Safety Pins… for Safety people.

Foto

Foto “Put a Pin In It” by Mike Licht – flickr

C’è un piccolo oggetto, semplice e umile che in queste settimane sta diventando un simbolo di solidarietà verso le minoranze. E’ la spilla da balia che in inglese si chiama “Safety pin” ovvero “Spilla di sicurezza“. La prima volta è stata adottata dagli inglesi dopo il referendum che ha sancito la Brexit, per indicare alle minoranze che quando incontrano delle persone che indossano la spilla  possono sentirsi sicure, insomma… che si possono fidare. Questa forma silenziosa di solidarietà e allo stesso tempo di protesta, è stata ripresa negli Stati Uniti dopo la vittoria di Trump e grazie ai social network,  si sta diffondendo in tutto il mondo.

Indossare una spilla di sicurezza sui propri abiti è un biglietto da visita per indicare che siamo gentili, affidabili e disponibili al dialogo verso tutte le persone di qualsiasi minoranza: immigrati, persone di colore, di altre religioni, disabili, gay, donne in difficoltà, etc… Per queste persone è un piccolo gesto di vicinanza e sostegno mentre a noi serve per ricordarci che siamo tutti esseri umani e che dobbiamo aiutarci l’un l’altro. Logicamente, nel caso in cui ci fosse richiesto un aiuto, dobbiamo dimostrare con i fatti che la spilla non è lì per caso e nemmeno per moda.

Lebron James, sportivo dell'anno 2016 con una safety pin. - Foto tratta da internet.

Lebron James, sportivo dell’anno 2016 con una safety pin. – Foto tratta da internet.

AGGIORNAMENTO DEL 15/12/2016
Viste le discussioni nate tra i commenti aggiungo questa foto. Forse spiega meglio il senso dell’iniziativa di come potrei fare io a parole…

Foto "In a time when racism, bigotry, and hate crimes are on the rise; when millions of our fellow Americans are living in fear • Wearing a safety pin is a subtle way to indicate that you are a "safe place". It is a promise to stand up for and in solidarity wit" by Charlie DeLacey - Flickr

Foto “In a time when racism, bigotry, and hate crimes are on the rise; when millions of our fellow Americans are living in fear • Wearing a safety pin is a subtle way to indicate that you are a “safe place”. It is a promise to stand up for and in solidarity wit” by Charlie DeLacey – Flickr

Annunci

16 thoughts on “Safety Pins… for Safety people.

    • Credo che la cosa andrebbe vista dalla prospettiva delle minoranze USA. Vince un presidente del KKK che in campagna elettorale ha minacciato le varie minoranze (immigrati, islamici, etc…) e di conseguenza sul territorio qualche folle si sente ancor più autorizzato a commettere atti persecutori verso le minoranze
      Quando le minoranze si sentono minacciate, la spilla serve proprio per testimoniare la vicinanza a queste persone ed è logico che serva a marcare le differenze. E’ come dire: io sono con te anche se all’apparenza sembro della maggioranza trumpiana (cioè bianco o etero o cristiano etc…)

      Liked by 1 persona

      • sì, hai ragione, in quel contesto sono d’accordo. su trump, resto in attesa. mi sono fatto l’idea che tutto quel blabla sia servito unicamente all’immagine, ma alla prova dei fatti a lui fregherà poco di fare atti discriminatori se questi non sono strettamente finalizzati ad un tornaconto economico personale (noi abbiamo grande esperienza in merito, e la storia si ripete)

        Liked by 1 persona

  1. L’idea non è male, ma bisognerebbe vedere se effettivamente funziona. Qualche anno fa le spille si portavano per moda con l’intenzione di restringere i pantaloni a zampa di elefante…. Non per scherzare, ma bisognerebbe vedere se funziona l’idea di solidarietà e non sia la solita messa in scena per farsi vedere su youtube o facebook.

    Liked by 1 persona

    • Concordo con te che le qualità si dimostrano e non si ostentano, però credo che a volte servano anche i “simboli”. Cerco di spiegarmi…
      Ognuno fa quel che può, ad esempio nella mia famiglia abbiamo due adozioni a distanza in Africa e a volte partecipiamo ad altre iniziative solidali in cui ci imbattiamo (ultimamente sia sui migranti che sul terremoto). Con questo potrei mettere a posto la coscienza dicendo che “ho già dato” e sinceramente, con tutta la buona volontà, non potrei fare molto di più e comunque sarebbe solo una goccia nell’oceano.
      Dopo aver fatto queste cose arriva la spilla da balia che è un simbolo e un sostegno “morale” alle persone straniere o alle minoranze che incontro casualmente per strada. Non potendo fermare e abbracciare tutti (temo che mi prenderebbero per matto) uso questo simbolino per indicare la mia vicinanza e, se le circostanze lo consentono, aggiungo pure un sorriso…
      Magari nessuno si accorge o magari mi prendono per matto lo stesso…. però ci ho provato.
      (mio parere, naturalmente come il tuo)

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...