Errore Java: Security Exception: Missing required Permissions manifest attribute in main jar

E’ tanto tempo che non pubblico consigli informatici che derivano dalla mia attività lavorativa. Fuori dal lavoro (e quindi anche sul blog)  preferisco fare e scrivere altre cose: insomma… mi piace staccare la spina! Oggi ho però capito quanto possono essere utili queste informazioni! …Alcune prove, un po’ di ricerche su internet e  in un quarto d’ora ho risolto il problemetto sottostante ad un collega che doveva fare alcune operazioni sul sito internet di una banca. Dopo un po’ lui mi richiama e mi passa una persona dell’assistenza clienti del sito in oggetto… Erano settimane che non riuscivano a risolvere questo problema, nessuno gli diceva come fare e loro non potevano aiutare i clienti… Alla fine il tizio mi ha ringraziato tantissimo.  Scusate, ma son soddisfazioni…

Fatta questa premessa, se non avete problemi con Java… ci sentiamo nei prossimi giorni con un nuovo post, altrimenti continuate pure a leggere…

Siete andati su un sito internet che usa il software Java, magari un sito che usate da molto tempo ma che improvvisamente non funziona più e vi fa apparire un messaggio d’errore come quello sottostante:

Security Exception: Missing required Permissions manifest attribute in main jar

Foto by unpodimondo

Foto by unpodimondo

Il problema è che voi avete aggiornato il vostro computer con l’ultima versione del software Java (Java Version 7 Update 51 o successive), mentre il sito su cui state lavorando è fatto con tecnologie più vecchie e quindi le Java Applet vanno in errore. Senza addentrarci in particolari troppo tecnici, nelle ultime versioni di Java runtime sono stati implementati nuovi controlli di sicurezza  sui permessi, che non erano previsti nelle precedenti versioni e questo è la causa l’errore…

Nell’attesa che i creatori del sito web su cui vi appare l’errore adeguino le loro pagine all’ultima versione di Java voi potete comunque aggirare l’ostacolo in modo da continuare ad usare il sito su cui dovete lavorare.  Basta seguire questi brevi passi:

  • Cliccate su Start e poi su Pannello di controllo.
  • Quando vi si è aperta la finestra del Pannello di controllo cliccate sul  sull’icona di Java. Se non trovate il pulsante Java provate a cliccare su “Passa alla visualizzazione classica“.
  • Dopo aver cliccato sul pulsante Java vi si apre il Pannello di controllo Java, come in questa foto (scusate ma il computer è in inglese)
Foto by unpodimondo

Foto by unpodimondo

  • Cliccate sulla scheda “Sicurezza” (Security)  poi pulsante “Manage Site List”.
  • Inserite nella finestra che vi appare l’indirizzo html del sito che vi va in errore, senza mettere la pagina. In pratica se il sito fosse https: //www.pippopluto.it/paperino/pagina.htm dovete inserire https: //www.pippopluto.it/paperino/ oppure https: //www.pippopluto.it/,senza inserire la parte finale dell’indirizzo
  • Confermate il tutto con la giusta dose di Ok, Ok, Ok…
  • Chiudete e riaprite il Browser e adesso il sito sui cui dovete lavorare andrà alla grande….

E’ più facile a farsi che a raccontarsi: praticamente funziona come i “Siti attendibili” di Internet Explorer. La cosa più difficile è stato reperire le informazioni in rete…

Due o tre cose che ho imparato sull’Auvergne e che la dicono lunga sull’Italia.

Foto

Foto “IMG_6205″ by kevinzim – flickr

Nei giorni scorsi mi è capitato di leggere alcune pubblicazioni della regione francese dell’Auvergne e di avere scoperto alcune notizie molto interessanti che la dicono lunga su quanti danni hanno prodotto al nostro paese l’immobilismo di una delle classi dirigenti più vecchie di tutto il pianeta inseme a vent’anni persi nella lotta fra berlusconismo e antiberlusconismo…

L’Auvergne (Alvernia su Wikipedia) è una regione nel Massiccio centrale, prevalentemente montuosa, storicamente al di fuori delle grandi vie di comunicazioni francesi e che fino a qualche decennio fa era considerata una zona depressa. Eppure nonostante questo…

Nel 2009 l’Auvergne è stata la prima regione europea a collegare il 100% della popolazione all’ADSL e nel prossimo autunno partirà come regione pilota nel progetto nazionale di collegare il 100% della popolazione alla fibra ottica. Il progetto nazionale francese prevede di collegare alla fibra ottica il 70% della popolazione entro il 2020 e il 100% entro il 2025. La fibra ottica e più in generale i servizi digitali, non porteranno solo la tv HD in tutte le case ma saranno il motore di sviluppo di tutta la Francia, in particolare della telemedicina, del telelavoro, dell’educazione e formazione a distanza e dell’aiuto alle piccole e medie imprese. Nel 2025, quando il totale dei francesi nati senza internet sarà superato da quello dei nati con internet, tutti quanti saranno già collegati in fibra ottica.

A questo va aggiunto che nel bilancio della regione dell’Auvergne, nonostante i tagli imperanti anche in Francia,  le più importanti voci di spesa sono: educazione, formazione e nuove tecnologie… solo a seguire troviamo trasporti e sanità… Insomma, in Auvergne  si progetta e si mette già ora in pratica il futuro dei prossimi decenni…

Adesso fate due confronti con l’Italia e giudicate un po’ voi.

Quando persi un amico per colpa di questi spioni di americani…

Foto

Foto “BrickArms Spy Carbine prototype” by Andrew Becraft – flickr

In questo periodo le pagine dei giornali sono piene di articoli dedicati allo scandalo del Datagate (qui uno de “Il fatto quotidiano”) con gli americani che ci stanno spiando tutti. Gli 007 Usa stanno leggendo la nostra posta, ascoltando le nostre telefonate e magari pure curiosando nei nostri blog… Mi immagino che ci ascoltino anche quando telefoniamo a casa per dire:  «Sto arrivando, …butta la pasta!»

Come informatico dovrei darvi consigli su come preservare la vostra privacy in rete, ma oggi come blogger voglio raccontarvi una storiella curiosa di come il cittadino medio americano vive questa raccolta mastodontica di dati che poi, secondo me, alla fine sono anche inservibili, perchè cercare un terrorista fra miliardi di e-mail e telefonate è come cercare un ago in un pagliaio…

Eravamo alla fine degli anni ’90 e conobbi in internet un mio coetaneo statunitense col quale nacque una simpatica amicizia: si chiamava Brian, era nato a New Orleans da genitori italo-americani e viveva a San Antonio, dove era sposato con un’infermiera di nome Cynthia. Brian aveva due figlie coetanee della mia, faceva il mio stesso lavoro di informatico e voleva rinfrescare il suo italiano… mentre io invece volevo tener vivo il mio inglese. Iniziammo a scriverci via e-mail, ogni tanto chattavamo e due o tre volte ci siamo scambiati pacchi di giornali, libri e gadgets italiani e statunitensi… (ho ancora in casa alcuni gadgets del Carnevale di New Orleans). Dopo alcuni anni Brian cambiò lavoro ed andò a fare il programmatore nell’aviazione militare statunitense: non era un militarista ma, semplicemente, alcuni anni in aviazione gli avrebbero garantito una pensione più alta e più veloce, rispetto a lavorare nel privato. Per un po’ di tempo continuammo a scriverci fino a quando lui mi chiese: «Scusa ma fra il tuo nome e cognome c’è un qualche suffisso?» E io: «Cosa vuoi dire, tipo il Mc che mettono gli scozzesi o il von dei tedeschi?» «Si, esatto». La domanda mi insospettì non poco e quindi gli chiesi: «Ma a che cosa ti serve?» e lui, genericamente: «Devo riempire un modulo…» La cosa si fece ancora più sospetta e così gli chiesi maggiori informazioni… «Faccio parte di un progetto dell’aviazione per le basi europee e devo riempire dei moduli sui miei familiari e sulle persone che conosco e frequento, soprattutto su quelle non residenti negli USA» Insomma, stavo per essere schedato dall’aviazione USA e, se non fosse stato per quel dubbio sul suffisso, forse non lo avrei mai saputo… Mi incazzai non poco, dissi a Brian che non volevo assolutamente essere schedato anche perchè la cosa mi sembrava palesemente assurda. Lui cadde dalle nuvole perchè non si aspettava una mia reazione di questo tipo e cominciò a dire: «Non ti preoccupare, sono fogli che finiranno in uno scatolone che sarà dimenticato in qualche angolo di qualche base aerea.» E io: «Proprio per questo non voglio finirci, chissà che fine faranno i miei dati e quelli della mia famiglia… Senti, fai così: riempi tutti i fogli tranne il mio e se poi ti fanno storie puoi dire che ti sei dimenticato o che in fondo mica ci conosciamo davvero, visto che non ci siamo mai incontrati di persona…». Insomma io cercavo di salvare l’amicizia e allo stesso tempo di non essere schedato. Lui invece aveva un atteggiamento ambiguo: da una parte capiva che la situazione era assurda, mentre dall’altra non vedeva così strana questa “schedatura”. Con un’idea un po’ da filmetto western, per lui essere schedato dai “buoni” era  quasi come un merito,  una specie di certificazione che attestasse di stare dalla parte di quelli “giusti”… Alla fine io chiesi di non essere schedato e lasciai a lui ogni decisone, perchè ne andava del suo lavoro… Dopo alcuni giorni mi arrivò una mail di risposta, in stile quasi burocratico: «Mi dispiace, ma visto che non vuoi che riempia il modulo riguardante tu e la tua famiglia, da oggi non ci riscriveremo più, almeno fino a quando non andrò in pensione. Scusami, ma lo devo fare per la mia nazione…» E così da allora non ho più sue notizie…

Ah… ‘sti ammericani….

Grazie a tutti per questi cinque anni…

Foto

Foto “07.01.2012 – His Hand” by Jlhopgood – flickr

Oggi, 6 Aprile 2013 il blog compie 5 anni.

5 anni sono tanti. In un periodo così lungo tante cose cambiano, si evolvono e crescono. Anche noi come persone cambiamo, cresciamo (dovevo forse scrivere invecchiamo?) e percorriamo la nostra strada, che a volte può essere tortuosa e in salita, non proprio identica a quella dritta e tranquilla che avremmo voluto o sognato ad inizio cammino.

Anche questi 5 anni di blog li immagino come una strada, il racconto di un viaggio, iniziato senza una meta precisa e continuato seguendo più le vie del cuore che quelle della ragione. Forse è proprio per questo motivo che il blog è così vario, tratta di argomenti più disparati e non ha un filo conduttore che lo contraddistingue. E’ un po’ come me: sono un casinista, faccio tante cose tutte insieme, magari mai nessuna alla perfezione, ma tutte con entusiasmo e passione.

Per questi 5 anni insieme, vorrei ringraziare tutti i miei lettori: allo stesso modo e con lo stesso affetto sia quelli assidui che quelli saltuari. A tutti coloro che hanno dedicato del tempo (o che lo hanno anche buttato via) leggendo questo piccolo blog va tutta la mia gratitudine. E’ molto più quello che ho ricevuto dai vostri commenti e dall’incontro con tutti voi di quello che io vi ho dato pubblicando queste mie righe saltuarie. Grazie per aver fatto un pezzetto di strada insieme a me: non importa se il percorso fatto insieme è già finito o se continuerà, non importa se è stato breve o lungo. L’importante è avervi avuti come compagni di viaggio. Vorrei ringraziare anche tutte le persone (poche per la verità) con cui ho avuto degli scontri anche molto aspri, per diversità di opinioni: se il dialogo rimane su toni  rispettosi a volte si impara moltissimo da chi ha una posizione opposta dalla propria. Anche voi, vi ricordo tutti con affetto, compresi quei due o tre casi di chi se ne andato sbattendo la porta! Sapeste quante porte anch’io ho sbattuto nella mia vita e pure quante ne ho prese in faccia…

Per il futuro spero di continuare a postare nuovi articoli seguendo lo spirito con cui questo blog è nato: quello di condividere idee ed informazioni utili che possano dare una mano a qualcuno e più in generale aiutare gli altri. Non saprei dire se in questi 5 anni lo spirito iniziale si è conservato oppure no:  posso solo dire che, se tra gli oltre 850 articoli, anche una sola riga di questo blog avesse aiutato una persona in difficoltà o avesse contribuito a migliorare il mondo che lasceremo ai nostri figli (anche solo di una briciolina) io sono contento!

E da domani? Continuerò con dei nuovi post. Da domani, come cantava Pierangelo Bertoli “[...] riempirò i bicchieri del mio vino non so com’è però vi invito a berlo [...]

Prosit!

Foto

Foto “Imagine… sign at the United for Peace rally and march on Washington, DC” by jcolman – flickr

Zerorelativo è diventato a pagamento: voi che fate?

Foto "Zerorelativo entra in Metafora" by Metafora AD Network -flickr

Foto “Zerorelativo entra in Metafora” by Metafora AD Network -flickr

Zerorelativo è il primo sito italiano di riciclo, riuso, baratto e scambi online. Nato nel 2006 è stato fino allo scorso anno un’alternativa gratuita ai siti di compravendita come Ebay ed era diventato una community di persone che, in nome della decrescita felice, scambiavano oggetti senza l’uso del denaro! Come potete vedere da questa foto di qualche anno fa, Zerorelativo adottava due slogan “Io non ho bisogno di denaro” e “…il tuo oggetto è la tua moneta“.

Con una email arrivata all’improvviso ai membri della Community, lo scorso Dicembre Zerorelativo ha fatto sapere che il sito diventava a pagamento, rimangiandosi gli slogan sul non bisogno di denaro, sugli oggetti che sono la nostra moneta e su tutte le pagine a favore del baratto, prima forma storica di scambio commerciale. Insomma, chi vuole restare nella Community deve pagare una cifra secca di 18€ annui, indipendentemente dal numero di scambi che effettua e che diventano 35€ in caso di iscritto sostenitore. Diciamocelo chiaramente: da una parte ci sono i principi, dall’altra i costi di manutenzione del servizio che pare abbiano costretto Zerorelativo a questa scelta davvero contraddittoria e incoerente con lo spirito originario del gruppo.

Quello che ha dato noia a diversi iscritti sono state le modalità  con cui è stata fatta l’operazione…

  • Si comunica la decisione all’improvviso per e-mail, senza tante discussioni ne’ alternative. Come quando WordPress ha messo la pubblicità sui blog come questo, si scopre che le tante belle parole sulle “community” svaniscono come la neve al sole. Quando entrano in ballo i soldi, la grande famiglia della community in rete si rivela per quello che in realtà è: un fornitore di un servizio e tanti utilizzatori che non sono altro che dei clienti-sudditi a quali viene detto: “O mangi la minestra o salti dalla finestra!”
  • Un sito che ha fatto del baratto e dello scambio la sua bandiera non ha pensato a forme differenti di pagamento del servizio. Poteva finanziarsi con dei banner pubblicitari che sono uggiosi ma almeno non richiedono agli utenti di metter mano al portafoglio. In alternativa poteva accettare pagamenti attraverso qualche oggetto di quelli che gli iscritti mettono in scambio. Io magari avrei pagato in barattoli di marmellata o pommarola fatta in casa… Oppure poteva pensare a metodi di pagamento alternativi come gli Scec o le monete virtuali che usano altri siti di scambio. Invece no, come direbbero a Roma, “Vonno proprio li sordi!
  • Si mette una cifra secca di 18€ annui che vale per tutti, in puro stile Fornero-Monti (cioè poco equo). Dopo il primo scambio devi pagare 18€, così chi fa uno o due scambi paga la stessa cifra di chi ne fa migliaia. Io ad esempio facevo mediamente due o tre scambi all’anno: succede così che pagherei di più il servizio, del valore degli oggetti che baratto (spesso libri vecchi o gadgets di pochissimo valore). A questo punto è più equo Ebay dove paghi una percentuale in proporzione quello che vendi o non paghi per niente se non usi il servizio.

Alla fine della storia ho chiesto alle persone con cui ho scambiato in passato che cosa avrebbero fatto e ho avuto diverse risposte: alcuni hanno pagato perchè apprezzano il servizio di Zerorelativo, qualcuno addirittura come sostenitore. Altri hanno cancellato l’account e sono migrati in altri siti di scambio, anche perchè qualcuno usa il baratto per difendersi dalla crisi scambiando ad esempio i vestiti dei bimbi e vorrebbe continuare a scambiare gratuitamente.  Io non ho ancora deciso e al momento sto informandomi sulle alternative in rete. Metto qui sotto le prime impressioni sui vari servizi che ho trovato in rete. C’è qualcuno con più esperienza del sottoscritto che mi può consigliare? Voi che fate?

Mie impressioni (opinabili) sui vari servizi che ho trovato.

SERVIZIO  PRO CONTRO
ZERORELATIVO.IT  Il primo e il più antico. Con tantissimi annunci e una comunità molto piacevole. Scambio sincrono*  A pagamento dopo il primo scambio: 18€ quota fissa annuale indipendentemente dal numero di scambi fatti. Server lento. Mancanza di scambi asincroni** con crediti o monete virtuali.
 E-BARTY.IT  Tantissimi annunci con scambio sincrono* e asincrono** (con moneta virtuale “barty”, eventualmente acquistabile). Il proprietario decide la valutazione in moneta virtuale. Uso di codice a barre e webcam per creare gli annunci.  Obbligo dell’uso del corriere Bartolini in caso di spedizione. I costi di spedizione potrebbero essere troppo alti per oggetti di scarso valore. L’unica alternativa è lo scambio a mano. O forse l’obbligo di usare Bartolini è aggirabile?
 REOOSE.COM  Community e numero di annunci abbastanza grande. Scambio asincrono** (con moneta virtuale “crediti” eventualmente acquistabili). Regalo di 5 “crediti” all’iscrizione e possibilità di guadagnare “crediti” gratuitamente tramite facebook o presentazione di amici. Sito e comunità sono molto  attenti alla solidarietà e al volontariato: i crediti si acquistano eventualmente tramite Banca Etica e volendo si possono devolvere ad Associazioni di Volontariato.  Solo scambio asincrono**, non è possibile fare scambi sincroni*. Il sito decide il valore in crediti dell’oggetto offerto. Il proprietario non può decidere il valore dei suoi oggetti e se ritiene che la valutazione fatta dal sito sia troppo bassa potrebbe non pubblicare l’annuncio. Alla fine c’è il rischio di trovare solo oggetti di scarso valore. Le categorie proposte a volte sono assurde: ad esempio trovo improponibile la categoria “Oggetti non funzionanti e collezionismo” (sarà che io sono collezionista e che gli oggetti della mia collezione non li vorrei mai  se rotti o non funzionanti)
 COSEINUTILI.IT  Community per annunci di scambio asincrono** di oggetti e di prestazioni di tempo (con moneta virtuale “crediti” non acquistabile). E’ l’unica che funziona anche come Banca del Tempo. Il proprietario decide la valutazione in moneta virtuale. Gratuita nel 2012-2013. Regalo di 30 “crediti” all’iscrizione e possibilità di guadagnare crediti con ogni feedback positivo ricevuto. Rivolto anche ai Gruppi d’Acquisto Solidale con sezione e programmi appositi.  Comunità abbastanza piccola e con pochi annunci. Non è possibile fare scambi  sincroni*. Diventerà a pagamento nel 2014: molto probabilmente dopo 3 scambi si pagherà una quota annua di 12€
 SWAPPYDO.COM  Annunci con scambio sincrono* e asincrono** (con moneta virtuale “swappydollars”, eventualmente acquistabile). Il proprietario decide la valutazione in moneta virtuale. Per ogni oggetto scambiato il sito regala 10 “swappydollars”  Comunità piccolissima e con pochissimi annunci. Alla data di oggi (25/1/2013) è stato pubblicato un solo annuncio dall’inizio del 2013 e i precedenti risalgono al 18/12/2012. Tutta una serie di servizi sono a pagamento in “swappydollars”: ad esempio in un annuncio la prima foto è gratuita le successive vanno pagate in  “swappydollars”. Il sito sembra poco aggiornato:  alla data di oggi (25/1/2013) ci sono ancora i banner con gli Auguri di Natale
 SOLOSCAMBIO.IT  Community abbastanza grande di scambio sincrono* con un bel numero di oggetti.  Si possono scambiare soltanto Libri, Dvd, CD, e Videogiochi. Mancano tutte le altre categorie, per cui alla fine è più comodo iscriversi ad un sito dove si può scambiare di tutto. Non si possono fare scambi asincroni**

* Scambio sincrono. Due persone si mettono d’accordo per scambiare due oggetti: ad esempio io do a Mario un libro e lui mi dà in cambio un DVD.

** Scambio asincrono. Una persona dà un oggetto ad un’altra in cambio di un corrispettivo in moneta virtuale che verrà usata per ottenere un nuovo oggetto da una terza persona: esempio io do a Mario un libro che mi dà in cambio un controvalore in moneta virtuale (10 crediti o barty o swappydollars), poi io uso il controvalore in moneta virtuale ricevuto da Mario per prendere un DVD da Luisa.

Blog Action Day 2012: “The Power of We”

Locandina Blog Action day

Locandina Blog Action day

Oggi 15 Ottobre 2012 è il Blog Action Day, la giornata in cui migliaia di blogger in tutto il mondo e di tutte le lingue scrivono un post dedicato ad un argomento comune. Dopo l’ambiente nel 2007, la povertà nel 2008, i cambiamenti climatici nel 2009, l’acqua nel 2010 e il cibo nel 2011, il tema di questo anno è The power of we che si può tradurre come “la forza di tutti noi“, la forza della gente, delle persone comuni, dei gesti piccoli che fatti da migliaia di persone possono cambiare il mondo…

Può sembrare strano, in un periodo di crisi come questo, che la gente comune possa avere la forza e il potere per cambiare le cose, eppure bastano gesti piccoli che a volte sembrano insignificanti…

Facciamo mente locale ad una giornata normale come quella di oggi e a quei gesti e a quelle scelte che compiamo quasi automaticamente. Pensiamo un po’ a cosa c’è  dietro ad ogni piccolo gesto o acquisto che facciamo e alle conseguenze che può avere per le altre persone o per l’ambiente…. Faccio tre esempi banali ma significanti….

  1. Stamani sicuramente avete iniziato la giornata con una tazzina di caffè. Che caffé avete  bevuto? Quello comprato al supermercato della mega multinazionale che sfrutta i contadini e che fa lavorare anche i bambini? Oppure un caffè equo e solidale, magari biologico, che rispetta l’ambiente, che offre un salario dignitoso ai contadini e alle loro famiglie. La vostra tazzina di caffè, per un bambino nel sud del mondo, potrebbe fare la differenza fra andare a scuola o essere sfruttato nei campi…
  2. Oggi sicuramente avete preso l’auto per le vostre attività quotidiane. C’erano dei tragitti, magari brevi che avreste potuto fare anche a piedi o in bici? O magari tratti più lunghi che avreste potuto fare con i mezzi pubblici? Avete mai pensato che anche le vostre piccole scelte sui trasporti potrebbero avere un peso sul riscaldamento globale del pianeta?
  3. Ad una certa ora magari avete buttato via la spazzatura… Vi siete chiesti se qualcosa di quello che avete buttato poteva essere salvato dalla discarica o dall’inceneritore? C’era qualcosa che poteva essere riusato, riparato, riciclato? I vostri abiti smessi, ma ancora buoni, potevano magari andare a qualche ente di beneficenza per qualcuno che poteva averne bisogno…

I nostri acquisti,  le nostre scelte, anche quelle più piccole e insignificanti, hanno un loro potere politico. Come dico io, si fa più politica col carrello della spesa che con la scheda elettorale. Volete un esempio attuale? Nel 2011 in Italia si sono vendute più bici che auto (qui la notizia).

E se al mio e al vostro gesto singolo si aggiungono quelli di altre decine, migliaia o milioni di persone… ecco che il “Power of we”, potrebbe cambiare il mondo….

Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere.

Mahatma Gandhi (politico e filosofo indiano 1869 – 1948)

Puretext: un softwerino per fare il Copia-Incolla senza formattazione.

Foto "Copy Paste" by  inggmartinez - flickr.com

Foto “Copy Paste” by inggmartinez – flickr.com

Non so a voi ma a me capita sovente di dover fare il copia-incolla di testi presi da internet per portarli in documenti di OpenOffice, LibreOffice, Office, oppure di fare le operazioni inverse per copiare-incollare testi dai miei documenti su internet (ad esempio in questo blog).

Purtroppo il modo più veloce, il classico CTR+C e CTRL+V, non copia solo il testo ma anche tutta la formattazione per cui a volte, appena si incolla il testo, si scompagina tutto il documento su cui stiamo operando… Avete presente un foglio di calcolo su cui magari state lavorando da giorni?

In realtà la soluzione ci sarebbe ma è un po’ complicata e fa perdere diverso tempo: sia in Excel che in OpenOffice-LibreOffice bisogna andare da menù  Modifica – Incolla speciale, Selezionare testo non formattato e infine premere ok. Insomma un giro abbastanza lungo e uggioso.

Finalmente ho trovato un programmino che, con una sola combinazione di tasti, permette di incollare un testo senza la formattazione. Si chiama Puretext e può essere scaricato a questa pagina internet. Una volta installato il programma vi abilita un tasto per incollare senza formattazione semplicente premendo la combinazione Windows+V (Windows è il tasto con la bandierina accanto a CTRL).

In pratica per copiare userete sempre il CTRL+C, mentre per incollare avrete due scelte: CTRL+V per incollare con formattazione e WINDOWS+V per incollare senza formattazione.

Tramite le opzioni del programmino potrete scegliere anche un’altra combinazione dei tasti oppure decidere di far partire il software all’avvio di Windows o altre personalizzazioni.

Modem o altro dispositivo di connessione sul computer remoto non funzionante. Connessione non riuscita.

Foto "Shopping il sabato a Bologna / Saturnday shopping in Bologna" by Luigi Rosa- flickr

Foto “Shopping il sabato a Bologna / Saturnday shopping in Bologna” by Luigi Rosa- flickr

Scena: state per partire dalle ferie e perciò avete ritirato fuori la vostra chiavetta per collegarvi ad internet, avete ricaricato la Sim e state provando a collegarvi ad Internet, quando vi esce il seguente messaggio:

“Modem o altro dispositivo di connessione sul computer remoto non funzionante. Connessione non riuscita.”

A me è successo con una chiavetta di Onda Communication e una Sim della Wind. Avevo già ricaricato la Sim e Wind aveva già scalato dal credito l’importo per la navigazione di un mese. Quando però  mi provavo a collegare mi usciva il messaggio incriminato… Dopo aver controllato la configurazione della chiavetta e dopo aver reinstallato i driver e i software in dotazione, quando  ormai stavo per gettare la spugna, ho affidato le  mie ultime speranze a Google e a furia di cercare ho scoperto l’arcano…

Non c’entrano niente modem, connessioni, computer remoti e altre diavolerie… Nonostante che abbiate già pagato per il collegamento, Wind non vi fa collegare perchè il credito sulla vostra Sim è a ZERO. D’altra parte io non uso tale Sim per chiamate telefoniche ma solo per andare su internet, per cui pensavo che avendo già pagato avrei potuto navigare liberamente…

E’ bastato fare una ricarica minima e… voilà il collegamento adesso funziona! Non potevano scrivere un messaggio più chiaro invece di tirare in ballo  connessioni, modem e computer remoti? Cosa non si farebbe per spillare soldi e far incasinare le persone….

Mangiare biologico, equo, solidale, di stagione e a km zero è un lusso?

Foto "Organic Food" by polizeros - flickr

Foto “Organic Food” by polizeros – flickr

Con questo (lungo) post vorrei rispondere all’articolo “Perché mangiare biologico resta un lusso?” pubblicato nei giorni scorsi da Margherita del blog Risonero.com. In sintesi: Margherita va in un negozio Naturasì (i supermercati che vendono esclusivamente prodotti da agricoltura biologica) e compra un cetriolo, un pane toscano (forse da mezzo chilo) e una fetta di feta greca spendendo 8,50€ e alla fine si domanda se non ha speso un po’ troppo e se comprare biologico, equo, solidale, a km zero e di stagione è un lusso…

In modo semplicistico e molto frettoloso si potrebbe rispondere che se si vogliono prodotti migliori, più sani e più equi bisogna essere disposti a spendere di più. A corollario di queste affermazioni si potrebbe aggiungere che le rese dell’agricoltura biologica sono inferiori rispetto a quelle dell’agricoltura convenzionale mentre i costi di produzione sono molto più alti. Infine si potrebbe dire  che i prodotti equi e solidali, riconoscendo un prezzo giusto ai produttori del sud del mondo, sono per forza più cari di quelli che hanno dietro alle spalle storie di ingiustizia, sfruttamento al limite della schiavitù e illegalità…

In realtà la situazione è molto più complessa e dalla mia esperienza di consumatore critico posso affermare che si può mangiare bio, eco, equo a prezzi ragionevoli, solo che bisogna dedicarci  un po’ di tempo e di attenzione…

1) Noi siamo quello che mangiamo.

Questa frase del filosofo tedesco Feuerbach sintetizza il nostro rapporto col cibo. La nostra salute, l’essere in forma, avere energie per costruire e mantenere il nostro corpo efficiente dipende da ciò che vi introduciamo dentro con l’atto di mangiare. Pensiamo un po’ quanto tempo e denaro dedichiamo a noi stessi: è molto probabile che dedichiamo più tempo nello scegliere quello che mettiamo di fuori (abbigliamento, scarpe, accessori vari…) rispetto a quello che mettiamo dentro al nostro corpo. Spesso mettiamo nel carrello della spesa gli alimenti al volo, quasi meccanicamente, senza nemmeno leggere le etichette, senza cognizione di quali sono i prodotti di stagione che di solito sono i più sani e i più economici. Magari pensiamo che le ore dedicate a cercare una camicia o un telefonino siano spese bene, mentre quelle che dedichiamo alla spesa alimentare o a cucinare siano una perdita di tempo…

2) Conoscere i cibi, dedicarci tempo e risparmiare.

Dato per scontato che dobbiamo dedicare maggiore tempo al cibo, il primo passo è “Conoscere” per fare una spesa consapevole.

  • Conoscere i cibi e gli alimenti. Conoscere gli alimenti, sapere quali sono i prodotti di stagione (perchè comprare le zucchine a Natale e le arance a ferragosto?), sapere quali sono i prodotti più economici e salutari che costano  meno (perchè spendere un sacco di soldi per orate e branzini di allevamento quando si possono comprare a prezzi modici palamite, sgombri e pesci sciabola pescati in mare?). Leggere le etichette, conoscere gli additivi e i conservanti. Conoscere un pochino di normativa sul biologico, informarsi su tecniche di allevamento, coltivazione dei vari prodotti, magari parlando con qualche amico che lavora nel settore o con qualche produttore. Farsi un’idea di quali sono i prodotti che è meglio comprare biologici rispetto ad altri meno soggetti ad inquinamento, pesticidi e concimi chimici (ad esempio le fragole le compro assolutamente biologiche, i pinoli posso comprarli anche non bio…). Conoscere le zone di produzione degli alimenti, sapere quali possano essere quelle più inquinate rispetto a quelle con un ambiente migliore… Insomma informarsi.
  • Conoscere le possibilità di acquisto nel proprio quartiere. I luoghi dove poter andare a fare la spesa sono tantissimi per cui vale la pena conoscere tutte le possibilità che offre il proprio quartiere: supermercati, discount, mercati rionali. A questi luoghi vanno aggiunte le nuove forme di acquisto alternative che spesso richiedono un tempo maggiore da dedicarci ma che in cambio hanno un rapporto prezzo/qualità molto interessante: gruppi d’acquisto solidale, farmer market, acquisto diretto nelle aziende agricole o dai pescatori, negozi di cooperative sociali, botteghe del commercio equo  o mercatini magari tenuti da associazioni di volontariato senza scopo di lucro, etc…
  • Conoscere le ricette e dedicarci tempo. Un’altra cosa che dobbiamo imparare, se vogliamo mangiare biologico e non spendere una sassata è rimetterci ai fornelli e dedicare qualche ora (o a volte qualche minuto) alla cucina, all’autoproduzione di alimenti. Ci sarebbero tante cose da dire ma per non dilungarmi faccio solo un esempio: con 1 litro di latte, una yogurtiera e 5 minuti si autoproducono ben 7 vasetti di yogurt. Costa molto meno 1 litro di latte biologico che 7 vasetti di yogurt  bio (anche comprandoli a Naturasì) e oltretutto si producono meno rifiuti e si rispetta l’ambiente (avete presente quanta plastica e cartone servono per 7 vasetti di yogurt?)

3) Mangiare è un atto politico.

Se dopo le considerazioni precedenti pensate sempre che comprare biologico, a km zero, equo e solidale sia un lusso dovete pensare anche al lato etico della scelta che state facendo. Fare la spesa è un atto politico molto più concreto che mettere una croce su una scheda elettorale ogni 4 anni. Scegliere di comprare una cioccolata biologica del commercio equo e solidale, lasciando sullo scaffale del supermercato la cioccolata della multinazionale, non solo vi permette di mangiare un prodotto ottimo ma per un bimbo del sud del mondo può fare la differenza tra andare a scuola, essere curato e amato, oppure vivere in uno stato di semischiavitù raccogliendo i frutti del cacao (qui un documentario in merito). Comprare frutta e verdura biologica a km zero consente di preservare l’ambiente in cui viviamo, magari a pochi km da casa nostra: se sopravvive un contadino biologico della nostra zona forse avremo come conseguenza anche un po’ di aria e acqua più pulita, un po’ più di verde e magari un po’ meno cemento. Che dite, secondo voi,  è un illusione pensare che comprare bio, eco, equo oggi possa garantire un mondo migliore e più pulito ai nostri nipoti un domani?

4) Le mie scelte per la spesa alimentare (in ordine di importanza)

Dopo tutta questa pappardella mi chiederete: ma in concreto tu come la fai la spesa? Vi faccio un elenco di dove io faccio la spesa alimentare con un po’ di suggerimenti per chi abita nella mia zona (Firenze zona Sud-ovest e dintorni)

  • Gruppi d’Acquisto Solidale. Da qui passa ormai quasi il 70% della mia spesa alimentare: carne, pesce, pasta, verdura, frutta, formaggi, latte, riso, biscotti. C’è da lavorare un pochino, da seguire qualche fornitore, da partecipare a qualche riunione e leggere un po’ di e-mail: il lavoro non è tantissimo, se ogni partecipante fa la sua piccola parte (logicamente chi pensa di andare, comprare e portar via, senza dare una mano al gruppo non è ben visto). Alla fine si fa una spesa bio-eco-equa con un ottimo rapporto prezzo/qualità, si imparano cose nuove, si conoscono persone interessanti . Nella mia zona ci sono almeno 7 o 8 gas (www.gasfiorentini.it).
  • Farmer Market. Sono i mercatini fatti direttamente dai contadini che il più delle volte sono anche fornitori dei gas. Ci compro qualcosa che non sono riuscito a comprare al Gas o di qualche fornitore che magari ancora non conosco… E’ il vero km zero senza intermediari. Nel mio quartiere sono almeno 3: Fierucola di Santo Spirito, Agrikulturae alla Biblioteca di via Canova, Mercato contadino di Mani Tese a Scandicci. In alternativa si possono andare a comprare i prodotti direttamente in fattoria, magari con una gitarella domenicale…
  • Botteghe del commercio equo e solidale e Negozi bio di cooperative sociali. Si tratta di piccole botteghe del commercio equo e solidale o di prodotti biologici a km zero che sono gestite da associazioni di volontariato senza scopo di lucro o da cooperative sociali che lavorano per l’inserimento lavorativo di disabili e persone in difficoltà: dalle mie parti ci sono il Bottegotto, Cambio spesa e un po’ più lontano la fabbrica di cioccolato di Equoland. Magari non sono proprio risparmiosi ma almeno il fine è nobile…
  • Altri negozi biologici: si tratta di supermercati e negozi tradizionali legati al biologico e posso concordare con Margherita che sono abbastanza cari: dalle mie parti Naturasì e Fresco in città.
  • Supermercati tradizionali e discount: da questi negozi (soprattutto Coop o più raramente Esselunga e discount) passa la mia spesa non alimentare e talvolta anche quella alimentare anche se, a dire il vero,  i corner del biologico sono abbastanza tristarelli… Logicamente preferisco risparmiare sul non alimentare (che talvolta compro anche al discount) e dedicare qualche soldino in più all’alimentare di qualità… Ad esempio la macchina per fare il pane l’ho comprata in offerta al discount mentre gli ingredienti per il pane, biologici e biodinamici, li prendo tramite il GAS…

Insomma, cara Margherita, le possibilità per una spesa eco-equa a prezzi ragionevoli ci sono… basta essere informati e saper scegliere…

Foto "Organic Box Delivery" by verseguru - flickr.com

Foto “Organic Box Delivery” by verseguru – flickr.com

C’era una volta una piccola ricettina…

C’era una volta…. una piccola ricettina… una ricetta semplice, umile, di una tortina fatta con il pane raffermo che stava buona buona in una pagina di questo blog, fin dal lontano 2008 (qui). Ogni tanto veniva rilanciata da qualche altro blog o da qualche motore di ricerca e quando qualcuno veniva a scoprila lei, timida timida, si mostrava così com’era… non lievitata, senza fronzoli, creme o decorazioni, ma col gusto rustico  dei suoi ingredienti semplici semplici…

Dopo tanti anni di umile ma degna e rispettabile carriera questa ricettina è stata contestata da una certa Sofia che con un bel po’ di astio l’ha definita “NON COMMESTIBILE” dedicandoci, non uno, ma ben tre commenti, uno più cattivo dell’altro… (l’ultimo ieri mattina). Curiosamente ne è venuta fuori una gara fra commentatrici per indovinare se per caso mancasse qualche ingrediente.

Dopo aver ripetuto fra i commenti che la ricetta era proprio quella  e che non mancava nessun ingrediente, per tutti i San Tommaso che se non vedono non credono, oggi faccio un post apposito e vi pubblico direttamente il libro e la pagina da cui l’ho tratta (cliccando sulle foto le immagini si ingrandiscono). Tra la ricetta originale e la mia versione c’è solo una piccola variazione del peso dello zucchero  (+ 10 gr.) perchè io uso quello di canna biologico e del commercio equo e solidale.

Ringrazio innanzitutto il professor Gatteschi per questo libretto di ricette molto carino e  prezioso. Ringrazio anche la signora Sofia (o chi si nasconde dietro questo pseudonimo) perchè nonostante tutto mi ha dato l’occasione di riportare, dopo 4 anni, questa ricettina sulla prima pagina di questo blog. Buon appetito a tutti!!!!

p.s. Sig.ra Sofia, visti i suoi aspri giudizi, per caso lei mica è parente di Rudy Zerbi?  ;-)

Foto by unpodimondo tratte dal Volume di Sergio Gatteschi pubblicato da Vallardi

Foto by unpodimondo tratte dal Volume di Sergio Gatteschi pubblicato da Vallecchi