La crisi e le scelte virtuose: si consuma meno ma meglio.

Foto

Foto “14/52 – Value” by whatmattdoes – Flickr

Nell’unico post che ho fatto la settimana scorsa  (Granelli di sabbia… per una nuova economia.) scrivevo che, per uscire dalla crisi, dovremo cambiare  i nostri consumi spostando i nostri soldi dall’economia liberista e di mercato verso un’economia solidale e rispettosa dei diritti di tutti, magari anche di qualità. Senza saperlo avevo scritto una cosa che già facciamo e che è oggetto di studio di Università e di Agenzie di Marketing. Vorrei perciò condividere con voi l’articolo seguente pubblicato sulla rivista “Il Salvagente” di questa settimana e che è stato scritto dalla Presidente di una delle più note agenzie di Marketing di Milano.

La crisi e le scelte virtuose: si consuma meno ma meglio.

di Daniela Ostidich Presidente di Marketing & Trade  e pubblicato sul nr. 14/2014 de “Il salvagente

La contrazione delle capacità di spesa ha indotto cambiamenti significativi in molti comportamenti dei consumatori, come conferma anche l’ultima ricerca dell’Osservatorio Fedeltà dell’Università di Parma dalla quale risulta che per risparmiare i consumatori indugiano 6 minuti in più rispetto al passato davanti agli scaffali pur di scegliere in modo più conveniente. Il mito della “quantità” (che reggeva il concetto di consumismo) è stato sostituito da quello della “qualità” (consumo meno, ma meglio, cerco benessere e valore).

Ne consegue che le modalità di acquisto nei punti vendita cambiano: meno frenesia sulle promozioni e meno impulso, più attenzione e analisi sui prodotti prima di metterli nel carrello. Comprando meno ma spendendo in modo più ragionato.

Se questo è il quadro dello shopping, ne consegue che anche i motivi di attrattività cambiano: diminuiscono in modo significativo le persone che amano lunghe visite nei negozi, alla ricerca di impulsi di acquisto non pianificato, di un “passatempo” giocato sulla merce e sul piacere di comprare. Aumentano invece le persone che ricercano il piacere di “consumare”.

La disponibilità di tempo nei negozi si comprime: si vuole perdere meno tempo a cercare il prodotto e più tempo per valutarlo e giudicarlo. I format più performanti in questo momento sono quelli che riescono a offrire un assortimento facile da leggere, con poche sovrapposizioni, ma stimolante, ricco di novità, qualitativo. Non dimentichiamoci che le tipologie di acquisti in maggiore aumento sono quelle del biologico, della tipicità locale o a chilometro zero, dell’etico e del solidale. Il mercato del food retail biologico cresce di oltre il 12% annuo a fronte di un mercato in generale contrazione.

Meno tempo per lo shopping, più tempo per la qualità della vita e per godersi i minori ma migliorati consumi.

Ben diverso è il tema dei discount. Qui la velocità del processo di acquisto è più garantita della semplicità dell’assortimento che dall’assenza di stimoli per acquisti di impulso. Manca in questo caso anche la maggiore accuratezza di valutazione qualità dei prodotti. Ma rimane una sicura convenienza unita a una grande facilità di acquisto.

Probabilmente questo ultimo caso non segna il futuro dei consumi, sembrerebbe ancora legato ai meccanismi del mondo del consumo che fu, se non fosse fortemente giustificato dall’esistenza di coloro che proprio non riescono ad arrivare alla fine del mese. E allora che risparmio sia. La qualità della vita e del consumo è rimandata a tempi migliori.

tratto dall’articolo “La crisi e le scelte virtuose: si consuma meno ma meglio.” di Daniela Ostidich Presidente di Marketing & Trade pubblicato a pag. 8 de “Il Salvagente” n.14/2014

Granelli di sabbia… per una nuova economia.

Foto

Foto “gears” by Natasha Wheatland – flickr

La salita al potere di Matteo Renzi ha suscitato sentimenti opposti: grandi entusiasmi (come in questo articolo di Jacopo Fo) e grandi sospetti (come in questo articolo di Alessandro Robecchi). Io non mi fido e sto tra i sospettosi anche perchè, molte delle manovre previste da Renzi, come il taglio di 85.000 statali, i tagli alla sanità e i 3 anni senza diritti per i precari, sono manovre che abbiamo già visto negli anni scorsi in Grecia, paese dove purtroppo spesso ci tocca leggere il nostro futuro. D’altra parte, come scrive SDRENG in questo articolo, se Marchionne elogia Renzi… io mi preoccupo. Ad essere ottimisti siamo alle solite lacrime e sangue di Monti solo che Matteo Renzi ce le infiocchetterà e impacchetterà con la carta colorata come la sorpresa di un prossimo uovo di Pasqua! E se con una mano ci darà i famosi 80€ in busta paga, c’è il rischio che attraverso le nuove tasse (Tari-Tasi o come diavolo si chiameranno), ce ne riprenda il doppio.

Diciamoci la verità: il problema non è la persona di Matteo Renzi ma il fatto che lui, come i suoi predecessori e come tutti quelli che comandano nell’Unione Europea, Troika, Fmi, etc…, sono i rappresentanti di quel capitalismo liberista e finanziario che, in nome del profitto ad ogni costo, ha causato la crisi che stiamo vivendo, aumentando la povertà di tanti cittadini e di tante nazioni. D’altra parte il rapporto appena uscito di Oxfam (qui una bella sintesi in italiano)  dichiara che 85 super ricchi possiedono l’equivalente di quanto detenuto da metà della popolazione mondiale e che negli ultimi anni le leggi sono state fatte per favorire i più ricchi a scapito dei più poveri tanto che, dal 1970 a oggi, in 29 nazioni sulle 30 analizzate da Oxfam, i ricchi guadagnano molto di più e pagano molte meno tasse.

Il sistema economico liberista è al collasso e l’unico modo per uscirne è andare verso un’economia solidale, più rispettosa dell’ambiente, dei diritti umani sia dei cittadini che dei lavoratori. Chiedere  un’inversione di rotta alla classe dirigente mondiale che è stata la prima causa della crisi è una pia illusione, pensare che tale inversione sia indolore, altrettanto. Quindi Renzi o non Renzi lacrime e sangue sono e lacrime e sangue resteranno, almeno nel breve e medio periodo.

In una discussione fatta alcune settimane fa con alcuni amici del Gruppo d’Acquisto Solidale di cui faccio parte ci siamo chiesti cosa possiamo fare come cittadini per scardinare questo sistema, senza farsi troppo male, cioè senza acuire la crisi che già stiamo vivendo. Tralasciando le posizioni estremistiche, un tantinello rivoluzionarie e soprattutto impraticabili come il ritorno di tutti alla terra tramite la proprietà collettiva dei terreni, l’autosufficienza alimentare e il baratto, rimane la proposta concreta e già attuata da molte persone, indicataci dall’amico G.

Spostare poco a poco i nostri soldi dall’economia liberista e di mercato ad un’economia solidale e rispettosa dei diritti di tutti. Attenzione! Non si tratta di fare beneficenza o volontariato ma semplicemente di usare i soldi che riceviamo come stipendio per acquistare beni e servizi da imprese rispettose dell’ambiente e dei diritti dei lavoratori.  Ad esempio G. lavora per una multinazionale e il suo stipendio che viene accreditato sul suo conto corrente presso l’unica Banca Italiana che non fa finanza speculativa ma che finanzia piccole realtà del terzo settore e di cui anch’io sono correntista: Banca Popolare Etica. Allo stesso modo se decidiamo di mangiare un’ottima pizza perchè non farlo in uno dei tanti ristoranti gestiti da onlus che in questo modo offrono un lavoro a delle persone svantaggiate come i disabili? E perchè non comprare il caffè equo e solidale invece di quello di George Clooney che è causa di tanti disastri nel mondo?  E perchè comprare la frutta e la verdura proveniente dall’altra parte del pianeta, quando si potrebbe comprare dal contadino accanto a casa a prezzi inferiori, magari anche biologica, contemporaneamnte salvaguardando l’ambiente in cui viviamo?

Gesti banali che sembrano sciocchezze ma che stanno già creando una nuova economia. Per ora si tratta di numeri piccolissimi ma in continua crescita, al contrario di quelli perennemente in rosso dell’economia liberista. Leggete questo articolo di “Repubblica” su Banca Etica oppure quest’altro, sempre su Banca Etica, di “Avvenire”. Infine leggete anche questo bellissimo pezzo sull’Imprenditoria sociale e sul Mercato Virtuoso de “Il Fatto Quotidiano”.

Il mio amico G. vi direbbe che ogni euro spostato dall’economia liberista a quella etica e sociale è come un granello di sabbia che cade nell’ingranaggio del liberismo, col vantaggio che quando quell’ingranaggio si incepperà definitivamente ne avremo già sviluppato un altro, molto più funzionale e soprattutto più rispettoso delle persone e dell’ambiente. Noi forse non ci saremo più ma avremo lasciato ai nostri nipoti un’economia nuova!

Piantate fiori, per non far scomparire le api…

Mi scuso con tutti i lettori ma in questo periodo non ho molto tempo da dedicare al blog e perciò gli articoli si stanno facendo sempre più radi e corti… Oggi comunque voglio presentarvi un video che mi ha segnalato un’amica (grazie Susanna), che spiega come mai le api stanno scomparendo e cosa possiamo fare noi per aiutarle. E’ solo un quarto d’ora di video ma è molto interessante e vale la pena di vederlo (…ci sono i sottotitoli in italiano)!

Non è mai simpatico svelare il finale di un film, però se proprio qualcuno non ha 15 minuti per vedere il video, vi lascio con l’esortazione finale… Piantate dei fiori nei vostri giardini e nei vostri balconi e non usate pesticidi! Le api vi ringrazieranno….

Attenzione al cliente: USA vs Italia.

Foto

Foto “Gemellaggio a Little Italy” by htmvalerio – flickr

Negli ultimi giorni mi sono capitati due problemetti per cui ho dovuto contattare l’assistenza clienti di due grosse aziende, una negli U.S.A. e l’altra in Italia: Hard Rock Café dall’altra parte dell’oceano e Poste Italiane da questa parte… Vi racconto come è andata, poi traete voi le conclusioni…

Hard Rock Cafè

Il problema

In famiglia abbiamo la carta fedeltà dell’Hard Rock Café (tecnicamente “Vip Rewards Card”) dove vengono accumulati i punti ogni volta che compriamo qualcosa o mangiamo all’Hard Rock Café e la cui assistenza viene gestita online direttamente dagli Stati Uniti. A fine Ottobre  andiamo a mangiare all’HRC ma l’accredito dei punti non ci sembra corrispondente all’importo pagato e così decido di chiedere lumi…

Primo giorno. Scansiono lo scontrino con lo scanner e invio la foto tramite e-mail con i dati della carta al customer care negli Stati Uniti… In meno di 16 ore arriva la mail di risposta dalla sede centrale di Orlando (Florida). Il customer care ci spiega dettagliatamente perchè sono stati conteggiati meno punti, in base al regolamento dell’iniziativa. Ci ringraziano e rimangono gentilmente a disposizione per eventuali altri chiarimenti.

Poste italiane

Il problema

Ho una SIM Postemobile che uso saltuariamente e che mi è stata sospesa all’improvviso perchè da molto tempo non facevo nessuna ricarica. Sospensione che è arrivata tra capo e collo,  senza nessun avviso precedente da parte di Poste Italiane: ne’ un SMS ne’ un’email, niente!

Primo giorno. Telefono una prima volta all’assistenza al nr. 160. Cerco di parlare con un operatore e dopo aver dribblato tutti i messaggi registrati arrivo alla fatidica frase dove mi viene detto che finalmente posso parlare con un essere umano… Parte una musichetta e dopo, la solita voce registrata, mi dice che  la telefonata verrà interrotta perchè l’attesa per parlare con un umano è maggiore di 6 minuti. Così, di brutto, mi riattaccano in faccia. Sembra di aver scartato un chewing-gum degli anni ’70, di quelli con la scritta “Ritenta, sarai più fortunato”. Riprovo una seconda volta e una terza… stessa musica! E’ Sabato pomeriggio… desisto.

Secondo giorno. Richiamo il 160 il giorno dopo all’alba  e finalmente riesco a parlare con un umano. Mi dice che basta fare una ricarica in un ufficio postale e poi richiamare il 160 per aver riattivata la Sim… E’ Domenica, rimando tutto al Lunedì…

Terzo giorno. Vado alla posta e faccio la ricarica sulla Sim. Torno a casa, richiamo il 160, dribblo i messaggi registrati e parlo con un’umana femmina… Lei verifica il tutto, mi tiene occupato in linea per un bel po’ di minuti e poi mi dice che non può riattivarmi la SIM perchè questa è abbinata ad una carta postepay. Le dico che è la mia postepay, le recito tutti gli estremi della carta e le dico perfino che il saldo è di miseri 11€… Lei è inflessibile: non mi può riattivare la Sim. Devo andare sul sito delle poste, scaricare un modulo, riempirlo e mandarlo via fax ad un numero verde, con la fotocopia della mia carta di identità. Mi offro di mandare un’e-mail: non c’è verso, vogliono un fax per forza! E’ tardi e devo preparare la cena: rimando tutto al giorno dopo…

Quarto giorno. Trovo e scarico il modulo, lo riempio con una marea di dati… manca solo il numero dei capelli che ho in testa. Faccio la fotocopia della carta d’identità, mando via il fax e attendo… nel frattempo la SIM continua ad essere morta…

Quinto giorno. La Sim è ancora morta… aspetto tutta la giornata, poi richiamo il 160. Ormai conosco a memoria la combinazione di tasti per parlare in tempi ragionevoli con qualcuno in carne e ossa… L’umana, tale Valentina, mi dice che finalmente è tutto a posto: ricarica effettuata, fax ricevuto e pratica aperta… Mi immagino che lei adesso abbia davanti la videata con la mia situazione e che le basti cliccare sul pulsante “riattiva” per riportare in vita la mia SIM… Invece NO! La pratica deve fare il suo corso… Chiedo tra quanto tempo la sim verrà riattivata: dall’altra parte del telefono il silenzio impera. Supplico Valentina e alla fine, con un filo di voce e senza alcuna convinzione, mi dice che dovrò aspettare 3 o 4 giorni e che sarò avvisato con un SMS  spedito alla Sim disattivata (operazione inutile perchè se la Sim non è attiva l’SMS non arriverà mai e quando arriverà vorrà dire che la Sim è già attiva). Preso dallo sconforto le lascio un numero di telefonia fisso dove farmi avvisare sullo stato della pratica…

Sesto giorno. Attesa infruttuosa… Secondo le sacre scritture il Buon Dio in 6 giorni avrebbe creato l’universo e domani si sarebbe riposato. Poste mobile in 6 giorni non è riuscita a riattivare una Sim… meno male che alle Poste non han fatto creare il mondo perchè saremmo ancora al buio a vagare nel caos!

Decimo giorno.  Dopo aver atteso inutilmente per tre giorni richiamo il 160 e mi imbatto in Paolo, l’unico operatore che, alla fine, si dimostrerà veramente “umano” (intendendo stavolta come sensibile, pragmatico e con una discreta razione di “buon senso”). Paolo mi dice che la mia pratica è stata chiusa perchè la copia della carta d’identità inviata per fax era troppo scura e non si leggeva. Poi mi informa che non ero stato avvisato perchè l’unico recapito era la Sim disabilitata. Faccio presente che alla sua collega del 5° giorno avevo lasciato anche il telefono fisso di casa e che alla carta Postepay associata alla Sim c’erano associate alcune e-mail di cui una proprio delle poste (cioè @poste.it). Come in un assurdo gioco dell’oca Paolo mi dice che devo rifare tutta la pratica ripartendo da zero… cioè ricarica, moduli, fax e così via… Faccio presente che se mi dà una e-mail in due minuti gli rimando i moduli e la copia della carta di identità scannerizzati e leggibili, ma lui mi dice che non è possibile… A questo punto Paolo deve aver intuito il mio sconforto e improvvisamente gli scatta  una botta di buon senso e praticità… Così mi dice: «Senta, mi assumo io la responsabilità di riattivarle la Sim: se mi risponde a tutte domande la riattivo io senza farle fare il fax».  Inizio e recito come un rosario: nome, cognome, data e luogo di nascita, codice fiscale, indirizzo e città di residenza… Alla fine Paolo si convince che io sono io, che la Sim è la mia e con un  click me la  riattiva… Tempo circa 10 minuti e posso di nuovo usare il cellulare al 100% delle funzionalità e con tutto il credito residuo di oltre 30 euri…

Conclusioni

Ammettendo che io come consumatore non sono un granchè (non ho letto tutto il regolamento in inglese della Carta Fedeltà dell’Hard Rock Cafè e mi sono pure dimenticato di ricaricare la Sim Postemobile) resta il fatto che ho iniziato due pratiche lo stesso giorno: il 9 di Novembre… Quella negli Usa è terminata dopo 16 ore, quella in Italia il 18 Novembre e solo per il “buon senso” di un operatore…

Come sono andate a finire le Mele della Pace 2013.

Particolare locandina Mele della Pace.

Particolare locandina Mele della Pace.

Come vi avevo racontato nel post dello scorso 24 Ottobre  negli scorsi tre week-end è tornata l’iniziativa del Movimento Shalom intitolata “Mele della Pace” i cui proventi erano destinati a creare delle Borse di Studio per permettere a studenti poveri del Burkina Faso di frequentare l’Università IPS di Ouagadougou.

Sono stato, nel pomeriggio di Sabato scorso, con i volontari del Movimento Shalom a vendere i sacchetti di mele in un ipermercato della provincia di Firenze. Ad inizio pomeriggio le sensazioni erano abbastanza pessimistiche in quanto molti segnali  remavano contro di noi… L’affluenza delle persone era molto più scarsa che in passato, il supermercato aveva le mele come le nostre in offerta speciale e infine dovevamo condividere il lungo corridoio  con i promoter Telecom che già stressavano chi aveva appena fatto la spesa… Oltretutto l’argomento per cui vendevamo le mele non era di quelli che attiravano la sensibilità delle persone: se parli di adozioni  a distanza di bambini piccoli a cui viene garantito l’accesso all’asilo e alle elementari le persone si inteneriscono, quando invece parli di garantire a studenti poveri l’accesso all’Università le persone storcono la bocca, ti dicono che i problemi sono altri e che anche molti italiani non possono permettersi l’accesso all’Università…

La strada si presentava tutta in salita ma noi ci siamo rimboccati le maniche ed abbiamo con gentilezza offerto le nostre mele… Tante persone hanno rifiutato, altri si sono scusati perchè avrebbero voluto contribuire ma erano senza lavoro o con pensioni minime che non consentono loro di arrivare a fine mese, qualcuno si è inventato delle scuse alquanto bislacche o si è finto povero (nonostante vestisse abiti firmatissimi o avesse cellulari di ultima generazione in mano) infine un paio di persone si sono infervorate contro di noi perchè… “voi pensate solo all’Africa, etc etc…”

In tanti però hanno accettato la nostra offerta ed hanno comprato il sacchettino di mele. Quando sono andato via, dopo 3 ore e mezza dall’inizio, avevamo venduto oltre 110 sacchetti di mele a testimonianza che, nonostante la crisi feroce, gli italiani continuano ad essere un popolo sensibile e generoso. Se mi avessero chiesto, ad inizio serata, di fare un pronostico sui sacchetti venduti non sarei andato oltre i 30… Grazie a tutti per aver smentito le mie previsioni!

Per approfondire

Tornano le Mele della Pace di Shalom.

Particolare locandina Mele della Pace.

Particolare locandina Mele della Pace.

Nei prossimi tre week-end ritorna l’iniziativa del Movimento Shalom intitolata “Mele della Pace“. Anche se sull’edizione del 2012 io ho avuto polemicamente qualcosa da ridire (qui il post) credo che l’iniziativa resti meritoria e meriti comunque una segnalazione…

Nei fine settimana del 26 e 27 ottobre, 2 e 3 Novembre, 9 e 10 Novembre in molte piazze, centri commerciali della Toscana (ma anche di Emilia-Romagna, Puglia, Lazio e Campania) i volontari del Movimento Shalom venderanno dei sacchetti di mele i cui proventi saranno destinati a creare delle Borse di Studio per permettere a studenti poveri del Burkina Faso di frequentare l’Università IPS di Ouagadougou. L’università promuove corsi di laurea triennali in Agroeconomia, Scienze giuridiche e politiche, Comunicazione e giornalismo e il costo di una borsa di studio per tutto il triennio è di € 4.500.

Lo scopo di tutto il progetto è quello di dare la possibilità ai giovani del Burkina Faso di laurearsi e trovare un lavoro che consenta loro di mantenersi autonomamente nel loro paese, evitando quegli esodi e quelle migrazioni che troppo spesso finiscono in tragedia sulle nostre coste…

Per approfondire

Cioccolato equo e solidale: energia alternativa per tutti!

Locandina

Locandina “Energia Alternativa” da sito di Altromercato

Altromercato, il più importante consorzio italiano del Commercio equo e solidale,  quest’anno compie 25 anni e per festeggiare ha creato l’iniziativa “Energia alternativa – Equo per tutti”, quindici giorni dedicati al cioccolato che si terranno in tutte le Botteghe del Commercio Equo e solidale con eventi, incontri e offerte speciali.

Fino al 26 Ottobre è possibile partecipare a questa festa e acquistando almeno 4 tavolette di cioccolato prodotte da Altromercato delle linee Mascao, Compañera, Blocco cioccolato, Nocciolato o Quetzal si ricevono in omaggio due tavolette di cioccolato della linea Bribon e una borsina di tela fatta a mano da artigiani del Bangladesh (sempre del commercio equo e solidale). Avete ancora una settimana di tempo per fare scorta di buonissima  cioccolata…

Per approfondire:

Questa è una parte della mia spesa fatta qualche giorno fa al Bottegotto-Equobi, la bottega del commercio equo del quartiere Isolotto di Firenze: a destra le 4 tavolette al cioccolato acquistate, a sinistra la borsina e le due cioccolatine Bribon ricevute in omaggio…

Foto

Foto “Commercio equo e solidale altromercato” by unpodimondo – flickr

Tristi segnali sulla crisi.

Foto

Foto “Yellow Cab Pizza Co.’s Vespa Delivery Mopeds” by shootamins (f/1.7) – flickr

I giornali, la tv, i politici, dopo aver negato la crisi per anni, adesso ci stanno dicendo che c’è la ripresa e che vediamo luce in fondo al tunnel… Sarà anche vero, ma quello che vedo io mi dice l’esatto contrario…

In questi giorni mi è capitato di osservare due “mestieri” che si svolgono sulle strade: quello delle persone che distibuiscono i volantini dei supermercati e  quello di chi porta le pizze a domicilio. Tanti anni fa erano fatti da ragazzi italiani molto giovani, magari da studenti-lavoratori o come forma di primissimo impiego. Successivamente sono subentrati giovani immigrati, mentre adesso noto una presenza sempre più frequente ed in crescita, fra i lavoratori di queste attività, di uomini e donne over cinquanta.

Vedere dei padri e madri di famiglia, che dalla età sembrano prossimi alla pensione, consegnare le pizze o dei volantini, magari sotto un diluvio universale,  è tristissimo e soprattutto non mi sembra un sintomo di ripresa economica…

Altrofest: un festival altro a Le Piagge

Locandina dal sito di Altrofest

Locandina dal sito di Altrofest

Fra i tanti eventi che affollano questo primo week end di Settembre vi voglio segnalare, Altrofest il festival che si tiene oggi e domani a Le Piagge, in quella che (in tutti i sensi) è considerata come l’estrema periferia di Firenze… Vi metto sotto la presentazione e  il programma del Festival, entrambe tratti dal sito ufficiale dell’evento. Ricordo che tutte le attività e i concerti sono gratuiti

Altrofest parlerà di economia alternativa, consumo critico, creatività, cultura e convivialità, osservati dalla prospettiva della periferia.

La periferia, che è il cuore del progetto Altrofest, non è da considerarsi solamente un luogo geografico: periferia è anche ciò che è delocalizzato rispetto al centro delle città ma anche tutto ciò che resta ai margini, e che dai margini cerca di costruire alternative attraverso la creatività, tessendo reti di relazione, vivendo il territorio e le persone che lo abitano come risorse, per costruire comunità (r)esistenti e abitare la diversità.

A partire da un luogo simbolo per la città di Firenze come il quartiere de Le Piagge, periferia sia geografica che sociale, e coinvolgendo la città di Firenze e non, all’insegna della creatività e della convivialità, del senso dell’altro e dell’incontro, della tutela dell’ambiente e della molteplicità del reale, in un’ottica di condivisione comunitaria di tutte quelle buone pratiche che incidono, a partire dal gesto quotidiano del singolo, sul miglioramento della qualità della vita della  collettività.

7 SETTEMBRE

  • 10.00 Apertura mercato bio dei fornitori dei GAS, piccoli artigiani e associazionismo apertura delle mostre fotografiche “scatti ciclabili” di Giulia Berardi “Lente letture” di Leonardo Parpagnoli
  • 11.00 Laboratorio di Yoga per famiglie a cura di Lorenzo Montagnani / Laboratorio “Mani in pasta”- la pasta fatta in casa a cura di Nedo Nardi
  • 12.00 Aperitivo musicale con Nicola Corti
  • 13.00 Pranzo semplice: pasta fresca e insalate miste
  • 15.00 Sfilata di abiti riciclati – a cura di Cooperativa Il Cerro e atelier “Qualcosa è cambiato”
  • Apertura Biblioteca vivente – un progetto contro gli stereotipi a cura di Lorenzo Montagnani
  • 16.00 Animazione di strada con il Ludobus Celè / Laboratorio sul riciclaggio di abiti a cura di atelier “qualcosa è cambiato”
  • 16.30 Gioco sulla moneta locale “l’isola dei naufraghi” a cura di Mag Firenze / A seguire: presentazione della Rete di beni e servizi del Fondo Etico e Sociale
  • 17.00 Laboratorio di poesia “Confini” a cura di Alessandro Scarpellini
  • 17.00 Giocando Insieme – giochi di gruppo per adulti e bambini a cura dell’Associazione Sottoteatro
  • 17.30-19,00 Laboratorio per bambini: rificolone e lanterne a cura di Lisa Massei
  • 18.00 Presentazione del libro-laboratorio: “100 modi per cambiare vita ed essere felici” di Alfredo Meschi
  • 19.00 Aspettando la cena… sketches teatrali itineranti a cura di gruppo teatrale MalD’Estro
  • 20.00 CENA a COLORI
  • 21.00  Proiezione del mediometraggio realizzato dal gruppo Ragazzi in cammino e da Luca Galassi
  • 21.30 Camillas in concerto + guests
  • In chiusura: Proiezioni “fuori diritti” a cura di Cinecittà Cineclub

8 SETTEMBRE

tratto dal sito di Altrofest e dalla pagina Facebook di Altrofest

E visto che il Festival si conclude col concerto di Bobo Rondelli vi lascio con un bel video live e vi ricordo che Bobo ha messo in palio una delle sue chitarre per una lotteria che finanzierà gli organizzatori del Festival

IV Festa di Equobi

Locandina della Manifestazione

Locandina della Manifestazione

Equobi, la Onlus che gestisce il Bottegotto (bottega del Commercio Equo e Solidale in via Modigliani 51 a Firenze), organizza la Quarta festa di Equobi che si terrà Sabato 7 settembre 2013 a Firenze. La Festa quest’anno sarà itinerante e coinvolgerà tutto il quartiere dell’Isolotto, comprese molte delle realtà solidali che vivono e lavorano sul territorio.

Sarà un pomeriggio ricchissimo di iniziative che abbracceranno tutto il quartiere e per le quali i volontari di Equobi stanno lavorando intensamente e con passione da molte settimane. Tali sforzi meritano di essere premiati col massimo della partecipazione, perciò siete tutti invitati a fare un salto all’Isolotto!  Se poi avete un blog, una pagina facebook o siete iscritti a qualche mailing list passate parola, condividete e aiutateci a diffondere l’iniziativa…

Prima di lasciarvi al programma della Festa vi consiglio di dare anche un’occhiata ai due video in fondo al post…

Programma della Giornata

ore 15.00, piazzetta di via Maccari, angolo via Canova: ritrovo per biciclettata; percorso lungo le strade dell’Isolotto con soste ricreative e punti ristoro. Presso il ciclodromo di San Bartolo a Cintoia, giochi di abilità per grandi e piccini a cura ASD Brisken.

dalle ore 15 in poi, presso BiblioteCaNova Isolotto: laboratori creativi e esposizione di prodotti-progetti a cura di Associazione Equobi, Associazione Il Villaggio dei Popoli, Associazione Help and Birth, Cooperativa Ulisse, Brisken ASD, Centro Diurno Albero Vivo.

ore 15.00-17.00, centro giovani e musica Sonoria (Centro Culturale Canova): laboratorio di percussioni curato dallorchestra di strada Sambanda.

ore 16.00, BiblioteCaNova Isolotto: caccia al tesoro a tema “Impariamo a riciclare” a cura dell’associazione Equobi.

ore 17.30, BiblioteCaNova Isolotto: merenda equosolidale per grandi e piccini a cura del Caffè Canova.

ore 17.30, portici di via Torcicoda, angolo via Sernesi: concerto dell’orchestra di strada Sambanda in collaborazione con Yellow Record.

ore 19.00, gazebo del circolo Arci di via Maccari: gioco di ruolo sulla fame nel mondo a cura di Associazione Help and Birth.

dalle 20.00 in poi, terrazza del circolo Arci di via Maccari: apericena equosolidale a cura dell’ Associazione Equobi e Shame Blues Band in concerto.

Per le attività interattive e l’apericena sono gradite le prenotazioni.

Per info e prenotazioni:
www.equobi.org
info@equobi.org
0559331356

L’iniziativa è realizzata grazie al contributo del CESVOT e in collaborazione con Bibliotecanova, Sonoria, Caffetteria canova, Cooperativa ulisse, Associazione Help and Birth, Associazione Il Villaggio dei Popoli, Cooperativa Il Villaggio dei Popoli, Equosolda, Yellow Record, Orchestra di strada Sambanda, Associazione Asd Brisken ciclismo, Gruppo di acquisto solidale Gassolotto, Circolo Arci Isolotto Paolo Pampaloni, Virginia Iorga Onlus

tratto dalla pagina Facebook dell’evento

Presentazione della 4° Festa di Equobi con l’intervista a Chiara Bettarini (Equobi) e Luigia Giusto (Il villaggio dei Popoli)

Presentazione del Bottegotto con l’intervista a Chiara Bettarini di Equobi