Bravissimo!

Foto di athree23 da Pixabay

Eccoci alla seconda piccola storia dalla Penny Wirton.  Un pomeriggio mia figlia si trova ad insegnare per la prima volta l’italiano a un giovane dal Marocco che frequenta già la scuola. Quando va a prendere la scheda col programma svolto, redatta dagli altri volontari nelle lezioni precedenti, trova un’annotazione bella grande “BRAVISSIMO!” Le basta poco per rendesi conto del significato di quella nota: il giovane in meno di due ore impara il funzionamento di tutti i tempi dei verbi in italiano! E ha pure il tempo di spiegare a mia figlia alcune caratteristiche della scrittura in arabo, quella con cui prendeva gli appunti! Il mistero di questo giovane che studia italiano e allo stesso tempo parla in francese e inglese e prende appunti in arabo è presto spiegato: ha due lauree in ambito linguistico. Non ricordo esattamente quali ma qualcosa di simile a lingua e letteratura araba e lingua e letteratura francese. Nonostante mia figlia non parli francese sono riusciti a discutere di argomenti universitari dei quali io sento spesso parlare da mia figlia ma di cui sono profondamente ignorante (tipo linguistica, semiotica, glottologia etc…).

Quel “Bravissimo” mi ha fatto ricordare il ragazzino morto nel 2015 nel naufragio di un barcone che aveva cucita la pagella scolastica nella giacca (qui la storia). Spesso i migranti non sono una massa di ignoranti o ancor peggio di terroristi come certi politici e certi media vogliono farci credere. Un giovane con due lauree come questo ragazzo del Marocco credo che sarebbe molto utile in tante aziende o amministrazioni pubbliche ma alcuni ministri senza laurea vogliono farci credere che ogni migrante è un pericolo pubblico e quindi sarà molto difficile per quel giovane far valere le sue competenze…

Annunci

5 pensieri riguardo “Bravissimo!

    1. In effetti è davvero un brutto clima… vogliono proprio farci paura, per limitare le nostre libertà.
      Per fortuna ogni tanto vedo qualche raggio di sole… proprio stamani leggevo delle centinaia di lenzuoli di protesta che seguono un certo politico…

      Piace a 1 persona

  1. Molti di quelli tra quelli che sono dipinti come rozi impostori ladri e stupratori nonché terroristi sono giovani che scappano da situazioni di guerra e di povertà e molti tra loro nella percentuale sono assai più scolarizzati di noi.
    Mia cognata medico che faceva volontariato per il gruppo del Baobab a Roma Mi ha confermato che vi erano giovani medici, dentisti, ingegneri tra cui più donne.
    Una coppia di loro in particolare con la quale abbiamo instaurato un rapporto di amicizia si trova adesso a Monaco Ed entrambi lavorano nello stesso ospedale lei come dentista e lui ginecologo.
    Questo dovrebbe essere un paese accogliente per tradizioni storiche ed invece è vergognoso quello che succede.

    Shera

    Piace a 1 persona

  2. Il problema è che al potere serve classificarli tutti come una massa di rozzi e violenti, perfino i neonati, per ridurli a numeri e far “sparire” la loro umanità. A volte i tg li dipingono peggio di zecche e pulci…
    Basta poi incontrarli uno per uno o conoscere le loro storie per riscoprire che sono esseri umani come noi, a volte pure meglio di alcuni di noi…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.