in quei parchi – sono tre – che hanno condiviso e firmato il “Protocollo C+1 Entertainment” predisposto dal CoorDown dopo un anno di lavoro e di confronto con i principali parchi italiani, i costruttori delle attrazioni e le Prefetture e i Vigili del Fuoco, responsabili della sicurezza delle strutture. Al Minitalia Leolandia di Bergamo, allo Zoomarine di Torvaianica (Roma) e all’Aqualandia di Jesolo non si ripeteranno più le scene quanto meno antipatiche e sgradevoli di persone con sindrome di Down invitate dallo staff ad allontanarsi da una o più attrazioni, a priori a loro “vietate” per motivi di sicurezza. Episodi che nel corso degli ultimi anni sono stati segnalati in molti parchi, ad iniziare da Gardaland, la struttura che da questo punto di vista si è dimostrata nel corso del tempo la più severa: sollecitata a formulare un orientamento sul Protocollo approvato, Gardaland al momento non esprime nessuna posizione ufficiale, confermandosi un vero osso duro. […]

il Protocollo parte da due assunti-base: da un lato non c’è alcuna evidenza che le persone con sindrome di Down abbiano comportamenti o reazioni in misura diversa dalla maggioranza degli altri ospiti dei parchi di divertimenti, dall’altro i rischi connessi all’utilizzo delle strutture anche da parte delle persone con sindrome di Down possono trovare copertura assicurativa sul mercato. I gestori insomma sono coperti in caso di incidenti. Insomma, l’esclusione preventiva degli ospiti con sindrome di Down non ha diritto di cittadinanza. Ecco allora che il testo approvato prevede sempre il via libera alle attrazioni per le persone con sindrome di Down accompagnate da un adulto che sia stato informato su rischi e limitazioni e che abbia firmato una dichiarazione di responsabilità. Via libera anche a chi non è accompagnato: se si tratta di persone maggiorenne con sindrome di Down le informazioni e le regole saranno spiegate direttamente a lui, se si tratta di persona minorenne sarà sufficiente consegnare il modello di dichiarazione di responsabilità firmata da un adulto. […]

tratto dall’Articolo “Parchi giochi, via libera alle persone down. Ma non a Gardaland” pubblicato su Affaritaliani.it il 3/10/2011

Che altro aggiungere? Evviva e applausi al Minitalia Leolandia di Bergamo, allo Zoomarine di Torvaianica  e all’Aqualandia di Jesolo!!!!!!!!!!

BLOGGER PARTECIPANTI AL BOICOTTAGGIO

Gardaland Halloween: Divertimento Mostruoso… per tutti ma per qualcuno ancora di più!

Foto originale "Gardaland Magic Halloween 2009" by occhietto - flickr - rielaborazione grafica unpodimondo.wordpress.com

Foto originale "Gardaland Magic Halloween 2009" by occhietto - flickr - rielaborazione grafica unpodimondo.wordpress.com

In questi giorni Gardaland è aperta in tematica Halloween e come si può notare dall’ambientazione del sito ufficiale, lo slogan che caratterizza queste giornate è “DIVERTIMENTO MOSTRUOSO!” Peccato che per alcune persone a Gardaland il divertimento sia ancora più mostruoso rispetto a tutte le altre e soprattutto sia mostruoso tutto l’anno e non solo ad Halloween!

Si tratta delle persone con sindrome di Down alle quali viene impedito di salire su molte attrazioni, cosa che non capita negli altri parchi tematici di tutta Europa. E’ una storia che vorrei raccontarvi attingendo da giornali, siti e blog (scusate se il post è un po’ lungo).

Ad agosto 2010 ad una bambina down di 8 anni viene impedito di salire sulla Monorotaia… leggete cosa scriveva il quotidiano “Il Centro”.

“Gardaland, giostra negata a una bambina down” di Paola M.S. Toro

Nel parco giochi più importante d’Italia il divertimento non è uguale per tutti. Una famiglia pescarese è stata discriminata. È successo a Gardaland: a una bambina down di 8 anni è stato vietato di salire su una giostra. La famiglia è quella di Aldo Aceto, sostituto procuratore a Pescara dal 1990 al 2008 e oggi giudice penale e del lavoro al tribunale di Larino.  […]

«La bambina non può salire su questa giostra», hanno detto gli addetti di Gardaland all’ingresso dell’attrazione Monorotaia. Il motivo del divieto, per gli operatori, è stato lo stato di disabilità della bambina. Ma sulla stessa giostra la bambina ci era già salita una volta, appena qualche ora prima.

La monorotaia è un trenino sopraelevato che, lentamente, percorre tutto il perimetro del parco divertimenti: «A mia figlia è stato impedito di salire perché down», commenta Aceto.

Dopo la fila per salire a bordo, al magistrato è stato riferito che alcune persone, tra cui i disabili, non possono andare sul trenino: «Ma come fanno gli operatori a stabilire se una persona è cardiopatica o claustrofobica? Chiedono il certificato medico?» continua il giudice che è anche presidente di un’associazione a tutela delle persone affette dalla stessa sindrome della bambina, Pianeta Down. «Mia figlia», dice Aceto, «è stata discriminata perché la sua patologia invalidante è visibile rispetto ad altre e questo è vergognoso». […]

tratto dall’articolo “Gardaland, giostra negata a una bambina down” di di Paola M.S. Toro pubblicato su “Il Centro” del 27 Agosto 2010.

Questo pezzo scoperchia la pentola e pochi giorni dopo vengono segnalati altri casi come testimonia quest’altro articolo, sempre de “Il Centro”

“Down discriminati a Gardaland, c’è un altro caso.”  di Laura Venuti

C’è almeno un altro caso di discriminazione di persone down a Gardaland. A raccontarlo è Ilario Braga, veronese, padre di una ragazza di 36 anni che giovedì scorso si è vista negare la possibilità di salire su alcune giostre. […]

«Siamo andati all’ortobruco, un trenino per bambini», racconta l’uomo al telefono, «ma non ci hanno fatti salire. Più tardi abbiamo tentato di fare un giro anche sulla monorotaia negata alla figlia del signor Aceto. Abbiamo fatto la fila insieme a tutti gli altri, ma quando siamo arrivati all’ingresso il ragazzo ci ha detto che mia figlia non ci poteva andare».  «Ci hanno fatti scendere da una scala secondaria. Le persone che erano in fila ci guardavano con gli occhi sbarrati», racconta amareggiato Braga. […]

Prima di andare via dal parco Braga, furibondo, ha cercato di avere il rimborso del biglietto e di parlare con un responsabile, ma senza successo. «Mi hanno fatto quasi pesare il fatto che mia figlia fosse entrata gratis e io a metà prezzo». […]

«Non pretendo che la mia ragazza faccia le montagne russe», si sfoga il signor Braga, «ma perchè non può andare su un trenino dove salgono i bambini, spesso accompagnati anche dai loro nonni ottantenni? Mia figlia è down, sì, ma frequenta un centro sportivo, fa atletica. Perchè non deve andare sull’ortobruco? E’ una cosa scriteriata».

tratto dall’articolo “Down discriminati a Gardaland, c’è un altro caso.” di Laura Venuti pubblicato su “Il Centro” del 28 Agosto 2010.

Ad un anno di distanza le cose non sono cambiate tanto che, lo scorso 14 Settembre 2011 esce un altro articolo su “Il Corriere della Sera”

Gardaland ancora vietato ai down

Succede di nuovo a Gardaland. Ancora una volta un ragazzo costretto a scendere da una giostra perché down. A denunciare l’accaduto […] è Rita Masini, mamma di Luca, 16 anni, che non nasconde la sua rabbia per il trattamento “speciale” riservato a suo figlio nel famoso parco giochi. […] Suo figlio per ben due volte è stato fatto scendere da due attrattive del parco, con l’unica colpa di portare sul viso i segni evidenti della sua diversità. «Le giostre- spiega- non erano affatto pericolose, ma ci sono state negate solo perché lo hanno visto in faccia e hanno capito che è down». […]

«Non è giusto- ripete Rita indignata- io soffro di vertigini e avrei potuto avere un malore, ma nessuno mi avrebbe impedito di salire. Mio figlio, invece, solo perché ha i tratti somatici della sindrome di Down non può accedere a quelle strutture. È discriminante, conosco persone cardiopatiche che fanno quelle giostre. Nessuno ti chiede il certificato medico ma per i down c’è un divieto assoluto e non si capisce perché».   […]

tratto dall’articolo “Gardaland ancora vietato ai down” pubblicato su “Il corriere della sera” del 14 Settembre 2011

Spulciando su Internet esistono anche casi di persone con figli down che a Gardaland sono riusciti a fare tutte le attrazioni e che, classica eccezione che conferma la regola, testimoniano come l’unico criterio di selezione siano i tratti somatici. Ecco cosa scrive il mio amico Cristiano, commentando un analogo articolo sul blog di Trisomia 21.

cristiano ha detto…

vi faccio presente che… mia moglie è coreana e mia figlia è speciale….siamo stati a gardaland e…. sorpresa ci hanno fatto salire su tutte le attrazioni compreso le montagne russe …qualcuno ha provato a guardarci storto ma nessuna ha avuto il coraggio di chiederci se nostra figlia era down… Questo la dice lunga su che base prendono le decisioni…solo e soltanto sull’aspetto somatico…. che tristezza!!!confermo anche io che negli altri parchi non succede…e mi unisco alla protesta!!! […]

commento pubblicato da Cristiano B. a margine dell’articolo “Forse non sapete che” pubblicato sul blog di Trisomia 21

Per capire come stanno le cose ho visitato anche il sito del Coordown (Coordinamento Nazionale delle Associazioni delle Persone con Sindrome di Down) dove ho trovato un articolo a dir poco… agghiacciante…

Hai la sindrome di Down? Non sali sulla giostra!

Dopo l’ennesimo episodio di discriminazione a Gardaland il CoorDown annuncia battaglia legale

 Trattative interrotte sulla questione degli accessi negati ad alcune attrazioni alle persone con sindrome di Down. Fallita la mediazione con la direzione del parco, il CoorDown annuncia iniziative legali a tutti i livelli, compresa la possibilità di una Class Action. […]

Obiettivo della trattativa era quello di arrivare a una soluzione condivisa rispetto alle gravi discriminazioni ai danni delle persone con sindrome di Down, alle quali è sistematicamente vietato l’accesso a numerose attrazioni dagli addetti alla sicurezza del parco.

 La non idoneità, da parte degli addetti, viene stabilita esclusivamente in virtù dei tratti somatici. […]

Lo testimoniano le proteste dei familiari, le numerose notizie di cronaca nonché l’interrogazione parlamentare a firma dell’On. Coscioni, presentata al Ministro per le Pari Opportunità On. Carfagna il 2 maggio 2010, e ulteriormente reiterata in questi giorni alla luce dei nuovi episodi. […]

A Mirabilandia (come in altri parchi in Italia e nel mondo, dove si limitano a sconsigliare e non a proibire alcune attrazioni cosiddette “adrenaliniche”) sono operative le stesse attrazioni presenti a Gardaland. Tuttavia, non avvengono episodi simili di discriminazione, come possono testimoniare molte persone con sindrome di Down e i loro familiari.  […]

I motivi di sicurezza addotti dalla Direzione [di Gardaland], sulla base di problemi di ritardo mentale, di rischi cardiologici o di deficit motorio non possono essere accettate e rappresentano un grave atto discriminatorio, in quanto:

– Se il motivo dell’esclusione è il ritardo mentale:

Il ritardo mentale delle persone con sdD [sdD = Sindrome di Down] è variabile. Spesso sovrapponibile a quello di persone che non hanno nessun’evidenza fisica di questo ritardo e a volte persino di persone che hanno un QI nella media, di persone, in ogni caso, alle quali non è impedito l’ingresso alle attrazioni.

Per cui, a parità di QI (lo strumento ufficiale di misura delle capacità intellettive), una persona con determinati tratti somatici ha accesso alla giostra, mentre l’altra è fermata all’ingresso.

– Se il motivo dell’esclusione è il rischio cardiologico:

Anche questo fattore di rischio è variabile e in molte persone con sdD è assolutamente inesistente o comunque in percentuali minori di persone che non hanno nessun’evidenza fisico-somatica di queste problematiche. Di nuovo, a parità di rischio cardiologico, una persona con determinati tratti somatici non è fermata all’ ingresso, l’altra sì.

– Se il motivo dell’esclusione è il deficit motorio:

Il problema non sussiste perché la sdD in sé non comporta alcun problema motorio e il paragone con le persone in carrozzina o con persone che hanno arti ingessati o che non corrispondano a parametri di altezza (tutte categorie fermate a causa di limitazioni oggettive, discutibili ma oggettive) è quindi decisamente inappropriato.

Pertanto, la conclusione evidente è che a Gardaland le persone con sdD sono, di fatto, discriminate unicamente sulla base dei loro tratti somatici. […]

tratto dall’articolo “Hai la sindrome di Down? Non sali sulla giostra!” pubblicato sul sito del Coordown in data 06 Settembre 2010

Se vi siete letti tutta questa pappardella fino in fondo vuol dire che siete delle persone sensibili e che avete a cuore queste situazioni. Vi chiedo perciò di aiutare le persone down… Per favore condividete queste notizie  su facebook, su blog, via e-mail, etc… in modo da diffonderle maggiormente e magari chissà, in un futuro, riuscire ad attivare un boicottaggio del parco di divertimenti… Per ora passate parola! Grazie

BLOGGER PARTECIPANTI AL BOICOTTAGGIO

.