1° Corsa podistica “Vivi la Fratres” a Campi Bisenzio (Fi).

Locandina "Corri la Fratres" dal sito campibisenzio.wordpress.com

Locandina "Corri la Fratres" dal sito campibisenzio.wordpress.com

Vorrei segnalarvi una gara podistica di beneficenza che si terrà Domenica 22 Aprile a Campi Bisenzio e che, per motivi organizzativi, non è stata inserita nel calendario mensile pubblicato sulle riviste e sui siti specializzati di podismo toscani.

Il Gruppo Donatori di sangue Fratres di Campi Bisenzio e il GS Atletica Leggera Signa, organizzano  per la prossima domenica 22 aprile 2012 il 1° Trofeo “Vivi la FRATRES”, una corsa competitiva di 13,5 Km ed una non competitiva di 3,5 Km per le vie di Campi Bisenzio (Fi). Le quote di iscrizione sono di 3€ per la competitiva e 1€ per la non competitiva. Per i primi 500 iscritti alla gara competitiva è previsto un pacco con prodotti sportivi e buoni sconto. L’incasso sarà devoluto alle seguenti associazioni.

Il ritrovo è alle ore 07.00 in via Ombrone a Campi Bisenzio, con partenza della gara alle ore 9.00. Per informazioni e iscrizioni: Massimo Cerbai 3929062852 o tramite fax 055-8972122 oppure via email a gruppocampibisenzio@fratres.euatleticasigna@libero.it, oppure Drovandi Enrico 3394683622, Pini Arduino 3388345685, G..S.Atletica Signa 3666713078.

La corsa si tiene in concomitanza con i festeggiamenti patronali di Campi Bisenzio e perciò, oltre ai consueti ristori in gara, sarà  possibile pranzare  al costo di 10€ agli stand dei festeggiamenti paesani.

Saranno premiati: i primi 25 assoluti, i primi 15 veterani (1953-1962), i primi 10 argento maschili (1952 ed antecedenti), le prime 10 donne e le prime 5 veterane (1962 ed antecedenti). Verranno inoltre premiate le prime 6 società con un minimo di 15 arrivati, con: alla prima classificata un prosciutto, alla seconda una spalla e dalla terza alla sesta dei premi in natura.  Vige regolamento UISP.

Ti presento un amico al Mandela Forum di Firenze

Locandina "Ti presento un amico" dal sito di www.at21.it

Locandina "Ti presento un amico" dal sito di http://www.at21.it

Giovedì prossimo 19 Maggio alle ore 21.00 c/o il Mandela Forum di Firenze si terrà Ti presento un amico, serata spettacolo presentata da Alessandro Masti a favore dell’Associazione Trisomia21 Onlus.

Interverranno:

Il costo del biglietto è di 10€ e può essere acquistato presso le prevendite del circuito Box Office, presso l’associazione Trisomia21 e la sera stessa presso il Mandela Forum.

L’Associazione Trisomia 21 Onlus dal 1979 si occupa dello sviluppo e dell’integrazione sociale delle persone Down a Firenze attraverso una serie di iniziative che vanno dall’inserimento scolastico allo sport, dal teatro all’artigianato, dagli inserimenti lavorativi alle varie terapie e alla socializzazione…

Maggiori informazioni:

Io non ci sto… Firmate l’appello delle organizzazioni No profit per salvare il 5 per mille dai tagli del governo.

Non toccate il 5 per mille

foto "Non toccate il 5 per mille" dal sito di Mani Tese.

In questa settimana non ho molto tempo da dedicare al blog ma raccolgo l’appello delle organizzazioni no profit italiane contro il taglio del 5 per mille che è stato inserito dal governo nella legge di stabilità (ex-finanziaria). Vorrei scrivere molte più cose sul 5 per mille perchè sono veramente indignato; spero di poter metter giù qualche riga nei prossimi giorni. Per il momento vi lascio l’appello delle Onlus e vi prego di andare sul sito a firmare… è urgente, vogliono tagliare del 75% i fondi del 5 per mille!!!!!!

Clicca qui per firmare l’appello!

Le organizzazioni non-profit lanciano un appello al Parlamento italiano:

Al Parlamento Italiano

Ai presidenti della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica Italiana, Onorevoli Gianfranco Fini e Renato Schifani.

Negli scorsi giorni, gli organi di stampa hanno riportato la notizia che la Commissione Bilancio della Camera dei Deputati ha esaminato il testo della nuova “legge per la stabilità” di prossima discussione e approvazione in Parlamento, legge che limiterebbe a 100 milioni di euro i fondi da destinare al “5 x 1.000″ per l’anno 2011. Questo significherebbe non rispettare la volontà dei cittadini che liberamente decideranno di versare alle associazioni destinatarie la loro quota del 5 x 1.000 con la prossima dichiarazione dei redditi: solo 100 milioni, rispetto all’intero ammontare del 5 x 1.000, verranno infatti distribuiti alle associazioni, mentre il resto verrà trattenuto dallo Stato.

Si tratterebbe, se la notizia fosse confermata e tale tetto fosse effettivamente approvato, di una riduzione del 75% rispetto all’importo destinato nell’anno precedente (peraltro già oggetto di una limitazione rispetto al totale dei fondi raccolti). Tale ulteriore taglio si aggiunge a quelli effettuati al bilancio della cooperazione internazionale italiana, ai contributi alle istituzioni internazionali che si occupano di aiuti ai paesi in via di sviluppo e a quelli per la ricerca scientifica, universitaria e sanitaria.

Questi tagli si ripercuotono significativamente sull’operatività delle organizzazioni del terzo settore, che hanno dimostrato, negli ultimi anni in modo ancora più evidente, una professionalità molto elevata, oggetto di apprezzamento in Italia e all’estero e dunque motivo di orgoglio per il nostro Paese. Tali organizzazioni, non diversamente da altre realtà sociali ed economiche, basano la loro attività sulla programmazione finanziaria degli impegni attuali e futuri per rendere sostenibile il proprio agire nei diversi settori di riferimento.

Non è la prima volta, purtroppo, che si interviene, con tetti massimi di impegno, per limitare l’operatività del “5 x 1.000”, uno strumento che, come poche altre misure di natura fiscale, ha dimostrato di riscuotere un gradimento molto alto dei cittadini italiani sin dalla sua prima applicazione.

Tagliare i fondi a disposizione del “5 x 1.000″ significherebbe quindi limitare drasticamente la libertà dei cittadini di decidere come destinare la propria quota dell’imposta sui redditi direttamente a sostegno degli operatori del terzo settore.

Per queste ragioni chiediamo al Parlamento Italiano di intervenire per eliminare, nel testo della “legge per la stabilità” di prossima discussione, il tetto di 100 milioni di euro da destinare al “5 x 1.000″ per l’anno 2011, ripristinando quanto meno l’importo dei fondi previsti nell’anno 2010.

Clicca qui per firmare l’appello!

Firmatari: Emergency, Libera, Gruppo Abele, Greenpeace, Coordinamento Italiano Network Internazionali, ActionAid, AMREF, Save the Children, Terre des hommes, VIS, World Vision e WWF, Medici Senza Frontiere, Amnesty International – Sezione Italiana, Mani Tese, Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Milano, UNICEF Italia, Comunità Nuova, Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus, Centro Nazionale per il Volontariato, Albero della vita, Volontariato Oggi, Bambini Onlus, UILDM Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare, Fondazione Serena Onlus, Intervita Onlus, Fratelli dell’Uomo, Fondazione Roberto Franceschi Onlus, Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, Associazione Italiana Parkinsoniani, FIAGOP Onlus, Associazione Dianova Onlus, Associazione Risveglio Onlus, LAV, Parada Italia, Fondazione Operation Smile Italia Onlus, Fondazione Ivo de Carneri Onlus, Global Humanitaria Italia Onlus, ACRA, Seacoop Società Cooperativa Sociale Onlus, FIAB Onlus Federazione Italiana Amici della Bicicletta, Più Vita Onlus, CAF Onlus, Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi, CCS Italia, La Quercia Millenaria Onlus, Fund-raising.it, Scuole di Fund Raising di Roma, Insieme nelle Terre di Mezzo Onlus, Ai. Bi. Associazione Amici dei Bambini, Medici con l’Africa Cuamm, Associazione Cuore Fratello, Istituto Oncologico Romagnolo Coop. Soc. ONLUS, Cena dell’Amicizia Onlus, CESVI, CBM Italia Onlus, Associazione Missioni Don Bosco, Associazione Italiana Rett onlus, Il Sole Onlus, Progetto Continenti Onlus, Fondazione Renato Piatti, Associazione Italia Uganda Onlus, Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, Associazione SOS Villaggi dei Bambini Onlus, FAI Fondo Ambiente Italiano, AIRC, Telefono Azzurro, Cooperativa Fraternità Capitanio di Monza, Fondazione Neuroblastoma, Associazione Neuroblastoma, Associazione La Nostra Famiglia, Fondazione Pangea Onlus, Sightsavers International Italia Onlus, Telethon, Fondazione Progetto Arca Onlus, Fondazione Theodora, Axè Italia Onlus, Lega del Filo d’Oro, Vidas, LIPU, Green Cross Italia Onlus, Fondazione San Raffaele del Monte Tabor, Touring Club Italiano, AISMME Associazione Italiana Sostegno Malattie Metaboliche Ereditarie ONLUS, Jesuit Social Network Italia Onlus, Associazione Casafavola Onlus, Associazione Festival del Fundraising aps Philanthropy Centro Studi aps, Università di Bologna, Master in Fundraising per il non profit, Professionetica, Istituto David Chiossone, Associazione Piera Cutino Onlus, Fondazione Opera San Francesco per i poveri Onlus, Associazione Bambini in Romania Onlus, Associazione Shaleku, Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro Onlus, CIAI Centro Italiano Aiuti all’Infanzia, LILT Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Trento, AGICES Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale, AIL Associazione Italiana contro le Leucemie, Linfomi e Mieloma ONLUS, ASTS Associazione per il Terzo Settore, Sainam Europe Italia ONLUS, ANPAS Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, ASSIF Associazione Italiana Fundraiser, Tulime Onlus, Fondazione Paracelso ONLUS, AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla, FISM Fondazione Italiana Sclerosi Multipla, COOPI Cooperazione Italiana, Associazione Zaatar Onlus, Vision for all, La Terra Natale ONLUS, Associazione Solidarietà e Sviluppo, Gente d’Africa Onlus, Associazione ONG Italiane, Esecutivo Nazionale Unione degli Studenti, Area Solidarietà Alitalia Onlus, Animalisti Italiani ONLUS.

tratto dal sito iononcisto.org

Alcuni link per seguire gli sviluppi della vicenda:

Una cena per la Fondazione Giuseppe Tomasello Onlus

***

Nei giorni scorsi questo blog ha ricevuto una segnalazione di una cena di beneficenza a favore della Fondazione Giuseppe Tomasello Onlus che si terrà alla Certosa di Firenze il prossimo 16 Ottobre. Per chi non lo conoscesse, Giuseppe Tomasello è un bambino di Rignano sull’Arno che è affetto da una rara malattia genetica incurabile chiamata “deficit del complesso I della catena respiratoria mitocondriale”. La famiglia di Giuseppe ha creato una fondazione che ha lo scopo di finanziare la ricerca per questo tipo di malattia e la cena alla Certosa rientra nelle varie attività di raccolta fondi per questa nobile causa. Ecco l’invito che giro a tutti i miei lettori.

Spettabile redazione,
vi scriviamo per informarvi che in data 16 ottobre giovedì si terrà una cena di gala presso il monastero della Certosa di Firenze.
Tale iniziativa ha lo scopo di raccolta fondi per finanziare due Dottorati triennali uno in Farmacologia ed uno in Genetica finalizzati alla ricerca scientifica per le patologie mitocondriali presso l’Università di Firenze.
I Dottorati verranno assegnati tramite un bando su scala nazionale, e logicamente dovranno esserci altre iniziative nel tempo per raggiungere la cifra che possa garantire la corretta erogazione dei compensi stessi.
Questa nostra prima cena di gala ha come cornice uno dei monumenti più amati dalla città di Firenze, il Monastero della Certosa, il tutto curato da Doney Ricevimenti, e la partecipazione sia di alcuni personaggi dello spettacolo sia del mondo sportivo con la presenza di televisioni sia nazionali che locali.
Il programma prevede tra l’altro un aperitivo nell’attesa di tutti i partecipanti, durante il quale è possibile visitare la splendida pinacoteca del Monastero. Vi sarà anche una lotteria durante la serata con premi veramente prestigiosi offerte da Aziende Fiorentine tra cui un anello d’oro con diamanti dell’artigianato rinascimentale fiorentino.
Ci farebbe molto piacere avere i vostri lettori tra i nostri commensali.
Stiamo cercando di dare un eco nazionale a questa iniziativa perché è di vitale importanza per i fini che si è prefissa la Fondazione, allo scopo di sensibilizzare il più possibile su questa patologia e sull’esigenza di portare avanti la ricerca è l’unico mezzo per raggiungere una possibile soluzione per evitare che queste morti continuino ad essere vane.
Il contributo per la partecipazione è di 100,00 (cento) euro deducibili fiscalmente, pertanto potrebbe essere un idea per delle aziende di contribuire per utilizzare i posti a disposizione per gratificare dei dipendenti, dei clienti, offrire ad amici e/o parenti la possibilità di partecipare ad un evento con un fine nobile e nel contesto di un luogo tra i più belli in Italia.
Ci permettiamo di inviarvi anche copia dell’invito che verrà spedito ai commensali e la locandina dell’evento.
In attesa di un vostro cortese riscontro, con l’occasione le porgo cordiali saluti.

Fondazione Giuseppe Tomasello Onlus

Se per qualsiasi motivo non potete partecipare alla cena, vi lascio i recapiti per fare anche una piccola offerta che sarà ben gradita e ricompensata dal dono più grande che Giuseppe può farvi… il suo bellissimo sorriso.

Centro Marca Banca     IBAN: IT30B0874961960000000085359
Credito Artigiano         IBAN: IT78B0351202801000000003300
Conto Corrente Postale     n. 86084464

Vi ricordo che sul sito della Fondazione potete seguire sia l’andamento della raccolta fondi che la situazione di Giuseppe. Concludo riportando la lettera che la mamma di Giuseppe ha scritto per presentare la Fondazione:

Rignano sull’Arno li, 29/11/2007

Buongiorno a tutti scrivo questo messaggio perchè a febbraio di questo anno a mio figlio Giuseppe hanno diagnosticato una malattia mitocondriale da difetto del complesso I della catena respiratoria. La biopsia muscolare ha rilevato dei valori molto bassi e quindi una patologia importante. I medici non mi avevano dato molte speranze ma cominciando la cura di “vitamine” da loro fornita Giuseppe sta un pò meglio.  Giuseppe ha compiuto 18 mesi il 1 dicembre lui è un bellissimo bambino con tanta voglia di vivere si nutre ancora da solo ma ha perso quasi del tutto la vista e non riesce a stare ancora seduto. L’amore che ho per questa creatura mi spinge a credere che tutto andrà per il meglio e che se i miracoli esistono magari averlo oggi così è già un miracolo.
Gli esami del DNA fatti al Besta di Milano hanno dato esito negativo e quindi non è stata trovata l’anomalia genetica che vuole portarmi via mio figlio.
Per questo mio marito ed io abbiamo costituito la “Fondazione Giuseppe Tomasello ONLUS”  che ha come scopo il finanziamento della ricerca delle anomalie genetiche del complesso 1 della catena respiratoria.
E’ atroce pensare di mettere al mondo una vita, una creatura meravigliosa dolce e tenera e poi essere totalmente impotenti contro una malattia che fino ad ora è considerata oltremodo rara e sconosciuta.
Sappiamo benissimo che portare avanti la ricerca non significa trovare una cura immediata ma significa cominciare ad attirare l’attenzione su questa malattia e magari in un futuro trovare anche una cura.
Stiamo facendo questo consapevoli che forse non riusciremmo a salvare la vita di Giuseppe ma magari la vita di qualche altro bambino, in futuro, potrà essere salvata e la morte di mio figlio non sarà stata vana.

Grazie una mamma.
Silvia Vinchesi

tratto dal Sito della Fondazione Giuseppe Tomasello Onlus

*** Foto di Giuseppe Tomasello tratta dal sito www.giuseppetomasello.it