L’assicurazione contro gli incidenti dall’uso del gas. Quanti la conoscono?

Foto

Foto “Senza titolo” by sunshinecity – flickr

Quando arriva una bolletta, guardate solo l’importo e poi imprecate, come faccio io, oppure ve la leggete tutta, comprese le frasi scritte piccole? E magari andate anche sui siti dei gestori a vedere cosa prevede il vostro contratto? Io non lo faccio e confesso che sono rimasto stupito quando ho scoperto la notizia che sto per darvi e  che non viene molto pubblicizzata.

Lo sapete che da molti anni con la bolletta del metano tutti noi paghiamo un’assicurazione sugli incidenti dovuti al gas ma che quasi nessuno ne è informato? Ogni anno paghiamo 0,25€ (si proprio 25 centesimi) per questa assicurazione che, in caso di incidenti dovuti al metano, vi dovrebbe rimborsare fino a 180.000€ per danni ad immobili, fino a 80.000€ per danni a cose, fino a 250.000€ per morte o invalidità permanente e fino a 8.000€ per spese mediche. Questa assicurazione prevista per legge, ma che fino allo scorso anno valeva soltanto per i privati, dal 2014 è estesa anche a incidenti in luoghi pubblici come ospedali, carceri, scuole, case di cura e di riposo.

Auguro a tutti di non averne mai bisogno, però credo che in ogni caso tutti debbano conoscere che c’è questa possibilità…

Per maggiori informazioni:

Lo scandalo Hexavac: un vaccino inefficace per 2.500.000 di bambini?

Foto

Foto “Vaccination Without Vaccine” by Truthout.org – flickr

C’è voluta un’interrogazione parlamentare di 6 senatori del Movimento 5 stelle e la copertina del settimanale “Il salvagente” della scorsa settimana per portare all’attenzione dell’opinione pubblica lo scandalo del vaccino esavalente Hexavac, prodotto dalla Sanofi Pasteur MSD e somministrato a 2.500.000 di neonati tra il 2000 e il 2005.

La storia del vaccino, che avrebbe dovuto proteggere i bambini da difterite, tetano, poliomielite, epatite B, pertosse ed emofilo tipo B, iniziò con la sua commercializzazione nell’anno 2.000, per le consuete vaccinazioni obbligatorie. Nel 2005 il  Comitato dell’Agenzia per i medicinali per uso umano (Chmp) sospese l’autorizzazione per l’Hexavac a causa di forti sospetti di inefficacia nella protezione a breve e lungo termine contro l’Epatite B.

Uno studio, condotto in 6 centri vaccinali italiani tra il 2008 e il 2009 i cui risultati furono pubblicati sulla rivista “Vaccine”, rilevò come solo il 60,1 per cento dei bambini vaccinati presentava un livello di anticorpi antiHBS maggiore di 10mlU/ml, valore attestante l’efficacia dell’immunizzazione.

Nel 2012 Sanofi Pasteur MSD ha ritirato dal commercio il vaccino Hexavac ma è rimasto il problema dei bambini vaccinati tra il 2000 e il 2005 , che è ritornato alla ribalta adesso con un nuovo studio su 750 bambini vaccinati dieci anni fa, iniziato lo scorso Gennaio e  che prevede una nuova rivaccinazione.

Come riportato dall’interrogazione dei senatori del Movimento 5 stelle e come testimoniato dall’intervista che “Il salvagente” ha fatto al pediatra  Eugenio Serravalle, ci sarebbero forti sospetti sulla sicurezza di una nuova vaccinazione per quel 60,1% di bambini che hanno comunque già sviluppato gli anticorpi contro l’Epatite B. In ogni caso, i 750 genitori che decideranno di far rivaccinare i propri figli riceveranno un un omaggio che comprende: un termometro digitale, un righello, una tessera identificativa ed un diario dove annotare la temperatura del bambino ed eventuali reazioni locali nei 14 giorni successivi all’iniezione.

Se per caso siete genitori o parenti di bambini nati tra il 2000 e il 2005 che potrebbero essere stati vaccinati con l’Hexavac parlatene col vostro pediatra di fiducia…

Per la scrittura di questo post mi sono avvalso di queste fonti (che potete consultare per approfondire)

AGGIORNAMENTO (retroattivo…)

Mentre stavo scrivendo questo post mi sono imbattuto in un altro caso simile, segnalato da “Informare per resistere” nel 2012. Il caso del vaccino esavalente Infanrix Hexa (Codice 34905) della ditta belga GlaxoSmithKline Biologicals s.a., lotto A21CB191B con data di scadenza 31-01-2014, che a causa di una probabile contaminazione batterica, dal 2012 è stato ritirato in molti paesi come Slovacchia, Spagna, Germania, Australia, Francia e Canada. Se avete vaccinato con l’esavalente dei bambini tra il 2012 e gennaio 2014, magari approfondite anche questa notizia…

Fonte di questo aggiornamento:

Ecchecazzo… dottore!

Foto

Foto “Senza titolo” by Olga e Zanni – flickr

La scorsa settimana ho fatto le analisi del sangue e stamani, visto che mia moglie andava dal medico di famiglia per altre cose, le ho chiesto di portargliele a far vedere… Quando ci siamo sentiti a pranzo mia moglie mi ha detto: «Per il dottore le analisi vanno bene, tranne il colesterolo che è leggermente sopra i limiti. Comunque dice che facendo un po’ più di attività fisica i valori torneranno normali»

ECCHECCAZZO DOTTORE!!! E’ un anno che non corro perchè mi fa male il piede destro e non riesco a venirne fuori.

Quando incontro gente che corre mi prende il magone! Quando facendo zapping mi imbatto nelle maratone in tv mi sale la bile… Quando poi vedo su facebook le foto dei miei amici alle gare, tutti belli sorridenti con i pettorali e le medaglie, a me viene da piangere e per non star peggio evito come la peste di incontrarli di persona (mettendomi in dei casini che non vi dico).

E tu, cazzo di dottore, mi vieni a dire che devo fare più attività fisica? Meno male che in ambulatorio è venuta mia moglie… se fossi stato lì avrei cominciato col sollevamento pesi e ti avrei arrovesciato la scrivania in capo!

…Come se non bastasse quando sono arrivato a casa ho trovato nella buca delle lettere la copia del mensile “Runners e Benessere” (già il nome è tutto un programma) col volantino della gara de “La Briglia” che certifica impietosamente che ormai è un anno che non faccio gare.

Visto che non so più se arrabbiarmi o mettermi a piangere, mi domando: «Quante altre sorprese mi deve riservare questa notte di Halloween?»

L’amore al tempo della Sindrome di Down.

Foto tratta dal blog di Trisomia 21

Foto tratta dal blog di Trisomia 21

Saverio Tommasi è un attore, regista e autore di libri e testi teatrali fiorentino. Saverio è impegnato in quello che si di solito si chiama teatro civile o di denuncia ma che, al contrario di molti suoi colleghi spesso angoscianti e noiosi, lui riesce a coniugare con l’ironia, il sorriso, il divertimento e con quel pizzico di follia che sconfina sempre in poesia.

Antonella Falugiani è la vulcanica presidente dell’Associazione Trisomia 21 che si occupa di integrazione e sviluppo delle persone con Sindrome di Down, che molti miei lettori conoscono per l’iniziativa di boicottaggio di Gardaland e soprattutto per il simpatico blog di cui Antonella è la curatrice in veste di … “scimmietta”.

Cosa può succedere mettendo insieme due personalità come Tommaso e Antonella, entrambi estremamente professionali nel proprio lavoro ma allo stesso tempo così disincantati, ironici e divertenti? Succede che da questo incontro nasce un video di 19 minuti, pieno di poesia, che racconta attraverso gli occhi di Saverio il lavoro di Trisomia 21.

Guardatelo… sono 19 minuti che fanno bene al cuore… e che a Settembre io farei vedere in tutte le scuole!

A questo link il video “L’amore al tempo della Sindrome di Down” di Saverio Tommasi

Qui invece il racconto dell’iniziativa di Antonella sul blog di Trisomia 21

Qui la presentazione sul sito di Saverio Tommasi

Attenzione alla rupatadina per i cardiopatici.

Foto

Foto “Sick at Heart” by Truthout.org – flickr

Mi scuso se anche oggi attingo all’ultimo numero della rivista “Il salvagente” ma credo che, per alcune notizie riguardanti la salute e la sicurezza, bisognerebbe fare un passaparola…

ANTISTAMINICI A RISCHIO PER I CARDIOPATICI

C’è un antistaminico di seconda generazione al quale soprattutto i cardiopatici devono prestare particolare attenzione perché può causare alterazioni del ritmo e della frequenza cardiaca: si tratta della rupatadina, principio attivo contenuto nel Pafinur e nel Rupafin, venduti dietro prescrizione medica e rimborsati ai pazienti con allergia cronica. Sono quattro i casi segnalati in Italia ma sul foglietto illustrativo non c’è alcuna informazione. A darne notizia è stata l’Agenzia italiana del farmaco che raccoglie le segnalazioni provenienti da medici, farmacisti e pazienti sugli effetti indesiderati dei medicinali.

articolo tratto da pag.30 della rivista “Il salvagente” nr. 28/2013

Piccolo esempio di come funziona la Sanità Pubblica in Toscana.

Foto

Foto “Radiografía” by Carlos Adampol – flickr

Ho dovuto fare una radiografia ad un piede e quindi mi sono informato su costi e tempi per farla. Grazie a Dio sono un tipo sano, di età e reddito nella media e quindi sono soggetto a pagare il ticket… Sono però rimasto basito sull’esito della mia ricerca.

  • ASL Firenze – Sanità Pubblica – Tempo di attesa 1 settimana – Costo ticket 36€
  • Pubblica Assistenza Humanitas – Sanità Privata – Tempo di attesa 1 giorno. Costo prestazione cittadino comune (non socio Humanitas) 33€
  • Pubblica Assistenza Humanitas – Sanità Privata – Tempo di attesa 1 giorno. Costo prestazione socio Humanitas 25€
  • Pubblica Assistenza Humanitas – Sanità Privata – Tempo di attesa 1 giorno. Costo prestazione + quota di tesseramento annuale 35€

In tutti e tre i casi il costo del ticket nella struttura pubblica della Asl superava il costo dell’intera prestazione nella Sanità Privata… Alla fine ho fatto la tessera della Pubblica Assistenza perchè almeno per tutto il 2013 posso accedere alle prestazioni sanitarie a costi “popolari”… E meno male che da noi abbiamo le Misericordie e le Pubbliche Assistenze!!!!

In compenso, la signorina del Centro Unico di Prenotazione della Asl, ha tenuto ad informarmi che, se mi fossi fatto le radiografie ad entrambe i piedi, in quel caso i costi della Asl sarebbero stati più convenienti di quelli della Pubblica Assistenza…

730, Farmaci, detrazioni e scontrino parlante…

Foto

Foto “Farmacia” by Turkinator – flickr

Tempo di 730 e di spese mediche da portare in detrazione. Ma per i medicinali e i farmaci, cosa si può portare in detrazione? E come va interpretato il cosiddetto  “scontrino parlante” che a volte sembra proprio parlare un’altra lingua?

Gli scontrini della farmacia devono obbligatoriamente riportare il codice fiscale dell’assistito, il tipo di medicinale acquistato e il codice numerico di identificazione del farmaco. Per rispetto della privacy del paziente/contribuente nello scontrino non viene messo il nome del farmaco ma un codice che non è altro che il numero di autorizzazione all’immissione in commercio (A.I.C.) del medicinale. Ma quali sono i medicinali che si possono detrarre dal reddito?

Si possono detrarre dal reddito i farmaci/medicinali che appaiono nello scontrino con le seguenti voci:

  • farmaco
  • medicinale
  • f.co
  • med.
  • sop
  • otc
  • omeopatico
  • preparazione galenica
  • ticket

NON si possono detrarre invece le seguenti voci (nel conteggio per il 730 questi importi andranno tolti dallo scontrino)

  • parafarmaco
  • integratore
  • fitoterapico (i fitoterapici per cui è ammessa la detrazione sono indicati in scontrino come farmaco o medicinale)

Infine ricordo che sulle ricevute/fatture per visite mediche di importo maggiore di 77,47€ va messa una marca da bollo da 1,81€ e che, in mancanza del bollo, la responsabilità ricade sul contribuente e non sul medico che ha emesso la ricevuta…

La salute è un diritto: campagna Nazionale di Emergency

Avrei voluto scrivere questo post molto prima ma tutta una serie di impegni lavorativi e familiari mi hanno impedito di farlo e perciò approfitto degli ultimi cinque giorni utili per ricordare la campagna di Emergency intitolata “La salute è un diritto. Sostieni Emergency con il numero solidale”.

Questa iniziativa si ispira  all’articolo 32 della Costituzione: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti” e si propone di di raccogliere fondi per l’ampliamento dell’intervento umanitario di Emergency in Italia. Con i fondi raccolti verranno acquistati e allestiti due ambulatori mobili per portare cure ai braccianti agricoli, si finanzieranno due Poliambulatori che saranno avviati a Napoli e Polistena (RC) durante il 2013, le attività dei due Poliambulatori già operativi a Palermo e Marghera e dei due ambulatori mobili “Polibus” già operativi in zone di forte disagio sociale e dove l’accesso alla sanità è difficoltoso.

La raccolta fondi avviene attraverso il numero solidale 45505 attivo dal 8 a al 28 aprile: dè possibile donare 2 euro da cellulare o 2 oppure 5 euro da telefono fisso al Programma Italia di Emergency.

Purtroppo nella nostra povera Italia quasi 9.000.000 di cittadini non possono accedere alle cure nel servizio sanitario nazionale, che ormai è volto più al profitto e alla tutela dei bilanci che a quella del diritto alla salute di tutti. D’altra parte quando gli ospedali diventano “Aziende sanitarie” o, come le hanno chiamate qui nella Toscana, “Società della Salute” e quando nelle corsie degli ospedali o negli ambulatori i cittadini vengono chiamati “clienti” o “utenti” si capisce dai termini usati che lo scopo del servizio pubblico non è più quello di garantire le cure a tutti ma solo a chi può permettersele…

Aiutiamo perciò Emergency a rendere di nuovo concreto l’articolo 32 della Costituzione!

Le mie nuove scarpe da corsa… da oggi Brooks!

Come detto nello scorso post, ieri sono andato a comprare le mie nuove scarpe da corsa. Su consiglio del mio fisioterapista sono stato in un negozio dove mi hanno fatto anche un “Run test” computerizzato (e gratuito) per valutare il tipo di passo che ho… Essendo un negozio multisport in un centro commerciale non ci ero mai stato (di solito preferivo i negozietti specializzati nel running) e invece ho trovato un commesso molto competente e disponibile.

Il run test

Il commesso mi ha fatto correre su un tapis roulant mentre una telecamerina registrava la mia corsa e mandava i dati e le immagini al computer, dove un software analizzava il mio passo. Ho fatto questo test con tre paia di scarpe differenti e alla fine il risultato ha confermato quello che negli altri negozi mi avevano detto “ad occhio”: sono un leggero pronatore. Il test era così approfondito, che ho scoperto di essere proprio strano: il piede sinistro ha una perfetta corsa neutra mentre il destro è leggermente pronatore. Si vede che, proprio come in politica, mi trovo meglio con la  sinistra che con la destra!

Le scarpe

Dopo le analisi del passo, fatte con scarpe sia neutre che antipronazione,  abbiamo deciso di prenderne un paio che correggano leggermente la pronazione. Per il piede sinistro non ci sono differenze, mentre il piede destro trova un discreto giovamento dalla leggera correzione delle scarpe, tanto che atterra in modo neutro… Considerando anche il mio peso (da un annetto sono un po’ troppo sovrappeso) e il fatto che ho la pianta dei piedi abbastanza larga, la scelta è andata a finire su un paio di scarpe statunitensi che sostituiranno le giapponesine Mizuno di cui vi avevo parlato ieri. Alla fine sono approdato alle Brooks  Adrenaline GTS 13 che per qualche giorno indosserò nella vita normale per l’adattamento piede-scarpa…. Se poi con le prossime sedute,  il fisioterapista mi rimetterà a posto, presto potrei tornare a correre e a  tediarvi con post su allenamenti e gare…

Appendice

Tornato a casa, per curiosità sono andato a vedere la statistica che la Rivista “Runners e benessere” (ex “Podismo e Atletica”) pubblica ogni anno sulle marche di calzature usate dai podisti nella “Maratonina della Befana” che si svolge il 6 gennaio a Firenze e che vede tre o quattro disgraziati impegnati a prendere nota delle  marche delle scarpe di tutti gli arrivati al traguardo…

Ebbene, dopo tanti anni in testa alla statistica, la  Mizuno dal 33% del 2009 è scesa al 28,4% del 2013 con un calo del 4,6% e la perdita della prima posizione a favore delle Asics (33,9%).  Le Brooks passano dal 5,7% del 2009 al 13,7% del 2013 e sono le scarpe che hanno avuto l’incremento maggiore, arrivando al 4° posto della classifica, superate da Nike in terza posizione che rimane sulle sue percentuali degli anni passati (14,9%). A seguire tutte le altre: Saucony, Adidas, New Balance, Puma, Fila Diadora, Rebook. (dati tratti dalla tabella pubblicata a pagina 55 del numero di Febbraio 2013 della rivista “Runners e benessere”)

Stai a vedere che come scritto nel post di ieri il mio fisioterapista ha ragione…

Foto "Brooks Adrenaline GTS 13" by unpodimondo

Foto “Brooks Adrenaline GTS 13″ by unpodimondo

Il crollo di un mito: …addio Mizuno!

Foto

Foto “Running Shoes” by peteaylward – flickr

E’ da molto tempo che non scrivo più di podismo semplicemente perchè è dall’inizio dell’anno che ho smesso di correre e pure di allenarmi a causa di una fastidiosa fascite plantare. A dire il vero i primi segnali della fascite erano arrivati a fine novembre ma siccome avevo delle gare a cui tenevo particolarmente, da buon fesso ci ho corso sopra per un mese e ho aggravato la situazione… Le conseguenze di tale comportamento sono che, se adesso vado a fare una corsetta anche di soli 40 minuti, poi zoppico per 3 giorni a causa del dolore sotto al piede destro…

Dopo ecografie, visita ortopedica e due appuntamenti saltati per colpa mia a causa di influenza, riesco finalmente ad andare a farmi vedere da un bravissimo fisioterapista che corre nella mia stessa squadra e che mi è stato consigliato da alcuni amici che sono stati rimessi  in piedi da lui in poche settimane…

Alla prima visita racconto al fisioterapista tutta la mia storia mentre lui inizia a torturami perbenino. Quando gli dico che la fascite mi fa parecchio male sul piede destro ma anche un pochino sul piede sinistro… lui si volta e mi dice: «Allora sono le scarpe. Ogni quanto le cambi?» ed io: «Una volta con lo stesso modello facevo anche 700 km, ultimamente non riesco a farci nemmeno 500 km. Le ultime sono quasi nuove, ci avrò fatto si e no 250 km». La sua faccia si illumina col sorrisino ironico di chi la sa lunga e mi dice: «Scommetti che indovino la marca delle tue scarpe da corsa? Tu usi le Mizuno.» Io rimango a bocca aperta e dopo alcuni secondi di silenzio domando: «Come hai fatto? Non è possibile, uso le Mizuno da anni.» E così lui mi spiega che tra il 2012 e il 2013 ha avuto almeno una quarantina di casi come i miei, tutti podisti che usavano le Mizuno e che, nella maggior parte dei casi, han dovuto cambiare marca di scarpe. Da qui il mio fisioterapista parte con una lunga e interessante dissertazione tecnica sulle suola delle scarpe da running che si conclude con l’affermazione che, secondo lui, negli anni le suole delle Mizuno siano peggiorate sensibilmente, tanto da essere causa di infortuni… La sensazione, che riportano anche diversi podisti sul web, è che le suole siano più “secche” rispetto al passato…

Mi è crollato un mito: tanti anni fa, dopo una serie di peregrinazioni fra una marca e l’altra, ero finalmente approdato alle Mizuno, con le quali ho fatto maratone, mezze maratone e decine di corse di tutti i tipi. Da alcuni anni avevo perfino trovato il “mio” modello: le Wave Nexus (ebbene si sono un leggero pronatore). Mi ero così affezionato che ho seguito quasi tutta l’evoluzione delle Nexus: dalle Nexus 2 sono arrivato alle Nexus 6 al ritmo (e con i costi) di minimo 3 paia nuove ogni anno…

Nel tardo pomeriggio vado a comprare le scarpe nuove: …addio giapponesine Mizuno, stasera vi tradirò e tornerò a casa con un paio di scarpe della concorrenza…