Una voce da Genova…

Foto "working together" by elora.daphne - flickr
Foto "working together" by elora.daphne - flickr

Ho uno zio che abita a Genova: ieri siamo stati in pensiero tutto il giorno perchè lo abbiamo cercato dal pomeriggio e lo abbiamo trovato solo dopo le 22.00. Non trovandolo, i miei genitori e un’altra zia erano andati nei pazzi, anche perchè lo zio abita a poche decine di metri dallo Sturla. Fortunatamente era in città a dare una mano e non si era portato dietro il telefonino.

Dai racconti che ci ha fatto oggi, ha parlato di una tragedia annunciata: tutti questi  torrentelli (perchè diciamocelo che il Bisagno e lo Sturla sono due torrentelli da tre soldi), in molte parti della città, non scorrono più all’aperto, ma sono imprigionati nelle condotte e non hanno possibilità di esondare in zone aperte,  più controllate e meno pericolose. Semplicemente è stato tutto cementificato e i torrenti scorrono sotto alla città: sono stati “asfaltati” e  sopra ci sono state costruite strade, piazze e anche edifici interi… Capite che quando da monte arriva una piena, l’acqua da qualche parte dovrà pur andare. Purtroppo quello di ieri non è un caso eccezionale: un amico di mio zio ha perso un fratello in un caso analogo alcuni anni fa…

E poi c’è lo scandalo delle scuole: a quello che mi ha detto mio zio ieri  mattina sono stati mandati regolarmente  i ragazzi a scuola e poi quasi all’ora di pranzo, proprio quando la piena stava montando, è stato telefonato a casa dicendo ai genitori di andare a riprenderli. Sempre secondo il racconto di mio zio, fra le vittime ci sarebbero proprio delle persone che andavano/tornavano da prendere i ragazzi dalle scuole.

A questo punto dico ai politici di tutti gli schieramenti: BASTA CON LE SPESE MILITARI, BASTA CON LE GUERRE MASCHERATE DA MISSIONI DI PACE, BASTA CON  LE GRANDI OPERE INUTILI (TAV, Ponte sullo Stretto, Varianti di valico, terze corsie autostradali, etc…)!!! I soldi che ci sono vanno usati per mettere in sicurezza idrogeologica tutto il territorio italiano… Non si può, tutte le volte che piove, piangere qualche morto e dire sempre che è una tragedia naturale! E soprattutto non ce ne facciamo nulla del cordoglio che, il giorno dopo, arriva puntuale dalle varie istituzioni!!

Annunci