1 Billion rising a Firenze.

Locandina

Locandina “1 Billion rising” dal sito dell’Associazione Artemisia centro antiviolenza

In tutto il pianeta una  donna su 3 subirà, nella propria vita una qualche forma di violenza di genere. Facendo due conti si tratta di un miliardo di donne ed è  una cosa agghiacciante e inaccettabile. Partendo da questi numeri la scrittrice e drammaturga Eve Ensler ha lanciato la campagna One Billion Rising, che culminerà in un flashmob mondiale che si terrà il prossimo 14 Febbraio. Lo scopo dell’iniziativa è portare un miliardo di persone a ballare e recitare contro i femminicidi e la violenza alle donne.

I flashmob di One Billion Rising si svolgeranno in 189 paesi, in migliaia di città grandi e piccole: solo in Italia sono previsti 127 eventi in altrettante piazze. A questa manifestazione hanno dato la loro adesione anche diverse associazioni no profit nazionali come Se Non Ora Quando?, Emergency, CGIL, G.i.U.L.i.A., l’UDI,  ACTION AID, NO MORE, etc…

A Firenze il flashmob si terrà in piazza della Repubblica il 14/02/2013 alle ore 15.00 e nell’occasione verranno raccolte delle offerte per l’Associazione Artemisia che in Toscana si occupa di violenza sulle donne e sui minori (il nome deriva dalla pittrice Artemisia Gentileschi la cui vita e le cui opere furono segnate dallo stupro che subì nel 1611 e dal processo che ne seguì).

Un po’ di link.

E ora …musica…

Il video ufficiale della canzone da ballare “Break the chain”

La coreografia spiegata dalla coreografa Debbie Allen (ve la ricordate? Era Lydia Grant, la maestra di ballo del film e del telefilm “Saranno Famosi”)

La coreografia spiegata (in inglese e italiano) dalla coreografa che cura il flashmob di Firenze.

Annunci

One thought on “1 Billion rising a Firenze.

  1. Sono più di cento le donne uccise fino ad oggi nel nostro paese. Dal sud al nord senza distinzione di nessun tipo, reddito, livello di istruzione, etnia, appartenenza religiosa. Un solo elemento unifica queste morti: sono tutte o quasi state uccise da chi conoscevano, il partner, un familiare, un cosiddetto amico. Uccise perché donne, ma in realtà i dati non li conosciamo veramente perché non abbiamo un sistema informativo che ci consenta di monitorare il fenomeno nei suoi diversi aspetti. L’ultima ricerca approfondita l’ha fatta l’Istat nel 2007. L’anno dopo un gruppo di giornaliste e scrittrici ha pubblicato un libro «Amorosi assassini» analizzando per un anno le pagine dei quotidiani e raccogliendo in ordine cronologico, mese per mese, circa trecento casi di violenza e tracciando una terribile e dolorosa fotografia della vita e della morte di quelle donne.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...