Firmate la petizione contro la targa e il bollo per le biciclette!

Foto "Bicycling -from old book" by plaisanter~ - flickr

Foto “Bicycling -from old book” by plaisanter~ – flickr

Appena ieri il blog parlava di inquinamento (qui il post) che oggi arriva risposta dei nostri politici italiani, in particolare una perla del Senatore del Partito Democratico Marco Filippi che ha avuto la gran bella idea di fare una proposta di legge per obbligare le biciclette ad avere una bella targa e a pagare il bollo.

Non è una novità… la notizia era nell’aria da tempo e questo blog ne parlava già ad Aprile 2014 (qui il post) ipotizzando, non solo il bollo ma pure l’assicurazione obbligatoria, proprio come per le auto. Serviva solo un oscuro senatore in vena di popolarità che mettesse la proposta nero su bianco…

Inutile dire che il popolo dei ciclisti s’è arrabbiato non poco e di conseguenza, a vedere le reazioni della rete, credo che il senatore abbia raggiunto la sua bella popolarità negativa… che forse, essendo lui livornese, mi immagino sia stata estesa pure a qualche “tegame” di sua conoscenza….

Se anche voi volete che questa proposta di nuova tassa venga al più presto accantonata vi invito a firmare questa petizione su change.org. Grazie a tutti!

Se poi la tassa andrà in porto vorrà dire che sarà la volta buona che imparo a pattinare e ad andare sullo skateboard … Oddio… meglio se non lo scrivevo… Non avrò mica dato un’idea nuova all’oscuro senatore del pd in vena di notorietà?

Per approfondire:

Annunci

Blog Action Day 2015. Liberate Raif Badawi!

Logo del Blog Action Day.

Logo del Blog Action Day.

Oggi è il Blog Action Day, la giornata in cui migliaia di blogger di tutto il mondo scrivono un post su un tema comune che quest’anno è “RAISE YOUR VOICE”, ovvero “Alza la tua voce in difesa di chi viene messo a tacere!“. Fra le (purtroppo) troppe storie di persone che subiscono violenza per aver espresso le proprie idee ho scelto quella di Raif Badawi, condannato, frustato e imprigionato solo per essere un blogger, proprio come me e come molti di voi che adesso state leggendo questo post.

Raif è un blogger dell’Arabia Saudita arrestato nel 2012 per aver pubblicato on line il Forum “Free Saudi Liberals” che ospitava dibattiti su temi politici e religiosi.

Firma per Raif

Il 7 maggio 2014, Raif Badawi è stato condannato a 10 anni di carcere e a 1.000 frustate, confermate dalla Corte suprema  araba il 6 Giugno 2015. Il 9 gennaio 2015 è stato pubblicamente frustato davanti alla moschea di al-Jafali a Gedda con le prime 50 frustate. Le altre sono state rimandate almeno 12 volte per le precarie condizioni di salute di Raif e perciò la famiglia teme per la sua vita. La moglie Ensaf Haidar e i tre figli Najwa (nata nel 2003), Terad (nato nel 2004) e Miriyam (nata nel 2007) due anni fa hanno ottenunto l’asilo politico in Canada e attualmente vivono a Montreal.

Per approfondire:

Il video con la lettera toccante scritta da Terad, figlio di Raif Badawi

#BAD15 #RaiseYourVoice

Torna il Blog Action Day: preparatevi per il 16 Ottobre.

Logo del Blog Action Day.

Logo del Blog Action Day.

Anche per quest’anno torna il Blog Action Day, la giornata in cui migliaia di blogger di tutto il mondo scriveranno un post su un tema comune. Il prossimo 16 Ottobre 2015 i blog aderenti scriveranno un post sul tema “RAISE YOUR VOICE”, ovvero “Alza la tua voce in difesa di chi viene messo a tacere!“. I blogger racconteranno, ognuno a modo suo e con la più ampia libertà,  le storie di coloro che alzano la voce per la giustizia e i diritti e che purtroppo, in molte zone del mondo, vengono censurati, minacciati e subiscono violenze.

I temi degli anni scorsi sono stati “L’ambiente” (2007),  “La povertà” (2008), “I cambiamenti climatici” (2009), “L’acqua” (2010), “Il cibo” (2011), “Il potere delle persone unite” (2012), “I diritti umani” (2013), “Le disuguaglianze” (2014).

Per partecipare dovete semplicemente registrare il vostro blog a questo link http://www.blogactionday.org/join/ e poi, logicamente, ricordarvi di fare il post il prossimo 16 Ottobre. Per maggiori informazioni potete consultare il sito ufficiale http://blogactionday.org/ (attualmente il sito è in aggiornamento, per cui troverete delle pagine sulla giornata del 2015 e altre su quelle del 2014).

AGGIORNAMENTO DEL 7 OTTOBRE 2015

Il sito del Blog Action day è in costante aggiornamento e, rispetto ai giorni scorsi è cambiato il link per registrarsi (quello buono è http://www.blogactionday.org/join/). Ringrazio delegointe del blog Lamine sovrapposte per la segnalazione.

Pensiero per il 25 Aprile.

Foto "resistenza" by Davide e Paola - flickr

Foto “resistenza” by Davide e Paola – flickr

Oggi è il 25 Aprile e festeggiamo il 7o° Anniversario della Liberazione: cortei, corone d’alloro, bandiere,  bande di paese e politici con la fascia tricolore a parlare dall’alto dei vari palchi.  Tutti pronti a richiamare i sacri principi della libertà, della democrazia, della Costituzione, della tutela dei diritti umani e dei più deboli. Peccato che quei politici domani, una volta riposto il tricolore nel cassetto, continueranno a cancellare la democrazia, a stravolgere la Costituzione, a togliere i diritti ai lavoratori e a incrementare le disugaglianze, il tutto per la loro bramosia di potere.

I principi della Resistenza sono carta straccia se li pensiamo solo come un ricordo polveroso che ci lascia indifferenti. Sono vuoti contenitori se non ci accorgiamo che il mondo è ancora pieno di guerre e che le dittature di adesso sono quelle del denaro, delle troike, delle banche e delle multinazionali. E che oggi al posto di Auschwitz abbiamo un lager di acqua e di morte chiamato Mediterraneo.

Cosa ci riserverà il futuro non lo so, ma so cosa avrebbero fatto i nostri nonni semianalfabeti,  poveri in canna, partigiani e contadini, se si fossero trovati davanti quei barconi di disperati in arrivo dall’Africa. E da un confronto con i nostri nonni, noi ricchi, indifferenti e tecnologici nipoti ne usciremmo facendo una ben magra figura… Noi che clicchiamo tutti i giorni sul “Mi piace” ma in realtà non abbiamo più la pietas…

In ogni caso…. Buon 25 Aprile!

Il barista che ammazzò decine di libri…

Foto

Foto “Romeo & Juliet” by Emerson Utracik (EP) – flickr

Nel mio post “Un libro non è diamante, casomai è una trottola…” del 24/5/2013 vi raccontavo della mia passione per il bookcrossing e di come avevo trovato, nel quartiere 4 di Firenze, un bel posto dove scambiare i libri… Visto che nei commenti mi fu chiesto, misi anche l’indirizzo del centro culturale: New Staz in via Attavante, zona Ponte a Greve…

Newstaz non era l’unico luogo del quartiere 4 di Firenze dove fare bookcrossing: ci sono la Biblioteca di Via Canova, il Circolo Arci dell’Isolotto, la Coop del Ponte a Greve, alcune palestre comunali, e non molto lontano, la Biblioteca di Scandicci. Newstaz però era diversa: c’era una parete intera di libri, la rotazione dei testi era costante, trovavi sempre nuovi volumi e c’erano perfino Dvd, Cd e Vhs. Visti tutti i corsi che si tengono a Newstaz (teatro, musica, danza, lingue, yoga, etc…) i libri presenti erano davvero interessanti: insomma, non c’erano solo Wilbur Smith e gli Harmony… E poi l’ambiente era carino: la parete del bookcrossing era nel bar e mentre sceglievi i libri potevi, a seconda dell’ora, sorseggiare un caffè, un succo di frutta o mangiare un gelato.

Parlo al passato della parete del bookcrossing di NewStaz perchè purtroppo, dalla riapertura del centro culturale dopo le ferie estive, questa non c’è più.  Alcuni giorni fa sono passato dal centro per lasciare 6 libri che avevo letto durante le ferie e ho scoperto che è stata sostituita da una scaffalaturina con alcune bottiglie di vino e da un frigo dei gelati.

Ho chiesto informazioni alla segreteria del centro e mi è stato risposto che il nuovo gestore del bar non l’ha più voluta e perciò han dovuto sbaraccare tutto e adesso i libri del bookcrossing sono chiusi in una stanza e attendono una nuova collocazione in altri spazi. Collocazione che, mi è parso di intuire, sarà alquanto difficile, se non addirittura impossibile. E così, un piccolo servizio culturale, gratuito, solidale, di riuso e riciclo, aperto al buon cuore di tutti gli amanti del bookcrossing è stato ucciso dai voleri di un barista…

Caro barista, i miei libri li porterò in uno degli altri luoghi del bookcrossing del quartiere 4, uno di quelli più piccoli e con meno scelta. Tu invece i miei soldi dei succhi di frutta e dei gelati che prendevo mentre sceglievo i libri, te li puoi scordare… Mah! Hai appena iniziato la tua attività e hai subito perso un cliente! …Contento tu!

Bicicletta: che faccio? L’etichetto? Oppure no?

Foto

Foto “Bicicletta nella neve / Bicycle on the snow” by unpodimondo – flickr

Dalle mie parti sta partendo in vari comuni l’iniziativa di etichettare le biciclette, come antidoto contro i furti. Empoli è già partita qualche mese fa (qui la notizia), Prato lo scorso anno (qui),  Firenze sta partendo in questi giorni (qui) ed esperienze analoghe sono già  diffuse da diversi anni  del pisano.

Per evitare i furti, ogni telaio di bicicletta viene punzonato con un codice alfanumerico indelebile e inamovibile a cui è associato, in un database in possesso dei Comuni, il nome del proprietario. Tale operazione dovrebbe scoraggiare i furti di biciclette che stanno aumentando vertiginosamente, anche da parte di ladri professionisti, come testimoniato da questo articolo di Repubblica. L’etichettatura fino ad ora è stata proposta su base volontaria, a costi nulli o bassissimi: di solito la prima bici per famiglia viene etichettata gratis, mentre le successive vengono etichettate a costi di qualche euro (dai 2€ ai 5€).

Vediamo i vantaggi di questa operazione.

  • Le bici etichettate dovrebbero essere meno appetibili per i ladri (anche se più dell’etichetta valgono una bella catena e un lucchettone).
  • Quando una bici rubata viene ritrovata si può risalire subito al proprietario a cui può essere riconsegnata velocemente. I depositi di bici dei comuni sono pieni di biciclette ed è difficile per i proprietari dimostrare che quella bici lì è proprio la loro… A volte si può provare con una foto ma non è detto che il Comune l’accetti. Se invece la bici non è stata rubata ma è stata rimossa dai vigili perchè parcheggiata in divieto di sosta a volte è più conveniente abbandonarla al Comune e comprare una bici nuova piuttosto che pagare tasse e multe, soprattutto se la bici rimossa dai vigili è vecchiotta.
  • Queste iniziative portano qualche euro nelle casse sempre asfittiche dei Comuni e creano nuovi posti di lavoro: ad esempio ad Empoli l’operazione di etichettatura è fatta da una Onlus in cui lavorano dei disabili.

Fin qui i vantaggi… vediamo un po’ gli svantaggi, pensando anche a quello che potrebbe accadere in futuro…

Iniziamo a dire che con questa crisi le biciclette sono tornate di moda. Come attestato da questo articolo de “Il fatto quotidiano” negli  ultimi anni la vendita di biciclette ha superato quella delle automobili. Ammettiamo poi  che  le biciclette, rispetto alle auto, sono piuttosto anarchiche: non pagano bollo, ne’ assicurazione e inoltre, pedalare fa bene all’ambiente e alla salute (con risparmio di ticket sanitari e tasse sui carburanti). La bicicletta consente al ciclista “sgamato” di prendersi anche qualche libertà: se ti trovi in una città senza piste ciclabili o con le piste trasformate in parcheggi abusivi sei per forza costretto ad aggirare il traffico automobilistico con manovre non proprio legali, come prendere qualche strada contromano (all’estero in alcuni paesi per le bici è un’operazione legale). Oppure se, come nel centro di Firenze, le rastelliere sono insufficienti e perennemente occupate a volte sei costretto a incatenare la bici dove non vorresti, ad esempio a un cartello stradale o a un palo della luce, etc…

Ora, vista la situazione attuale,  pensate un po’ alle  conseguenze che potrebbe avere la punzonatura delle biciclette. Se questa operazione diventasse obbligatoria sarebbe una bella targa messa sulla bici che individua univocamente il proprietario. Da lì a metterci una tassa tipo bollo il passo sarebbe facile e breve. Obbligare (logicamente per il loro bene) i ciclisti a fare un’assicurazione esosa tipo RC Auto, altrettanto. E poi i vigili avrebbero vita facile nel rimuovere le bici in diveto di sosta e ad  appiopparci delle belle multe che spesso supererebbero il valore delle biciclette stesse e che il proprietario verrebbe poi obbligato a pagare, magari dall’Equitalia di turno…

E comunque pensate davvero che le forze dell’ordine abbiano i mezzi e le forze per dedicarsi alle bici rubate? E pensate anche che i ladri non possano in qualche modo fare una bella abrasione sulla punzonatura?

Sulle tasse a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca… Alla punzonatura io preferisco una bici vecchia e maggiore  libertà….

Il valzer dei libri in vacanza…

Foto

Foto “This book” by Bob AuBuchon – flickr

Lo scorso Maggio pubblicai un articolo dedicato al bookcrossing intitolato “Un libro non è diamante, casomai è una trottola…“. Fra le mille altre cose che ho fatto in vacanza ho avuto anche modo di fare del bookcrossing quando ero al mare… Sono partito da casa con due libri da leggere che avevo trovato nello scaffale del bookcrossing che frequento qui a Firenze: “Fruit & Company” di Fabrizio Parenti e “N.P.” di Banana Yoshimoto.

Non sto a raccontarvi per filo e per segno trama dei due volumi. Basti dire che del primo libro mi aveva attratto la copertina e il fatto che l’autore fosse toscano. Alla fine dei conti, secondo il mio modesto avviso, si è trattato di una ciofeca… la storia di un ortolano distrutto economicamente, in parte da un centro commerciale e molto di più da tre donne attratte dalle sue capacità amatorie… insomma carta e inchiostro sprecati… Banana Yoshimoto invece è stata una bella lettura: un libro che parla di temi belli pesanti (letteratura, suicidi, incesto, adolescenti, rapporti tra fratelli e sorelle) ma con una leggerezza e una pietà tutte orientali.

Dopo averli portati dalla Toscana alle Marche ed averli letti sulla spiaggia i due libri sono finiti nello scaffalino del bookcrossing del Bagno Apapaia di Senigallia dal quale ho prelevato il romanzo “La prosivendola” di Daniel Pennac che mi ha fatto conoscere le vicende di Benjamin Malaussène. Non avendo terminato la lettura quando ero in vacanza, mi sono portato a casa il libro e adesso sto finendo di leggerlo. Quando lo avrò terminato lo spedirò alla futura Biblioteca di Lampedusa insieme ad altri due o tre libri che ho messo da parte per l’inizativa di cui vi avevo parlato nel post dello scorso 8 Agosto.

Guardando il retro della copertina de “La Prosivendola” ho scoperto, dal cartellino che copriva il prezzo,  che il libro era stato venduto a Brera: chissà quali altri passaggi ha fatto prima di arrivare a Senigallia, per poi essere trasferito a Firenze in attesa di finire a Lampedusa… Sembra quasi un Giro d’Italia…