Un’iniziativa benefica interessante: il Pallone solidale

***

Fra le varie iniziative di solidarietà e beneficenza che hanno caratterizzato il periodo prenatalizio ne ho scoperta una che non conoscevo ma che  mi è rimasta subito molto simpatica: la quarta edizione  del Pallone solidale…

L’associazione socio-culturale Fantagiokando di Ponsacco e il Movimento Shalom hanno messo in vendita nel periodo prenatalizio,  al costo di 5€, un pallone i cui proventi sono destinati alla realizzazione di una mensa nella scuola primaria della Diocesi di Endibir, che è considerata una delle zone più povere dell’Etiopia. Qui i bambini avranno la possibilità di un pasto che, in molti casi, potrebbe essere l’unico della giornata.

I motivi per cui questa esperienza mi è sembrata interessante sono i seguenti:

  • Il pallone: è il giocattolo più semplice e banale in tutto il mondo. Trovo geniale che, un oggetto (e un’idea) così  semplici possano in tre anni raccogliere 75.000 euro e contribuire alla realizzazione di 5 pozzi, di uno sbarramento fluviale, di una cucina, di una mensa e di  un centro di accoglienza per giovani disabili in Burkina Faso.
  • L’Associazione: l’Associazione Fantagiokando si occupa, nel terriororio pisano, di servizi educativi per l’infanzia e l’adolescenza e perciò l’iniziativa del Pallone solidale non mi sembra soltanto benefica, ma anche molto educativa: attraverso una palla sono i bambini italiani che giocando aiutano altri bambini meno fortunati di loro.
  • La trasparenza. L’ultima cosa che mi è sembrata indice di serietà è che sul sito di Fantagiokando c’è il resoconto di tutte le edizioni precedenti:  c’è il totale dei palloni venduti, il bilancio intero dell’iniziativa (con tanto di costi, ricavi e proventi) e infine le foto dei progetti realizzati. Non tutte le iniziative di beneficenza sono così trasparenti!

Bravissimi e complimenti a tutti: chissà se anche la Befana  metterà qualche pallone solidale nelle calze!

*** foto tratta dal sito del Movimento Shalom.

La fiaccolata della pace conclude l’anno podistico 2008

***

Come da tradizione, l’annata podistica fiorentina 2008 si è conclusa con la fiaccolata della pace che ha riunito un bel gruppo di podisti per questa manifestazione molto particolare, organizzata dalla Pubblica Assistenza Humanitas di Firenze e dal G.S. Le Torri.

La fiaccolata, di solito prevista per il pomeriggio del 31 Dicembre, quest’anno è stata anticipata alla mattina del 28 Dicembre per esigenze organizzative. La particolarità della manifestazione è quella di essere soprattutto una testimonianza di impegno civile, piuttosto che una corsa vera e propria. Per una volta i podisti corrono tutti uniti in un gruppo compatto dietro lo striscione  della Pubblica Assistenza con fiaccole e bandiere della Pace in un percorso che parte dalla sede dell’Humanitas all’Isolotto ed arriva in via dei Georgofili dove viene deposto un mazzo di fiori all’olivo che ricorda le vittime della strage mafiosa del 1993. Dopo aver attraversato il centro di Firenze il gruppo, sempre compatto e con andatura moderata,  rientra alla sede dell’Humanitas dove la manifestazione si conclude in allegria.

All’impegno di testimonianza civile si unisce l’occasione per scambiarsi gli auguri e le speranze per l’anno nuovo che logicamente prevede anche qualche sfottò e simpatica goliardata che questo gruppo unito di amici e sportivi porta inevitabilmente con sè…

Il messaggio finale credo che sia proprio quello giusto:  facciamo sport e divertiamoci in compagnia senza dimenticare l’impegno civile che, come nelle nostre gare, dovrebbe correre verso un traguardo di pace, semplicemente passo dopo passo…

Grazie ai partecipanti alla fiaccolata e buon anno a tutti i podisti!!!!

*** La  Fiaccolata della pace sul Ponte Santa Trinita foto by Denise Quintieri