Rescates.

Rescate è una parola spagnola che significa “salvataggio”. Ieri l’Eurogruppo ha deciso di dare 30.000 milioni di Euro alle banche spagnole per ricapitalizzarle (due link alla notizia: sole 24 ore, vanguardia).

In tutta Europa, mentre i cittadini non arrivano a fine mese, non trovano lavoro e sono assillati da tasse su tasse (a cominciare dall’IMU che siamo appena stati costretti a pagare) i funzionari della Unione Europea dilapidano miliardi delle nostre tasse per salvare le banche.

Anche da noi, per salvare le banche e con la scusa di diminuire lo spread, si tagliano i posti letto negli ospedali, i servizi per i disabili, la scuola e si svendono i beni pubblici di tutta la collettività, mentre non si toccano le spese per gli armamenti (giusto per fare un esempio).

E’ l’ora di finirla di usare i soldi pubblici della collettività per salvare le banche private, che tra l’altro sono quelle che con le speculazioni finanziarie hanno causato la crisi! Ecco come un vignettista spagnolo (Ferran Martín de “La información) racconta i “salvataggi” dei funzionari della UE.

Non è questa l’Europa unita che volevamo noi cittadini!

Vignetta de Ferranmartin condivisa da un amico spagnolo su facebook

Vignetta de Ferranmartin condivisa da un amico spagnolo su facebook

Annunci

4 thoughts on “Rescates.

  1. Salvano ciò che fa comodo a loro, se poi la maggior parte delle persone sta ormai facendo la fame che vuoi che gliene freghi…. Eh no, sicuramente non è questa l’Europa che vogliono i semplici cittadini…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...