Una buona notizia: le petizioni a favore dei lavoratori tessili del Bangladesh hanno avuto effetto!

Ricordate il post dello scorso 8 Maggio in cui vi invitavo a firmare la petizione di Avaaz a favore dei lavoratori tessili del Bangladesh? Ebbene, le petizioni sono state più di una, lanciate in tutto il mondo e sommandole tutte insieme  hanno già raggiunto più di un milione e mezzo di firme. La pressione di così tanti consumatori, tutti informati e critici, ha avuto effetto: molte delle multinazionali coinvolte hanno firmato l’accordo per la sicurezza dei lavoratori in Bangladesh. Vi copio-incollo l’articolo pubblicato oggi sul sito della Campagna Abiti Puliti  (membro italiano della campagna internazionale Clean Clothes Campaign). Questa vittoria contro la delocalizzazione selvaggia è importante perchè sui diritti dei lavoratori non ci sono differenze fra Nord e Sud del mondo: o si vince tutti insieme, o si perde tutti! Grazie a tutti!!!!!

(2013) Abbiamo vinto. Anche Benetton sigla l’accordo sulla sicurezza in Bangladesh

copertinasito_abbiamovintoLa pressione popolare coordinata dalla Campagna Abiti Puliti ha costretto anche Benetton a firmare l’accordo per la sicurezza e la prevenzione degli incendi in Bangladesh.

A poche ore della scadenza dell’ultimatum lanciato dalla CCC, l’azienda italiana ha deciso infatti di sottoscrivere l’accordo che prevede ispezioni indipendenti negli edifici, formazione dei lavoratori in merito ai loro diritti, informazione pubblica e l’obbligo di revisione strutturale degli edifici e obbligo per i marchi internazionali di sostenere i costi e interrompere le relazioni commerciali con le aziende che rifiuteranno di adeguarsi, per rimuovere alla radice le cause che rendono le fabbriche del paese insicure e rischiose per migliaia di lavoratori.

“Il cuore dell’accordo” spiega Deborah Lucchetti “è l’impegno delle imprese internazionali a pagare per la messa in sicurezza degli edifici, unitamente ad un ruolo centrale dei lavoratori e dei loro sindacati. Solo attraverso una diretta partecipazione dei lavoratori del Bangladesh sarà possibile costruire condizioni di lavoro sicure e mettere la parola fine a tragedie orribili come quella del Rana Plaza”.

La firma di Benetton arriva dopo aver negato a lungo il suo coinvolgimento con fornitori presenti al Rana Plaza e dopo che molti dei marchi impegnati nelle fabbriche bengalesi avevano già riconosciuto la propria responsabilità. H&M, Inditex, PVH, Tchibo, Primark, Tesco, C&A, Hess Natur sono alcuni dei primi firmatari dell’accordo.

Questo successo è frutto non solo della collaborazione straodinaria tra la Clean Clothes Campaign, il Workers Rights Consortium, la federazione dei sindacati internazionali IndustiAll e UNI Global Union, unitamente alle altre organizzazioni impegnate nella difesa dei diritti dei lavoratori, tra cui citiamo International Labor Rights Forum (ILRF), United Students Against Sweatshops (USAS), Maquila Solidarity Network (MSN), War on Want, People and Planet, SumOfUs.org, Change.org, Credo Action, Avaaz e Causes, ma soprattutto della forza che i consumatori hanno saputo imprimere alla campagna decidendo di sottoscrivere la petizione che chiedeva ai marchi azioni concrete.

Dal 2005 più di 1700 lavoratori tessili in Bangladesh sono morti a causa della scarsa sicurezza degli edifici. Ora si apre una fase nuova, nella quale i marchi si sono impegnati ad essere parte attiva e collaborativa.

Tutti insieme siamo riusciti a creare un precedente storico di mobilitazione dal basso che difficilmente potrà essere ignorato d’ora in avanti.

Articolo “(2013) Abbiamo vinto. Anche Benetton sigla l’accordo sulla sicurezza in Bangladesh” pubblicato sul sito “Campagna Abiti Puliti”

Schiacciate per fabbricarci i vestiti: firmate la petizione di Avaaz.

Dopo aver firmato anch’io, copio e incollo dal sito di Avaaz…

Foto tratta dal sito di Avaaz

Foto tratta dal sito di Avaaz


Centinaia di donne in Bangladesh sono bruciate vive o rimaste seppellite mentre producevano i *nostri* vestiti! Tra pochi giorni, grandi aziende della moda potrebbero firmare un accordo che potrebbe rivelarsi un potente strumento per le norme sulla sicurezza o una campagna pubblicitaria di basso livello per risollevare l’immagine delle aziende. Se un milione di noi riuscirà a ottenere il sostegno degli amministratori delegati di H&M e GAP a favore di norme utili davvero a salvare delle vite, gli altri li seguiranno:


Firma la petizione

Cari amici,

Abbiamo visto tutti le orribili immagini di centinaia di donne innocenti bruciate o seppellite sotto il crollo delle fabbriche mentre producevano i nostri vestiti. Nei prossimi giorni possiamo fare in modo che le aziende si impegnino perché fatti come questi non accadano più.

Le grandi marche della moda appaltano i loro vestiti a centinaia di aziende in Bangladesh. Due aziende, tra cui Calvin Klein, hanno firmato un patto vincolante per la sicurezza degli edifici con adeguamenti antincendio. Altre, tra cui Wal-Mart o Benetton, stanno cercando di evitare di firmare, proponendo invece alternative deboli e utili solo all’immagine dell’azienda. L’ultima tragedia ha però dato vita a dei nuovi incontri per affrontare l’emergenza e ha generato forti pressioni perché il patto vincolante, in grado di salvare delle vite, venga firmato.

Le trattative finiranno a breve. H&M a GAP potrebbero essere le prime a sostenere un accordo vincolante e il modo migliore di fare pressione su di loro è rivolgersi direttamente agli amministratori delegati. Se un milione di noi farà appello proprio a loro tramite una petizione, attraverso le pagine Facebook, i tweet e altri annunci, tutti i loro amici e addirittura le loro famiglie lo verranno a sapere. Sapranno che la loro reputazione e quella delle loro aziende sono a rischio. Alcune persone sono obbligate a produrre i *nostri* vestiti in edifici pericolosi a un livello inaccettabile: firma perché siano resi sicuri e inoltra questa email a tutti quelli che puoi:

http://www.avaaz.org/it/crushed_to_make_our_clothes_loc/?bKNVvbb&v=24747

La tragedia di questi giorni rientra in uno schema preciso. Negli ultimi anni, incendi e disastri di vario tipo hanno tolto la vita a molte migliaia di persone e altre sono rimaste invalide e non possono più lavorare. Il governo bengalese ha chiuso un occhio davanti a condizioni tragiche, permettendo ai fornitori di tagliare i costi per produrre vestiti con ritmi e costi dettati dai giganti globali della moda. Le grandi marche dicono di fare dei controlli, ma i lavoratori affermano che le ispezioni delle aziende non sono affidabili.

L’accordo sulla sicurezza a sostegno dei lavoratori prevede ispezioni indipendenti, rapporti pubblici sulle condizioni delle fabbriche dei fornitori e provvedimenti obbligatori. Sarebbe applicabile persino per le corti di giustizia dei paesi d’origine delle aziende stesse! Non sono ancora noti i dettagli su quali aziende comprassero dalla fabbrica crollata poche settimane fa e non ci sono prove che H&M o GAP fossero tra queste. Ma molti operai sono morti in altre fabbriche di fornitori di H&M e GAP in Bangladesh e coinvolgere ora queste marche significherebbe fare in modo che altre aziende le seguano.

Le aziende stanno prendendo delle decisioni a riguardo proprio in queste ore. Facciamo appello agli amministratori delegati di H&M e GAP perché indichino la strada a tutto il settore, firmando il piano sulla sicurezza. Firma la petizione e poi condividi questa email quanto più puoi; una volta che avremo raggiunto un milione di firme attireremo così tanta attenzione che non potranno non notarci:

http://www.avaaz.org/it/crushed_to_make_our_clothes_loc/?bKNVvbb&v=24747

Molte volte i membri di Avaaz hanno unito le loro forze per combattere l’avidità delle aziende e sostenere i diritti umani. L’anno scorso abbiamo contribuito a fare in modo che 100 lavoratori indiani tornassero a casa sani e salvi quando un’azienda del Bahrein si era rifiutata di lasciarli andare. Ora prendiamo posizione per fermare la corsa mortale al ribasso nella sicurezza delle fabbriche.

Con speranza e determinazione,

Jamie, Jeremy, Alex, Ari, Diego, Marie, Maria-Paz, Ricken e tutto il team di Avaaz

ULTERIORI INFORMAZIONI:

Bangladesh, le vittime del crollo del Rana Plaza ricattate dai datori di lavoro (Corriere della Sera)
http://www.corriere.it/esteri/13_aprile_26/bangladesh-marchi-moda-responsabilita_6b3c490a-ae81-11e2-b304-d44855913916.shtml

Rana Plaza, Bangladesh. Il capolinea del capitalismo globale (L’Huffington Post)
http://www.huffingtonpost.it/deborah-lucchetti/rana-plaza-bangladesh-il-capolinea-del-capitalismo-globale_b_3201364.html?utm_hp_ref=italy

In Bangladesh, Benetton e le altre aziende devono garantire sicurezza (Il Fatto Quotidiano)
http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/04/30/bangladesh-benetton-e-altre-aziende-devono-garantire-sicurezza/578850/

Bangladesh, la strage di operai più grande della storia (Conquiste del Lavoro)
http://www.conquistedellavoro.it/cdl/it/Archivio_notizie/2013/Maggio/info1546183859.htm

Strage in Bangladesh. Quelle magliette low-cost che costano troppo sangue (Panorama)
http://news.panorama.it/esteri/Strage-in-Bangladesh-Quelle-magliette-low-cost-che-costano-troppo-sangue

Gardaland Halloween: Divertimento Mostruoso… per tutti ma per qualcuno ancora di più!

Foto originale "Gardaland Magic Halloween 2009" by occhietto - flickr - rielaborazione grafica unpodimondo.wordpress.com

Foto originale "Gardaland Magic Halloween 2009" by occhietto - flickr - rielaborazione grafica unpodimondo.wordpress.com

In questi giorni Gardaland è aperta in tematica Halloween e come si può notare dall’ambientazione del sito ufficiale, lo slogan che caratterizza queste giornate è “DIVERTIMENTO MOSTRUOSO!” Peccato che per alcune persone a Gardaland il divertimento sia ancora più mostruoso rispetto a tutte le altre e soprattutto sia mostruoso tutto l’anno e non solo ad Halloween!

Si tratta delle persone con sindrome di Down alle quali viene impedito di salire su molte attrazioni, cosa che non capita negli altri parchi tematici di tutta Europa. E’ una storia che vorrei raccontarvi attingendo da giornali, siti e blog (scusate se il post è un po’ lungo).

Ad agosto 2010 ad una bambina down di 8 anni viene impedito di salire sulla Monorotaia… leggete cosa scriveva il quotidiano “Il Centro”.

“Gardaland, giostra negata a una bambina down” di Paola M.S. Toro

Nel parco giochi più importante d’Italia il divertimento non è uguale per tutti. Una famiglia pescarese è stata discriminata. È successo a Gardaland: a una bambina down di 8 anni è stato vietato di salire su una giostra. La famiglia è quella di Aldo Aceto, sostituto procuratore a Pescara dal 1990 al 2008 e oggi giudice penale e del lavoro al tribunale di Larino.  […]

«La bambina non può salire su questa giostra», hanno detto gli addetti di Gardaland all’ingresso dell’attrazione Monorotaia. Il motivo del divieto, per gli operatori, è stato lo stato di disabilità della bambina. Ma sulla stessa giostra la bambina ci era già salita una volta, appena qualche ora prima.

La monorotaia è un trenino sopraelevato che, lentamente, percorre tutto il perimetro del parco divertimenti: «A mia figlia è stato impedito di salire perché down», commenta Aceto.

Dopo la fila per salire a bordo, al magistrato è stato riferito che alcune persone, tra cui i disabili, non possono andare sul trenino: «Ma come fanno gli operatori a stabilire se una persona è cardiopatica o claustrofobica? Chiedono il certificato medico?» continua il giudice che è anche presidente di un’associazione a tutela delle persone affette dalla stessa sindrome della bambina, Pianeta Down. «Mia figlia», dice Aceto, «è stata discriminata perché la sua patologia invalidante è visibile rispetto ad altre e questo è vergognoso». […]

tratto dall’articolo “Gardaland, giostra negata a una bambina down” di di Paola M.S. Toro pubblicato su “Il Centro” del 27 Agosto 2010.

Questo pezzo scoperchia la pentola e pochi giorni dopo vengono segnalati altri casi come testimonia quest’altro articolo, sempre de “Il Centro”

“Down discriminati a Gardaland, c’è un altro caso.”  di Laura Venuti

C’è almeno un altro caso di discriminazione di persone down a Gardaland. A raccontarlo è Ilario Braga, veronese, padre di una ragazza di 36 anni che giovedì scorso si è vista negare la possibilità di salire su alcune giostre. […]

«Siamo andati all’ortobruco, un trenino per bambini», racconta l’uomo al telefono, «ma non ci hanno fatti salire. Più tardi abbiamo tentato di fare un giro anche sulla monorotaia negata alla figlia del signor Aceto. Abbiamo fatto la fila insieme a tutti gli altri, ma quando siamo arrivati all’ingresso il ragazzo ci ha detto che mia figlia non ci poteva andare».  «Ci hanno fatti scendere da una scala secondaria. Le persone che erano in fila ci guardavano con gli occhi sbarrati», racconta amareggiato Braga. […]

Prima di andare via dal parco Braga, furibondo, ha cercato di avere il rimborso del biglietto e di parlare con un responsabile, ma senza successo. «Mi hanno fatto quasi pesare il fatto che mia figlia fosse entrata gratis e io a metà prezzo». […]

«Non pretendo che la mia ragazza faccia le montagne russe», si sfoga il signor Braga, «ma perchè non può andare su un trenino dove salgono i bambini, spesso accompagnati anche dai loro nonni ottantenni? Mia figlia è down, sì, ma frequenta un centro sportivo, fa atletica. Perchè non deve andare sull’ortobruco? E’ una cosa scriteriata».

tratto dall’articolo “Down discriminati a Gardaland, c’è un altro caso.” di Laura Venuti pubblicato su “Il Centro” del 28 Agosto 2010.

Ad un anno di distanza le cose non sono cambiate tanto che, lo scorso 14 Settembre 2011 esce un altro articolo su “Il Corriere della Sera”

Gardaland ancora vietato ai down

Succede di nuovo a Gardaland. Ancora una volta un ragazzo costretto a scendere da una giostra perché down. A denunciare l’accaduto […] è Rita Masini, mamma di Luca, 16 anni, che non nasconde la sua rabbia per il trattamento “speciale” riservato a suo figlio nel famoso parco giochi. […] Suo figlio per ben due volte è stato fatto scendere da due attrattive del parco, con l’unica colpa di portare sul viso i segni evidenti della sua diversità. «Le giostre- spiega- non erano affatto pericolose, ma ci sono state negate solo perché lo hanno visto in faccia e hanno capito che è down». […]

«Non è giusto- ripete Rita indignata- io soffro di vertigini e avrei potuto avere un malore, ma nessuno mi avrebbe impedito di salire. Mio figlio, invece, solo perché ha i tratti somatici della sindrome di Down non può accedere a quelle strutture. È discriminante, conosco persone cardiopatiche che fanno quelle giostre. Nessuno ti chiede il certificato medico ma per i down c’è un divieto assoluto e non si capisce perché».   […]

tratto dall’articolo “Gardaland ancora vietato ai down” pubblicato su “Il corriere della sera” del 14 Settembre 2011

Spulciando su Internet esistono anche casi di persone con figli down che a Gardaland sono riusciti a fare tutte le attrazioni e che, classica eccezione che conferma la regola, testimoniano come l’unico criterio di selezione siano i tratti somatici. Ecco cosa scrive il mio amico Cristiano, commentando un analogo articolo sul blog di Trisomia 21.

cristiano ha detto…

vi faccio presente che… mia moglie è coreana e mia figlia è speciale….siamo stati a gardaland e…. sorpresa ci hanno fatto salire su tutte le attrazioni compreso le montagne russe …qualcuno ha provato a guardarci storto ma nessuna ha avuto il coraggio di chiederci se nostra figlia era down… Questo la dice lunga su che base prendono le decisioni…solo e soltanto sull’aspetto somatico…. che tristezza!!!confermo anche io che negli altri parchi non succede…e mi unisco alla protesta!!! […]

commento pubblicato da Cristiano B. a margine dell’articolo “Forse non sapete che” pubblicato sul blog di Trisomia 21

Per capire come stanno le cose ho visitato anche il sito del Coordown (Coordinamento Nazionale delle Associazioni delle Persone con Sindrome di Down) dove ho trovato un articolo a dir poco… agghiacciante…

Hai la sindrome di Down? Non sali sulla giostra!

Dopo l’ennesimo episodio di discriminazione a Gardaland il CoorDown annuncia battaglia legale

 Trattative interrotte sulla questione degli accessi negati ad alcune attrazioni alle persone con sindrome di Down. Fallita la mediazione con la direzione del parco, il CoorDown annuncia iniziative legali a tutti i livelli, compresa la possibilità di una Class Action. […]

Obiettivo della trattativa era quello di arrivare a una soluzione condivisa rispetto alle gravi discriminazioni ai danni delle persone con sindrome di Down, alle quali è sistematicamente vietato l’accesso a numerose attrazioni dagli addetti alla sicurezza del parco.

 La non idoneità, da parte degli addetti, viene stabilita esclusivamente in virtù dei tratti somatici. […]

Lo testimoniano le proteste dei familiari, le numerose notizie di cronaca nonché l’interrogazione parlamentare a firma dell’On. Coscioni, presentata al Ministro per le Pari Opportunità On. Carfagna il 2 maggio 2010, e ulteriormente reiterata in questi giorni alla luce dei nuovi episodi. […]

A Mirabilandia (come in altri parchi in Italia e nel mondo, dove si limitano a sconsigliare e non a proibire alcune attrazioni cosiddette “adrenaliniche”) sono operative le stesse attrazioni presenti a Gardaland. Tuttavia, non avvengono episodi simili di discriminazione, come possono testimoniare molte persone con sindrome di Down e i loro familiari.  […]

I motivi di sicurezza addotti dalla Direzione [di Gardaland], sulla base di problemi di ritardo mentale, di rischi cardiologici o di deficit motorio non possono essere accettate e rappresentano un grave atto discriminatorio, in quanto:

- Se il motivo dell’esclusione è il ritardo mentale:

Il ritardo mentale delle persone con sdD [sdD = Sindrome di Down] è variabile. Spesso sovrapponibile a quello di persone che non hanno nessun’evidenza fisica di questo ritardo e a volte persino di persone che hanno un QI nella media, di persone, in ogni caso, alle quali non è impedito l’ingresso alle attrazioni.

Per cui, a parità di QI (lo strumento ufficiale di misura delle capacità intellettive), una persona con determinati tratti somatici ha accesso alla giostra, mentre l’altra è fermata all’ingresso.

- Se il motivo dell’esclusione è il rischio cardiologico:

Anche questo fattore di rischio è variabile e in molte persone con sdD è assolutamente inesistente o comunque in percentuali minori di persone che non hanno nessun’evidenza fisico-somatica di queste problematiche. Di nuovo, a parità di rischio cardiologico, una persona con determinati tratti somatici non è fermata all’ ingresso, l’altra sì.

- Se il motivo dell’esclusione è il deficit motorio:

Il problema non sussiste perché la sdD in sé non comporta alcun problema motorio e il paragone con le persone in carrozzina o con persone che hanno arti ingessati o che non corrispondano a parametri di altezza (tutte categorie fermate a causa di limitazioni oggettive, discutibili ma oggettive) è quindi decisamente inappropriato.

Pertanto, la conclusione evidente è che a Gardaland le persone con sdD sono, di fatto, discriminate unicamente sulla base dei loro tratti somatici. […]

tratto dall’articolo “Hai la sindrome di Down? Non sali sulla giostra!” pubblicato sul sito del Coordown in data 06 Settembre 2010

Se vi siete letti tutta questa pappardella fino in fondo vuol dire che siete delle persone sensibili e che avete a cuore queste situazioni. Vi chiedo perciò di aiutare le persone down… Per favore condividete queste notizie  su facebook, su blog, via e-mail, etc… in modo da diffonderle maggiormente e magari chissà, in un futuro, riuscire ad attivare un boicottaggio del parco di divertimenti… Per ora passate parola! Grazie

BLOGGER PARTECIPANTI AL BOICOTTAGGIO

.

Il Decoro dell’Italia è solo un problema di mutande.

Nei carrugi

foto "Nei carrugi" by bob.sor - flickr

Sabato scorso (05/02/2011) a pagina 22 del “Corriere della Sera” è apparso un interessante articolo di Francesco Cevasco intitolato  “Se Genova vieta i panni stesi e un pezzo della nostra storia”, dedicato alla salvaguardia del decoro italico… Vi metto alcuni stralci…

Se Genova vieta i panni stesi e un pezzo della nostra storia di Francesco Cevasco.

«Belin, se ci togli i panni stesi a questi carrugi è come se ci togli la luce a Caravaggio… Io sui panni ci ho fatto anche dei quadri…». Giovanni Musso è un pittore molto dilettante che abita in vico del Fieno, nell’ombelico del centro storico genovese. Però ha le idee chiare su arte e colori. E non gli va giù l’idea che stia per entrare in vigore un nuovo regolamento comunale che, di fatto, vieta di stendere lenzuola e mutande – soprattutto se sgocciolanti e visibili – fuori dalle finestre e sui terrazzi delle vie principali. [… ]

Ma davvero si salva il decoro di una città abolendo i panni stesi? E’ una vecchia idea di Silvio Berlusconi che, proprio a Genova, alla vigilia del G8 nel 2001, in nome del «decoro», chiese e ottenne un’ordinanza municipale perché non voleva che i suoi colleghi Blair, Putin eccetera vedessero, lungo la strada che sfiorava il centro storico e li portava a Palazzo Ducale, «le mutande appese alle finestre». Naturalmente i genovesi di via Gramsci si guardarono bene dal cambiare abitudini. E nessuno restò turbato. Da queste parti i panni stesi sono come incollati alla storia dei carrugi e spesso le corde per appendere la biancheria congiungono un palazzo a quello di fronte: così quel poco sole  che arriva perchè le case sono troppo vicine si sfrutta meglio. […]

Ma quando mai qualche cosa di pulito, come il bucato appunto,  ha mai offeso qualcuno? I panni puliti  fanno parte della storia per immagini che la nostra cultura ha saputo far viaggiare per il mondo.[…]

E poi, senza quei panni al sole, non avremmo avuto un capolavoro come «Una giornata particolare» di Ettore Scola. Non ci fossero state lenzuola e biancheria stese sui tetti di Roma, Sofia Loren e Marcello Mastroianni non si sarebbero incontrati proprio quel giorno del 1938 in cui arrivò il treno di Hitler, giorno in cui Mussolini «abolì» canottiere e mutande stese per non correre il rischio di  turbare la sensibilità estetica del suo ospite.

tratto dall’articolo “Se Genova vieta i panni stesi e un pezzo della nostra storia” di Francesco Cevasco pubblicato a pag. 22 del Corriere della Sera di Sabato 5 Febbraio 2011.

Ora io mi domando: in un paese attraversato dalla corruzione, dalla mancanza di legalità e  messo in ridicolo agli occhi del mondo da un premier di 75 anni, che a quanto riportato dalla stampa, farebbe il  “bunga bunga” con delle ragazzine minorenni, il decoro della nazione sarebbe messo in pericolo da qualche paio di  mutande o di calzini stesi al sole ad asciugare?

La vicenda, secondo me, è abbastanza ridicola e credo che non servano ulteriori commenti, però, per semplice curiosità personale, sono andato a vedere chi amministra Genova. Ho scoperto che  è guidata dal centrosinistra. Mentre il paese è in rovina  voi continuate ad occuparvi del decoro e delle braghe stese ad asciugare… Bene, Bravi! E poi all’estero si domandano come mai dopo 17 anni noi italiani ci teniamo dobbiamo sopportare ancora Berlusconi…