Ciao Francesco Di Giacomo! R.I.P.

Foto

Foto “Francesco Di Giacomo” by Studio Grafico EPICS – flickr

Quando ero in terza elementare la vita (o meglio mia mamma) mi pose davanti ad un dubbio esistenziale: scegliere fra passare i pomeriggi in uno sgarrupato doposcuola che era il ricettacolo massimo del bullismo oppure frequentare dei noiosi corsi di solfeggio e di chitarra nella scuola di Musica comunale. Scelsi la musica e la continuai, come hobby, per quasi 20 anni.

A 12 anni cambiai strumento e mi dedicai, con alterni successi, a clarinetto e sassofono, iniziando a suonacchiare in complessini parrocchiali e bande di paese. Questa mia passione mi portò a frequentare ragazzi molto più grandi di me che mi introdussero al mondo del rock e in particolare al progressive italiano: quello della Premiata Forneria Marconi, delle Orme  e soprattutto del Banco del Mutuo Soccorso (anche se non disdegnavo  neppure le cassette doppiate dei Genesis e dei Jethro Tull). Fu così che uno dei primi concerti rock che vidi, andando al teatro Tenda di Firenze senza i genitori, ma con i compagni del complessino parrocchiale, fu proprio quello del Banco del Mutuo Soccorso. Per uno strano caso del destino, in uno stesso anno, forse il 1980 o il 1981, riuscì a vedere il Banco del Mutuo Soccorso  dal vivo per ben 3 volte di fila: al Teatro tenda di Firenze, nel mio paese di nascita e di nuovo a Firenze al Parco delle Cascine, in uno degli storici Festival dell’Unità del PCI. Fu grazie al “Mela”, mio compagno di scuola dell’epoca, che quando il Banco venne al mio paesello natio mi intrufolai dietro le quinte e passai un pomeriggio fra i musicisti, tra soundcheck, prove e chiacchiere al bar. Se mia mamma non l’ha buttato via a casa dei miei dovrei avere ancora la locandina del concerto con gli autografi di tutta la band.

In un periodo in cui la musica era quella dei cantautori (bei testi ma con 4 accordi in croce) oppure era costruita a tavolino come la discomusic, il progressive era, ai miei occhi di giovane strimpellatore, un genere dove emergeva l’abilità dei musicisti. Finalmente a degli ottimi testi si aggiungevano delle armonie e degli assoli che dimostravano il piacere di suonare dal vivo e il talento di tanti bravissimi musicisti.

Grazie Franceso Di Giacomo per quei concerti e per quei dischi… R.I.P.

Un estratto del Concerto alle Cascine… Io c’ero! E c’era pure la Rai che all’epoca trasmetteva anche i concerti rock!

Annunci

One thought on “Ciao Francesco Di Giacomo! R.I.P.

  1. Ehi Marco, non conoscevo questa tua arte, sarebbe stato il mio sogno suonare uno strumento, mi piaceva il pianoforte e la chitarra classica ma, conosci la mia storia e lo studio della musica non era contemplato 😦 Buon pomeriggio.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...