Chiude “E il mensile”… e a me vien da piangere!

Foto "E il mensile di Emergency" by Fototeca Storica Nazionale  - flickr

Foto “E il mensile di Emergency” by Fototeca Storica Nazionale – flickr

Lo aspettavo con trepidazione tutti i mesi, sbirciavo nella buca delle lettere tutti i giorni, poi quando arrivava lo leggevo dall’inizio alla fine, comprese tutte le scritte piccole, finanche l’indirizzo della redazione e la registrazione al tribunale. Come un sommozzatore in apnea che resiste fino all’ultimo e poi risale in superficie affamato di aria, anch’io leggevo la rivista di Emergency come si respira una boccata d’aria fresca. D’altra parte nei miasmi irrespirabili dell’informazione italiana il mensile di Emergency era veramente un vento nuovo.

Credo che sia stata l’unica rivista che leggevo almeno due o tre volte: la prima volta velocemente perchè ero proprio affamato di queste notizie così diverse da quelle degli altri media. Poi rileggevo con calma gli articoli più interessanti che necessitavano di una  riflessione più attenta o anche quelli più divertenti, per i quali mi scoprivo a ridere da solo, come uno scemo. Alla fine rileggevo e segnavo con una “X” gli articoli che mi sarebbe piaciuto pubblicare e commentare qui sul blog: alcuni li ho pubblicati, altri sono ancora fra le bozze di WordPress o evidenziati sulle riviste appoggiate sulla mia scrivania di casa.

Il 25 Luglio uscirà l’ultimo numero di E-il mensile e il 27 luglio chiuderà anche il sito on line del giornale (e-ilmensile.it già peacereporter.net). Cecilia Strada, Maso Notarianni e Gianni Mura hanno spiegato nei loro editoriali che la crisi ha diminuito le offerte dei cittadini ad Emergency e che l’associazione, dovendo scegliere tra chiudere un ospedale o i giornali (di carta e online), ha preferito chiudere tutte le attività editoriali.

Tra pochi giorni si spegnerà l’ultima candela che portava un po’ di barlume nell’informazione italiana… da Agosto sarà buio pesto! Niente controinformazione, niente notizie sulle guerre mascherate da missioni di pace, niente notizie sulle spese militari che non diminuiscono mai, niente buone notizie provenienti dal pianeta (due paginette che ogni mese facevano sperare in un futuro meno nero), perfino niente posta del cuore curata da Claudio Bisio!

Grazie a voi di E-il mensile per esserci stati e per tutto quello che avete fatto fino ad adesso!

Sono dispiaciuto: a parte stipulare l’abbonamento, forse anch’io non ho fatto abbastanza per sostenere e divulgare la rivista e il sito… Vedo nelle risposte agli editoriali di Cecilia Strada, Maso Notarianni e Gianni Mura che tanti lettori vorrebbero impedire la chiusura di queste voci:  chissà, magari unendoci tutti insieme…

Annunci

3 thoughts on “Chiude “E il mensile”… e a me vien da piangere!

    • Le buone nuove dal mondo erano le due pagine che ti infondevano un po’ di speranza… avevi la certezza che non tutto era perduto e che c’era qualcuno che lottava per un mondo migliore e che raggiungeva perfino i suoi obiettivi!

      Mi piace

  1. Pingback: I numeri dell’evasione fiscale mondiale. « Un po' di mondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...