Cambiamenti…

Foto

Foto “IMG_1760” by Robert Couse-Baker – Flickr

Come qualcuno avrà notato (o forse no) da alcune settimane sono assente… Tranne alcuni articoli sull’altro blog sono latitante. Se dall’inizio dell’anno fino al 26 Febbraio  sono stato impegnato nel Daoyin, con la preparazione di una gara a Nonantola (qui un post), nei giorni successivi e anche attualmente sono occupato in una sorta di rivoluzione copernicana casalinga…

Da circa due o tre anni, quando arrivo nel periodo Gennaio-Marzo ho una serie di problemi di salute, leggeri ma fastidiosi. Inizialmente non ci ho fatto troppo caso, poi visto che la cosa diventava sempre più uggiosa ho fatto alcuni controlli e da una settimana sono arrivato ad una diagnosi… Il prick test ha  detto che, nel giro di un paio d’anni e ad un’età in cui credevo ormai fosse improbabile, sono entrato a far parte del club degli allergici! E siccome le cose vanno fatte perbene sono finito nel girone degli allergici 365 giorni all’anno perchè allergico agli acari della polvere e della farina…

A parte i farmaci, sono uscito dall’ambulatorio con una lista infinita di cose da fare a casa: via i materiali naturali dal letto (ammessi solo materassi e cuscini in memory o lattice, coperte e piumoni in sintetico), via il più possibile di tappeti, cuscini e divani; tende possibilmente solo a vetri. Ma il peggio doveva ancora venire: togliere il più possibile di soprammobili, chincaglierie che prendono la polvere e soprattutto via la carta! Che nel mio caso vuol dire soprattutto argh… VIA I LIBRI, che in realtà sono concessi solo se conservati al chiuso, dentro librerie con sportelli o in scatole (logicamente non di cartone).

Sono alcuni anni che sentivo dentro di me l’esigenza di fare un po’ di decluttering in casa  e sinceramente avevo anche comprato la Bibbia sull’argomento, ovvero  “Il magico potere del riordino” di Marie Kondo che però giace non letto in una delle suddette librerie. In realtà dentro di me combattevano tre personalità: colui che sentiva l’esigenza di una casa più vuota e di una vita più semplice, il collezionista che amava conservare e catalogare le cose (che magari potevano tornare utili nel futuro) e l’ecologista che quando andava buttato qualcosa, prima di usare la discarica voleva scambiare, regalare etc… Come conseguenza il mio decluttering è stato molto blando: oggetti scambiati su www.coseinutili.it con tempi biblici, oppure libri scambiati al bookcrossing, dove per quattro volumi portati negli scaffali del mio quartiere ne riprendevo sempre uno o due… Alla fine il risultato di questo decluttering, fatto a ritmi di un bradipo, era quasi invisibile perchè lo spazio liberato dagli oggetti scambiati o donati veniva presto riempito da altri nuovi oggetti.

Insomma, per darmi una smossa ci voleva proprio questa situazione… Rispolverato il libro di Marie Kondo mi sono messo in moto e ho cominciato a fare scatoloni: alcuni per la discarica, molti altri per  il mercatino solidale di Mani Tese e pochissimi oggetti per coseinutili.it. E poi l’idea peggiore, quella che quasi odio: passare agli ebook, … Maledetto acaro!

p.s. In realtà penso che questa situazione torni buona anche per il blog… Dovendo dare via un tot di libri, riviste e quaderni cosa c’è di meglio che trasferire gli appunti interessanti sul blog dove non prendono la polvere e possono essere condivisi?

Crollo del Rana Plaza ad un anno di distanza: Benetton paghi il risarcimento alle vittime.

Foto tratta dal sito dell'ILRF - International Labor Rights Forum

Foto tratta dal sito dell’ILRF – International Labor Rights Forum

Un anno fa il crollo del Rana Plaza in Bangladesh causò la morte di 1.138 lavoratrici che producevano capi di abbigliamento per molte catene di moda occidentali. Ad oggi queste multinazionali non hanno ancora risarcito i parenti delle vittime: vi lascio con quanto scritto dai promotori della campagna Abiti puliti e vi prego di leggere e firmare, più in basso la petizione lanciata dall’International Labor Rights Forum da inviare a Benetton. Domani in Italia festeggeremo il 25 Aprile pensando a tutti coloro che hanno liberato la nostra nazione dalla dittatura fascista. Credo che adesso sia l’ora di mouversi per liberarci dalla nuova dittatura liberista delle multinazionali che, in nome della finanza e del profitto ad ogni costo, schiavizzano, precarizzano e uccidono milioni di esseri umani.

Rana Plaza, un anno dopo. Azioni in Italia e nel mondo per chiedere i risarcimenti delle vittime (tratto dal sito di Abitipuliti.org)

Un anno dopo il crollo del Rana Plaza i marchi che si rifornivano presso le aziende ospitate da quel palazzo non sono ancora riuscite a predisporre adeguati finanziamenti per risarcire le vittime e i familiari dei 1.138 morti.

Nonostante sia stato siglato un accordo innovativo tra marchi, governo del Bangladesh, lavoratori, sindacati nazionali e internazionali e ONG, supervisionato dall’ILO, per predisporre un programma di risarcimento delle vittime del Rana Plaza inclusivo e trasparente, conosciuto come l’Arrangement, il Donor Trust Fund volontario istituito per raccogliere le donazioni è ad oggi tristemente sotto finanziato. Un anno dopo il crollo i marchi e i distributori hanno contribuito con soli 15 milioni di dollari, appena un terzo dei 40 milioni necessari.

“I grandi marchi internazionali della moda hanno nuovamente fallito nel garantire il rispetto dei lavoratori che producevano per loro.” dichiara Deborah Lucchetti della Campagna Abiti Puliti, “Oggi, violando il diritto dei sopravvissuti e delle famiglie delle vittime del Rana Plaza a ricevere il giusto risarcimento per un disastro che poteva e doveva essere evitato, i marchi europei e nord americani infliggono a migliaia di persone una sofferenza continua, ingiusta e intollerabile. Se poi guardiamo ai profitti realizzati dalla Famiglia Benetton nel 2012” continua Lucchetti “constatiamo che la richiesta di 5 milioni di dollari per il Fondo di risarcimento equivale appena all’1,4% degli utili realizzati da gruppo, una percentuale davvero marginale per un’azienda che deve il suo successo economico anche al lavoro sottopagato e rischioso dei lavoratori bangladesi. Non ci sono scuse per non pagare, le imprese coinvolte devono assumersi le proprie responsabilità, è una questione di diritti e di civiltà.

Per celebrare il primo anniversario dal crollo, attivisti, cittadini e cittadine in tutto il mondo entreranno in azione al fianco dei familiari delle vittime. In Italia, fra le iniziative di pressione verso le imprese italiane Benetton, Manifattura Corona e Yes Zee in favore della costituzione del Fondo di risarcimento, il 24 aprile saranno organizzati:

Firenze | ore 12: Flash mob in Piazza Santa Trinità a cura di EU-ROPA progetto artistico della Compagnia Insomnia dedicato al tema dei diritti umani nell’industria dell’abbigliamento in collaborazione con Filctem-CGIL, Mani Tese Firenze, ACU Toscana e Villaggio dei Popoli
Milano | ore 15: Flash mob in Piazza Duomo a cura di Price is Rice in occasione del Fashion Revolution Day e in collaborazione con Abiti Puliti
Treviso | h.10-19: Palazzo dei 300, mostra L’arte del lavoro a cura Ass. culturale Pulperia in cui saranno ospitati immagini e materiali sul Rana Plaza.

Saranno inoltre organizzate iniziative di sensibilizzazione e raccolta firme a sostegno della petizione internazionale verso Benetton in diverse Botteghe del Commercio Equo e solidale.

A Dhaka, lavoratori e sindacalisti ricorderanno con una serie di eventi tutti coloro che hanno perso la vita quel giorno: tra i vari eventi si potrà assistere al racconto delle vittime presso il Worker Solidarity Center a Dhaka e ad una catena umana sul luogo del crollo.

A livello internazionale, l’Asia Floor Wage Alliance, la Clean Clothes Campaign, l’International Labor Rights Forum (ILRF), il Maquila Solidarity Network e il Worker Rights Consortium organizzeranno eventi commemorativi nelle strade dello shopping e in spazi pubblici.

La richiesta di tutti sarà che i marchi che continuano a rifiutarsi di contribuire al Donor Trust Fund facciano dei versamenti significativi e in tempi rapidi. Tra questi le aziende italiane Benetton, Manifattura Corona e Yes Zee. E poi Adler Modermarkte, Ascena Retail, Auchan, Carrefour, Cato Fashions, Grabalok, Gueldenpfennig, Iconix (Lee Cooper), J C Penney, Kids for Fashion, Matalan, NKD e PWT (Texman), tutte aziende che avevano produzioni al Rana Plaza durante il crollo e poco prima.

Liana Foxvog dell’ILRF aggiunge: “Children’s Place, il cui CEO ha guadagnato 17 milioni di dollari lo scorso anno, ha pagato una cifra pari a soli 200 dollari per famiglia. L’azienda considera davvero la vita delle persone così a buon mercato? Devono pagare di più. I bambini rimasti orfani, i lavoratori rimasti senza arti, le famiglie che hanno perso chi portava l’unico reddito, contano su un risarcimento adeguato ai loro bisogni fondamentali

Il Donor Trust Fund è aperto a donazioni volontarie ed è supervisionato dall’ILO come attore neutrale. “Per raggiungere l’obiettivo dei 40 milioni di dollari è anche necessario che il Governo e gli industriali del Bangladesh aumentino i loro contributi. Parallelamente anche i governi Usa e Ue devono fare passi immediati e concreti per assicurarsi che le aziende dei loro paesi paghino quanto è necessario: esattamente quanto abbiamo chiesto al Governo e alle istituzioni italiane durante il tour con Shila Begum, sopravvissuta del Rana Plaza, lo scorso 1 di aprile durante le audizioni con il sottosegretario al lavoro Teresa Bellanova, la Vice Presidente del Senato Valeria Fedeli, la Presidente della Camera Laura Boldrini e il Presidente della Commissione Diritti Umani Luigi Manconi” ha dichiarato ancora Deborah Lucchetti.

Dal 24 marzo scorso il processo di risarcimento è iniziato e si sta lavorando perché tutti coloro che hanno perso un famigliare o sono rimasti intrappolati nella fabbrica ricevano adeguato risarcimento. “Se mancano i fondi, allora non saremo in grado di fare un buon servizio a queste persone e la situazione si farà molto difficile” ha concluso il Dott. Mojtaba Kazaki, il Commissario Esecutivo dell’Arrangement.

Tratto dall’articolo “Rana Plaza, un anno dopo. Azioni in Italia e nel mondo per chiedere i risarcimenti delle vittime” pubblicato sul sito di Abitipuliti.org

Articolo che accompagna la petizione da inviare a Benetton, (tratto dal sito dell’ILRF – International Labor Rights Forum)

Foto tratta dal sito dell'ILRF - International Labor Rights Forum

Foto tratta dal sito dell’ILRF – International Labor Rights Forum

Benetton è stata di nuovo colta in fallo. Un’inchiesta giornalistica ha scoperto che non aveva rispettato gli obblighi previsti dall’Accordo sulla sicurezza e la prevenzione degli incendi, dopo che due imprese sue fornitrici non erano state riscontrate nella lista pubblica presente sul sito dell’Accordo. Una verifica condotta dal team dell’Accordo ha dimostrato che Benetton ha atteso almeno quattro mesi prima di rendere pubbliche queste aziende agli ispettori, poco prima che la trasmissione andasse in onda. Tutti i marchi sono vincolati a sottoporre gli indirizzi dei nuovi fornitori entro un mese dall’avvio della produzione.

Benetton sembra abituata a non prendersi responsabilità. Dopo che prodotti a marchio Benetton sono stati ritrovati tra le macerie del Rana Plaza, il palazzo crollato dove almeno 1.138 persone hanno perso la vita lo scorso 24 aprile 2013, l’azienda ha negato di avere rapporti con la fabbrica fino a quando fotografie con prodotti a marchio trovati tra le macerie hanno fatto il giro del mondo. Per più di sei mesi Benetton ha rifiutato di assumere qualunque responsabilità per il risarcimento, fino a settembre, quando ha deciso di unirsi al comitato internazionale istituito per la definizione e l’erogazione dei risarcimenti ai lavoratori. Due mesi dopo ha lasciato il negoziato e oggi rifiuta di dare risposte concrete ai lavoratori.

Adesso, quasi un anno dopo l’orribile disastro del Rana Plaza, Benetton non ha ancora messo un centesimo nel Rana Plaza Trust Fund che sta raccogliendo i fondi per il risarcimento dei lavoratori feriti e delle famiglie dei deceduti.

Benetton deve cambiare attitudine. Scrivi a Benetton che la vita dei lavoratori vale e chiedigli di fare un versamento immediato di 5 milioni di dollari nel Rana Plaza Donors Trust Fund.

Foto e testo tratti dalla pagina della petizione da inviare a Benetton sul sito dell’ILRF – International Labor Rights Forum

Purtroppo il flash mob a Firenze, ormai già passato,  è stato fatto ad un orario impossibile per chi lavora. Peccato ci sarei andato volentieri…

A Scandicci in un mondo più… PARCO.

Locandina

Locandina “in un mondo più parco” dal sito Usato Bene /Mani tese

Domenica 30 Giugno c/o il Parco del Castello dell’Acciaiolo di Scandicci dalle ore 16.00 alle 23 si terrà “in un mondo più… PARCO –  Festa in città del teatro sociale con spettacoli diffusi sui prati e pic nic genuino con i prodotti e i produttori della Fierucola“. La serata è organizzata dalla Cooperativa Riciclaggio e Solidarietà (cooperativa nata all’interno della sezione fiorentina di  Mani Tese) e dall’associazione dei produttori biologici della Fierucola di Firenze.

Questo il programma, tratto direttamente dal sito della Cooperativa Riciclaggio e Solidarietà

Programma

  • ore 16.00 arrivo nel parco e scelta dell’ombra: chi prima arriva meglio alloggia!

Area bambini

  • ore 17.00 lezione aperta a tutti con il gruppo di teatro bambini dai 6 agli 11 anni
  • ore 17.45 lezione aperta a tutti del gruppo teatro ragazzi dai 12 ai 15 anni
  • Tutto il giorno potrete giocare con la ludoteca del progetto Truciolo e partecipare ai laboratori creativi con oggetti di riciclo, promossi da Riciclaggio e Solidarietà, Arké, Manitese e Il Cerro

Area Palco Centrale

  • ore 19,00 Il Riciclamondo spettacolo di Teatro Ragazzi con la compagnia Cantiere Obraz
  • ore 21,30 L’insostenibile pesantezza del crescere dei GOGMAGOG

Area Palco di paglia

  • dalle ore 17,30 CORTI INTERNAZIONALI – replica
  • in collaborazione con FESTIVAL INTERNAZIONALE TEATRO AZIONE 2013 “POTERE ?” a cura dell’associazione Laboratorio Amaltea con Compagnie Buissonnière (Belgio) • Alvéole Théâtre (Belgio) • Teatro Everest • Teatro Contadino Libertario • Càscara Rota (Spagna)

Area PIC NIC

  • Il pic nic sarà realizzato con semplici e ottimi prodotti di filiera (piatti freddi, prevalentemente a base di pane, formaggio, pomodori, salume, frutta, miele), vino biologico, birra artigianale e acqua gratuita. La parte del ristoro è la fonte di autofinanziamento della giornata.. il sostegno è molto gradito ma contribuire non è obbligatorio, sei vuoi puoi venire e portarti il tuo panino!

Sparsi nel parco punti di discussione libera su temi proposti dai partecipanti alla giornata.
Per l’occasione consegna delle biciclette recuperate dalla coop. Il Cerro al Comune di Scandicci.

Giornata a cura dell’Associazione culturale Melarancia in collaborazione con Riciclaggio e Solidarietà, con il patrocinio di Scandiccicultura Open City 2013. Info: 3338015739- 3205665055 – claudiasereni@melaranca.com, FB Riciclaggio e solidarietà Firenze.

tratto dal sito internet della Cooperativa Riciclaggio e Solidarietà (Mani Tese – Firenze)

Dieci Onlus per me, posson bastare….

Foto

Foto “Peace. Love. Respect.” by head.WEST – flickr

Tempo di dichiarazione dei redditi e quindi di scelta dell’Associazione Onlus a cui devolvere il nostro 5 per mille. Come ho scritto in un analogo post di alcuni anni fa:

…l’Associazione a cui ognuno devolve il proprio 5 per mille è un po’ come la fidanzata… Ognuno  ha nel cuore la sua e per lui è la più bella del mondo!

Partendo da questa considerazione mi sono chiesto… perchè non parafrasare il brano di Mogol e Battisti “Dieci ragazze” e fare un elenco delle dieci Associazioni che ritengo più meritevoli per ricevere il 5 per mille?

Per ognuna trovate il codice fiscale da segnare sul 730, il link alla loro pagina del 5 per mille e una breve frase sul perchè secondo me se lo meritano.

1) Movimento Shalom – C.F. 91003210506

Perchè a casa mia abbiamo due adozioni a distanza e io stresso la Chiara tutte le settimane. Perchè i progetti nel Sud del Mondo sono fatti con la popolazione locale e creano veri posti di lavoro e posti a scuola, invece di calare dall’alto assistenzialismo e beneficenza.

2) Emergency – C.F. 97147110155

Perchè Emergency è forse l’unico motivo per cui ancora vale la pena dirsi orgogliosi di essere italiani.  Perchè costruisce ospedali d’eccellenza nei paesi martoriati dalle guerre, quelle che il nostro Stato e i media di regime continuano a chiamare “missioni di pace”. Perchè voglio che la rivista “E-il mensile” torni nelle edicole.

3) Ospedale Pediatrico Meyer – C.F. 94080470480

Perchè è una delle eccellenze della Pediatria italiana. Perchè l’ospedale è così bello che non sembra nemmeno un ospedale. Perchè al suo interno viene svolta tantissima ricerca scientifica dedicata alle malattie infantili soprattutto a quelle genetiche e ai tumori. Perchè i clown del Meyer sono divertentissimi.

 4) Mani Tese – C.F. 02343800153

Perchè tramite il riuso, il riciclo e la vendita di tanti oggetti che altrimenti sarebbero finiti in discarica promuovono progetti di giustizia e di cooperazione allo sviluppo nel Sud del Mondo. Perchè nei loro mercatini trovo un sacco di cose per le mie collezioni a prezzi imbattibili e contemporaneamente faccio del bene. Perchè mi piace la loro lotta a favore della Sovranità Alimentare.

5) Greenpeace – C.F. 97046630584

Perchè le loro azioni a favore dell’ambiente e del pianeta sono altamente spettacolari ma allo stesso tempo sempre non violente. Perchè il clima e l’ambiente non possono aspettare!

6) Trisomia 21 Firenze – C.F. 94020840487

Perchè si occupa dell’integrazione e dell’autonomia delle persone Down. Perchè Antonella è il presidente di Onlus più vulcanico che io abbia mai conosciuto. Perchè il loro blog è uno dei più simpatici e divertenti della blogosfera (qui potete leggerlo).

7) Associazione Tumori Toscana – C.F. 94076680480

Perchè purtroppo li ho visti all’opera nelle cure domiciliari ai malati di tumore, quando lo scorso anno venivano dal figlio di un mio vicino di casa.

8) Emmaus Italia – C.F. 92040030485

Perchè, come Mani Tese, anche loro riciclano e riusano gli “scarti” della società consumista. Perchè con i proventi dei loro mercatini  finanziano azioni a favore delle persone più svantaggiate, sia in Italia che nel resto del mondo. Perchè la loro azione si ispira a quella di una delle più grandi figure europee dello scorso secolo: l’Abbé Pierre! Perchè è un piacere frugare fra le loro cianfrusaglie per trovare oggetti per le mie collezioni…

9)  Libera – C.F. 97116440583

Perchè se vogliamo che l’economia italiana si riprenda dobbiamo sconfiggere la criminalità organizzata e la corruzione. Perchè la loro pasta biologica è ottima… e pure le arance!

10) Regalami un sorriso – C.F. 92076170486

Perchè sono un gruppo di podisti e di fotografi che corrono e/o scattano foto e contemporaneamente fanno della solidarietà. Perchè lo scorso anno hanno donato decine di defibrillatori a associazioni, enti, gruppi sportivi delle provincie di Prato, Firenze e Pistoia, curando anche la formazione del personale.

Avrei molte altre associazioni da segnalare ma purtroppo, proprio come con la fidanzata, anche nel 730 vige la monogamia e quindi bisogna segnare una sola onlus… Che peccato non devolvere qualcosa a tutti…

Quando mangio mi sento un RE.

Locandina "Quando mangio mi sento un re" dal sito de gas fiorentini

Locandina “Quando mangio mi sento un re” dal sito de gas fiorentini

E’ partito ieri sera da Catania un tour teatrale molto particolare che attraverserà l’Italia portando in nove città lo spettacolo QUANDO MANGIO MI SENTO UN RE”. Si tratta di un racconto tra musica, pittura e teatro comico sul tema della Sovranità alimentare, promosso da Mani Tese e dall’Unione Europea. La comicità di Diego Parassole (Zelig), la musica jazz di Cinzia Tedesco e la pittura a tempo di musica di Rosalba Falzone vi faranno ridere e riflettere sul tema del cibo che, per tutti gli abitanti del pianeta,   dovrebbe essere: buono, democratico e sostenibile. Tutte le date sono ad ingresso libero.

  • 4 Ottobre – Catania – Spazio ZO
  • 5 Ottobre – Napoli – Teatro Nuovo
  • 6 Ottobre – Roma – Ara Pacis
  • 7 Ottobre  – Firenze – Teatro Cantiere Florida
  • 11 Ottobre – Bologna – Teatro Duse
  • 12 Ottobre – Genova – Teatro della Tosse
  • 13 Ottobre – Mestre – Teatro Momo
  • 14 Ottobre – Verbania – Auditorium S. Anna
  • 16 Ottobre – Milano – Piccolo Teatro Studio Expo (serata conclusiva in occasione in occasione della Giornata Mondiale per il diritto al cibo)

Altri due modi per  aiutare Mani Tese nella campagna per il diritto al cibo e alla Sovranità Alimentare:

Sbarchinpiazza arriva a Firenze e Siena…

Sembra impossibile, ma in questo periodo di crisi e di discussioni sull’articolo 18, esiste anche un’economia diversa, “altra”. Un’economia rispettosa dell’ambiente, dei diritti dei lavoratori, della legalità. Un’economia fatta di relazioni e di solidarietà, dove la cooperazione e l’aiuto reciproco scacciano via il lavoro nero, il caporalato e la concorrenza spietata.

Si tratta dei vari  progetti portati avanti dalle Reti di Economia Solidale ed in particolare del progetto Sbarchinpiazza che, grazie alla collaborazione dei Gruppi d’Acquisto Solidali Italiani, sta portando in molte piazze del Nord Italia la legalità e la solidarietà del mercatino della carovana  di Ressud, la rete dei produttori solidali di agrumi, mandorle e altri prodotti del nostro Meridione.

Dopo Massa Carrara, Ancona, Fermo, Camerino e Genova, il prossimo fine settimana gli Sbarchinpiazza saranno a:

  • Firenze in Piazza Tasso sabato 24 Marzo dalle ore 9.00 alle ore 18.00.
  • Siena ai Giardini della Lizza Domenica 25 Marzo.

e successivamente andranno a Bergamo, Perugia e Marsciano…

Questo il programma dello Sbarchinpiazza di Firenze:

ore 9-18  FESTA-MERCATO – piazza Tasso – scambio di saperi e prodotti con intrattenimento musicale. Vendita di agrumi e altri prodotti provenienti dal Sud Italia.
ore 15  INCONTRI-DIBATTITI – c/o il Chiostro della Leopoldine.

  • SOVRANITA’ ALIMENTARE con Marta Manni – Mani Tese, “Land Grabbing” Emiliano Terreni – la Fierucola, “decreto riguardante l’alienazione dei terreni agricoli del Demanio”.
  • DIRITTI DEL LAVORO con un migrante-bracciante della RES-SUD, Pape, Comunità Senegalese, Andrea Bigalli, Libera-Toscana.
  • ECONOMIA DELLE RELAZIONI con Roberto LiCalzi -Cons. Legallinefelici, ” Rete di Economia Solidale Sud”, un produttore della Fierucola, “Garanzia Partecipata”, un consum-attore “verso un Distretto di Economia Solidale a Firenze”.

ore 18 PROIEZIONE FILM “Sangue Verde” presso il Circolo Aurora in piazza Tasso

Per maggiori informazioni:

Il video dello sbarco a Genova… (che da solo spiega più di mille parole)

A Settignano (Fi): “La giustizia vien mangiando…”

La Casa del Popolo di Settignano (Via San Romano 1 Firenze) e il gruppo fiorentino di ManiTese presentano “La giustizia vien mangiando”, due serate con Apericinema  sui temi della Sovranità Alimentare.

L’iniziativa precede e  promuove il convegno internazionale di Manitese “SIAMO QUEL CHE MANGIAMO – Il diritto al cibo, la democrazia, il mercatoche si svolgerà a Firenze dal 21 al 22 Maggio c/o il Palazzo dei Congressi.

Entrambe le serate sono ad ingresso con offerta libera per l’aperitivo.

Domenica 8 Maggio 2011 –  Casa del Popolo di Settignano

dalle 19.00 Aperitivo biologico e a KM0 e alle 20.30 proiezione del film “Focaccia Blues” di Nico Cirasola dedicato al caso della  focaccia di Altamura che ha sconfitto McDonald’s.

Il trailer del film

Il sito ufficiale del film Focaccia Blues

Domenica 15 Maggio – Casa del Popolo di Settignano
dalle 19.00 Aperitivo biologico e a KM0 e alle  20.30 proiezione del film  “Il mondo secondo Monsanto” di Marie Monique Robin.

Il trailer del film

Tutto il film diviso in 11 parti su Youtube… (link alla prima parte, per chi non potrà andare a Settignano)