Tagliandi.

Foto

Foto “Mechanic” by Free for Commercial Use – Flickr

La scorsa settimana sono andato dal medico di base per farmi segnare le analisi del sangue e, dal momento che il dottore era in ferie, mi sono imbattuto nella sostituta. Che non ho molta fiducia in tutta la classe medica forse l’avete già capito da precedenti post, però dovendo scegliere, ho molta più fiducia nei medici giovani. Sono appena usciti dall’Università quindi dovrebbero essere freschi di studio e ben aggiornati, di solito parlano e ascoltano i pazienti volentieri e non sono ancora diventati quelle “ciniche-macchinette-spara-ricette-e-avanti-un-altro…”. Insomma ero proprio ben disposto e oltretutto, essendo la dottoressa anche molto carina, la lancetta della fiducia era quasi al massimo.

Chiedo alla dottoressa di fare le analisi che avevo fatto lo scorso anno (le classiche, colesterolo, trigliceridi, urine, etc… etc…) cosicché si mette a digitare sul computer e dopo un po’ mi dice: «Le analisi dello scorso anno andavano bene, perciò lei non dovrebbe farle. Le analisi si fanno ogni due anni». Ed io: «Mah veramente le faccio ogni anno, giusto  per controllo e il dottore me le ha sempre segnate senza problemi». La dottoressa insiste e io, prevedendo un pippone, metto subito le mani avanti: «Guardi che di solito io tutti gli anni faccio anche un eco-addome completo, una visita dal cardiologo con ecocolordoppler cardiaco  e vado pure dall’oculista». La dottoressa tira fuori il sorriso cinico e smagliante di chi la sa lunga e con sufficienza fa la sua diagnosi: «Ho capito, lei è uno di quelli paurosi!» Che io sia pauroso non ho problemi a confermarlo ma ho le mie buone ragioni e infatti le metto sul tavolo come se calassi l’asso di briscola per prendere un altro carico… «Vede dottoressa, più che pauroso io sono il marito di una signora che 10 anni fa, facendo una banale ecografia per controllare i calcoli alla cistefellea ha trovato un tumore maligno, totalmente asintomatico, al rene sinistro. Se oggi è sana e salva e non sotto due metri di terriccio lo deve a quell’ecografia fatta quasi per caso». Fortunatamente nel frattempo la stampante aveva fatto uscire la prescrizione delle mie analisi, per cui le ho prese, ho salutato e sono uscito dall’ambulatorio pensando, che la dottoressa, giovane per età forse come medico era più vecchia del titolare dell’ambulatorio…

A questo punto io mi domando: se per la caldaia del metano tutti gli anni vanno fatti i controlli, se all’automobile ogni anno si fa il tagliando, è così da marziano pensare che uno che ha passato il mezzo del cammin della sua vita, voglia fare una volta l’anno un tagliando a quella macchina che è il suo corpo?

P.S. Ci tengo a precisare che, visti i costi dei ticket e i tempi di attesa, molti di questi esami li faccio privatamente, quindi non gravo nemmeno sul SSN, che non dovrebbe far altro che ringraziarmi! Tanto per capirsi coi soldi spesi per il ticket delle analisi potevo portare a cena fuori tutta la famiglia… E poi ci scassano gli zebedei con la prevenzione!

Annunci

L’acqua che manda il vostro dottore di famiglia in crociera…

Foto

Foto “Signora del Vento” by JohnBurke – flickr

Quando dovete andare nello studio del vostro medico di famiglia quante mezzore vi capita di attendere nella sala di aspetto? E quando siete lì che cosa fate? Ascoltate i dolori e le lamentele delle altre persone presenti? Sfogliate quelle vecchie riviste semidistrutte e piene di batteri che giacciono da mesi sul tavolino? Oppure aspettate il vostro turno osservando i soliti quadri e i poster appesi alle pareti, che ormai conoscete a memoria?

In questo ultimo caso potreste imbattervi in un poster nuovo, dove una persona con un camice ed uno stetoscopio pubblicizza le acque minerali di Del Piero e di Miss Italia… Non vi preoccupate, il poster non è lì perchè si tratta di acque miracolose che vi faranno guarire all’istante… D’altra parte mica sono di Lourdes? Sono acque delle province di Pisa e di Perugia.

Il poster è lì perchè, come raccontato dall’articolo pubblicato su “Il fatto alimentare”, il sindacato dei medici di famiglia FIMMG ha fatto un accordo pubblicitario con le acque di Del Piero e Miss Italia. Se vostro medico tiene appeso ben in vista il poster nello studio per un anno,  partecipa all’estrazione di 100 crociere a bordo del veliero “Signora del Vento”…  Ecco, mandatecelo voi il vostro medico… in crociera nel vento!!!

A Firenze musei gratuiti e concerti per le celebrazioni dell’Elettrice Palatina.

Foto "elettrice palatina viso" by basilicasanlorenzo - flickr
Foto “elettrice palatina viso” by basilicasanlorenzo – flickr

Anna Maria Luisa De’ Medici (principessa Elettrice del Palatinato) fu l’ultima rappresentante della casata dei Medici ed è ricordata tutt’oggi a Firenze perchè, quando nel 1737 passò il potere dai Medici ai Lorena, lei stipulò il cosiddetto “Patto di Famiglia” che stabiliva che i Lorena non potessero mai portare via da Firenze il patrimonio artistico raccolto dai Medici.

[…] o levare fuori della Capitale e dello Stato del GranDucato […] Gallerie, Quadri, Statue, Biblioteche, Gioje ed altre cose preziose […] della successione del Serenissimo GranDuca, affinché esse rimanessero per ornamento dello Stato, per utilità del Pubblico e per attirare la curiosità dei Forestieri.

tratto dal patto di famiglia stipulato da Anna Maria Luisa de’ Medici con la casata dei Lorena

Inutile dire che questo patto fu la fortuna per Firenze e perciò l’Elettrice Palatina viene celebrata ogni anno con una festa che si terrà domani Sabato 18 Febbraio 2012. Per l’occasione saranno aperti gratuitamente i seguenti musei comunali:

Nella stessa giornata di Sabato si terranno una serie di eventi in onore dell’Elettrice Palatina (visite guidate, corteo storico, concerti) il cui programma è dettagliato in questo pdf

Polli alla diossina in provincia di Pistoia!

*insert chicken noise here* - by KayVee.INC - Flickr

foto *insert chicken noise here* - by KayVee.INC - Flickr

Ricevo queste notizie dalla sezione Toscana del Patto di Mutuo Soccorso.

COMUNICATO STAMPA 8 APRILE 2009 del Coordinamento Nazionale dei Comitati dei Medici per l’Ambiente e la Salute.

I POLLI TOSCANI NON SONO DA MENO DEI SUINI IRLANDESI!
Sono stati recentemente diffusi i risultati di esami fatti su matrici biologiche ( latte, uova, carne di manzo, pollo ecc.) eseguiti – su forte pressione dell’opinione pubblica- in seguito all’ incidente occorso nell’ estate del 2007 all’inceneritore di Montale (PT), incidente che comportò sforamenti notevoli per diossine e similari e che portò alla sua chiusura, purtroppo, temporanea. Orbene questi valori sono assolutamente preoccupanti e nella carne di pollo si arriva a livelli di diossine e PCB dioxin- like fino a oltre 10 volte il limite ammesso.
Il limite per la commercializzazione di carne di pollo infatti è 4 ng/kg: su 8 campioni di carne di pollo 5 sono nettamente oltre questa soglia ( fino a 10 volte tanto). Il campione con il risultato più alto (46.2) è stato eseguito in “zona bianca”, al di fuori quindi dell’area di ricaduta dell’inceneritore in questione, ma….udite, udite, a poche centinaia di metri da un altro impianto di incenerimento! Anche altri prodotti sono risultati contaminati: uova di gallina 7,43 , uova di oca 10.31 (il limite per le uova è 6 ng/kg ) e nell’ unico campione di carne bovina è stato riscontrato un valore di 5.49, superiore al limite ammesso. Ma non basta, si rassicurano i cittadini affermando che si tratta di impianti modello, che il monitoraggio è continuo e ci si accorge – dagli stessi dati forniti dal gestore dell’ impianto – che nel mese di febbraio esso ha lavorato per oltre 60 ore senza carboni attivi ( deputati all’ abbattimento delle diossine) e che le Autorità competenti non se ne erano neanche accorte!
C’è da rimanere sconcertati, nonostante l’evidenza dei dati*, gli esempi sempre più numerosi di mal funzionamento di questi impianti, danni acclarati ed ormai ben quantificati alla salute umana ed all’ambiente**, si continua a “promuovere” l’incenerimento, nonostante le alternative esistenti e già ampiamente realizzate e a fornire, non si sa su quali basi, rassicurazione alle popolazioni.
E’ penoso constatare ancora una volta che le Istituzioni sono lontane dai veri problemi dei cittadini ( la Salute innanzi tutto), sono acquiescenti nei confronti di grandi e piccole lobbies, ascoltano solo ciò che vogliono sentire e non le voci sempre più allarmate che si levano dalla Comunità Scientifica indipendente.
Si trascurano sistematicamente le opinioni scientifiche minoritarie che, viceversa, dovrebbero essere prese in ben più seria considerazioni viste le troppe ” Lezioni apprese in ritardo da pericoli conosciuti in anticipo***”, ma, come disse Max Plank premio Nobel per la Fisica: ” i vecchi paradigmi della scienza vengono cancellati solo quando i Professori che li hanno proposti e che su questi hanno costruito le loro carriere scientifiche e didattiche e le loro fortune sono morti”.
Peccato che tanti innocenti nel frattempo ne debbano pagare, ingiustamente, il prezzo.

Coordinamento Nazionale dei Comitati dei Medici per l’Ambiente e la Salute

*“The Health Effects of Waste Incinerators” 4th Report of the British Society for Ecological Medicine Second Edition June 2008
**http://wmr.sagepub.com/cgi/content/abstract/26/2/147
***http://www.eea.europa.eu/publications/environmental_issue_report_2001_22

Su questa situazione l’europarlamentare ed astronauta Umberto Guidoni ha fatto la seguente interrogazione all’Europarlamento…

Roma, 09.04.09

Come riportato dagli organi di stampa locali, i comitati e le associazioni toscane hanno denunciato il fatto che 5 campioni di carne di pollo – su 8 esaminati — contenessero diossine (inclusi PCB dioxin-like) al di sopra del limite massimo consentito dalle leggi vigenti, pari a 4 nanogrammi per chilo.

I campioni analizzati dall’istituto zooprofilattico sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana, sono stati raccolti – nel corso del 2008 – nell’area di ricaduta dell’inceneritore di Montale e, in un caso, a poche centinaia di metri da quello di Baciacavallo. Dalle analisi sono risultati valori fino a 46.2 nanogrammi per chilo, oltre undici volte il limite consentito dalla normativa.

Considerando che:

– il contenuto di diossine nelle carni di pollo supera, in 5 campioni su 8, i limiti consentiti dalla legge,

– i superamenti dei limiti si sono riscontrati anche nelle uova e

nell’unico campione di carne bovina esaminato

– le normative in vigore prevedono in questi casi, l’assoluto divieto di consumo alimentare

– nessun provvedimento è stato assunto dalle autorità locali per evitare il consumo di tali alimenti

– le istituzioni comunitarie devono assicurare la tutela della salute dei cittadini,

– nell’area interessata sono presenti ben due inceneritori a distanza di pochi chilometri uno dall’altro,

1) non ritiene la Commissione di dover acquisire informazioni presso le autorità sanitarie locali, al fine di verificare la relazione fra la contaminazione del bestiame e le emissioni di diossina degli inceneritori?

2) Non ritiene inoltre la Commissione di dover assicurare l’intervento delle autorità locali per evitare il consumo degli alimenti contaminati, al fine di tutelare la salute dei cittadini?

3) non ritiene, inoltre, la Commissione che gli incentivi CIP 6, che il governo italiano accorda ai termovalorizzatori – in contrasto con le normative europee — abbiano prodotto l’anomala concentrazione di ben due inceneritori in un territorio circoscritto, condizione questa che potrebbe essere alla base della contaminazione?

Che altro aggiungere? Tra poco ci saranno le elezioni amministrative ed europee. Lasciate perdere le divisioni destra, centro, sinistra che lasciano  veramente il tempo che trovano. Pensate alla vostra salute e votate i candidati che si oppongono agli inceneritori e che si impegnano per  una vera raccolta differenziata, fatta porta a porta!

Voci dal terremoto in Abruzzo: Robert Colucci

***

Per la serie delle voci dei blogger sul terremoto in Abruzzo, vi posto il commento che Robert Colucci, fratello e figlio di due terremotate,  ha lasciato sul sito di Beppe Grillo in risposta all’articolo di Marco Travaglio del 13/04/2009. Ogni ulteriore discorso è superfluo.

commento di Robert Colucci (Voti: 101)

Al netto delle cazzate, con madre e sorella in tendopoli e due case distrutte (di cui una con mutuo per ristrutturazione ancora aperto) posso dire:

– nelle prime 48 ore, la meta’ dei volontari della protezione civile non sapeva cosa e come fare perche’ mancavano mezzi e coordinazione in loco.

– con 4 -QUATTRO- mesi di scosse come preavviso, che qualcuno dovesse organizzare un piano di fuga e le aree attrezzate PREVISTE DALLA LEGGE non ci piove. Non e’ stato fatto UN CAZZO.

Si e’ aspettata la botta seria per tirare fuori i morti dalle macerie.
Un piano di lavoro del genere l’avrebbe coordinato alla grande anche un babbuino.

L’ospedale: non “si trova piu'” il documento di collaudo. Quando e se saltera’ fuori, il poveraccio che ha firmato si cimentera’ nel bungee jumping dal cavalcavia in stile Bove. Pare vada di moda in centro italia.

Appurato che con una coscienza civile differente dalla solita mafitaliota, qualche decina di vite si sarebbero potute salvare, la successiva assistenza agli sfollati e’ stata piu’ che buona.

E non per meriti, ma NONOSTANTE le apparizioni da reality.

I ringraziamenti vanno ai viglili del fuoco, volontari, medici e privati che hanno dimostrato ancora una volta che almeno il cuore non ci manca.

E gli albergatori della costa che stanno ospitando quindicimila persone da una settimana senza chiedere una lira.
Non sanno se e quando verranno rimborsati, nessuno ha mandato comunicazioni ufficiali.
Solo le solite promesse del circo barnum, qualcuno intanto e’ andato in banca a chiedere prestiti.

E siamo gia arrivati alla fase 3.
Dimenticare.
Ancora 10 giorni e sparira’ tutto da giornali e tv.
La messa e’ finita, andate a votare.

tratto dal Commento di Robert Colucci al post di Marco Travaglio del 13 Aprile 2009, pubblicato sl sito di Beppe Grillo.

*** foto Neonatologia by candido33 – flickr