Se questo è un uomo.

Foto del migrante trovato dalla polizia nel vano del motore a Ceuta (Spagna). Foto Ansa tratta dal sito del quotidiano 'La Repubblica'

Foto del migrante trovato dalla polizia nel vano del motore a Ceuta (Spagna). Foto Ansa tratta dal sito del quotidiano ‘La Repubblica’

Se questo è un uomo

Voi che vivete sicuri
nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
che lavora nel fango
che non conosce pace
che lotta per mezzo pane
che muore per un si o per un no.
Considerate se questa è una donna,
senza capelli e senza nome
senza più forza di ricordare
vuoti gli occhi e freddo il grembo
come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
stando in casa andando per via,
coricandovi, alzandovi.
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
la malattia vi impedisca,
i vostri nati torcano il viso da voi.

Primo Levi (Torino 1919-1987) scrittore, partigiano, chimico e poeta italiano

Foto tratta da Internet

Foto tratta da Internet

Foto tratta da Internet

Foto tratta da Internet

Aggiornamento del 3 Settembre 2015

Non potevo non aggiungere la prima pagina de “Il Manifesto” di stamani…

Prima pagina de "Il Manifesto" del 3/9/2015 - Foto presa da Internet

Prima pagina de “Il Manifesto” del 3/9/2015 – Foto presa da Internet

Un libro: “La danzatrice bambina” di Anthony Flacco.

Copertina de "La danzatrice bambina"

La danzatrice bambina – Copertina

Il secondo libro che ho letto in vacanza è totalmente diverso da quello presentato nel post precedente, in quanto racconta una storia vera, molto drammatica ma, fortunatamente, a lieto fine.

Siamo nel 2001 in uno sperduto paesino in Afghanistan dove, con la propria famiglia, vive Zubaida, una vivace bambina di 9 anni che, in un giorno in cui i suoi genitori non erano in casa, rimane terribilmente ustionata a causa di un incidente con una tanica di Kerosene. Il padre dopo averla portata, con sommi sacrifici, nei vari ospedali locali che davvero poco possono fare per lei, non si arrende ad aspettare che muoia fra atroci dolori. Decide così di presentarsi con la figlia ad una base militare statunitense. Un soldato, colpito dalle sofferenze della bimba, contravviene alle regole militari e si fa carico di lei. Nasce allora un passaparola di eventi e di persone che origina un’inattesa catena di solidarietà che porterà Zubaida negli Stati Uniti dove verrà operata più volte e dove sarà ospite nella famiglia del chirurgo che l’ha in cura. Zubaida trascorrerà circa due anni negli Stati Uniti e, tra un intervento e l’altro, frequenterà la scuola fino alla sua completa guarigione. La sua storia commuoverà l’America tanto che al suo ritorno in Afghanistan saranno stati raccolti i fondi per comprare un’abitazione alla famiglia di Zubaida in una località dove i figli potranno tutti andare a scuola.

Se la storia vera è molto bella, purtroppo il libro non scorre e si legge con una certa fatica.  Non saprei dire se è colpa dell’autore o del traduttore in italiano, ma in ogni caso il testo non è dei migliori. Un’altra cosa che mi ha un po’ dato noia è la differenza fra la precisione millimetrica della descrizione degli interventi chirurgici (l’autore descrive i centimetri quadrati di pelle innestati, i muscoli tagliati, il nome dei farmaci, etc…) e di contro l’approssimazione nel descrivere la situazione in Afghanistan all’inizio degli anni 2000 (tutti cattivi e ignoranti tranne i buoni  americani, esportatori di democrazia).

Sinceramente, siamo lontani anni luce dai capolavori di Khaled Hosseini, ma tutto sommato è comunque un libro che vale la pena leggere, anche solo per la tenacia con cui il padre di Zubaida ha lottato per farla curare e garantirle un futuro!

Zubaida, prima del rientro in  Afghanistan ospite dell’Oprah Winfrey Show
(se siete sensibili non guardate il video: ci sono foto di Zubaida ustionata)

p.s. Il libro, trovato grazie al bookcrossing, è stato registrato sul sito www.boocrossing.com e rilasciato in libertà presso l’apposita libreria del Circolo ARCI Isolotto, in via Maccari a Firenze…

Un libro: “Fuga dal Natale” di John Grisham.

Fuga-dal-Natale

Fuga dal Natale – Copertina

Ok, concordo che il libro è proprio fuori stagione ma cosa c’è di più bello che starsene al mare col corpo disteso sotto l’ombrellone mentre la mente si trova immersa nel freddo periodo natalizio e per giunta negli Stati Uniti? Infatti questo è uno dei due libri che mi sono letto sulla spiaggia nella settimana scorsa. Come avete visto manco dal blog dai primi del mese ma non pensate che sia stato tutto questo tempo in ferie… Per i curiosi mi sono fatto un viaggetto di pochi giorni tra Lubiana, Trieste e dintorni e poi una settimana spaparanzato al sole di Pinarella, leggendo libri… giusto per recuperare dal tour de force dei giorni prima, fra castelli, grotte, musei e chiese…

Torniamo comunque al libro che è stato scritto da John Grisham, famoso per essere l’autore di molti legal thriller americani come “Il socio”, “Il cliente”,  “Il rapporto Pelican”, etc… Per una volta il libro non è ambientato nelle aule giudiziarie e non ci sono ne’ crimini, ne’ scandali, ne’ complotti, ma semplicemente una coppia che vorrebbe saltare il Natale… I Krank sono la tipica famigliola americana composta dal padre Luther, dalla madre Nora e dalla figlia Blair che, appena laureata, parte per un anno di volontariato in Perù… Restando soli, i coniugi decidono di saltare le feste, spendendo i 6.100$ che l’anno precedente avevano destinato a cenoni, regali, e addobbi, per una  lussuosa crociera nei caraibi, con partenza proprio il 25 Dicembre. Riusciranno i Krank ad evitare il clima natalizio, le iniziative di beneficenza, il vortice dei regali e soprattutto i vicini di casa che non sopportano quell’unica villetta senza luci e senza il pupazzo di neve Frosty sul tetto?

Si tratta di un libro divertentissimo e scritto molto bene… Come in un puzzle i pezzi si incastrano l’uno dopo l’altro ma, invece di essere gli indizi di un legal thriller, sono gli imprevisti e le disavventure che si  frappongono fra i Krank e la loro crociera, fino alla svolta del libro, che avviene proprio alla vigilia di Natale…

p.s. Il libro, trovato grazie al bookcrossing è stato registrato sul sito www.boocrossing.com e rilasciato in libertà presso l’apposita libreria del Circolo ARCI Isolotto, in via Maccari a Firenze…

Buona Pasqua!

Foto

Foto “Chick House” by Calsidyrose – flickr

Anche se il meteo (almeno qui a Firenze) sembra più da Natale,  auguro a tutti i lettori e alle loro famiglie una Buona e Serena Pasqua, con una simpatica poesia di Gianni Rodari. Tanti Auguri a tutti!

Marco

Dall’uovo di Pasqua

Dall’uovo di Pasqua
è uscito un pulcino
di gesso arancione
col becco turchino.
Ha detto: Vado,
mi metto in viaggio
e porto a tutti
un grande messaggio.
E volteggiando
di qua e di là
attraversando
paesi e città
ha scritto sui muri,
nel cielo e per terra:
“Viva la pace,
abbasso la guerra”.

Dall’uovo di Pasqua poesia di Gianni Rodari

Una frase di Albert Einstein.

Foto Senza nome by one2c900d - flickr

Foto Senza nome by one2c900d – flickr

“Meglio vivere una vita da ottimisti, e morire scoprendo di aver avuto torto, piuttosto che vivere una vita da pessimisti, e morire scoprendo di aver avuto ragione”

Albert Einstein (1879 – 1955) fisico e filosofo tedesco. Nobel per la fisica.

Gli Auguri Scomodi di Don Tonino Bello.

Foto

Foto “Don Tonino Bello, S. Salvador 1990” by Angelo Cupini – flickr

In questi giorni ci spertichiamo a destra e manca con frasi di Auguri sdolcinate, formali e in alcuni casi veramente ipocrite. Vorrei invece postarvi gli Auguri scomodi di Don Tonino Bello, il vescovo di Molfetta scomparso nel lontano 1993. Si tratta di un messaggio che a distanza di tanto tempo rimane di estrema attualità e che forse potrebbe dare un senso nuovo a quelle parolette di Auguri che nei prossimi giorni rivolgeremo ad amici e parenti.

Gli Auguri Scomodi di Don Tonino Bello

Carissimi, non obbedirei al mio dovere di vescovo se vi dicessi “Buon Natale” senza darvi disturbo. Io, invece, vi voglio infastidire. Non sopporto infatti l’idea di dover rivolgere auguri innocui, formali, imposti dalla routine di calendario. Mi lusinga addirittura l’ipotesi che qualcuno li respinga al mittente come indesiderati.

Tanti auguri scomodi, allora, miei cari fratelli!

Gesù che nasce per amore vi dia la nausea di una vita egoista, assurda, senza spinte verticali e vi conceda di inventarvi una vita carica di donazione, di preghiera, di silenzio, di coraggio.

Il Bambino che dorme sulla paglia vi tolga il sonno e faccia sentire il guanciale del vostro letto duro come un macigno, finché non avrete dato ospitalità a uno sfrattato, a un marocchino, a un povero di passaggio.

Dio che diventa uomo vi faccia sentire dei vermi ogni volta che la vostra carriera diventa idolo della vostra vita, il sorpasso, il progetto dei vostri giorni, la schiena del prossimo, strumento delle vostre scalate.

Maria, che trova solo nello sterco degli animali la culla dove deporre con tenerezza il frutto del suo grembo, vi costringa con i suoi occhi feriti a sospendere lo struggimento di tutte le nenie natalizie, finché la vostra coscienza ipocrita accetterà che il bidone della spazzatura, l’inceneritore di una clinica diventino tomba senza croce di una vita soppressa.

Giuseppe, che nell’affronto di mille porte chiuse è il simbolo di tutte le delusioni paterne, disturbi le sbornie dei vostri cenoni, rimproveri i tepori delle vostre tombolate, provochi corti circuiti allo spreco delle vostre luminarie, fino a quando non vi lascerete mettere in crisi dalla sofferenza di tanti genitori che versano lacrime segrete per i loro figli senza fortuna, senza salute, senza lavoro.

Gli angeli che annunciano la pace portino ancora guerra alla vostra sonnolenta tranquillità incapace di vedere che poco più lontano di una spanna, con l’aggravante del vostro complice silenzio, si consumano ingiustizie, si sfratta la gente, si fabbricano armi, si militarizza la terra degli umili, si condannano popoli allo sterminio della fame.

I Poveri che accorrono alla grotta, mentre i potenti tramano nell’oscurità e la città dorme nell’indifferenza, vi facciano capire che, se anche voi volete vedere “una gran luce” dovete partire dagli ultimi. Che le elemosine di chi gioca sulla pelle della gente sono tranquillanti inutili. Che le pellicce comprate con le tredicesime di stipendi multipli fanno bella figura, ma non scaldano. Che i ritardi dell’edilizia popolare sono atti di sacrilegio, se provocati da speculazioni corporative.

I pastori che vegliano nella notte, “facendo la guardia al gregge”, e scrutano l’aurora, vi diano il senso della storia, l’ebbrezza delle attese, il gaudio dell’abbandono in Dio. E vi ispirino il desiderio profondo di vivere poveri che è poi l’unico modo per morire ricchi.

Buon Natale! Sul nostro vecchio mondo che muore, nasca la speranza.

Gli Auguri Scomodi di Don Tonino Bello

Il barista che ammazzò decine di libri…

Foto

Foto “Romeo & Juliet” by Emerson Utracik (EP) – flickr

Nel mio post “Un libro non è diamante, casomai è una trottola…” del 24/5/2013 vi raccontavo della mia passione per il bookcrossing e di come avevo trovato, nel quartiere 4 di Firenze, un bel posto dove scambiare i libri… Visto che nei commenti mi fu chiesto, misi anche l’indirizzo del centro culturale: New Staz in via Attavante, zona Ponte a Greve…

Newstaz non era l’unico luogo del quartiere 4 di Firenze dove fare bookcrossing: ci sono la Biblioteca di Via Canova, il Circolo Arci dell’Isolotto, la Coop del Ponte a Greve, alcune palestre comunali, e non molto lontano, la Biblioteca di Scandicci. Newstaz però era diversa: c’era una parete intera di libri, la rotazione dei testi era costante, trovavi sempre nuovi volumi e c’erano perfino Dvd, Cd e Vhs. Visti tutti i corsi che si tengono a Newstaz (teatro, musica, danza, lingue, yoga, etc…) i libri presenti erano davvero interessanti: insomma, non c’erano solo Wilbur Smith e gli Harmony… E poi l’ambiente era carino: la parete del bookcrossing era nel bar e mentre sceglievi i libri potevi, a seconda dell’ora, sorseggiare un caffè, un succo di frutta o mangiare un gelato.

Parlo al passato della parete del bookcrossing di NewStaz perchè purtroppo, dalla riapertura del centro culturale dopo le ferie estive, questa non c’è più.  Alcuni giorni fa sono passato dal centro per lasciare 6 libri che avevo letto durante le ferie e ho scoperto che è stata sostituita da una scaffalaturina con alcune bottiglie di vino e da un frigo dei gelati.

Ho chiesto informazioni alla segreteria del centro e mi è stato risposto che il nuovo gestore del bar non l’ha più voluta e perciò han dovuto sbaraccare tutto e adesso i libri del bookcrossing sono chiusi in una stanza e attendono una nuova collocazione in altri spazi. Collocazione che, mi è parso di intuire, sarà alquanto difficile, se non addirittura impossibile. E così, un piccolo servizio culturale, gratuito, solidale, di riuso e riciclo, aperto al buon cuore di tutti gli amanti del bookcrossing è stato ucciso dai voleri di un barista…

Caro barista, i miei libri li porterò in uno degli altri luoghi del bookcrossing del quartiere 4, uno di quelli più piccoli e con meno scelta. Tu invece i miei soldi dei succhi di frutta e dei gelati che prendevo mentre sceglievo i libri, te li puoi scordare… Mah! Hai appena iniziato la tua attività e hai subito perso un cliente! …Contento tu!