Come è andato a finire …”Mele della Pace 2010″ (primo riscontro).

foto "Locandina Mele della Pace" dal sito del Movimento Shalom

foto "Locandina Mele della Pace" dal sito del Movimento Shalom

Giusto una settimana fa ho partecipato, come volontario del Movimento Shalom, alla vendita delle Mele della Pace nel supermercato di Signa (qui il post dell’iniziativa, mentre qui un breve resoconto a caldo).

Giusto ieri sera ho ricevuto la mail della responsabile della sezione fiorentina di Shalom in cui ci comunica che, Sabato scorso, nei soli due supermercati di Signa e di Lastra a Signa abbiamo raccolto la bellezza di 1.950€. Questi soldi, come vi ho già raccontato nei post precedenti, andranno, insieme a quanto raccolto in tutta la Toscana, al finanziamento del Progetto Amahoro per la costruzione di  una Università in Burundi.

Ricordo che la vendita delle Mele della Pace prosegue anche in questo week-end, anche se io, per problemi lavorativi, non potrò partecipare …

Aggiornamento del 13/11/2010

Mi ha riscritto Roberta, la responsabile della sezione fiorentina del Movimento Shalom dicendo che nell’ultima giornata, al supermercato delle Piagge sono stati raccolti altri 800€. Quindi il totale raccolto nei 3 supermercati dove sono andati i volontari di Firenze è arrivato a ben 2.750€. Grazie a tutti coloro che hanno comprato le mele!!!!!

Annunci

6 thoughts on “Come è andato a finire …”Mele della Pace 2010″ (primo riscontro).

  1. Comlimenti! Siete stati davvero bravi.
    Devo dire che nel mio paesello le iniziative di questo genere sono ben accolte. Se non arrivo prima delle 11,00
    azalee, tronchetti, mele…spariscono. Buon segno!

    Mi piace

    • Sono iniziative che anch’io amo molto, perché spesso con pochi soldi si può far tanto. Noi siamo stati abbastanza facilitati da 3 motivi.

      1) I due chili di mele costavano solo 5€ e fortunatamente è una cifra modesta che, anche in tempo di crisi, la gente può dare in beneficenza.

      2) La postazione all’uscita del supermercato era strategica… insomma era difficile sfuggirci!

      3) Siamo stati educatamente e allegramente insistenti… Sinceramente se dovessi chiedere per me mi vergognerei come una bestia, chiedere per fare beneficenza a chi ha bisogno mi rende moderatamente e elegantemente sfacciato!

      Mi piace

  2. Concordo in pieno! Quando devo fare qualche “pressione” per le donazioni della CRI dove sono volontaria, non esito ad espormi, per me non chiedo mai nemmeno lo sconto al mercato… e finisce che me lo fanno ugualmente senza chiederlo!

    Mi piace

  3. Pingback: Come è andata a finire… “Mele della Pace 2010″ (esito finale) « Un po' di mondo

  4. Pingback: Mele della Pace 2011 « Un po' di mondo

  5. Pingback: Le Mele della Guerra e il Campo del Vasaio. | Un po' di mondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...