Uno strumento che sempre dà, la stessa nota… ratatata

Foto

Foto “…and let me play – 138/365″ by morberg – flickr

Oltre 20 anni fa ero un giovane jazzista di belle speranze e all’epoca, pur essendo sempre stato un amatore, mi sono tolto delle discrete soddisfazioni: ho suonato con i migliori jazzisti di Firenze, tra cui un giovanissimo ma già talentuoso Stefano Bollani. Con un gruppo in cui suonavo agli inizi degli anni ’90 siamo stati a Videomusic, abbiamo aperto 7 concerti del tour “Oltre” di Claudio Baglioni del quale ricordo  pure  una session fatta dietro le quinte con Tony Levin (bassista dei King Crimson, Yes, Peter Gabriel, John Lennon, Pink Floyd etc, etc…) e Gavin Harrison (batterista dei Porcupine tree, dei King Crimson e di molti artisti inglesi degli anni ’80). Nonostante lavorassi già come informatico, all’epoca mi esercitavo più o meno un’ora tutti i giorni e penso di essere stato il tormento dei miei vicini di casa: sentire qualche classico del  jazz ogni tanto poteva essere anche piacevole, ma ascoltare me che studiavo quotidianamente la tecnica, con tutte le scale blues, per i miei vicini doveva essere una tortura cinese. Quando è nata mia figlia ho smesso, perchè non ce la facevo a lavorare, gestire la famiglia, studiare musica e suonare nei locali (e quando suoni con dei professionisti questi non intendono scuse…)

Da alcuni mesi ho un nuovo inquilino al piano di sotto e anche lui ha deciso di romperci i timpani con i suoi assoli. Quasi tutti i giorni si dedica al suo hobby e ci allieta col suo strumento preferito: alcune volte anche dopocena, una volta addirittura alle 23.15, tanto che ci siamo messi a battere con la scopa sul pavimento per farlo smettere.

Amo tutta la musica: dalla classica al jazz, dal rock al soul, dagli oldies alla contemporanea; gli amici di mia figlia mi hanno fatto apprezzare perfino qualche brano di rock duro. La musica dell’inquilino del piano di sotto invece non la sopporto proprio perchè, come cantava Gianni Morandi, lui usa “uno strumento che sempre dà, la stessa nota ratatata…” Se io all’epoca suonavo Miles Davis, Charlie Parker e Sonny Rollins lui credo che abbia gli spartiti di un unico artista: il famoso compositore statunitense Black & Decker e i suoi notissimi concerti per trapano solista, …strumento di cui il mio vicino è un virtuoso, quasi un novello Niccolò Paganini specializzato in punte e mandrini!

Giuro che se continua a trapanare un giorno si e uno no (lo fa più o meno a tutte le ore, festivi compresi),  io salgo in soffitta e tiro giù tutta l’artiglieria musicale. Ho un sax tenore, un sax contralto, un clarinetto in si bemolle, tre chitarre (elettrica, acustica e classica) e pure una piccola tastiera, che usavo per le basi ma che non so suonare. Non mi manca niente: ho almeno tre scatoloni di spartiti (tra cui diversi Jazz Real Books) ma soprattutto ho vent’anni di astinenza dal Sax che potrei voler recuperare tutti insieme…

E poi vediamo un po’ chi fa più confusione…

Raggi di sole, ovvero piccolissime soddisfazioni…

Foto

Foto “Rays of sunshine” by -JosephB- – flickr

Da oggi ho un collega nuovo, che però arriva da un luogo di lavoro vecchio… un posto dove ho lavorato dal 1988 al 2002. Col collega nuovo non ci conoscevamo perchè lui è entrato laggiù nel 2006, quando ormai io ero già andato via da quattro anni. Però abbiamo delle conoscenze comuni, persone con cui abbiamo lavorato entrambi…

E’ stato con immenso piacere che mi ha portato i saluti e gli auguri dei miei ex colleghi (quasi tutta la bassa forza), compresi quelli un po’ sui generis di un collega burbero e leggermente misantropo con cui ho diviso l’ufficio per alcuni anni e che, sotto una scorza dura, aveva un cuore grande…

Se dopo 11 anni ancora si ricordano di me, mi viene da pensare che nel periodo in cui sono stato laggiù, forse dovrei aver lasciato una buona impressione… Sarà vero? Non lo so, però ricevere quei saluti è stata una piccola soddisfazione… come un raggio di sole!

p.s. Anche non ricevere i saluti della mia ex-dirigenza è stata una soddisfazione…

Come esce l’elefante dalla cristalleria?

Foto

Foto “Broken glass chandelier” by cluckva1 – flickr

A volte ho proprio un carattere di merda (scusate il francesismo ma non trovo un’espressione più educata per esprimere il concetto), cosicché, partendo da una situazione in cui magari avrei avuto anche ragione, finisco per cacciarmi interamente dalla parte del torto e mi ritrovo in un cul de sac (wow, stavolta un vero francesismo). Un cul de sac da cui non so più uscire…

Nei giorni scorsi mi è successo con i miei ex-compagni di corse;  …”ex” nel senso che, a causa di infortuni, io non corro più da un anno e di conseguenza, quando penso all’argomento “running”, divento leggermente nervoso…

Ora mi domando, il famoso elefante nella cristalleria, come fa ad uscire dignitosamente dal negozio, dopo che si è fermato e ha fatto mente locale sui  cocci sparsi in terra?

E’ un’impresa proprio difficile, raccattare i cocci con la proboscide…

— Seguono aggiornamenti fra i commenti—

Mummie.

Foto

Foto “Loderanda Berte'” by Funky64 (www.lucarossato.com) – flickr

C’era una volta (nel secolo scorso) il Partito Comunista Italiano che a Firenze organizzava delle immense Feste dell’Unità al Parco delle Cascine ed offriva tanti concerti gratuiti. Credo di averci visto un po’ tutti: da Bennato a Zucchero, da Gianna Nannini a Loredana Bertè, alla Mannoia, al Banco del Mutuo Soccorso… Se un anno t’andava proprio male vedevi (sempre gratis) i Nomadi o gli Inti Illimani.

Oggi c’è il PD e la festa democratica di Firenze si tiene in un fazzoletto di terra all’OBI Hall. In compenso, proprio come allora, quest’anno ci sono in concerto Loredana Bertè e gli Inti Illimani. C’è però una piccola differenza: adesso i compagni non regalano più nulla e infatti vogliono 18€ per vedere Loredana Bertè e 12€ per gli Inti Illimani… Quasi quasi in alternativa mi faccio un giro al Museo Archeologico: spendo solo 4€ e in un colpo solo vedo più mummie! E compresa nel prezzo del biglietto c’è pure la Chimera d’Arezzo!

Dalle indiscrezioni avute da alcuni informatori pare però che tre giorni fa, in un impeto di generosità, alla festa del PD abbiano fatto vedere (stavolta gratis) la preziosissima mummia di un notabile della Magna Grecia: tale Maximus D’Alemus!

Cari compagni del PD, visto che siete così “avanti”, vi consiglio per la festa del prossimo anno, di organizzare una proiezione su maxischermo di tutte le puntate de “La signora in giallo”, “L’ispettore Derrick” e “Il tenente Kojak”. Logicamente mica gratis! Tutte al prezzo popolare di 5€ a puntata…

Proprietà transitiva dell’auricolare…

Foto

Foto “What do I carry in my pocket…” by Sam Lee – flickr

Come ho già raccontato più volte, la mattina vado a lavorare a piedi. Fare tutti i giorni lo stesso pezzo di strada alla stessa ora ti porta ad incontrare sempre le stesse persone, a camminare davanti o dietro a loro o a fermarsi allo stesso semaforo pedonale in attesa del verde… E’ inevitabile a volte ascoltare pezzi dei loro discorsi od osservare come sono vestiti e come si comportano.

In questi giorni mi imbatto spesso in due persone. La prima è una signora della quale non conosco il nome e che chiamerò Lady X. Lei ha sempre in mano il telefonino, l’auricolare all’orecchio e parla di continuo… Dagli spezzoni che mi capita di sentire non è che il dialogo sia di lavoro o molto professonale… dalle mie parti si dice che è una che sta “cianando”… insomma spettegola, fa gossip di quartiere con qualche altra comare aldilà del filo…

Il secondo invece lo conosco abbastanza bene: si chiama F. ed è un ragazzo che ha avuto un’infanzia difficilissima, una famiglia disastrata e adesso che è diventato adulto, vive da solo e ha raggiunto un suo equilibrio lavorando in una azienda agricola. In tempi di non politically-correct si sarebbe definito bonariamente come “lo scemo del villaggio”, quello che ha l’abitudine di parlare da solo a voce piuttosto alta. Il fatto curioso è che lui borbotta di lavoro: lo sento farfugliare di piante, di semina, di annaffiatura, potatura etc…

Stamani mi sono chiesto cosa succederebbe togliendo l’auricolare a Lady X e mettendolo a F. Per la proprietà transitiva dell’auricolare…

Natura selvaggia… in città!

Nel tragitto che faccio ogni giorno tra casa e l’ufficio passo accanto ad un pezzo di terreno rettangolare, circondato su due lati dai giardini condominiali di due palazzine e negli altri due lati, da due strade. E’ un pezzo di terra completamente abbandonato e incolto: da quando frequento la zona (oltre 20 anni) non ci ho mai visto nessuno  a ripulirlo o farci qualsivoglia lavoro. Tolti due o tre alberi, gli  arbusti si sono sviluppati e  hanno preso il sopravvento su tutto il resto della vegetazione. Alla fine si è formata una piccola zona “selvaggia” in città.

Guardate che spettacolo, in questi giorni la fioritura delle rose! Non curate da nessun giardiniere si sono espanse liberamente, a loro piacimento: che bellezza questo fazzoletto di natura!

p.s. cliccando sulle foto si ingrandiscono.

Foto

Foto ” Rose – Roses” by unpodimondo – flickr

Foto ” Rose – Roses” by unpodimondo – flickr

Foto ” Rose – Roses” by unpodimondo – flickr

Foto ” Rose – Roses” by unpodimondo – flickr

Foto ” Rose – Roses” by unpodimondo – flickr

Foto ” Rose – Roses” by unpodimondo – flickr

Foto ” Rose – Roses” by unpodimondo – flickr

Foto ” Rose – Roses” by unpodimondo – flickr

Foto ” Rose – Roses” by unpodimondo – flickr

Foto ” Rose – Roses” by unpodimondo – flickr

Foto ” Rose – Roses” by unpodimondo – flickr

Foto ” Rose – Roses” by unpodimondo – flickr

Foto ” Rose – Roses” by unpodimondo – flickr

La invitiamo a rimanere in attesa per non perdere la priorità acquisita.

Come sapete di lavoro faccio l’informatico e ogni tanto mi capita di telefonare ai famigerati numeri verdi: software houses, fornitori di linee ADSL, centri assistenza per attrezzature in garanzia e così via… Alla risposta parte il solito disco e dopo aver spippolato sulla tastiera per selezionare i vari menù, arriva la fatidica frase: “La invitiamo a rimanere in attesa per non perdere la priorità acquisita.” E poi? Poi parte la musichetta…

Oltre alla noia mortale di dover aspettare un centralinista che l’80% delle volte non risolverà il tuo problema, perchè non capisce niente di informatica, c’è l’aggravante della musichetta che nella maggioranza dei casi fa venire il latte alle ginocchia, aumentando il tedio dell’impaziente interlocutore: “Le quattro stagioni” di Vivaldi, “Per Elisa” di Beethoven, qualche notturno di Chopin (per far addormentare definitivamente  il poveretto in linea) oppure Brahms o il “Danubio Blu” di Strauss.

Fino a stamattina, l’apice della modernità delle musichette nei dischi dei centralini, arrivava al massimo a George Gershwin e Frank Sinatra. Oggi ho dovuto chiamare l’Assistenza Corporate di Telecom Italia per due linee ADSL non funzionanti e con una piacevole sorpresa (visto che l’ho dovuta ascoltare per quasi 10 minuti) il centralino ha suonato “Grace Kelly” di Mika

Giuro che la volta che trovo un centralino che suona Lady Gaga oppure Elio e le Storie Tese vi richiamo anche se non devo chiedervi niente…

P.s. per le cosiddette aziende “serie”. Se proprio la musica pop/rock non dovesse essere in linea con l‘immagine del vostro Brand,  vi concedo al massimo Miles Davis, Charlie Parker e Dizzy Gillespie. Se poi volete insistere con la classica, proprio in via di favore, chiuderò un occhio (e un orecchio) solo su Mozart… ma “Le quatto Stagioni” PROPRIO NO…

Duecento metri a Sud della drogheria del quartiere.

Foto

Foto “All of Alajuela” by puroticorico – flickr

Come ho scritto in passato ho un vecchio hobby, iniziato quando ero giovincello: collezionare pins e gadgets. Un giochino che è una stupidaggine ma che mi ha permesso di fare nuove amicizie in tutto il mondo, coltivare le lingue ed imparare usi e costumi di altre popolazioni.

La scorsa settimana, per la prima volta mi sono accordato per fare uno scambio di pins con un collezionista del Costa Rica. Quando ci siamo scambiati gli indirizzi per l’invio delle lettere con i gadgets sono rimasto allibito… l’indirizzo del mio amico, tradotto in italiano, più o meno recitava così: Pedro [...] 200 metri a sud della drogheria “i 5 angoli” del quartiere “giuncheria”. Pensavo che mi prendesse in giro e perciò gli ho chiesto se l’indirizzo era reale e allora ho scoperto una curiosità di tutto il Costa Rica. Le strade e le piazze non hanno nomi e numeri e tutte le persone (compreso anche il servizio postale) si orientano dando indicazioni relative a distanze rispetto a negozi, distributori di benzina, chiese etc… Ho fatto una veloce ricerca su internet e ho scoperto che la popolazione locale è così abituata a questo tipo di indicazioni che anche le pochissime strade e piazze che hanno un nome (di solito quelle turistiche) vengono  sempre indicate in relazione alla distanza da un luogo conosciuto, usando i punti cardinali. Quindi avremo… a 300 mt. nord-ovest dalla cattedrale, a 50 mt. a sud del cinema… e così via.  Una guida turistica del Costa Rica raccomandava ai viaggiatori di munirsi di una bussola o di un gps e di tenere conto che tutte le chiese sono orientate verso Est…

Ad una prima impressione ho pensato che questa usanza del Costa Rica fosse una follia, poi ho fatto mente locale e mi sono reso conto che anch’io quando do il mio indirizzo, dopo aver detto via e numero civico aggiungo sempre…. “di fronte alla Casa del Popolo del quartiere…”, oppure “cento metri dopo la chiesa sulla sinistra…”

Unpodimondo.wordpress.com: 2012 in review

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2012 per questo blog.

Ecco un estratto:

About 55,000 tourists visit Liechtenstein every year. This blog was viewed about 210.000 times in 2012. If it were Liechtenstein, it would take about 4 years for that many people to see it. Your blog had more visits than a small country in Europe!

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Un cappuccino sottozero…

Foto

Foto “Cappuccino” by Kevin H.- flickr

Stamani è il secondo giorno successivo che Firenze si risveglia con una bellissima giornata di cielo sereno ma con temperature abbondantemente sottozero. Il meteo dava la minima notturna a -5° e anche quando sono uscito da casa prima delle 8 le temperature erano ancora con segno negativo. Bastava osservare tutti gli automobilisti intenti a sghiacciare i vetri delle auto per capire che era davvero un freddo birbone.

Calcati bene guanti e cappello mi sono incamminato verso l’ufficio. Quando sono arrivato davanti al bar della Diana, sul marciapiede al freddo e al gelo, c’era una signora di una certa età che ha attirato la mia attenzione. Contemporaneamente batteva i piedi dal freddo mentre sorseggiava un cappuccino fumante che teneva nella mano destra. A parte l’abilità di battere ritmicamente i piedi senza versarsi addosso il cappuccino dalla tazza piena fino all’orlo, mi sono chiesto che gusto c’era a bere un cappuccino in piedi, fuori dal bar alle 7.50 di una mattina gelata. E’ bastato dare un’occhiata alla mano sinistra della signora per risolvere l’arcano mistero…

Brutta bestia la dipendenza da tabacco se una sigaretta, in una fredda giornata di dicembre, ti impedisce di gustare il cappuccino seduto al tavolino nel tepore del bar e con la compagnia della Diana…