Liberiamoci del maiale: la Mortadella di Prato.

Banner Liberiamoci del maiale.

Con questo post aderisco all’iniziativa “Liberiamoci del maiale” che è stata lanciata dalle food blogger Madama Bavareisa e Kemikonti e che ha lo scopo di chiedere le dimissioni di Berlusconi e del suo Governo.

Per chi volesse leggere tutto il post con cui viene lanciata l’iniziativa può leggere questo link… io vi metto un piccolo estratto della presentazione e passo poi a dare il mio piccolo e modesto contributo…

Rieccoci qui, un gruppo di bloggers stufe dei comportamenti insultanti nei confronti delle donne del presidente del Consiglio. Atteggiamenti già noti da tempo, ahimé, ma che adesso hanno oltrepassato davvero ogni limite, manifestandosi in modo chiaro ed univoco agli occhi di chiunque abbia un minimo di buon senso e una dose di dignità.[…]

Chi è disgustato quanto noi dovrebbe pubblicare entro domenica 6 febbraio una ricetta in cui il maiale sia protagonista…non importa se cucinerete un sontuoso carré o un panino alla mortadella, non è un vero e proprio contest, ma un’iniziativa di dissenso… fotografate un wurstel, se non avete tempo di cucinare, ma partecipate ugualmente!  E per i bloggers non-food, sarà sufficiente aprire un post e commentare… a ruota libera!

Basterà esporre il banner dell’iniziativa, spiegando nel post le ragioni della propria partecipazione, i vostri motivi di disgusto[…] Valgono anche le ricette già pubblicate, e ovviamente non solo da donne!! ^_^ […] “tutto ciò che acquistiamo per poter preparare un piatto..è politica, far quadrare i conti è un atto di eroica politica ai giorni nostri” e aggiungo che il nostro essere donne attive degne di rispetto va ben oltre le quattro pareti rassicuranti di una cucina. Come ci è venuta l’idea del maiale? Beh… per analogia, ovviamente![…]

tratto dalla presentazione dell’iniziativa “Liberiamoci del maiale” dal sito di Norma Campignano (Madama Bavareisa)

Mi sono chiesto se e come potevo dare il mio contributo: sono un uomo, non sono un food blogger e come ricette non ho ne’ la maestria ne’ la fantasia che hanno tutti gli altri/le altre partecipanti all’iniziativa, però sono arrabbiatissimo con questo governo e farei di tutto per mandare a casa il maiale e tutta la sua corte. Il disgusto che provo l’ho già scritto  nel mio post “Bunga Bunga” dello scorso 18 Gennaio: dato che è un sola frase ve la ripeto anche qui:

Se tutto questo fosse vero si tratterebbe di un vecchio dell’età di mio padre che, pagando, si tromba delle ragazzine minorenni dell’età di mia figlia… Non mi ritengo un bacchettone, però… CHE SCHIFO!

tratto dal mio post “Bunga Bunga” dello scorso 18 Gennaio

Logicamente non posso liquidare così il mio post e perciò, non essendo un cuoco sopraffino, ma essendo un discreto buongustaio vorrei suggerirvi un salume tipico delle mie parti, la cui produzione viene  fatta con gli scarti degli scarti della lavorazione del maiale e che dimostra come, con l’antica sapienza popolare e un po’ di impegno, si possono tirare fuori delle ottime cose anche dai rimasugli. Caro Mr.B se ne vada e il popolo italiano saprà ricostruire un paese migliore  e rendergli dignità anche partendo dagli scarti di 17 anni di Berlusconismo!!!!!

La mortadella di Prato.

La mortadella di Prato. Foto dal sito di Slow Food

foto "La mortadella di Prato" tratta dal sito di Slow Food"

La mortadella di Prato è un salume povero, bollito, tradizionalmente fatto con gli scarti della lavorazione del maiale e “nobilitato” da una forte speziatura a base di pepe nero macinato e in grani, sale, polpa d’aglio pestato,  macis, coriandolo, cannella, chiodi di garofano e alkermes. L’uso dell’alkermes, oltre a dare l’inconfondibile aroma a questa mortadella, serviva in passato a ravvivarne il colore per farla assomigliare il più possibile alle mortadelle vere.

Dimenticato nel periodo del boom economico, questo salume povero è stato riscoperto e rilanciato come presidio Slow Food negli anni ’90 e adesso è molto ricercato… Auguro allo stesso modo agli italiani di voltare pagina con Mr B. e successivamente di “riscoprirsi” e “rilanciarsi”…

Annunci

8 thoughts on “Liberiamoci del maiale: la Mortadella di Prato.

  1. Cucina come luogo di lotta e di resistenza! LIBERIAMOCI DAL MAIALE!! E visto che B. nelle sue cene “eleganti” ufficiali e private non lo tollera perchè sapore forte e ignorante, propongo una popolana LONZA SAPORITA ALL’AGLIO!!!Ingredienti per 4 persone:
    •800 gr di lonza di maiale,
    • 2 melanzane,
    •4 pomodori,
    •6/8 spicchi di aglio,
    •foglie di salvia,
    •2 rametti di timo,
    •1 foglia di alloro,
    •vino bianco,
    •olio di oliva,
    •sale e pepe.

    Accendete il forno a 140 gradi. Praticate delle incisioni nella carne con un coltello affilato, Tagliate a metà ogni spicchio di aglio, avvolgeteli in una foglia di salvia e inseriteli nelle incisioni. Legate la carne con filo da cucina, in modo che in cottura mantenga la forma, poi fatela rosolare in tegame con poco olio, salate e pepate. Trasferitela in forno e fatela cuocere per 40 minuti, rigirandola e bagnandola con il fondo di cottura.
    Intanto lavate i pomodori e incidete la base con un taglio a croce; lavate le melanzane, asciugatele e tagliatele a pezzi grossi. Fatele rosolare in padella con poco olio, timo e alloro; salate e pepate. Trasferitele nel tegame con la carne e cuocete ancora per 30 minuti circa.
    Fate riposare l’arrosto per almeno 5 minuti e servitelo accompagnato dalle verdure.
    Il sapore è garantito e pure uno splendido complesso sapore di terra e di forza bruta! Accompagnare con vino rosso robusto e nerboruto, tipo Cannonau o Aglianico…magari gli piace pure!!

    Mi piace

  2. Pingback: Entro il 6 febbraio: liberiamoci del maiale!! « Il Blog di Norma Carpignano

    • Ciao Kemi,

      insomma va bene che sono un uomo e che non sono un food blogger… ma però sono anche un marito, un genero e soprattutto il padre di una ragazzina adolescente… Insomma a casa sono l’unico maschio fra tante femmine (compresa… una a quattro zampe che abbaia).

      Complimenti per l’iniziativa!!!

      Marco

      Mi piace

  3. Pingback: Negare tutto, anche con le mutande in mano! « Il Blog di Norma Carpignano

  4. Pingback: Come è andata a finire: Liberiamoci del maiale… « Un po' di mondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...