Quando un pomeriggio di sole spiega più di mille analisti politici.

Foto "Megalogo" by paolomariani69  - flickr

Foto “Megalogo” by paolomariani69 – flickr

Sabato scorso, in un bel pomeriggio di sole, ho partecipato al corteo indetto a Firenze dai comitati contro gli inceneritori toscani e lì, a seggi ancora da aprire, ho capito chi avrebbe fatto boom alle elezioni amministrative!

Andiamo per ordine: la manifestazione era organizzata dai comitati contro gli inceneritori della Piana fiorentina (Campi Bisenzio, Calenzano, Sesto Fiorentino, Firenze), della Valdisieve (zona di produzione del Chianti Rufina), della Versilia, di Castelfranco di Sotto (Pi), di Prato e di Pistoia. Al corteo, secondo i media (fonte altracittà e fonte gonews), hanno partecipato circa 5.000 persone ed hanno aderito quasi 100 associazioni, tra le quali: i comitati per l’acqua pubblica e per il rispetto dei referendum sull’acqua, i comitati contro la privatizzazione dell’Azienda di trasporto pubblico di Firenze (Ataf), il comitato contro il sottoattraversamento TAV di Firenze (lo sapete che tra poche settimane il sottosuolo di Firenze sarà sventrato da parte a parte per una megagalleria della TAV e che Firenze ospiterà una costosissima stazione sotterranea solo ad uso dell’alta velocità?)

Il corteo, pacifico e allegro, era aperto da uno striscione portato da alcuni bambini che recitava “Non bruciamoci il futuro” mentre altri striscioni portavano la scritta “Inceneritori=Tumori” e inneggiavano alla raccolta differenziata o al porta a porta. Il corteo era composto da famiglie con bambini piccoli, giovani coppie e anche molti anziani. Mi ha fatto sorridere un pensionato con un cartello autoironico e tipicamente toscano “Maledetto me che v’ho votato!”. Mi ha colpito molto anche lo striscione del comitato delle mamme contro l’inquinamento del latte materno, perchè a Montale (Pt) in passato sono state trovate le diossine prodotte dall’inceneritore, perfino nel latte materno delle neomamme. Purtroppo sono ormai tantissime le ricerche scientifiche che confermano gli inceneritori come una delle fonti maggiori di inquinamento e causa di  tumori e chi lo nega, secondo il mio modesto parere, ha notevoli interessi economici in merito e perciò non vuol vedere nemmeno le evidenze.

Ma la cosa più interessante era studiare chi non c’era alla manifestazione, forse perchè chiuso nei palazzi del potere e allergico a stare in mezzo alla gente. Magari io, fra 5.000 persone, potrei non aver visto qualche bandiera ma tutto sommato questo è quello che mi ricordo (qualcuno potrà sempre smentire con un commento).

Nonostante che la privatizzazione dell’Ataf porti a notevoli problemi di riduzione di servizi alla cittadinanza e a un sicuro ridimensionamento dei livelli occupazionali erano assenti CGIL-CISL-UIL. Gli unici sindacati presenti mi sono sembrati i COBAS-USB. A livello di partiti erano assenti quasi tutti, dal centro destra al centro sinistra (che in Toscana ha sposato gli inceneritori “senza se e senza ma”) tanto che si fa prima a dire chi c’era. Ho visto: qualche sporadica bandiera di “Sinistra Ecologia e Libertà”, una discreta delegazione della lista civica “Per un’altra Firenze” di Ornella De Zordo, insieme alla lista gemella “Per un’altra Sesto (Fiorentino)” e soprattutto un bel gruppone di militanti del “Movimento 5 stelle”: allegri, solari, attivamente partecipi e abbigliati con vestiti creativi ricavati dal riciclo dei  rifiuti…

Serve aggiungere altro per spiegare il successo elettorale del “Movimento Cinque Stelle”?

Annunci

2 thoughts on “Quando un pomeriggio di sole spiega più di mille analisti politici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...