Eravamo una massa d’ignoranti…

Foto

Foto “Berlusconi vai via” by NELA.LAZAREVIC – flickr

Oggi, (forse) si conclude un ventennio ed è abbastanza normale che venga paragonato all’altro ventennio… quello dei nostri nonni…

Ricordo che negli anni ’70, quando io facevo le scuole medie andava di moda studiare la storia recente intervistando i propri nonni e facendosi  raccontare la prima e la seconda guerra mondiale. Ricordo di aver registrato, in qualche audiocassetta ormai persa,  mio nonno e di avergli chiesto come gli italiani avessero potuto seguire e approvare Mussolini e come, mia nonna avesse dato tranquillamente la propria fede matrimoniale in quell’operazione che si chiamava “Oro alla Patria”… Mio nonno scuoteva la testa e con vergogna diceva: «Eravamo una massa di ignoranti… il più istruito aveva si e no la terza elementare e poi la propaganda ci aveva fatto il lavaggio del cervello: i manifesti, la radio e, per chi poteva permetterseli, i cinegiornali ci hanno convinto…»

Cosa risponderò io tra venti anni ai miei nipoti quando mi chiederanno come abbiamo potuto sopportare il ventennio berlusconiano? Dirò: «Siamo andati a scuola, abbiamo studiato eppure ci hanno fatto il lavaggio del cervello lo stesso. Al posto dei cinegiornali ci hanno propinato le tv commerciali, il Drive in, le ragazze cin cin, la Champions league, gli yuppies,  i guadagni facili in Borsa, le veline,  i villaggi turistici, gli outlet, i telefonini e i suv da cambiare ogni 6 mesi. Così ci hanno trasformati di nuovo in una massa di ignoranti… Ignoranti, ma col diploma o la laurea dimenticati nel cassetto.»

E poi penserò agli anni successivi, a un nuovo e ulteriore tragico ventennio dove al posto del cinegiornale e della tv ci sarà stato lavato il cervello con facebook, twitter, instagram e dove, al posto dell’uomo di Predappio e a quello di Arcore, sarà subentrato l’uomo di Rignano sull’Arno.

Cambiano le tecnologie ma in fondo, restiamo sempre una massa d’ignoranti… e ci beviamo il primo che, in maniche di camicia, ci abbindola con le sue promesse…

Aggiornamento delle 23.58…

Beccatevi pure il video della Sora Cesira e fatevi due risate!

Advertisements

13 thoughts on “Eravamo una massa d’ignoranti…

    • Ciao Patrizia,
      E’ logico che con Silvio non finirà tanto facilmente ma il tempo, tutto sommato, è dalla nostra parte… Quello che mi preoccupa di più è colui che lo sostituirà e che avrà l’investitura il prossimo 8 Dicembre… Purtroppo l’ho avuto come amministratore per 10 anni: prima Presidente della mia Provincia e ora Sindaco della mia città… e sinceramente come amministratore non mi è piaciuto….

      Mi piace

  1. Io spero invece che alla fine si possa raccontare ai nostri nipoti che l’uomo di Rignano sull’Arno e soprattutto gli italiani hanno cambiato qualcosa rispetto a quelli che ci son stati prima…. poi magari non sarà così….. e probabilmente sarà per colpa dell’ignoranza degli italiani.

    Mi piace

    • Come ho già risposto a Patrizia l’uomo di Rignano sull’Arno l’ho avuto 5 anni come Presidente della Provincia e altri 5 come Sindaco e se il buongiorno si vede dal mattino… mi vien da dire “Povera Italia!”.
      Ci farò un post nei prossimi giorni, però domandatevi come mai l’uomo che tutta l’Italia reputa come colui che salverà il paese non è apprezzato dai suoi concittadini… Perchè i fiorentini (molti fiorentini) dopo aver dato fiducia alle sue parole ed averlo eletto, hanno avuto la riprova che, come recita il proverbio, “fra il dire il fare c’è di mezzo il mare…”
      Noi fiorentini abbiamo già sperimentato 10 anni del suo “governo del fare” e giuro che non è stata una bella esperienza…

      Mi piace

        • A Firenze è da metà Novembre che fa freddo, con cielo sereno e con molto vento. Addirittura dal 22 Novembre sono aperti gli impianti sciistici all’Abetone. Era dagli anni ’70 che le piste all’Abetone non aprivano così presto!

          Mi piace

  2. Pingback: Grazie a tutti… | Un po' di mondo

  3. Fermo restando che il “ventennio”, secondo me, è tutt’altro che finito, e che il caimano è lontano dal mollare, l’altro giorno sono stato comunque contento.
    Tuttavia sentivo tanta rabbia e amarezza al pensiero che per mia figlia (ormai maggiorenne) quello sarebbe stato il primo giorno della sua vita senza avere B. in Parlamento…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...