Quando con poco si può fare tanto…

Foto tratta dalla pagina Facebook del Movimento Shalom
Foto tratta dalla pagina Facebook del Movimento Shalom

La foto che vedete è stata fatta a Fada N’gourma in Burkina Faso dove il Movimento Shalom ha aperto, in collaborazione con la Coop, un panificio/pizzeria che, oltre a dare lavoro a diverse persone, consente con i propri proventi il mantenimento di una casa famiglia per ragazzi di strada.

La signora nella foto è una vedova con due figli che si manteneva a stento con un lavoretto da 30€ al mese, dal quale doveva detrarre 11€ di affitto… Immaginate che con la differenza dovevano vivere in 3 e mandare il figlio più grande a scuola. Però questa donna aveva una bicicletta e grazie ad un contenitore di plastica oggi può andare a vendere il pane Shalom in città, ricavando un altro stipendio, magari non alto, ma che le consente una vita più dignitosa. E’ bastato donarle un contenitore di plastica del valore di circa 5€ per cambiarle la vita.

Una testimonianza per ricordarci di come a volte, con poco si possa fare molto. E magari chissà, con un po’ più di solidarietà, molti viaggi della morte nel Mediterraneo potrebbero essere evitati… in modo pacifico e senza sparare sui barconi o lanciare raid aerei…

Link

Dal Friuli Venezia Giulia: Salviamo il pane!

Foto:
Foto: “Pane” by Jano Fistialli – Flickr.com

Salviamo il pane! Dal Friuli Venezia Giulia, prima regione ad aver legiferato sul pane artigianale, è partita la campagna per salvare il pane tradizionale: quello fresco, a lievitazione naturale, prodotto con farine locali senza nessun additivo e fatto artigianalmente dai fornai che lavorano di notte.

20 ristoranti, aderenti alla Via dei sapori del Friuli Venezia Giulia, si sono uniti in questa battaglia contro il pane surgelato e poi riscaldato (spesso proveniente dall’estero) e contro il pane fatto con farine addizionate di sostanze auto lievitanti, che riducono i tempi di panificazione ma allungano e rendono più difficile la digestione, perchè il lavoro che normalmente avrebbero dovuto fare i lieviti è demandato ai nostri poveri stomaci. Una bella battaglia che, mentre promuove un prodotto artigianale, tutela anche la nostra salute.

Ogni ristorante propone i propri tipi di pane che sono preparati direttamente in cucina o fatti artigianalmente da fornai di fiducia, ai quali aggiunge una o più ricette a base di pane. Ogni commensale trova poi al proprio tavolo un depliant-segnaposto che spiega tutto il progetto. Qui sotto tutti i ristoranti aderenti: per maggiori info vi rimando alla pagina sul sito “Via dei sapori”.

  • Al Bagatto di Trieste
  • Al Ferarùt di Rivignano
  • Al Gallo di Pordenone
  • Al Grop di Tavagnacco
  • Al Lido di Muggia
  • Al Paradiso di Paradiso
  • Al Ponte di Gradisca d’Isonzo
  • All’Androna di Grado
  • Campiello di S. Giovanni al Natisone
  • Carnia di Venzone
  • Costantini di Tarcento
  • Da Nando di Mortegliano
  • Da Toni di Gradiscutta
  • Devetak di San Michele del Carso
  • Là di Moret di Udine
  • La Primula di S. Quirino
  • La Subida di Cormòns
  • La Taverna di Colloredo di M. Albano
  • Sale e Pepe di Stregna
  • Vitello d’Oro di Udine

Come è andata a finire… la festa de “Il Kantiere”.

Nel precedente post vi ho segnalato la festa che si è tenuta Venerdì scorso presso il centro culturale il Kantiere di Firenze. E’ stata la prima volta che il Gruppo d’Acquisto Solidale di cui faccio parte (Mondogas) è, come dire… uscito allo scoperto. Da più di tre anni  le nostre 15 famiglie fanno la loro spesa alternativa, biologica, biodinamica, a km zero, equa e solidale: così semplicemente, senza tanti fronzoli. Con la festa di Venerdì scorso abbiamo fatto vedere chi siamo, cosa facciamo e soprattutto abbiamo fatto assaggiare a tutti  un po’ delle cose buone che mettiamo sulle nostre tavole ogni giorno. Abbiamo allestito il nostro banchino all’esterno de il Kantiere, insieme alle molte altre associazioni che erano presenti… Mi sarebbe piaciuto visitare più approfonditamente anche gli altri banchini ma il successo del nostro è stato tale che sono stato quasi sempre occupato…

IL FOTORACCONTO (… per i blogger curiosi io ero il fotografo e quindi non appaio mai nelle foto)

Il banchino in fase di allestimento: tovaglia tradizionale a quadrettoni di Eleonora e insegna tecnologica del Leo… Il succo del G.A.S.: internet e le nuove tecnologie come mezzo per comprare prodotti di una volta….

Foto "Festa Kantiere/Mondogas 2012" by unpodimondo - flickr
Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012” by unpodimondo – flickr

In primo piano i frolloni al farro e al cioccolato del nostro amico e fornitore Daniele Scapigliati (qui un post dedicato ai biscotti e qui un altro) e più indietro le gallette e la crema spalmabile comprati all’ultimo momento da Stefania alla bottega del commercio equo e solidale… Potevamo lasciare i bambini senza crema alla nocciola?

Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr
Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr

Appunto, inziamo a spalmare…

Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr
Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr

I nostri volantini di presentazione insieme al parmigiano biodinamico che il nostro Felice ha tirato fuori dalla sua dispensa per sacrificarlo sul nostro banchino con i mieli biologici dei  nostri fornitori Sabrina e Emiliano. Oltre ai classici millefiori e acacia abbiamo unito in matrimonio il Parmigiano con i mielini aromatizzati al peperoncino, alla lavanda e allo zafferano…

Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr
Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr

E da bere? Chianti, Vin Santo di Caratello  e per i bimbi succo di mela… (tutto sempre biologico…)

Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr
Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr

La merenda è una lotta fra dolce e salato: da una parte gallette di riso integrali con crema di nocciole, entrambe del commercio equo e solidale, dall’altra pane semintegrale ai cinque cereali con olio biologico dell’Impruneta… A fine serata la tradizione del pane con l’olio straccerà la crema di nocciole…

Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr
Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr

Cominciano ad arrivare i primi visitatori…

Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr
Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr

Degustiamo tutti insieme … di qua e di là dal banchino…

Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr
Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr

Si assaggia, si mangia e si racconta cos’è un Gruppo d’Acquisto Solidale: un gruppo di famiglie che si riunisce insieme per fare una spesa alternativa… Lo spieghiamo soprattutto a chi ci scambia per produttori o venditori e vorrebbe comprare tutto quello che abbiamo sul banchino…

Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr
Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr

Giovani gasiste* mangiano… e crescono!!!

*dicesi gasista persona che fa parte di un G.a.s.

Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr
Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr

Il Parmigiano va a ruba….

Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr
Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr

… soprattutto se accompagnato da un buon chianti…

Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr
Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr

Si illustra il contenuto del nostro volantino… Nel frattempo termina il pane ai cinque cereali semintegrale… Ci viene in aiuto il ristorantino de il Kantiere che ci offre un sacco di pane bianco… per continuare a preparare il pane con l’olio e con la crema di nocciole…

Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr
Foto “Festa Kantiere/Mondogas 2012″ by unpodimondo – flickr

Ed in effetti spalmiamo e vinelliamo fino a notte fonda…

https://i0.wp.com/farm9.staticflickr.com/8147/7490016966_ae8212fbd7.jpg
http://farm9.staticflickr.com/8147/7490016966_ae8212fbd7.jpg

Ringraziamenti:

  • Al Kantiere che ha organizzato la festa e che ci ospita da oltre 3 anni.
  • Ai nostri  fornitori che ci hanno regalato alcuni dei prodotti che erano sul banchino (Scapigliati, Le Montanine, Sabrina Accioli).
  • A tutti i gasisti di Mondogas che hanno partecipato alla festa: a chi ha allestito il banchino, a chi ha comprato e portato i vari prodotti, spesso togliendoli dalla propria dispensa, a chi ha fatto i volantini e l’insegna, a chi ha distribuito sorrisi e informazioni e infine ai gasisti che erano in ferie ma che ci hanno sostenuto anche da lontano… con idee e suggerimenti!
  • Alle altre associazioni che erano presenti alla festa insieme a noi (Coopi, Informatici senza frontiere, Piccoli passi, Equobì-Bottegotto, Compagnia delle arti di Romena, Cepiss e sicuramente diversi altri che ho dimenticato)

Blog Action Day 2011: il cibo.

Foto "080319_2056_panevino" by ilaron  - flickr
Foto "080319_2056_panevino" by ilaron - flickr

Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno
non si guardò neppure intorno
ma versò il vino, spezzò il pane
per chi diceva ho sete e ho fame.

Fabrizio De Andrè – Il pescatore

Oggi è il Blog Action Day, il giorno in cui tutti i blogger del mondo fanno un post dedicato allo stesso tema. Lo scorso anno il tema era l’acqua (qui il mio post del 2010) mentre quest’anno, dato che il 16 Ottobre coincide col  World Food Day indetto dalla Fao, il tema prescelto è “Il cibo”, in tutte le sue forme e con tutti i problemi ad esso connessi.

Per il mio post del Blog Action Day  2011 ho preso in prestito questa strofa di Fabrizio De André e non mi sembra di dover aggiungere altro….

I am proud to take part in Blog Action Day Oct 16, 2011 www.blogactionday.org

Esperimento nr. 1: pane toscano…

Esperimento nr.1 - Experiment nr. 1
foto "Esperimento nr.1 - Experiment nr. 1" by unpodimondo - flickr

Da alcune settimane ho anch’io la macchina del pane e sto iniziando a fare un po’ di esperimenti di panificazione casalinga.  Mia moglie era veramente scettica sull’acquisto della macchina del pane, ma questi primi esperimenti la stanno facendo ricredere e appassionare al pane fatto in casa… La macchinetta è la Silver Crest della Lidl che ho scoperto essere molto apprezzata dal popolo panificatore che frequenta internet: me la consigliò diverso tempo fa una signora che faceva il corso di tedesco con me e che è una fans degli elettrodomestici e più in generale del “non alimentare” in vendita alla Lidl. Lei mi spiegava che in Germania c’è una fortissima concorrenza fra due grandi discount che spesso si fronteggiano nelle stesse piazze: Aldi e Lidl. Frutto di questa concorrenza sono dei prodotti di qualità a prezzi ottimi, soprattutto nei settori degli elettrodomestici  ed elettronica e più in generale nel non alimentare, che servono da prodotto civetta per attirare i clienti nei discount.  Sugli alimentari invece io ho diversi dubbi ma non essendo oggetto di questo post preferisco non divagare…

La macchina del pane mi è sembrata ottima, con un buon libretto di istruzioni e un ricettario con tanti tipi di pane, alcuni molto fantasiosi che sperimenterò al più presto… L’unico pane che mancava è il pane toscano… quello “sciocco”,  senza sale e perciò ho iniziato a cercare su internet una ricetta il più vicino possibile al pane toscano. Alla fine ne è uscita la ricetta sottostante e il pane che vedete pubblicato nelle foto… Per essere un inizio e per essere io un principiante sono contento… Avrò tempo per farmi una cultura su farine, lieviti, pasta madre etc… e per fare altri esperimenti.

Esperimento nr. 1: Pane toscano

  • 315 gr. di acqua
  • 450 gr. farina biologica Poggio di Camporbiano (farina semintegrale di tipo 2)
  • 1 bustina di lievito per panificazione  biologico Vita Vegan.
  • Macchina del pane Silvercrest-Lidl: programma di Cottura Normale  (Nr. 1) selezionando il  peso di 1000 gr (anzichè 750 gr) e impostando la doratura media. Tempo di preparazione 3 ore e 5 minuti.
  • Le foto si riferiscono a questo esperimento… la forma è a cassetta ma il gusto è veramente di pane toscano…

Aggiornamento – Esperimento nr. 2

Rifatto allo stesso modo e con gli stessi ingredienti ma impostando la doratura massima… Il pane è venuto con la crosta più dorata rimanendo con l’interno morbido… Non ho fatto in tempo a fare le foto… il pane è finito prima!

Esperimento nr.1 - Experiment nr. 1
foto "Esperimento nr.1 - Experiment nr. 1" by unpodimondo - flickr

La non-ricetta di pane raffermo…

Pane biscottato / Twice-baked Bread
foto "Pane biscottato / Twice-baked Bread" by unpodimondo - flickr

E’ da tanto tempo che non pubblico ricette, per due motivi:

  1. ho un sacco di cose da scrivere, per cui le ricette anche già pronte e con le foto già fatte, giacciono da tempo fra le bozze dei vari articoli da finire…
  2. Da Luglio come sapete sono a dieta e quindi cerco di passare il minor tempo possibile in cucina. Inoltre faccio ricette semplici, la maggior parte a base di verdure e con cotture senza grassi, che forse non meritano la pubblicazione.

Come conseguenza del punto 2 oggi ho deciso di pubblicare una non-ricetta dedicata al pane raffermo. Lo dico sinceramente, non è una ricetta… è stata solo un’intuizione, anzi una vera e propria scemenza: ecco una non-ricetta, della quale vi voglio raccontare brevemente la storia. Voi che fate le ricette superelaborate, con le foto professionali dei piatti, potete anche smettere qui la lettura, evitando perdite di tempo…

Come sapete odio lo spreco alimentare e quello del pane in particolar modo. Prima di fare la dieta, per smaltire il pane raffermo facevo panzanelletorte, budini di pane e ribollite (presto la ricetta).  Adesso, che  devo mangiare  solo 60gr di pane al giorno, mi sono chiesto  come avrei potuto usare il pane raffermo. Ho spulciato la mia dieta per vedere dove potevo incastrarlo e l’unica soluzione era metterlo al posto delle fette biscottate della colazione… quindi mi si è accesa la lampadina,  ho… re-inventato l’acqua calda facendo… il pane biscottato.

Ho acceso il grill del forno al massimo, ho affettato il pane raffermo, l’ho disteso su una teglia e l’ho messo nel ripiano più alto del forno, pochissimi minuti per parte… giusto per “biscottarlo”. Ho girato le fette e ho badato bene a non farle bruciare ne’ a farle diventare troppo dure da rompere i denti…

Alla fine ne è uscita una via di mezzo fra le fette biscottate e i krisprolls: croccanti al punto giusto da essere inzuppati nel latte. Rispetto alle fette biscottate hanno due differenze:  non sono dolci e quindi possono essere usati indifferentemente  col dolce (marmellata o miele)  oppure col salato (tipo friselle) ma soprattutto non contengono grassi. Infatti le fette biscottate spesso hanno grassi vegetali non meglio specificati che non sono ideali nelle diete (e quando non sono specificati vuol dire che sono grassi di cui è meglio sospettare). La  mancanza di grassi nel mio “pane biscottato” mi  consente di indulgere con un velo di marmellata un pochino più alto del solito…

Leggete cosa pensa Roberto Albanesi delle fette biscottate:

Le fette biscottate […] hanno sostituito il pane delle colazioni più tradizionali, anche se dal punto di vista alimentare sono notevolmente più caloriche del pane comune. Infatti il processo di tostatura fa evaporare molta acqua rispetto al pane e, a parità di peso, la fetta biscottata dà un apporto energetico maggiore. Inoltre, la percentuale di grassi è più alta rispetto al pane per facilitare il processo di tostatura e ottenere fette dorate e croccanti. Tale processo diminuisce anche la percentuale di vitamine del gruppo B presenti nei prodotti da forno a base di farina. […] Nella quasi totalità dei prodotti recensiti e presenti sul mercato, gli oli impiegati per “legare” la farina sono oli vegetali generici, per niente specificati. In generale, l’omissione del tipo di oli utilizzati non è una mancanza grave, tuttavia, dal momento che gli ingredienti per le fette biscottate sono pochi e che i grassi utilizzati sono potenzialmente l’unico punto critico, questo aspetto influisce notevolmente sui criteri di giudizio. […]

Rischio salutistico della categoria: medio-alto.
Il panorama delle fette biscottate, alla luce dei criteri di scelta, è abbastanza sconfortante: quasi tutti i produttori non esplicitano gli oli vegetali utilizzati. Accanto a proposte interessanti (utilizzo di ingredienti genuini, fibre aggiunte di qualità superiore rispetto alla crusca presente in altre proposte integrali), ve ne sono altre da scartare completamente a causa dell’utilizzo di margarina! Vi sono poi ottimi prodotti con ingredienti di primissima scelta (uova, burro, miele), penalizzati purtroppo da un eccessivo apporto calorico totale. Alcune aziende prevedono tra gli ingredienti sempre oli vegetali generici, e quindi questo aspetto le penalizza […] Poche le proposte commerciali che dichiarano esplicitamente gli oli vegetali usati, quasi sempre di seconda scelta (cioè oli raffinati come il normale olio di oliva non extravergine) […]

tratto dalla pagina sulle fette biscottate dal sito di  Roberto Albanesi

Il pane di Domani.

***

Credo che alcuni testi a volte ci vengano a cercare e  quasi per caso,  si fanno trovare nel momento più opportuno… Stavo per buttare via la lettera che il nostro parroco ci porta per la benedizione delle famiglie quando, fra le varie richieste di offerte, ho trovato questo bel testo sulla situazione attuale del nostro paese. Ho fatto una ricerca sulla rete ed ho scoperto che è stato pubblicato sul quotidiano “La Stampa” del 31/12/2008… Pur non essendo attualissimo credo che possa essere comunque adottato come un invito alla speranza per il futuro, sia per la ricostruzione delle zone terremotate che più in generale per un ripensamento delle nostre vite… Buona lettura!

Con cosa possiamo impastare il pane di domani? Quali ingredienti ci lasciano e quali ci consigliano gli eventi dell’anno che si conclude? C’è un lievito cui possiamo affidarci per il cibo solido che nutrirà i giorni dell’anno che viene? Sono domande spontanee a ogni volgere di calendario, ma forse ancor più cogenti al termine di un anno che pare identificarsi con il termine crisi, non solo in campo economico. Per il nostro impasto potremmo cominciare da un sano ripensamento sugli errori commessi.

Il presidente uscente degli Stati Uniti ha ammesso che la guerra in Iraq è stata un errore: del resto non è quello che si dice dopo ogni guerra? La si intraprende sempre facendola apparire come il male minore, il ristabilimento di un diritto infranto, la via per giungere a un nuovo equilibrio più giusto. Poi, una volta avviata, è la logica stessa della guerra a prevalere su ogni altra logica: il diritto, la giustizia, la solidarietà, la libertà, tutto viene messo tra parentesi, soffocato in attesa della fine delle ostilità. Ma dalle macerie fumanti sale solo nuovo odio, nuova violenza, nuovi pretesti per ricominciare un’altra guerra, anch’essa “giusta”, naturalmente. Ora, tra i potenti che hanno dato fuoco alla polveriera in Iraq vi è chi ha chiesto scusa, chi ha affermato di essere stato ingannato, eppure nessuno di quanti nel nostro paese avevano sostenuto a spada tratta la giustezza di quell’errore si sono sentiti in dovere di riconoscerlo come tale, di fare ammenda del loro soffiare sul fuoco, del loro disprezzo verso gli “impavidi”, da loro giudicati nemici degli USA e dell’occidente, che mettevano in guardia contro il vicolo cieco cui conduce ogni guerra. Senza riconoscimento degli errori come possiamo pensare che il futuro non ce ne riservi di analoghi e di più gravi? E i bagliori di fuoco e di morte che si sprigionano da Gaza in questi giorni sono una tragica conferma di quanto sia nefasto affidarsi alla forza delle armi per sanare le controversie.

Anche in campo economico non emerge con chiarezza un riconoscimento degli errori: sembra anzi che si preferisca rincarare la dose di anfetamine invece di trarre lezione dall’abuso di mercato senza regole. Invitare al consumo anche se non se ne hanno i mezzi né tanto meno la necessità, creare bisogni indotti sempre più slegati da un sano vivere quotidiano, spingere verso un tenore di vita costantemente superiore alle proprie possibilità, oltre a condurre verso un precipizio ancor più profondo, cancella ogni senso del limite, eccita e inebria con il mito della crescita inarrestabile infinita, come fosse un diritto acquisito. Non è solo questione di ritrovare una certa sobrietà nel vivere e una maggiore solidarietà nel condividere bensì, a un livello ancor più radicale, di aderire alla realtà, di prendere coscienza che noi stessi, la nostra terra, abbiamo dei limiti: il tenerne conto non significa tarparci le ali ma, al contrario, irrobustirci per affrontare le sfide che il futuro ci riserva.

Ecco allora un ingrediente fondamentale per il pane quotidiano di domani: ridestare nella società, a cominciare dai giovani, la cultura dei valori. Anche qui dobbiamo interrogarci su cosa siamo stati e siamo capaci di trasmettere, quali modelli culturali veicoliamo con i nostri comportamenti e le nostre scelte, quali miti dominanti, quali aspirazioni sollecitiamo nelle nuove generazioni. A cosa aneliamo, in cosa crediamo, c’è qualcosa per cui vale la pena spendere ed eventualmente dare la vita? Se non siamo capaci di narrarlo con le nostre vite, se lasciamo che sia percepito come “reale” quanto di più artificiale si può creare nei “laboratori” di ogni tipo, non possiamo poi stupirci se la “connessione” sociale si rivela fragile quanto un segnale digitale. Ripartire da alcuni principi fondamentali che le generazioni che ci hanno preceduto hanno saputo trasmetterci – anche grazie alla loro capacità di ripensare agli orrori di due guerre mondiali – è condizione indispensabile per ridare futuro al nostro presente. La Carta universale dei Diritti dell’uomo, i principi fondamentali della nostra Costituzione, le regole basilari della convivenza civile devono diventare elementi “vitali” delle nostre società: elementi cioè capaci di ridare vita perché vissuti nel quotidiano.

Sì, occorre una grande consapevolezza degli errori commessi, ma anche delle enormi potenzialità nascoste nel cuore e nell’agire di ciascuno. Occorre per domani il lievito della fiducia nell’umanità: credere nell’uomo, nella sua grandezza, credere che possiamo umanizzare e rendere migliore la nostra convivenza, se solo accettiamo di guardare oltre il nostro interesse immediato, di tendere lo sguardo verso un orizzonte comune, verso una speranza che è tale solo se giunge a essere condivisa. Il pane di domani sarà allora ancor più gustoso perché intriso del sapore di ieri.

Enzo Bianchi, priore della comunità monastica di Bose (tratto da “La Stampa” del 31/12/2008)

Trovo molto curioso che un’analisi così attenta, saggia  e precisa della nostra società non venga da un giornalista o da un politico o da un economista, ma da un monaco e che, nonostante la provenienza dell’autore, sia un’analisi talmente laica  e  razionale che nel testo non c’è nessun accenno alla religione…

*** foto Fête du pain sur le parvis de Notre dame de Paris by Neno° – flickr