Un pensiero per Abdo Yaya Abdelaziz, il ragazzino che camminava da solo.

Foto tratta dal sito

Foto tratta dal sito “Il filo del Mugello”

Dietro ad ogni migrante che approda sulle nostre coste c’è una storia lunga e dolorosa, forse ancora più lunga dei km fatti per arrivare qui. Ieri, leggendo la cronaca locale, ho appreso una di queste storie che mi ha colpito molto perchè si è conclusa tragicamente nei luoghi dove sono nato e soprattutto perchè riguardava un ragazzino che camminava da solo.

Il suo nome era Abdo Yaya Abdelaziz, senegalese, aveva 14 anni ed era sbarcato e identificato a Pozzallo (Rg) nel mese di Luglio. Fuggito subito dal centro di accoglienza  è stato ritrovato morto il 2 Agosto nella galleria dell’Alta Velocità nel Comune di Vaglia (Fi), dove è stato sepolto ieri perchè nessuno ne ha reclamato il corpo.

Dalle ricerche effettuate dopo la morte, Abdo Yaya Abdelaziz è diventato il ragazzino che camminava da solo e che forse si è fatto a piedi molti dei 1.200 km che separano Pozzallo dal Mugello, fino ad essere risucchiato ed ucciso in una galleria dove i treni sfrecciano a 250 Km all’ora.

Ecco, mi piacerebbe che noi, che corriamo e camminiamo per diletto, la prossima volta in cui indosseremo le scarpe da running, dedicassimo un pensiero a Abdo Yaya Abdelaziz, il ragazzino che camminava da solo verso un futuro che non vedrà mai!

E se per caso, a qualcuno venisse in mente di dedicargli una corsa io parteciperei molto volentieri!

Per approfondire:

p.s. Colgo l’occasione per segnalare che, nella colonna qui a destra ho aggiornato (con molti mesi di ritardo) l’ultimo numero del mensile del Movimento Shalom, scaricabile gratuitamente…

Notizie dal presidio “No border” di Ventimiglia.

Foto tratta dalla pagina Facebook del presidio 'No Border' di Ventimiglia

Foto tratta dalla pagina Facebook del presidio ‘No border’ di Ventimiglia

Domenica mattina sono andato al Parco delle Cascine a fare la mia corsetta e ne ho approfittato per portare due borse di materiale per la raccolta a favore del campo profughi “No border” di Ventimiglia, di cui vi avevo parlato in questo post. Dato che era abbastanza presto mi sono fermato a fare due chiacchiere con Carlo, il volontario che raccoglieva il materiale. Vi riporto quello che mi ha raccontato…

Nonostante i TG non ne parlino più, Ventimiglia è ancora uno snodo importante dei flussi dei migranti che vi arrivano in centinaia, tutti i giorni. In città esistono due centri per gli immigrati: quello “ufficiale” alla stazione ferroviaria gestito dalla Croce Rossa e il centro “No borders”, gestito da alcune onlus italiane e francesi insieme agli stessi migranti e che di fatto è un campo “abusivo” e poco tollerato dalle stesse istituzioni ma che è necessario perchè il campo della Croce Rossa è troppo piccolo per accogliere tutti i migranti. Mi raccontava Carlo che spesso nel campo della stazione mancano i posti letto, le docce e i bagni sono insufficienti e i migranti, tranne ricevere una volta al giorno un sacchettino con un panino e una bottiglietta d’acqua, sono totalmente abbandonati a se stessi.

Il presidio “No borders”, nato inizialmente sugli scogli, adesso si è trasferito in un parcheggio, si è allacciato alle fognature, ha acqua, bagni, docce, e grazie ad alcuni volontari, pure dei pannelli fotovoltaici che producono l’energia che consente ai migranti (e talvolta pure ai poliziotti) la ricarica dei cellulari. Tutte le mattine i volontari e i migranti si riuniscono in delle assemblee democratiche e multilingue e decidono le cose da fare per mandare avanti il campo e poi… tutti insieme al lavoro, senza distinzioni tra migranti e volontari. Al contrario del campo della stazione, nel campo “No borders” i migranti ricevono anche assistenza legale nelle loro lingue madri, per capire la loro situazione, gli eventuali documenti e pratiche da fare per poter chiedere asilo o poter continuare il viaggio verso le loro mete…

Ho chiesto a Carlo di solito quanto rimangono i migranti nel campo e mi ha detto che alcuni rimangono due o tre giorni, altri per una settimana, qualcuno è rimasto per oltre un mese. La permanenza è per tutti, allo stesso tempo, una tappa di riposo dopo tante disavventure e un punto di partenza verso altre mete, spesso verso Parigi e Calais. Carlo ha voluto sottolineare che tutti ripartono carichi di speranza perchè, forse per la prima volta nel loro lungo viaggio, sono stati accolti come esseri umani. Ne è la riprova il fatto che molti rimangono in contatto coi volontari a cui inviano notizie dei loro viaggi e soprattutto il fatto che il “modello Ventimiglia” viene portato come esempio in tutta Europa  e tentato di riprodurre in molti altri campi, compreso quello grandissimo di Calais… definito la “jungla”. Purtroppo, anche se necessario, il campo autogestito è mal tollerato dalle autorità… Alcuni volontari (tra cui quello che ha montato pannelli fotovoltaici) hanno ricevuto il foglio di via dal Comune di Ventimiglia e ogni tanto la polizia tenta di sgomberare tutti… spargendo manganellate qua e là…

Finito il mio allenamento, tornando a casa, sono ripassato da Carlo che mi ha informato che in un’ora e mezza aveva già riempito due volte il suo furgone… Che dire? Grazie fiorentini!

Link

Ventimiglia chiama! A Firenze raccolta di materiali per il sostegno al presidio dei migranti!

Foto "Reportage da Ventimiglia" by 24 Emilia - flickr

Foto “Reportage da Ventimiglia” by 24 Emilia – flickr

La situazione drammatica dei migranti, anche alle nostre frontiere, la conoscete tutti. Vi giro pertanto un appello che ho ricevuto da amici fidati dei Gruppi d’Acquisto Solidali che a Firenze raccolgono dei materiali da inviare al presidio di sostegno e aiuto ai migranti che si trova a Ventimiglia…

Ciao a tutt*,

il presidio permanente NoBorders di Ventimiglia ha bisogno di un aiuto per la quotidianità del campo. Da Firenze partirà un furgone in solidari​e​t​à​ al presidio Mercoledì 23 Settembre.

Le necessità per l’accoglienza sono varie, ad esempio:

  • Generi alimentari.
  • Abbigliamento.
  • Oggetti da cucina (mestoli, pentole, contenitori, ecc.).
  • Coperte, lenzuola, materassini.
  • Materiale elettrico di qualsiasi tipo (nastro isolante, prolunghe, lampade, ecc.).
  • Attrezzi da lavoro (cacciaviti, pappagalli, martelli, ecc.).
  • Zaini, borse, k-way (e torcie elettriche).
  • Vecchi cellulari per poter comunicare (quelli che tenete nel cassetto casomai servissero…).

Per motivi logis​t​ici il materiale verrà raccolto Domenica 20 Settembre 2015 dalle 9 alle 13 in Piazza dell’Isolotto al parcheggio della passerella delle Cascine (in caso di pioggia in Piazza sotto la tettoia) e dalle 15 alle 18 dietro l’Esselunga del Gignoro all’Ex Fila.

Sarà anche possibile consegnare il materiale a Mondeggi Bene Comune “Fattoria senza padroni” tutti i giorni fino a Martedì 22 contattando Carlo 3385767315.

I LINK PER INFORMAZIONI:

https://www.facebook.com/Presidio-Permanente-No-Border-Ventimiglia-782827925168723/timeline/

http://noborders20miglia.noblogs.org/

Inoltre è possibile sostenere il Presidio NoBorders con delle donazioni a distanza. Da anni l’associazione “Popoli in arte” che si occupa di cooperazione internazionale e diffusione dell’educazione popolare mette a disposizione il suo IBAN:

IT86 Y08439 22700 000 100 104 313
Associazione Popoli in Arte

IMPORTANTE: Indicare come causale del bonifico “Presidio No Borders”

tratto dalla mail ricevuta tramite la lista dei Gruppi d’Acquisto Solidale di Firenze.

La marcia delle donne e degli uomini scalzi a Firenze.

Venerdì scorso ho partecipato alla Marcia delle donne e degli uomini scalzi che si è tenuta a Firenze. E’ stata proprio una bella manifestazione, con tanta partecipazione, forse anche più di quella che si attendevano gli organizzatori. Una manifestazione pacifica, con persone di tutte le età (dai bambini ai nonni),  di tutte le nazionalità e molto variegata anche come associazioni partecipanti: dai boy scout al partito Marxista-Leninista, passando da tante realtà che lottano per un mondo diverso e migliore come Emergency o il Cospe. Tutti inseme per ricordare i migranti morti nel Mediterraneo e per chiedere corridoi umanitari e politiche di accoglienza. Subito!

Vi metto una galleria di foto… non sono di grande qualità ma spero rendano l’idea della manifestazione!

Un film: “La guerra dei Mondi” (2005), che non è mica tanto fantascienza…

Foto "Universal Studios - Los Angeles - Set de La guerra dei Mondi" by TerrorNoize - flickr

Foto “Universal Studios – Los Angeles – Set de La guerra dei Mondi” by TerrorNoize – flickr

Venerdì sera mi è capitato di vedere su Rai4 il film di Steven Spierlberg del 2005 “La guerra dei mondi” con Tom Cruise. Questa sarebbe una recensione qualsiasi se il film di fantascienza non fosse cascato drammaticamente a pennello con l’attualità dello stesso giorno, assumendo un significato piuttosto inquietante.

La trama completa potete leggerla qui su Wikipedia: cerco di riassumerla in breve. Ray Ferrier (Tom Cruise) è un lavoratore portuale divorziato che vive in un paese del New Jersey e che nel fine settimana deve occuparsi dei figli mentre la ex-moglie parte per Boston. Nel villaggio appare una nube che inizia a lanciare fulmini che disattivano ogni apparecchio elettronico e, dalle buche create nel terreno, escono tripodi alieni che inceneriscono e distruggono tutto quello che incontrano. Ray capisce che per salvare i figli deve portarli a Boston dalla madre e inizia, con l’unica automobile funzionante di tutta la città, un viaggio che, tra migliaia di imprevisti e di effetti speciali, arriverà fino alla fine del film.

La scena delle migliaia di persone che camminano a piedi per l’autostrada, quella di coloro che assaltano Cruise e i figli per impossessarsi dell’unica auto funzionante e  infine, quella in cui tutti, presi dal panico, forzano i cordoni della polizia per salire sull’unico traghetto per attraversare il fiume Hudson, erano troppo simili a quelle mostrate dai TG appena mezz’ora prima… Ovvero a quelle dei rifugiati siriani che camminavano sulle autostrade bulgare verso l’Austria, a quelle delle persone che assalivano i treni e venivano respinte dalle forze di polizia, per finire con quelle dei barconi strapieni che affondano regolarmente dove, a differenza del film,  non è necessario nemmeno l’attacco dagli alieni…

Ecco, quello che ci manca nella realtà sono gli alieni … o forse no! Perchè a pensarci bene quegli alieni che nel film distruggono e uccidono la popolazione non sono molto differenti da noi occidentali che, con la scusa di esportare la democrazia, andiamo a distruggere e bombardare quelle zone del medio-oriente e del Nord-Africa solamente per accaparrarci le loro risorse naturali ed energetiche… In fondo, anche i tripodi alieni del film, non sono molto differenti dai droni usati da noi occidentali: entrambi sparano e bombardano a casaccio su vittime civili, con due piccole differenze. La prima è che i droni volano precisi mentre i tripodi camminano goffamente. La seconda è che nel film è tutto finto, mentre purtroppo…

°°°

Altri articoli interessanti sul tema dei migranti… Nella drammaticità degli eventi è interessante vedere come molti blogger osservino da molte sfaccettature la situazione…

Se questo è un uomo.

Foto del migrante trovato dalla polizia nel vano del motore a Ceuta (Spagna). Foto Ansa tratta dal sito del quotidiano 'La Repubblica'

Foto del migrante trovato dalla polizia nel vano del motore a Ceuta (Spagna). Foto Ansa tratta dal sito del quotidiano ‘La Repubblica’

Se questo è un uomo

Voi che vivete sicuri
nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
che lavora nel fango
che non conosce pace
che lotta per mezzo pane
che muore per un si o per un no.
Considerate se questa è una donna,
senza capelli e senza nome
senza più forza di ricordare
vuoti gli occhi e freddo il grembo
come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
stando in casa andando per via,
coricandovi, alzandovi.
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
la malattia vi impedisca,
i vostri nati torcano il viso da voi.

Primo Levi (Torino 1919-1987) scrittore, partigiano, chimico e poeta italiano

Foto tratta da Internet

Foto tratta da Internet

Foto tratta da Internet

Foto tratta da Internet

Aggiornamento del 3 Settembre 2015

Non potevo non aggiungere la prima pagina de “Il Manifesto” di stamani…

Prima pagina de "Il Manifesto" del 3/9/2015 - Foto presa da Internet

Prima pagina de “Il Manifesto” del 3/9/2015 – Foto presa da Internet

Il World Refugee Day Live… motiva il blog per un maggiore impegno!

Foto "World Refugee Day Live " by Unpodimondo

Foto “World Refugee Day Live ” by Unpodimondo

Sabato scorso, con mia moglie, siamo andati al concertone del World Refugee Day a favore dell’UNHCR che si teneva all’Ippodromo del Visarno di Firenze. Lo spettacolo è stato seguito da 5.000 fiorentini che, grazie al biglietto, hanno permesso ad altrettanti rifugiati di avere l’acqua potabile per un mese. Tenuto conto che nei fine settimana estivi la città si svuota perchè tutti vanno al mare e che questo per i fiorentini è quasi un week lungo (il 24/6 è San Giovanni, patrono della città), direi che i numeri, anche se non altissimi, sono stati di tutto rispetto.
Lo spettacolo è stato grandioso e l’apice è stato raggiunto dalla splendida voce di Elisa ma non vanno dimenticati l’energia di Piero Pelù (in 3 soli: voce, chitarra, batteria hanno tirato giù l’ippodromo), l’ironia di Brunori Sas, il divertimento della Bandabardò, il mash di Rock, Rap e Reggae del fantastico Piotta, l’eleganza di Enrico Ruggeri, per non dimenticare tutti gli altri. Simpaticissima la conduzione Francesco Pannofino, eccellente attore ma, lasciatemelo dire, pessimo cantante tanto da sciupare irrimediabilmente l’emozionante “Mare d’inverno” di Ruggeri. Te lo dice simpaticamente un ex-musicista, nonchè padre di una cantante: «A’ France’, sei un bravissimo presentatore ed un eccellente attore… anvedi d’ammollà colla musica, che nun sei tanto intonato, nun c’hai il senso del ritmo e me toppi pure gli attacchi!» 😉
Foto "World Refugee Day Live " by Unpodimondo

Foto “World Refugee Day Live ” by Unpodimondo

Struggente è stata l’emozione di un rifugiato siriano che ha suonato il violino da solo, perchè gli altri musicisti che compongono il suo quartetto d’archi, sono ancora imprigionati nell’inferno della guerra. Altrettanto emozionanti sono state le testimonianze dal palco degli altri rifugiati, di Alessandro Gassmann testimone di UNHCR, della giornalista Valentina Petrini di Piazza Pulita e di Carlotta Sami, attuale portavoce per il Sud Europa di UNHCR nonchè ex-direttrice di Amnesty International Italia.

Come era logico durante la serata sono stati chiesti fondi per le attività dell’UNHCR (fino a domenica prossima è possibile mandare un SMS solidale al nr. 45507) ma sono rimasto sorpreso che sia stato fatto più di un appello per una questione non monetaria. Quello di condividere, via Facebook, Twitter, blog le testimonianze, le reali notizie sulla situazione dei rifugiati e sul lavoro delle associazioni che operano con loro, per spezzare l’ondata di strisciante razzismo che sui media tende a esasperare il problema e a far passare la formula “rifugiati = criminali”, ricordandosi prima di tutto che i numeri sono diversi e che dietro ad essi ci sono i sentimenti e le vite di tanti esseri umani.Il blog, che in questo periodo attraversa una fase di stanca (la fuga da WordPress a Blogspot a causa cookie law mi fa sentire un po’ “rifugiato informatico”), accoglie di cuore questo invito e si impegna a diffondere le notizie, sperando in tal modo di dare un minimo contributo alla causa dei rifugiati e di smascherare le bugie elettorali montate da certi politici e certa stampa.

Alcuni numeri, tratti dalle testimonianze al Word Refugee Day e dal sito di UNHCR.

  • Nel mondo i rifugiati che fuggono da guerre e terrorismo sono quasi 60.000.000
  • Metà dei quasi 60.000.000 di rifugiati sono bambini (il 51%).
  • Un abitante della terra su 122 è un rifugiato.
  • Ogni giorno mediamente 42.500 persone, a causa di guerre o terrorismo, diventano rifugiati, richiedenti asilo o sfollati interni. E’ come se ogni giorno si svuotasse una città come Empoli.
  • La Siria è il paese da cui ha origine il maggior numero sia di sfollati interni (7,6 milioni) che di rifugiati (3.880.000 alla fine del 2014). L’Afghanistan (2.590.000) e la Somalia (1,1 milioni) si classificano al secondo e al terzo posto.
  • Il paese che ospita più rifugiati è la Turchia (1,59 milioni di persone) seguita dal Pakistan (1,51 milioni) e dal Libano (1,15), dall’Iran, dall’Etiopia e dalla Giordania.
  • Il Libano è il paese che ospita più rifugiati in rapporto ai propri cittadini: ci sono 232 rifugiati ogni mille abitanti, quasi uno su quattro. In Svezia ci sono 11 rifugiati su 1.000 abitanti, in Francia 3,5 su 1.000 e in Italia 1 su mille.
  • Quasi 9 rifugiati su 10 (l’86%) trovavano ospitalità in regioni e paesi considerati economicamente meno sviluppati.
  • Solo una minima parte dei rifugiati arriva in Europa. Nel 2014 in tutto il continente Europeo ne sono arrivati 6,7 milioni, mentre in Italia ne sono sbarcati dal Mediterraneo circa 219.000 e anche per il 2015 le cifre saranno più o meno le stesse. Insomma, la situazione è grave ma non ci stanno “invadendo”…