Pensieri sul caso Volkswagen.

Foto 'La grande frode di Volkswagen.' by Automobile Italia - flickr

Foto ‘La grande frode di Volkswagen.’ by Automobile Italia – flickr

Con mia moglie abbiamo ricominciato ad andare in palestra al nostro corso di Daoyin. Mentre lo scorso anno andavamo insieme in auto (a metano), quest’anno ci andiamo separati perchè io rimango in palestra a fare anche Taijiquan. Partiamo da casa alla stessa ora: lei in auto e io in bicicletta. Abbiamo già fatto 5 lezioni e io, 5 volte su 5, sono sempre arrivato in palestra prima di mia moglie, di almeno 5 minuti ma a volte anche di 10 minuti, su un percorso di circa 2,5 km. La bicicletta svicola nelle code, transita in strade vietate alle auto e non ha l’assillo del parcheggio: infatti davanti alla palestra c’è sempre una rastrelliera bella vuota.

Almeno in città la bicicletta e a volte perfino i piedi, sono più veloci e più convenienti delle auto. Però siamo così abituati alle macchine che non ci pensiamo. D’altra parte basta guardare le pubblicità in tv all’ora di cena: la stragrande maggioranza è di auto e di tutto ciò che ci gira attorno (assicurazioni, accessori, carburanti). Ci fanno il lavaggio del cervello facendoci vedere vetture che sfrecciano libere nella natura mentre nella realtà restiamo intrappolati  in queste scatolette, incolonnati ai semafori, respirando (e facendo respirare ai nostri figli) la merda che esce dai tubi di scappamento. Come con i farmaci, bisognerebbe che per ogni spot televisivo delle varie case automobilistiche, una vocetta leggesse le avvertenze dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ovvero che nel mondo muoiono 8.000.000 di persone ogni anno a causa di patologie legate all’inquinamento dell’aria. Senza contare i morti e gli sfollati per le guerre per il petrolio, che da decenni insanguinano pianeta…

Dobbiamo operare una svolta culturale, ancor prima che economica… La signora ingioiellata col megasuv che parcheggia in terza fila per portare il figlio a scuola è una pezzente, mentre quella col caschetto da ciclista che lo porta in mountain bike è una strafiga… e così il corrispettivo maschile. In fondo anche Luca Carboni nel 1987  in Lungomare cantava…

[…]Perché la vita è incontrarsi e illuminare il buio
sì la vita è scontrarsi magari sotto il sole
dove si incontrano donne sulle biciclette
con le braccia nude e le grandi tette […]

Perché la vita è incontrarsi e illuminare il buio
e la vita è scontrarsi magari sotto il sole
dove si incontrano donne sulle biciclette
con il vento contro che gli scopre le orecchie […]

tratto dal testo della canzone Lungomare di Luca Carboni.

La vera rivoluzione sarà quando a Melfi o a Wolfsburg dalle catene di montaggio usciranno biciclette invece di automobili, perchè come ha scritto il sindaco di Bogotà (e io ho ripreso dal blog “Dove gira il sole” di Cri)

Un paese è sviluppato non quando i poveri posseggono automobili ma quando i ricchi usano mezzi pubblici e biciclette.

Gustavo Petro Urrego, sindaco di Bogotà.

p.s. Visto che ho parlato della canzone vi lascio col video dell’epoca di Luca Carboni… e chi come me ha trascorso le estati degli anni  ’80 a Rimini, riconoscerà le insegne di tanti locali….

Annunci

20 thoughts on “Pensieri sul caso Volkswagen.

  1. Anche noi usiamo pocco l’auto abbiamo un fiat panda 4×4 disel.. una volta al mese facciamo le grande spese e usiamo l’auto.. se faccio piccole spese Gianni ha comprato un carello tipo trailer che poi tirare a manno vedi qui http://paketko.si/image/data/Rocni%20vozicki/7/1.jpg .. ormai vediamo tanti giovanni con mezzi simile.. ora si parla tanto del Volkswagen ma credo tutti le marche d’auto hanno un scelettro nel armadio 😀 … dipende da noi come lo usiamo l’auto… vedo genitori che portano i bambini solo per 500 metri con l’auto a scuola… anche abdandoo via con il camper rimaniamo sempre fermo al posto dove andiamo… andiamo in giro con le bici … buona settimana caro Marco

    Liked by 1 persona

    • Io ho una Hyundai Atos Prime del 2006 a benzina che adesso uso a metà con mia figlia… in nove anni abbiamo fatto 30.000 km. Devo dire che per fortuna io vado al lavoro a piedi e in città uso i piedi, la bici e i mezzi pubblici. Mia moglie ha una Citroen Picasso a metano del 2005 che usiamo per andare a lavorare, per la spesa e per le vacanze. Fortunatamente tra uno o due mesi la ditta dove lei lavora si trasferisce e anche mia moglie andrà a lavorare in tramvia… Nelle vacanze (fatte tutte a metano) anche noi usiamo la macchina per raggiungere la meta… poi la lasciamo parcheggiata per tutta la vacanza e usiamo i mezzi pubblici.

      Mi piace

        • Io, da quando nella mia zona abbiamo la tramvia, mi sposto con i mezzi pubblici. Purtroppo, tolta la tramvia, i restanti mezzi a Firenze fanno pena… Attualmente se mia moglie andasse a lavorare con i mezzi pubblici, impiegherebbe più di un’ora di tempo, invece dei 15 minuti che impiega con l’auto… per fare solo 13 km!

          Mi piace

  2. Concordo in pieno. Nella mia città, già stretta e incasinata per natura, la viabilità è tra le cose peggiori. Fare 5 km in centro a Genova ma soprattutto TROVARE POSTEGGIO senza rischiare risse o nevrosi è più difficile che azzeccare un 6 all’enalotto!!

    Liked by 1 persona

  3. ahpperò! quella del sindaco di bogotà me la segno. chapeau.
    sottoscrivo ogni virgola, ça va sans dire. aggiungo una considerazione: io sarò anche patologico (già solo per il fatto che mi presenti in rete come uno che usa la bicicletta come estensione naturale del corpo…) ma faccio veramente fatica a capire le resistenze, chiamiamole, “ideologiche” nei confronti del mezzo, considerando i vantaggi (posso azzardare “oggettivi”?) su tutta la linea (anche quando piove, aggiungerei: come diceva un mio amico, “non esiste il brutto tempo, esiste solo l’abbigliamento inadeguato” 😛 )

    Liked by 1 persona

    • Con me sfondi una porta aperta… Non solo uso la bici e vado a piedi con qualsiasi tempo, ma nella mia carriera di podista ho fatto corse con tutte le intemperie possibili, compresa una maratona di Firenze di fine Novembre 2010 corsa tutta, dall’inizio alla fine, sotto l’acqua. E da quando cammino/corro anche sotto l’acqua mi ammalo molto meno di quando mi “riguardavo” per paura del mal di gola…

      Mi piace

    • Tutto sommato ognuno fa quel che può… io ho la fortuna di lavorare a 1,5 km da casa e posso andare a piedi. Quando lavoravo più lontano usavo i mezzi pubblici ma non sempre era conveniente. Ricordo che il primo lavoro era a 40km da casa mia e fui contento quando mi trasferirono a 13 km da casa. Peccato che con i mezzi pubblici ci mettevo meno ad andare in campagna a 40km da casa che a 13km attraversando tutta Firenze. Alla fine usai l’auto…

      Mi piace

  4. Hai perfettamente ragione ed è davvero inquietante quante pubblicità di auto passino in tv! Per fortuna mi capita di guardarla solo a casa degli altri, ma non si può non notare che, su tre spot, due sono di auto. E ti do ragione anche sul concetto di “figaggine”: le persone seguono le mode e a volte (sempre rristemente) il sapere di essere “in” convince di più che la consapevolezza di stare uccidendo un pianeta.
    Grazie per la citazione della citazione e buon weekend caro 🙂

    Liked by 1 persona

  5. Concordo in pieno e mi muoverei in bicicletta volentieri ma spesso le distanze in una grande città sono troppe. Ho provato ad andare al lavoro in bicicletta più volte ma alla fine ho abbandonato perchè avrei bisogno di una doccia all’arrivo e non scherzo.
    Per quanto riguarda invece la citazione “Un paese è sviluppato non quando i poveri posseggono automobili ma quando i ricchi usano mezzi pubblici e biciclette.” la trovo fantastica e veritiera. Vivo in una grande città dove i mezzi pubblici funzionano ogni anno di meno e il traffico automobilistico di conseguenza aumenta ogni anno di più. Bisogna assolutamente cambiare questo modo di pensare e i nostri amministratori dovrebbero per primi cambiare completamente mentalità.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...