Voglia di Legalità.

Foto "European elections 2009" by European Parliament - flickr
Foto “European elections 2009” by European Parliament – flickr

Vi propongo questo editoriale e lo dedico in particolar modo agli italiani che il prossimo fine settimana saranno chiamati al voto per i ballottaggi. In fondo scoprirete chi l’ha scritto e  da dove è stato tratto…

VOGLIA DI LEGALITA’

L’educazione alla legalità in qualche modo riguarda tutti; le regole per un’ordinata vita civile sono riconosciute come valori in tutte le religioni e in tutte le civiltà. Anzitutto dobbiamo educare noi stessi perché siamo stati contagiati da una mentalità deformata da tanti cattivi esempi che ci giungono proprio da coloro che dovrebbero distinguersi per una vita onesta e giusta. Spesso ci troviamo di fronte a disonesti capaci di violare le leggi impunemente cercando ogni mezzo per eluderle.

Nella società di oggi globalizzata non sono, purtroppo, globalizzati i valori riconosciuti universalmente primari, quali il rispetto degli altri ed il bene comune. Nella nostra mentalità si è insinuata la convinzione, ed è perverso, che il bene privato arrivi prima del bene pubblico. Così da considerare come estraneo lo Stato stesso, quasi fosse cosa che non ci riguarda.

La mancanza del senso di responsabilità porta ad una  cultura egoista ed individualista. Siamo spettatori assuefatti, e dunque indifferenti, di fenomeni mafiosi , di ladrocini e di corruzione che ci appaiono consuetudini consolidate; si rischia una subdola ammirazione verso chi “la fa franca” arricchendosi sproporzionatamente alla barba di milioni di italiani che ogni giorno si impoveriscono di più.

Il Presidente idealista e rivoluzionario del Burkina Faso Thomas Sankara prima di essere ammazzato asseriva che è inconcepibile per una Nazione povera avere governanti straricchi. Parlava dell’Africa, ma il principio potrebbe valere anche per noi. Lo stato attuale delle cose genera un senso di paura e di sconfitta per l’inadeguatezza della nostra democrazia. Ti senti ostaggio di poteri oppressivi ed ingiusti. La loro ricaduta  sulla gente comune indebolisce la passione per la politica che appare sporca e patrimonio di approfittatori e parassiti.

Le persone perbene, che ambiscono ad una politica rinnovata, gratuita e incentrata su un progetto nazionale organico, ispirato ai valori della giustizia, della sussidiarietà e della solidarietà, sollevata dalle perverse ideologie del passato, appaiono come dei sentimentali sognatori. Il mito che si erge sulla nostra inciviltà è l’uomo rampante che può tutto ed è al di sopra di tutto, che si toglie ogni soddisfazione e ogni desiderio. Sesso, potere e ricchezza sono la nuova trinità. Questi disvalori sono dominanti nella cultura odierna e trovano come loro efficaci maestri il cinema, la televisione, la stampa e internet. L’uomo onesto, modesto, generoso e umile, è considerato un buono a nulla.

È vero che sono finite le ideologie ma è altrettanto vero che è subentrata l’anarchia morale ed un perverso laicismo. La democrazia si è indebolita e la mancanza di legalità e l’incapacità di governare, abbinate all’atavico clientelismo e alla insaziabile voracità, hanno fatto cadere nel baratro la politica italiana. Si è dovuto ricorrere a dei tecnici.  Saranno rimessi in ordine i conti dello Stato? Ma a quale prezzo? E chi verserà  sangue? Sempre i soliti.

Sono persuaso che l’attuale crisi abbia le sue radici nella disumanità dominante e che i veri responsabili siano i soliti manovratori spregiudicati della finanza che si nascondono in un labirinto inestricabile, si occultano, eludono le leggi, e, con la forza del potere e del denaro, rimangono impunemente ai loro posti. Se non si cambiano le teste non ci sarà rinnovamento e, se al posto dei partiti oramai obsoleti, che ogni mese cambiano abito rimanendo sempre gli stessi, dessimo fiducia ai gruppi e alle associazioni di volontariato, ai movimenti sociali e al non profit? E se cercassimo uomini non di spettacolo, ma sobri e capaci di fare politica con la stessa passione con la quale militano nelle loro aggregazioni umanitarie, culturali e sociali? Qualche esempio ce l’abbiamo già! Ci vuole il coraggio di andare contro corrente. Occorrono uomini e donne, meglio se giovani, che si dedicano alla politica con la stessa dedizione di un operaio onesto che ogni giorno va a lavorare per vivere o di un volontario che dona il suo tempo e le sue capacità, persone  che reputano grande privilegio e onore servire lo Stato e far crescere la società nella legalità, nel benessere e nell’uguaglianza.

Tratto da “Voglia di legalità” di Andrea Pio Cristiani, pubblicato a pag.3 del trimestrale “Shalom”

L’articolo è stato scritto da Don Andrea Pio Cristiani, fondatore del Movimento Shalom ed è stato pubblicato nel numero di Maggio del trimestrale “Shalom”. Tenete conto che la rivista mi è arrivata a casa a fine Aprile e che perciò sarà stata chiusa in tipografia all’inizio di Aprile… Insomma il testo annusava l’aria già in anticipo sulla prima tornata elettorale…

L’antipolitica.

Foto "two weeks old!" by nicora - flickr
Foto "two weeks old!" by nicora - flickr

A. fa l’operaio e nel tempo libero corre e si allena con noi: in queste settimane stiamo lavorando insieme per fare una piccola società di sportiva per portare l’atletica ai ragazzi di un paesino che vive di solo calcio, ciclismo e pallavolo. A. è anche volontario di Emergency e segue alcuni progetti a favore dei detenuti di Sollicciano. L. invece è impiegata alle ferrovie e nel tempo libero si dedica a due onlus: una che si occupa di cani e gatti abbandonati e l’altra di aiuto al terzo mondo. V. è un tecnico del suono e quando non lavora si occupa di economia e da un po’ di tempo si sta battendo per l’introduzione dello Scec, la moneta alternativa e solidale. C. è una fisioterapista che nel tempo libero si occupa degli indios messicani e con la sua associazione importa il caffè del commercio equo e solidale in Europa, garantendo un futuro sereno alle famiglie zapatiste. In realtà C. è un vulcano perchè si occupa di altre mille cose: progetti di integrazione di stranieri a Firenze, aiuto dei piccoli produttori agricoli locali, sostegno ai terremotati d’Abruzzo, promozione dei prodotti  tessili equi e solidali, etc…

Potrei continuare a lungo questo elenco di nomi: si tratta di persone con cui ho avuto a che fare in questi anni. Con molte di loro abbiamo anche partecipato alla lotta per i referendum sull’acqua dello scorso anno o condividiamo piccoli progetti solidali. Tutte queste persone, pur fra mille diversità, hanno delle caratteristiche comuni:

  • Sacrificano il loro tempo libero, sottratto magari alla famiglia e alla tv, per gli altri. Lo fanno col sorriso sulle labbra, con passione e tenacia. Nel proprio piccolo, quando c’è un bisogno, ognuno di loro tira fuori braccia, gambe, entusiasmo, intelligenza e talvolta anche il portafoglio, perchè tutti credono in quello che fanno e nelle persone con cui condividono i loro progetti.
  • Sono persone sveglie e  informate, attente all’attualità. Fanno rete fra di loro e condividono idee, informazioni e progetti. Non sono gelosi dei propri saperi, anzi a volte una banale idea di qualcuno ha risolto problemi piccoli e grandi di qualcun altro.
  • Sono persone serie ed affidabili. Se dicono di fare una cosa la fanno davvero e cercano di farla al meglio delle loro possibilità. Spesso e volentieri la fanno con gioia perchè sanno che, un passettino alla volta, stanno costruendo insieme un futuro migliore per tutti. Insomma si dedicano al bene comune e da molti di loro comprerei una macchina usata…

Se la politica italiana (e soprattutto la sinistra) fosse una cosa seria, farebbe ponti d’oro a queste persone o almeno prenderebbe spunto dalle tante buone idee che, come un prestigiatore, tutti riescono a tirare fuori dal cappello…

Purtroppo la politica dei giochetti di potere, di tutte queste menti brillanti non sa che farsene perchè queste persone hanno una serie di terribili difetti…

  • Sono informate, aggiornate, conoscono la realtà e soprattutto ragionano con la propria testa. Sanno leggere fra le righe e non si fanno abbindolare molto facilmente. Capiscono i giochetti di parole e di potere e non sono manipolabili. Ad esempio per loro i termovalorizzatori sono solo inceneritori e sono informati sulle ricerche che testimoniano che sono causa di tumori. Capiscono che la Tav è uno spreco enorme di soldi per i soliti industriali cementizzatori, e per gli amici degli amici che forse faranno girare un po’ di mazzette….
  • Spendendo il loro tempo libero nel sociale e nel volontariato spesso hanno già sperimentato gli sprechi e le inefficienze della politica, i tagli ai servizi per le persone in difficoltà fatti da chi poi butta i soldi pubblici in mille modi vergognosi (come i rimborsi elettorali). Ormai non si fanno più illudere dalle promesse di quei candidati che in campagna elettorale incontrano le associazioni di volontariato promettendo mari e monti e poi, una volta insediati, tagliano i servizi con delle mannaie da boia.
  • Hanno fiuto e riconoscono le persone e le iniziative che portano con se’ il “profumo” del lavoro per il bene comune e lo sanno distinguere a naso da quelle che invece “puzzano di bruciato”, di particolarismi e di interessi contrari al bene della collettività.

Pensate un attimo a  tutte queste energie ed idee volte al bene comune della società italiana, che finora sono state ignorate, derise e disprezzate dai partiti italiani e dai grandi media nazionali legati ai potentati economici, come è successo col referendum sull’acqua o con le proposte di legge popolare per il parlamento pulito.

Ipotizzate che arrivi adesso una qualche lista civica o un movimento che prenda sul serio le istanze  portate avanti da queste persone e che faccia un programma basandosi sulle proposte per un vero bene comune:  come chiamereste tutto cio? Antipolitica? E se così fosse? Allora viva l’Antipolitica!!!!

p.s. Se potessi vi farei vedere la faccia solare e gioiosa di D. una studentessa universitaria che con la sua onlus sta costruendo una scuola in Tanzania… Completamente differente dalla faccia da delinquente di chi, sempre in Tanzania, portava i soldi pubblici dei rimborsi elettorali e anche dalle facce da becchino dei soliti grigi tecnocrati che, in nome delle sacre cifre, stanno uccidendo un popolo fatto di persone…

Un altro mondo è possibile: ritorna a Firenze Terrafutura.

Terra Futura 2009 / Future Earth 2009
foto "Terra Futura 2009 / Future Earth 2009" by unpodimondo - flickr

Domani, Venerdì 28 Maggio, apre alla Fortezza da Basso di Firenze l’edizione 2010 di Terra Futura, la Fiera-Mostra-Convegno delle Buone pratiche per un futuro equo e sostenibile. Presentata così sembrerebbe una “normale” esposizione fieristica ma in realtà, visitandola, si scopre che si tratta di qualcosa di molto differente… Di fatto è il punto di incontro di tante persone (nella maggior parte del mondo del volontariato) che lavorano per un mondo migliore, più giusto, più equo e più rispettoso dell’ambiente e dei diritti di tutti.

Nella (bellissima)  diversità delle varie associazioni, onlus, gruppi e progetti presenti a Terra Futura si scopre che tutte le iniziative hanno uno spirito comune: garantire un futuro migliore al nostro pianeta, all’ambiente e ai suoi abitanti (umani, animali e vegetali).  Il tutto è condito da un clima sorridente e sereno che pervade tutta Terra Futura, perchè occuparsi del bene comune fa bene anche all’umore e alla salute di chi dedica il suo tempo libero per queste cause!

Immergersi in Terra Futura significa incontrare persone, enti ed associazioni simpatiche,  interessanti, impegnate e intelligenti, lontane anni luce dal modello che ci vogliono propinare i media di regime. Non troverete rampanti arrampicatori sociali, corrotti e corruttori,   aspiranti-veline che farebbero di tutto pur di sculettare in tv o calciatori e vip multimilionari. Se i vostri valori non sono  il  successo a tutti i costi, i soldi facili e un telefonino nuovo ogni settimana, Terra Futura sarà per voi come un sorso d’acqua fresca in una giornata di solleone…

Visto che il programma dei tre giorni è molto vasto e articolato vi rimando al sito ufficiale www.terrafutura.info. Per chi non potrà venire a Firenze potete trovare una rassegna di filmati su Terra Futura nel sito della televisione arcoiris.tv.

Orari

Venerdì ore 9.00-20.00
Sabato ore 9.30-21.00 (eventi e spettacoli fino alle ore 24.00)
Domenica ore 10.00-20.00