Tremila pubblicità al giorno.

Foto

Foto “Painted advertising” by vanherdehaage – flickr

Ho appena finito di leggere un libro sulla comunicazione e la pubblicità nel turismo (per la cronaca è un testo scolastico: G.Colli – G.Pietroni “Turismo.com – Comunicazioni e relazioni nel turismo contemporaneo” – Ed. Clitt). Fra le varie cose, ho scoperto una cifra che mi ha impressionato: ognuno di noi, in una giornata normale, viene in contatto con più di 3.000 annunci pubblicitari. Fate un po’ mente locale a cosa può essere il bombardamento giornaliero di 3.000 pubblicità che ci arrivano da tv, radio, giornali, affissioni, internet, insegne commerciali, mail, etc…

Per fortuna abbiamo un grande un alleato che lavora per noi: il nostro cervello filtra tutta questa robaccia e fa in modo che ci ricordiamo meno del 10% delle pubblicità con cui veniamo in contatto. Come conseguenza pare che i pubblicitari si sbattano a destra e manca per far rientrare i loro annunci dentro a questo famigerato 10%. Il lavoro di quelli che non sono abbastanza creativi è destinato a finire nel 90% destinato all’oblio…

Storie di libri, di internet e di italiani…

Foto "Books" by Hans Dinkelberg - flickr

Foto “Books” by Hans Dinkelberg – flickr

A volte il funzionamento di questo disastrato paese che si chiama Italia si scopre più nei piccoli fatti che nelle grandi analisi fatte da economisti, politici e giornalisti. E’ per questo che voglio raccontarvi la storia che è capitata lo scorso autunno a mia figlia, durante la ricerca di due libri che le servivano per l’Università (frequenta il primo anno del corso per  Meditore linguistico e culturale all’Università per stranieri di Siena)

Primo libro.

Per inglese le servivano due libri editi in Gran Bretagna ma diffusi in tutto il mondo: per essere sicura di trovarli mia figlia li aveva ordinati alla Feltrinelli International di Firenze. Mentre primo libro era arrivato nel giro di una settimana, il secondo tardava ad arrivare tanto che, nonostante le telefonate e i solleciti, dopo un mese e mezzo mia figlia era l’unica nel suo corso a non avere il libro. Presa dallo sconforto mia figlia è andata a chiedere alla Feltrinelli International come mai a Siena il libro era disponibile mentre a Firenze non arrivava mai… La commessa, dopo essersi arrampicata sugli specchi, aver frugolato sulla tastiera computer e aver farneticato qualcosa sui distributori dei libri, ha sclerato e ha detto a mia figlia che non doveva andare a far perder tempo agli addetti in libreria ma che doveva restare a casa ad attendere l’sms che Feltrinelli le avrebbe inviato all’arrivo del libro. Mia figlia non ci ha pensato due volte: ha annullato l’ordine, si è fatta rendere i soldi dell’acconto e una volta tornata a casa si è precipitata su Internet. Dopo pochi minuti ha ordinato il libro in Inghilterra alla “The book depositary” di Gloucester. Il volume è arrivato in una settimana al costo (comprensivo di tasse e spese postali) di  24,58€.  Feltrinelli International, per lo stesso libro voleva 32€ e le ha fatto perdere oltre un mese e mezzo…

Secondo libro.

Il secondo libro, “Antiche fiabe cinesi”, necessario per l’esame di Storia e Letteratura Cinese, era ormai fuori catalogo da circa 20 anni e diversi compagni di mia figlia l’hanno dovuto fotocopiare integralmente in facoltà. Grazie ad una ricerca su Internet abbiamo ricevuto un bellissimo gesto di solidarietà nei nostri confronti. Abbiamo trovato il libro su www.coseinutili.it, il sito di baratto e scambio “Gas friendly”, cioè particolarmente dedicato agli appartenenti ai Gruppi d’Acquisto Solidale.  In realtà lo scambio del libro era già in corso fra due persone, Evelyne del Gruppo d’Acquisto Solidale di Calci (Pi) e Miky di Campobasso. Mi sono presentato dicendo che faccio parte del Gassolotto di Firenze e ho spiegato la situazione del libro che serviva per l’Università di mia figlia. Con un gesto estremamente gentile e solidale Miky ed Evelyne hanno rinunciato al loro scambio in modo che Evelyne (la proprietaria del libro) potesse offrirlo a me. In una settimana abbiamo fatto lo scambio, praticamente  a costo zero in quanto, sia il libro che le spese postali, sono state “pagate” con i “crediti”, ovvero la moneta virtuale in uso su su www.coseinutili.it. Evelyne e Miky di nuovo grazie di cuore!

Morale della favola.

Due libri “introvabili” e due storie che raccontano la nostra nazione: quella inefficiente, lunga e scortese di chi, per professione, avrebbe dovuto procurarci un libro a pagamento e quella veloce, cordiale e simpatica di chi ci ha procurato un altro libro per solidarietà. Viva l’Italia e un po’ anche… Viva l’Inghilterra!

A Pontedera presentazione del libro ‘Miracolo d’Amore’

Locandina tratta dal sito del Movimento Shalom.

Locandina tratta dal sito del Movimento Shalom.

Come avrete già letto dalla locandina, Venerdì 20 Settembre 2013 c/o gli impianti sportivi Bellaria-Cappuccini di Pontedera (Pi) verrà presentato il volume “Miracolo d’Amore” scritto da Giorgio Salvadori che raccoglie storie e testimonianze dal progetto “7 Gennaio” del Movimento Shalom.

Il Cesvot (Centro Servizi Volontariato Toscana) ha editato il libro e lo ha reso disponibile a tutti nella sua collana chiamata Briciole. Infatti “miracolo d’Amore” è liberamente scaricabile da questo link.

Il volume ripercorre la storia della famiglia Gronchi, dalla morte del figlio Matteo in un incidente stradale a quella della mamma Roberta per una  terribile malattia. Due tragedie strazianti che però hanno dato origine ad una serie di “miracoli”: dalla donazione degli organi di Matteo, alla costruzione, prima di un pozzo e poi di una scuola nel deserto del Burkina Faso per 200 bambine che altrimenti non avrebbero avuto nessun accesso all’istruzione… E’ una storia commuovente, non solo di una famiglia, ma dell’incontro di tante persone, di comunità intere, che stanno camminando insieme…

p.s. A seguito della presentazione del libro verrà effetutata una cena il cui costo è di 14€. Maggiori info al n. 0587.53804

Il valzer dei libri in vacanza…

Foto

Foto “This book” by Bob AuBuchon – flickr

Lo scorso Maggio pubblicai un articolo dedicato al bookcrossing intitolato “Un libro non è diamante, casomai è una trottola…“. Fra le mille altre cose che ho fatto in vacanza ho avuto anche modo di fare del bookcrossing quando ero al mare… Sono partito da casa con due libri da leggere che avevo trovato nello scaffale del bookcrossing che frequento qui a Firenze: “Fruit & Company” di Fabrizio Parenti e “N.P.” di Banana Yoshimoto.

Non sto a raccontarvi per filo e per segno trama dei due volumi. Basti dire che del primo libro mi aveva attratto la copertina e il fatto che l’autore fosse toscano. Alla fine dei conti, secondo il mio modesto avviso, si è trattato di una ciofeca… la storia di un ortolano distrutto economicamente, in parte da un centro commerciale e molto di più da tre donne attratte dalle sue capacità amatorie… insomma carta e inchiostro sprecati… Banana Yoshimoto invece è stata una bella lettura: un libro che parla di temi belli pesanti (letteratura, suicidi, incesto, adolescenti, rapporti tra fratelli e sorelle) ma con una leggerezza e una pietà tutte orientali.

Dopo averli portati dalla Toscana alle Marche ed averli letti sulla spiaggia i due libri sono finiti nello scaffalino del bookcrossing del Bagno Apapaia di Senigallia dal quale ho prelevato il romanzo “La prosivendola” di Daniel Pennac che mi ha fatto conoscere le vicende di Benjamin Malaussène. Non avendo terminato la lettura quando ero in vacanza, mi sono portato a casa il libro e adesso sto finendo di leggerlo. Quando lo avrò terminato lo spedirò alla futura Biblioteca di Lampedusa insieme ad altri due o tre libri che ho messo da parte per l’inizativa di cui vi avevo parlato nel post dello scorso 8 Agosto.

Guardando il retro della copertina de “La Prosivendola” ho scoperto, dal cartellino che copriva il prezzo,  che il libro era stato venduto a Brera: chissà quali altri passaggi ha fatto prima di arrivare a Senigallia, per poi essere trasferito a Firenze in attesa di finire a Lampedusa… Sembra quasi un Giro d’Italia…

Doniamo un libro all’isola di Lampedusa.

Foto

Foto “Summer 2011″ by Nicola Licata – flickr

Nei giorni scorsi, sulla stampa nazionale e sui social network, Giusi NIcolini,  sindaco di Lampedusa ha lanciato il seguente appello per la nascita della prima biblioteca dell’isola…

Lampedusa non ha una biblioteca e neppure un negozio dove potere acquistare libri. Voi ci vivreste mai in una città dove non è possibile comprare libri? Io non ci credo! Quindi se in giro per casa avete libri, di qualsiasi genere, che non leggete o avete già letto e di cui volete sbarazzarvi, aderite all’iniziativa.

Appello del Sindaco di Lampedusa qui ripreso dal sito “Orizzonte Scuola”

Quindi se avete dei libri da donare, in particolare libri per bambini e ragazzi (anche usati), potete spedirli a questo indirizzo. Se li spedite alla posta con la tariffa “Piego di libri”  spendete anche una sciocchezza…

Giusi Nicolini

“Donazione libri per la futura Biblioteca di Lampedusa”

Via Cameroni

92010 LAMPEDUSA (AG)

Cara LaValeria ti scrivo… (in risposta al post su LaFeltrinelli)

Foto

Foto “Serata di chiusura della #libreria #Edison di #Firenze. #libri #persone” by Filippo Canzani – flickr

Ho appena finito di leggere l’accorato (anzi il disperato) appello che LaValeria, del blog “La disoccupazione ingegna” ha scritto nell’articolo  “Cara LaFeltrinelli ti scrivo…” e che altri amici blogger stanno ridiffondendo in rete per vedere se Feltrinelli, per una buona volta, prende in considerazione l’eccellente curriculm che ogni mese, da 6 anni a questa parte, LaValeria manda alla nota catena di librerie. Pur non conoscendola, mi sento di rispondere a modo mio alla lettera de La Valeria…

Cara LaValeria,

ho appena letto il tuo post e dopo averci riflettuto, ho deciso che non lo riposterò. Se avrai la pazienza di leggere questa mia lettera fino in fondo capirai le mie motivazioni.

C’era una volta a Firenze una bellissima libreria: si chiamava Libreria Edison e si trovava sotto i portici di Piazza della Repubblica, nel salotto buono della città, proprio accanto all’Hard Rock Café. La Edison non era soltanto 3 piani di libri ma anche il centro di tante iniziative culturali, e il luogo di lavoro di una quarantina di dipendenti veramente appassionati, che certamente avrebbero saputo che Fruttero e Lucentini erano due persone distinte e non il nome e cognome di una persona sola. Sicuramente alla libreria Edison avrebbero preso in considerazione il tuo curriculum, ma purtroppo la libreria è stata chiusa lo scorso Novembre e i dipendenti adesso sono disoccupati, proprio come te.

Tutta Firenze si è mossa per salvare questa libreria:  è stata fatta una petizione  che ha raccolto 40.000 firme e, prima di tirare giù il bandone, la Edison ha ospitato decine di interventi di personalità della cultura, tutti contro la chiusura (Vinicio Capossela, Daniela Morozzi, Paolo Ferrero, Sergio Staino, la Bandabardò, i ballerini di Maggio Danza, Giancarlo Cauteruccio, i Diaframma, i Litfiba, Carlo Monni, i Whisky Trail, Claudia Bombardella, Ricardo Da Silva, David Riondino, Grazia di Michele, Pippo Russo, i Vivace Quartet e i Sinfonico Honolulu). Poi però la libreria ha chiuso.

Se sei arrivata a questo punto ti domanderai cosa c’entra il tuo post con la storia della libreria Edison. Magari potresti pensare che la libreria ha chiuso per la crisi o perchè aveva i bilanci in rosso… e invece no! La Edison andava bene ed è stata fatta chiudere dal proprietario dell’immobile che non ha voluto più rinnovare il contratto d’affitto alla libreria, nonostante (da quel che ho letto sulla stampa locale) la Edison avesse sempre pagato regolarmente l’affitto…

Vuoi sapere chi è il proprietario dell’immobile e come mai può aver voluto la chiusura di una libreria amata da tutti i fiorentini? Indovina un po’… il padrone è la tua amata-odiata LaFeltrinelli, che in un colpo solo ha ucciso un concorrente che faceva cultura e ha liberato un immobile di prestigio da riaffittare a qualcun altro…

Se ti posso dare un consiglio lascia perdere LaFeltrinelli e manda il tuo curriculum a qualche piccola libreria dove sarà sicuramente più apprezzato.

In bocca al lupo

Marco.

p.s. A sette mesi dalla chiusura della libreria Edison i locali sono ancora desolatamente vuoti. All’epoca in città si vociferava che Feltrinelli volesse affittare a Apple ma pare che, visto il clamore suscitato dalla chiusura, alla Apple abbiano deciso di non prendere più in affitto i locali. Se questa storia fosse un libro giallo, temo che chiunque tornerà a riempire l’immobile sotto i portici di Piazza della Repubblica verrà etichettato da parte di molti fiorentini, come colui che, insieme a Feltrinelli, ha “ucciso” Edison…

Open days 2013 all’SMS di Rifredi…

logo iniziativa dal sito dell'SMS di Rifredi.

logo iniziativa dal sito dell’SMS di Rifredi.

La Società di Mutuo Soccorso di Rifredi è da 130 anni una delle più vivaci e multiformi realtà culturali e solidali dell’area fiorentina. Mentre nel tempo, tanti altri circoli simili, si sono ridotti al mero ruolo di bar e pizzerie, allSMS di Rifredi rimangono forti i legami con la cultura e la solidarietà, rappresentati dalle tante associazioni che sono ospitate nella sede di Via Vittorio Emanuele II n.303. Si parte da uno dei teatri più interessanti di Firenze e si prosegue con le sedi cittadine di associazioni come Emergency, Medici Senza Frontiere e il Movimento Shalom

Tutte le associazioni presenti all’SMS di Rifredi come ogni anno si presentano negli Open Days 2013 che si terranno nelle giornate del 6, 7 e 8 Giugno c/o il giardino in Via Vittorio Emanuele II al n.303. Questo il programma:

GIOVEDI’ 6 GIUGNO

  • 17.00 “Dal mondo di Mirò… creiamo la nostra… linea d’orizzonte” Laboratorio di pittura, ritaglio e assemblaggio per bambine e bambini realizzato dagli educatori de La Clessidra.
  • 18.30 Dibattito “SE COSI FAN TUTTI: vecchi e nuovi comportamenti a rischio”. Partecipano: Dott.ssa PAOLA TROTTA (responsabile Dipartimento Dipendenze della ASL 10), On. FILIPPO FOSSATI (Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati), Dott.ssa LUDOVICA MAZZEI (Ass. ACAT), Dott.ssa FRANCESCA CHIAVACCI (ARCI), Dott. FEDERICO GIANASSI (presidente Quartiere 5)
  • 19.30 In palestra “Conosci lo Yoga”: per fare esperienza di una tecnica antica ma di grande efficacia e utilità nel momento attuale…
  • 20.30 Apericena senza alcool preparato da “Inzuppa – Associazione Culturale, il catering a misura d’uomo”
  • 21.30 ANTOR “Introduzione al mondo del gioco dì ruolo dal vivo” rappresentazione dimostrativa seguita da torneo di tiro con l’arco e torneo dì spade grv.

VENERDI’ 7 GIUGNO

  • 17.00 La LIBRERIA CUCCUMEO organizza un incontro-laboratorio per i bambini dai 5 agli 11 anni “Maialini, rospi e mille colori! Rimando e narrando tra arte e poesia”.
  • 19.30 APERICENA
  • 21.30 Serata danzante al ritmo latino-americano a cura delle Scuole Salsa Cubana e Tango Cafè.

SABATO 8 GIUGNO

  • 14.30 Ritrovo per il Trekking a Cercina organizzato dall’Associazione “IL VALICO” in collaborazione con EMERGENCY e MEDICI SENZA FRONTIERE (vedi volantino).
  • 17.00 Simultanea di scacchi: uno scacchista dell’A.D. “FIRENZESCACCHI” giocherà contemporaneamente contro 10 avversari.
  • 17.30 Sala biblioteca. La sezione cultura della SMS presenta “Voci dalla resistenza” lettere, documenti, testimonianze a cura di Andrea Comincini.
  • 19.00 Dimostrazione dell’antica disciplina cinese “FALUN DAFA” con proiezione di un breve documentario inedito.
  • 20.30 CENA SOCIALE (vedi volantino)
  • 22.00 Musica popolare dal vivo con la band “IL BRIGANTINO”.

Durante i 3 giorni di festa nei giardini della Società di Mutuo Soccorso saranno ospitati gli stand delle Associazioni che hanno la loro sede nel circolo. In particolare:

Ricette di classe: un pdf con le ricette più amate dai bambini di Scandicci.

Foto

Foto “1960er Modella Küche – 60s Modella kitchen 2″ by diepuppenstubensammlerin – flickr

L’Amministrazione Comunale di Scandicci (Fi), in collaborazione col servizio delle mense scolastiche e con le classi delle scuole elementari della cittadina, ha pubblicato un ricettario in pdf con i piatti preferiti dai bambini che pranzano a scuola. Il librettino, curato dalla cuoca Letizia Bambagioni, propone dodici ricette con particolare attenzione a quelle che permettono ai ragazzini di mangiare le tanto detestate verdure: minestra di patate e carote, pappa al pomodoro, pesto di tonno, pesto di zucchine,  cotoletta vegetariana, salsa ketchup, straccetti di maiale, pepitelle di pollo al forno, polpettine di mare, coccole di verdura, cavolo gratinato e sformato di verdura.

Anche se l’impaginazione non è il massimo (è fatta più per la stampa che per la consultazione in pdf) il libretto è gradevole, le ricettine sono semplici e si prestano bene come spunti per nuove rielaborazioni e modifiche…

Scarica a questo link il libretto “Ricette di classe”

Un libro non è diamante, casomai è una trottola…

Foto

Foto”Trottole sorprese uovo cioccolata equo e solidale – Spinning tops surprises from fair trade chocolate eggs” by unpodimondo – flickr

Alcuni giorni fa l’amica Mizaar ha scritto un post dal titolo “Un libro è per sempre!” nel quale, parafrasando una vecchia pubblicità, affermava che per lei i libri sono come i diamanti: …per sempre e da custodire gelosamente nella libreria alle proprie spalle.

Pur partendo dalle stesse considerazioni, ovvero il piacere della lettura e il fatto che vendendo i libri usati non si diventa ricchi, io sono arrivato a considerazioni totalmente opposte alle sue.

Inizio da lontano, da un trasloco fatto più di 10 anni fa… Fare e disfare gli scatoloni ti fa scorrere davanti tutta la vita passata, ti fa scoprire quante cose hai accumulato e soprattutto quanto pesano… (sarà un caso ma gli scatoloni dei libri pesano tantissimo). Durante questa attività  mi venne da riflettere che forse non sarebbe bastata una vita intera per leggere tutti i libri che, uno per volta, avevo accumulato e molti dei quali ancora attendevano di essere letti.

Partendo da qui presi la decisione di dividere in due gruppi i libri appena letti: quelli bellissimi (pochi) che sicuramente un giorno avrei riletto e quelli (tanti) che sarebbero rimasti inutilmente a prendere polvere e che si meritavano di tornare in circolo per trovare nuovi lettori. Quindi non libri-diamante ma libri-trottole, destinati a girare di mano in mano e a raccontare le proprie storie ad altre persone.

A venderli su e-bay non si guadagnava un fico secco, scambiarli con altri lettori trovati via web era divertente ma le spese postali (anche l’economico piego di libri) erano pur sempre un costo. Alla fine mi sono convertito al book crossing e da un po’ di tempo li metto/prendo negli scaffali del libero scambio che sono presenti in vari luoghi del mio quartiere. Fortunatamente non lontano da casa mia c’è un centro culturale che, nel proprio bar, ha una parete intera dedicata al crossing e non solo di libri: vhs, dvd e libri da prendere e lasciare in massima libertà…

La libertà è quello che mi piace di più del bookcrossing e che me lo fa preferire alla biblioteca. Vai e lasci i libri che ti pare e poi allo stesso modo prendi i libri che più di affascinano, senza alcun obbligo: non devi riconsegnarli alla scadenza, se dopo averli letti ti piacciono tanto li puoi tenere e mettere nella libreria tra i libri-diamante, oppure li puoi passare a qualche amico, oppure puoi liberarli di nuovo in uno scaffale diverso da quello in cui li hai presi. Lo scorso anno ho preso dei libri a Firenze e dopo averli letti in ferie, li ho lasciati nello scaffale del bookcrossing del bagnino a 250 km da casa…

In tutto questo ci sono due sottili piaceri…  Il primo è quello dei libri che qualcuno ha lasciato, che ti fanno l’occhiolino dallo scaffale e ti trovano: libri a cui magari non avresti mai fatto caso in libreria. Il secondo piacere è quello di tornare allo scaffale e vedere che i tuoi libri non ci sono più e che quindi anche loro sono finiti su un altro comodino o dentro un altro zaino…

Libri dati via questa settimana (*)

  • Beppe Severgnini “Italiani di domani”
  • Marco Bucciantini – Stefano Prizio “La partita di Cesare” (biografia di Prandelli)
  • Dan Brown “Il codice Da Vinci”
  • Agatha Christie “Delitto in cielo”
  • Catalogo della mostra di Pittura “Mexico – Messico”

Libri presi questa settimana (*)

  • Marie NDiaye “Tre donne forti”
  • Georges Simenon “La neve era sporca”
  • Razan Moghrabi “Le donne del vento arabo”

(*) In questo mondo senza regole io mi sono dato una regola del tutto personale: i libri che lascio devono essere di numero maggiore di quelli che prendo. In questo modo faccio spazio a casa, contemporaneamente faccio incrementare un pochino il totale dei libri nello scaffale e comunque mi assicuro letture gratuite…

Da Feltrinelli “Nuova vita ai tuoi libri”.

Locandina

Locandina “Nuova vita ai tuoi libri” dal sito http://www.lafeltrinelli.it”;

Da oggi 12 Aprile e fino al 14 Aprile le librerie Feltrinelli ospitano l’iniziativa “Nuova vita ai tuoi libri”.

Consegnando un libro usato in buono stato si ottiene un Buono sconto da 5€ da spendere nella stessa libreria fino al 18 Aprile 2013 a fronte di un acquisto di 20€. Nei tre giorni dell’iniziativa si può consegnare un libro al giorno a persona.

I libri usati appartenenti ai generi letteratura, saggistica, scolastici,  didattici, lingue straniere, dizionari, frasari, enciclopedie e corsi di lingue verranno donati alla Fondazione IntegrA/Azione che li userà per corsi di alfabetizzazione e insegnamento della lingua italiana a stranieri e per la costituzione di piccole biblioteche nei Centri di accoglienza per migranti.

I restanti libri verranno inviati al Comieco per riciclare la carta e creare nuovi oggetti.

Maggiori info qui