Ciao Oretta…

Foto

Foto “Angel Statue” by Sebastian Niedlich (Grabthar) – flickr

Oretta e Luciano li ho conosciuti una decina di anni fa, quando ho iniziato a fare podismo… Nonostante la differenza di età ci univa il fatto di gareggiare con la maglia della stessa squadra e di arrivare sempre nelle retrovie… All’epoca (in pratica come sarei adesso) ero molto sovrappeso, arrancavo e arrivavo sempre con gli ultimi, che di solito sono i novellini obesi, gli atleti maturi e quelli che, noncuranti dell’agonismo,  amano godersi i  percorsi panoramici in campagna… Insomma, un piccolo mondo, tenero e simpatico, in quell’universo più grande dell’atletica leggera…

Oretta e Luciano, così uniti nella vita, erano diversissimi nel podismo. Luciano partiva mezz’ora prima del via ufficiale, camminava, chiacchierava con tutti e spesso tagliava il traguardo con in mano qualcosa che trovava nel bosco, a seconda della stagione: un mazzo di asparagi selvatici al Corri alla Romola… dei fichi e dell’uva alle gare autunnali a Pontassieve…

Oretta invece no: lei era competitiva: senza voler essere offensivo, direi che  lei si sentiva competitiva a bestia! A volte le capitava di gareggiare in categoria unica con atlete molto più giovani di lei, oppure in gare strapaesane dove nella sua categoria erano solo in due o tre o addirittura si trovava da sola. In tutti i casi l’ho sempre vista tirare la gara al massimo dello sforzo, per onorare la maglia e perchè lo spirito era quello della combattente che doveva sempre tagliare il traguardo avendo dato tutto. Secondo me Oretta era “teneramente e ostinatamente competitiva”!

Alcuni anni fa, quando io avevo già cambiato squadra e correvo benino, ti trovai ad una gara a Bivigliano. Mi chiedesti, una volta tagliato il traguardo, di tornare indietro sul percorso per correre un po’ con te perchè temevi di perderti… Ricordo che anch’io avevo dato tutto ed ero stanchissimo… bevvi un bicchiere d’acqua, tornai a prenderti e facemmo insieme l’ultimo chilometro, dove sorpassammo una tua diretta avversaria… Ecco, io vorrei ricordarti così: competitiva e combattente come mi dicono che sei stata anche nella malattia. Purtroppo, come nelle corse, anche stavolta sono arrivato in ritardo… ho appreso della tua dipartita da facebook quando ormai non potevo più venire a salutarti…

Ti auguro di correre in cielo fra gli angeli e che ci siano anche delle salite, perchè altrimenti non c’è gusto. Manda a Luciano un po’ di consolazione perchè non si spengano il suo sorriso e la sua goliardia… E a me, se proprio ti avanza, mandami un briciolo della tua grinta e competitività, perchè tu non lo sai, ma da quando mi sono infortunato, io ho mollato, cavoli se ho mollato: hanno mollato le gambe e soprattutto la testa…

Ciao Oretta!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...